LUOGO COMUNE
AFORISMI
Detti e interdetti:
è il caso la nostra
salvezza



      

di Velio Carratoni

 

 

1

 

Chi parla troppo di innocenza  cerca di camuffare il proprio lerciume.

 

                                                           °°°°°

Dal giornalismo al mondo editoriale, al regno accademico c’è sempre un vate di turno che sottomette ciurme depauperate.

 

                                                           °°°°°

Se c’è un preferito lì c’è una casta.

 

                                                           °°°°°

Ove c’è comprensione per i poteri forti. Lì emergono piattismo e incompetenza.

 

                                                           °°°°°

Si impongono concezioni innovatrici per esaltare ricorsi camuffati.

 

                                                           °°°°°

Per essere innovatori bisogna aver assimilato tanto passato.

 

                                                           °°°°°

La cultura ignorata non può creare nuovo sapere.

 

                                                           °°°°°

Condividere il sistema. Per sentirsi menomati.

 

                                                           °°°°°

Con tante menomazioni si lotta per fedi non condivise.

 

                                                           °°°°°

Teorie etiche  attirano assertori di pratiche innominabili.

 

                                                           °°°°°

Crediamo a ciò che si dà da intendere. Più che lottare per ciò che viene negato dai millantatori del nulla.

 

                                                           °°°°°

Respingere fatti certi. Preferendo quelli dell’assioma. Questa la regola delle moltitudini abbioccate dai feudi  degli eletti d’obbligo.

 

                                                           °°°°°

Le mode millantate arricchiscono tante menti bacate.

 

                                                           °°°°°

Non si fa che parlare di economia. Predisposti a sostenere le banche. O il bollettino delle tresche.

 

                                                           °°°°°

Si costruisce il nulla. Sostenendo insensati completamenti.

 

                                                           °°°°°

Molti si affannano a farci sentire diversi. Pur intuendo che irregolari sono ricchezze che capitano per caso.

 

                                                           °°°°°

Il caso. Nostra salvezza.

 

                                                           °°°°°

Più ci sentiamo salvi. Più consumiamo le nostre disfatte. Che non ci appartengono.

 

                                                           °°°°°

Preferiamo la finzione. O la consapevolezza di sentirci sprecati. Mentre perdiamo la meta programmata.





Gabriella Di Trani, Il raggio, la forma, il gusto (2013)


2

 

La meta raggiunta è una sconfitta in più.  Per le procedure fallimentari.

 

                                                           °°°°°

Popolo in estinzione. Sono rimasti tanti sognatori del nulla.

 

                                                           °°°°°

Quanti angoli e meandri del creato ci sono ignoti. Anche se li conosciamo.

 

                                                           °°°°°

Ci illudiamo di scoprire. Divenendo leggiadri. Anche se assaliti dalla giovevole insipienza.

 

                                                           °°°°°

Meglio scoprire il nuovo nei regni del disordine proclamato. Che condividere la massificazione forzata.

 

                                                           °°°°°

L’ordine ci imbalsama. Il caos ci rende sconfittamente vivi.

 

                                                           °°°°°

Attenzione ai sapientoni. Meglio non conoscere che avallare le imprese di politici bacchettoni.

 

                                                           °°°°°

Chi cerca di rimuovere la storia. Teme di raffrontarsi.

 

                                                           °°°°°

I politici hanno scuoiato per dare risalto alle manipolazioni del sistema.

 

                                                           °°°°°

Chi dichiara di non sapere. Afferma la propria consapevolezza.

 

                                                           °°°°°

A ciascuno il proprio lerciume. Legalizzato in nome di una coscienza sopita.

 

                                                           °°°°°

Qualcuno negava le mafie nordiche. Oggi che dire di quelle dell'intero stivale? Se ne parla sempre poco.          

 

                                                           °°°°°

Che bel Paese ci hanno lasciato quelli del  partito del garante dei fallimenti. A difesa di sé. Che vorrebbero clonare pur di imporlo ancora.

 

                                                   

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006