AUDIO POETRY
SYLVIA PLATH
 


>  Papà  -  7’ 54’’   ( ascolta file mp3 )

 

traduzione e interpretazione di Marco Palladini

 

dal recital:  Ho visto le migliori menti… Beat Poetry e oltre

 

Rassegna “Arcenciel Mondo” a cura di Regina Franceschini Mutini, Ivana Conte, Paola Bacchetti

 

Libreria Rinascita, Roma – 20 marzo 2010

 

Registrazione di Michele Marsili

 

 

******

 

Papà

 

Non funzioni, non funzioni

Più, nera scarpa

In cui ho vissuto come un piede

Per trent’anni, povera e bianca,

Osando appena respirare o fare ecciù.

 

Papà, ho dovuto ucciderti.

Sei morto prima che ne avessi il tempo –

Pesante come marmo, una borsa piena di Dio,

Spettrale statua con un grigio alluce

Grande come una foca di Frisco

 

E un promontorio nel capriccioso Atlantico

Dove diluvia verde fagiolo su blu

Nelle acque al largo della bella Nauset.

Ero solita pregare perché guarissi.

Ach, du.

 

Nella lingua tedesca, nella città polacca

Spianata dal rullo

Delle guerre, guerre, guerre.

Ma il nome della città è comune.

Il mio amico polacco

 

Dice che ve ne sono una dozzina o due.

Così non ho mai saputo dove tu

Mettessi il tuo piede, le tue radici,

Non sono mai riuscita a parlarti.

La lingua incollata alla mascella.

 

Fu intrappolata nel filo spinato.

Ich, ich, ich, ich,

A mala pena riuscivo a dire.

Io pensai che ogni tedesco fossi tu.

E il linguaggio osceno

 

Un motore, una macchina

Che mi riduceva in fumo come un ebreo.

Un ebreo a Dachau, Auschwitz, Belsen.

Cominciai a parlare come un ebreo.

Pensai che potevo ben essere un’ebrea.

 

Le nevi del Tirolo, la birra chiara di Vienna

Non sono molto pure o vere.

Con la mia antenata zingara e il mio profetar fortuna

E il mio mazzo di tarocchi e col mio mazzo di tarocchi

Io posso essere un po’ ebrea.

 

Sono sempre stata atterrita da te,

Con la tua Luftwaffe, il tuo gergo pomposo

E i tuoi baffi ben curati

E i tuoi occhi ariani, azzurri luminosi.

Uomo-panzer, uomo-panzer, o Tu –

 

Non Dio ma una svastica

Così nera che nessun cielo riuscì a farla scricchiolare.

Tutte le donne adorano un fascista,

Lo stivale in faccia, il bruto

Bruto cuore di un bruto come te.

 

Stai in piedi alla lavagna, papà,

Nella foto che ho di te,

Una fessura in mezzo al mento invece del tuo piede

Ma sei nondimeno un diavolo per questo, nondimeno

Sei affatto l’uomo nero che

 

Spezzò in due il mio rosso cuoricino.

Avevo dieci anni quando ti seppellirono.

A venti cercai di morire

E di tornare, tornare, tornare a te.

Pensai che almeno le ossa l’avrebbero fatto.

 

Ma mi tirarono fuori dal sacco,

E mi rimisero insieme con la colla.

E allora seppi che cosa fare.

Fabbricai un tuo modello,

Un uomo in nero con un’aria da Meinkampf

                                                  

E un amore per la distruzione e la tortura.

E io dissi ho fatto la mia parte, ce l’ho fatta.

Così, papà, finalmente ho chiuso.

Il telefono nero ha i fili strappati,

Le voci non possono più strisciare fino qui.

 

Se ho ucciso un uomo, ne ho ammazzati due –

Il vampiro che disse di essere te

E bevve il mio sangue per un anno,

Sette anni, se lo vuoi sapere.

Papà, puoi giacere tranquillo ora.

 

C’è un paletto nel tuo grasso nero cuore

E ai compaesani non sei mai piaciuto,

Stanno ballando e calpestando la terra su di te.

Hanno sempre saputo che eri tu.

Papà, papà, tu bastardo, ho finito, chiuso.

 




Scarica in formato pdf  


 
Sommario
Audio Poetry

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006