INTERVISTE

 
IVANO REBUSTINI


A colloquio con il critico che ha di recente firmato il saggio “Ciao uomo. Quarant’anni oltre il sipario” (Arcana 2013). La sua lettura del famoso cantautore romano coglie la rabbia giovanile che segnò i suoi esordi e poi l’evoluzione ‘disimpegnata’ degli anni ’80, quando si mise discograficamente in proprio e badò più che altro ad arricchirsi economicamente. In coda, una rilevante e vivida testimonianza del giornalista e cantautore Ernesto Bassignano, che gli fu accanto tra il 1968 e il 1972 con il gruppo dei giovani del Folkstudio.

di Alessandro Ticozzi
 
CITTO MASELLI


Una stimolante conversazione con l’84enne regista romano che rievoca il suo rigoroso apprendistato con Antonioni e Visconti. E poi ripercorre la sua lunga carriera che, dopo alcuni film ‘moraviani’ come “La donna del giorno” (1957), “I delfini” (1960) e “Gli indifferenti” (1964), approccia il il film politico con “Lettera aperta a un giornale della sera” (1970) e “Il sospetto (1975)”. Alternando poi pellicole più ‘intimiste’ come “Codice privato” (1988) e “Il segreto” (1990), e apologhi sociali sul presente come “Cronache del terzo millennio” (1996) e “Frammenti di Novecento” (2004). Per poi tornare con “Civico 0” (2007) alla vena documentaristica degli esordi.

di Alessandro Ticozzi
 
GINO PAOLI


Una bella e ricca conversazione a tutto campo con l’ottantenne musicista genovese, uno dei padri nobili del nostro cantautorato. L’influenza della città natale, gli amici di gioventù, i primi grandi successi, le donne, le morti e le rinascite artistiche, le ultime tournées con Ornella Vanoni e, poi, con grandi jazzisti italiani da Enrico Rava a Danilo Rea. Nei primi anni ’60 le sue canzoni – “La gatta”, “Il cielo in una stanza”, “Sassi”, “Sapore di sale” – fecero contatto col sentimento e le emozioni collettive e sono entrate per sempre nell’immaginario di tutti.

di Alessandro Ticozzi
 
MASSIMO MORI


In occasione della consegna, lo scorso 20 settembre, del Premio Lerici Pea, giunto alla 60° edizione, per la sua produzione nell’ambito della Poesia Intermediale, il poeta e artista mantovano-fiorentino è stato interrogato a proposito della novità, nel contesto italiano, di questo premio. Che finalmente apre le porte ad un articolato e pluridecennale movimento di ricerca e di intersezione tra poesia performativa, sonora, concreta, verbovisuale, gestuale-corporea etc. Insomma un ‘mixed media’ all’altezza del XXI secolo.

di Lucia Ianniello
 
ROBERTO VECCHIONI


A colloquio con il 71enne artista brianzolo che rievoca la sua lunga e felice carriera musicale, iniziata negli anni Sessanta scrivendo canzoni per altri. Poi il debutto discografico nel 1971, i riconoscimenti della critica, il Premio Tenco e il grande successo arrivato nel 1977 con la canzone “Samarcanda” che con “Luci a San Siro” è il classico dei classici del suo repertorio. Un successo durato nel tempo e poi rilanciatosi nel 2011 con la vittoria al Festival di Sanremo con il brano “Chiamami ancora amore”.

di Alessandro Ticozzi
 
SANDRA PUCCINI


A colloquio con la figlia del regista torinese Gianni Puccini, morto a Roma nel 1968 a 54 anni. Militante nella Resistenza romana, fu sceneggiatore di “Ossessione” (1943) di Visconti. Esordì dirigendo “Il Capitano di Venezia” (1954), poi si affermò (in coppia con Nanni Loy) girando “Parola di ladro” (1957) e “Il marito” (1958) con Alberto Sordi. Lanciò quindi Nino Manfredi in “L’impiegato” (1959), ma il film per cui viene maggiormente citato è “I sette fratelli Cervi”, uscito poco prima della sua scomparsa. In coda un ricordo di Don Backy che fu impegnato come attore sul set della sua ultima pellicola.

di Alessandro Ticozzi
 
LILIANA UGOLINI


Pubblichiamo il testo di un colloquio realizzato in videoconferenza in occasione della presentazione del libro “Des Marionnettes” (Book Edition 2014), avvenuta di recente a Gand in Belgio presso ‘Il Caffè Letterario’. L’ottantenne autrice fiorentina ripercorre il suo fecondo itinerario artistico, principiato tardivamente nei primi anni ’90, ma poi intensamente percorso tra libri e spettacoli seguendo il filo di una visione materialistica e cosmica del mondo, scevra di facili consolazioni ed illusioni sui destini umani.

