PRIMO PIANO
EDOARDO SANGUINETI
Tutto il mondo rotondo in undici “Ballate”


      
Presso le Edizioni Tracce di Pescara, nella collana ‘Segni del suono’ diretta da Anna Maria Giancarli, con la postfazione di Niva Lorenzini, è uscita la felice riproposizione di una serie di testi, tra giocoso e politico, del grande poeta genovese, che esibiscono una impareggiabile energia linguistica e una straordinaria lucidità intellettuale. La raccolta risulta, così, quasi un ‘libretto da ballo’ di strepitoso virtuosismo poetico, che riattiva pure con anarchico slancio strutture tradizionali e forme strofiche ‘classiche’, fedele al suo beffardo intento di ‘fare dell’avanguardia un’arte da museo’.
      



      


di Mario Lunetta

 

 

A riprova quasi scientifica del fatto che ogni avanguardia degna del nome (frontalità antisistema, e per conseguenza rifiuto di accettare regole & regolamenti ufficializzati in potere artistico-letterario) ha sempre distinto anche in poesia fra Tradizione fervida (da cui succhiare sangue ancora vivo) e Convenzione esangue (assolutamente impraticabile), ecco la felice riproposizione di 11 Ballate di Edoardo Sanguineti (Tracce, Pescara 2013, pp. 40, € 12,00) nella collana “Segni del suono” diretta da Anna Maria Giancarli, che intende comporre un omaggio postumo all’Aquila dell’autore di Laborintus. Una sorta di doppio omaggio, quindi: quello di Sanguineti, che s’era impegnato a dedicare una serie di testi (da pubblicare nella medesima collana) alla città devastata dal terremoto del 6 aprile 2009, e quello della città che, su impulso della curatrice, tributa un segno forte di riconoscenza collettiva a uno dei massimi poeti dell’avanguardia italiana di secondo Novecento, che all’Aquila era stato più volte protagonista in manifestazioni di musica e poesia.

Dal 1961 al 1989 si snoda la vibrante scansione ritmica di questi testi che hanno già visto la luce all’interno di diverse raccolte, ma che, stretti in un “libretto da ballo” di straordinaria perspicuità, esaltano con impareggiabile energia ideolinguistica, a ridosso di un presente che ben poco ha di ballabile e troppo di atrocemente sussultorio, un genere di poesia che nell’impasto vivamente contraddittorio di modi popolareschi e di innesti colti, parte dal Medioevo di François Villon, anarchico dissacratore del benpensantismo borghese, per arrivare al Novecento del comunista Bertolt Brecht. Sanguineti abita nelle sue case testuali come un animale nella propria tana, con assoluta fiducia, sicurezza e lucidità, ma il suo non è mai un monologo: la pronuncia di queste poesie prevede un destinatario corale capace di risposte collettive, in sintonia con l’interrogatività  degli enunciati del poeta e la sua perentorietà intransigente, che pure, come per esempio nella splendida Ballata delle donne (1985), si carica di tenerezza solidale.

Da quel flessibilissimo maestro di retorica straniante che è, Sanguineti lavora in queste Ballate prevalentemente su un pedale basso, giocando su una serie serrata di semplificazioni che contengono tuttavia al loro interno, senza indulgenze e senza pietà, un invito inesausto alla complessità. “Credo – scrive Niva Lorenzini nell’eccellente postfazione al volume – che di lì si debba partire, dalla scelta, cioè, di un genere di poesia di origine popolare, irriverente e direttamente comunicativo, incline allo sviluppo narrativo che veicola temi resi orecchiabili dalla cadenza ritmica fondata sulle iterazioni, le ripetizioni di versi clausola, versi ritornello, e sul gioco delle rime, sulla malia del suono, coinvolgente e dissacrante, carezzevole e corrosivo, spietato e dolcissimo”.

Il primo testo della serie (Ballata delle controverità, 1961), dedicato all’artista napoletano Mario Persico, esponente di punta di quel Movimento Nucleare che già nei primi Cinquanta del secolo scorso elaborava nuovi parametri per quella che Sanguineti chiamò “nuova figuratività”, oscilla ancora, con spericolata tensione, tra pedale alto e pedale basso per chiudersi con un acrostico, in una mescidazione di alta scuola che fa saltare in continuazione la griglia saldamente apprestata sull’eco delle rime e dei refrain: “nelle tue tibie dorme un pellicano / un biscotto neoplastico fischia tra i tuoi denti / l’uovo dei Filosofi ha gonfiato la tua mano / soltanto qualche Vesuvio modifica i continenti / un concerto per clavicembalo e per cinque strumenti / batte la sua lingua amara sopra le nostre gengive / ad uso dei prestigiatori e delle gravide dolenti: / c’è un grande re nelle tue calze vive // nelle tue tonsille cresce un grande nano / nel tuo fegato innominabili monumenti / c’è un feto innamorato e un aeroplano / c’è un San Gennaro e una rosa dei venti / per ogni verso ci sono quattro accenti / per ogni ampollina di sangue una papessa che scrive / chi gioca a scacchi vince crateri spenti: /  c’è un grande re nelle tue corna vive // ho cercato una quaterna sopra ogni tuo divano / ho cercato Saturno tra i tuoi nove ascendenti / ‘l’astrattismo è viecchio’ è stato detto invano / l’oracolo della bottiglia non parla per i conventi / la lava del tempo canta gorgogliamenti / lo stregone rabbonisce le ninfomani cattive / un buon pittore si serve dei quattro elementi: / c’è un grande re nelle tue spade vive // Piccolo Bosch noi conosciamo i segreti dei cavadenti / E sappiamo come essi rispettino i buoni sentimenti / Resistono in questo mondo arcivescovi e sottotenenti / Siamo abbastanza felici perché siamo abbastanza dementi / Impariamo a raccontare storie un po’ più aggressive / Con un pizzico di magia noi li renderemo un po’ più impotenti / Ogni Europa cambia se un grande fantasma vive”.