di Serena Stefani
 
MATTEO POLETTI


Un’ampia e molto interessante conversazione con l’autore del saggio “Il tocco della Pantera Rosa: Il cinema di Blake Edwards” (Il Principe Costante, Milano 2008). Morto nel 2010 a 88 anni, il regista di Tulsa è stato uno dei più brillanti talenti del cinema americano, firmando pellicole assai diverse come “Colazione da Tiffany”, “I giorni del vino e delle rose”, “Uomini selvaggi”, “Hollywood Party”, la serie della “Pantera rosa”, “10”, “S.O.B.”, “Victor Victoria”, “I miei problemi con le donne” sempre cercando di rompere schemi e convenzioni, usando la comicità slapstick intrecciata a momenti drammatici. Nel 2004 gli fu dato l’Oscar alla carriera. In coda un breve ricordo di Claudia Cardinale che ha lavorato con lui in due film.

di Alessandro Ticozzi
 
MARIO LUZI


Pubblichiamo una conversazione rimasta inedita con l’importante poeta fiorentino, morto nel 2005 a novant’anni. È un colloquio imperniato sul tema del rapporto tra cultura e politica e del sostegno pubblico alle attività culturali che in Italia è pressocché assente rispetto agli altri paesi europei. Ma le riflessioni dell’autore di “Al fuoco della controversia” spaziano sullo stato della letteratura e delle scienze alla fine del Novecento, sul produttivismo insinuatosi in ogni piega della vita quotidiana e su Dante e Leopardi come personali maestri, stelle fisse di riferimento nel dialogo continuo tra la scrittura e la realtà.

di Alberto Scarponi
 
CARLO MELONI


Pubblichiamo il colloquio con un cinquantenne, invalido civile al cento per cento e che campa, per così dire, con una pensione di duecentosessanta euro al mese. Nelle sue parole il racconto di un sopruso burocratico-postale, a cui ha reagito, con conseguenze legali e processuali che durano tuttora dopo sette anni. Ecco una storia vera di un soggetto debole e della sua esasperazione e disperazione vissuta nell’anonimato e nell’indifferenza di un’Italia sempre più segnata da miseria, precarietà, sperequazioni e ingiustizia.

di Enrico Pietrangeli
 
VANNI SANTONI E GREGORIO MAGINI


A colloquio con i due ideatori di uno straordinario esperimento di composizione narrativa a più mani che ha portato alla pubblicazione lo scorso aprile, presso minimum fax, del libro “In territorio nemico”. Oltre cento scrittori hanno concorso al racconto del libro sotto il coordinamento dei due direttori artistici che hanno avuto la funzione insieme di stimolatori, registi e quasi deejays dei materiali che via via arrivavano. L’esperimento sviluppato via web attraverso un ‘metodo SIC’ che si è avvalso della produzione di 900 e più schede che sono il retroterra di una storia avventurosa sulla lotta partigiana concepita come letteratura popolare di qualità.

di Marco Codebò
 
ALBERTO LECCO


Pubblichiamo un colloquio con lo scrittore ebreo (1921-2004), svoltosi un paio di anni prima della sua morte. Il narratore milanese riflette sul rapporto profondo e complicato tra la vicenda dello sterminio nazista degli ebrei e la letteratura, passato anche attraverso varie forme di interdizione del popolo israelita. Si sofferma, inoltre, sulla decadenza del romanzo che è venuto meno come fonte di conoscenza psicologica nell’Occidente, tale presa di coscienza non significa tuttavia immaginarne la scomparsa. Tra le sue principali opere ricordiamo “Un’estate d’amore” (1958), “Prima del concerto” (1961), “Un Don Chisciotte in America” (1979), “I racconti di New York” (1982), “La città grida” (1985), “Ester dei miracoli” (1986), “La vera storia di Baby Moon” (1987), “La casa dei due fanali” (1991).

di Simonetta Ruggeri
 
GLI ARTISTI E IL WEB


Un progetto di indagine documentaristica sui cambiamenti indotti dalla Rete nell’ambito dell’attività creativa largamente intesa. Da svolgere attraverso una serie di colloqui con varî protagonisti della ricerca artistica e da incominciare a ‘postare’ online. Si incomincia con il direttore delle Reti di Dedalus, Marco Palladini, che riflette sui temi che sono stati al centro del recente convegno “Letteratronica”.

di Iolanda La Carrubba
 
Sommario

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006