 

Qui l’ideologia non è passione, come in Pasolini: è linguaggio. E i temi fondamentali, travestiti o meno, ruotano tutti con forza di lingua in un ballo dei passi impeccabili, dei passi falsi e dei passi perduti. Sanguineti non sgarra: anche qui, con la lingua che morde come un serpente e scatta come una molla, siamo nel dominio della poesia politica, dove l’aggettivo vuole avere l’energia intrattabile del sostantivo. Il lavoro, connesso alla lotta di classe. Il cambiamento dei rapporti sociali, che determinano anche la crescita in positivo delle relazioni interpersonali. Così, siamo alla Ballata per gli anni Ottanta (1979), che nella sua fiducia esortativa non prevedeva certo, nel momento della sua nascita, di assistere nel nostro paese all’inizio del ciclo vendicativamente reazionario (ancor oggi attivo) di quello che non si può che chiamare craxi-berlusconismo: “Il ’79 è finito, finito, / è vecchio, morto e seppellito: “ (…) “finito finito è il ’79, / ci avrai bisogno di cose tue nuove:” (…) “quando ti guardi a questo tuo mondo, / pensati intanto che l’hai da cambiare, / se tutto il mondo ti è mondo rotondo, / nel  verso giusto è da farlo girare: / chi lo trasforma ha da andarci forte, / e chi sta fermo ci ha le gambe corte:” (…) “ci sono nati già gli anni ’80, / non c’è gallina che non lo biscanta: // ma quando ti metti che canti e ricanti, / guardaci bene con chi fai coro, / che le parole non ti vanno avanti, / se non te le spingi con il tuo lavoro:”   





Del 1982 è la Ballata della guerra, sicuramente la più nota delle undici composizioni sorelle. Pare giusto, come indicazione di sarcastica potenza poetica e come debito di civiltà nei confronti di un autore come Sanguineti, libero battitore di una poesia militante, intellettuale della ricerca e del confronto come metodo, riproporla per intero, proprio in grazia della sua esemplarità:

 

                                        dove stanno i vichinghi e gli aztechi,

                                         e gli uomini e le donne di Cro-Magnon?

                                         dove stanno le vecchie e nuove Atlantidi,

                                         la Grande Porta e la Invincibile Armata,

                                         la Legge Salica e i Libri Sibillini,

                                         Pipino il Breve e Ivan il Terribile?

                                         tutto è finito, lì a pezzi e a bocconi,

                                         dentro le molli mascelle del tempo:

                                         qui, se a una cosa non ci pensa una guerra,

                                         un’altra guerra ci ha lì pronto il rimedio:

 

                                         dove stanno le Triplici e Quadruplici,

                                         la Belle Epoque e le Guardie di Ferro?

                                         dove stanno Tom Mix e Tom Pouce,

                                         il Celeste Impero, gli Zeppelin, il New Deal,

                                         l’Orient Express, l’elettroshock, il situazionismo,

                                         il twist, l’O.A.S., i capelli all’umberta?

                                         tutto è finito, lì a pezzi e a bocconi,

                                         dentro la pancia piena della storia:

                                         qui, se a una cosa non ci pensa una guerra,

                                         un’altra guerra ci ha lì pronto il rimedio:

 

                                         oh, dove siete, guerre di porci e di rose,

                                         guerre di secessione e successione?

                                         oh, dove siete, guerre sante e fredde,

                                         guerre di trenta, guerre di cento anni,

                                         di sei giorni e di sette settimane,

                                         voi, grandi guerre lampo senza fine?

                                         finite siete, lì a pezzi e a bocconi,

                                         dentro il niente del niente di ogni niente:

                                         qui, se a una guerra non ci pensa una pace,

                                         un’altra pace ci ha lì pronta la guerra:

 

                                         principi, presidenti, eminenti militesenti potenti,

                                         erigenti esigenti monumenti indecenti,

                                         guerra alle guerre è una guerra da andare,

                                         lotta di classe è la guerra da fare:

 

Nel decisivo saggio dedicato a L’Incendiario di Palazzeschi compreso nel volume che si intitola perfidamente La missione del critico (Marietti, 1987), Sanguineti scrive che nel gran libro ardente  dell’autore di Perelà “c’è una poetica illustrata in modi molto nitidi, che fonda, sul terreno d’obbligo di quello che ormai si classifica pacificamente come l’atteggiamento crepuscolare, e che ha appunto il suo centro nel rifiuto della poesia (segnatamente, s’intende, della Poesia con l’iniziale maiuscola), nel rigetto di uno statuto poetico, l’opzione caratterizzante per i toni di ‘follìa’, ’malinconìa’, ‘nostalgìa’, cui si limitano la penna, la tavolozza, la tastiera dell’anima, con tanto di lente dinanzi al cuore. Infine, c’è il poeta come ‘saltimbanco’ (sempre dell’anima)”.

Chiamando in causa Baudelaire, che teorizza e incarna la figura del poeta come “clown tragico”, Sanguineti ci dà una mano chiaramente mancina a leggere in modo strabico le sue Ballate, corredando la lettura di una musica atonale e antimelodica. Se la maestria è quella del jongleur apparentemente girovago, la fermezza assiologica è quella del supremo tecnico della verbalità, che elabora una sua sintassi “maccheronica” capace di spegnere sul nascere qualsiasi fiammella del pathos, senza peraltro attenuare – per via ironica, sarcastica, citazionistica, quando non addirittura “plagiaria” (come avviene per i refrain della ballata sopra riportata nei confronti del Villon della Ballade des Dames du Temps jadis – l’energia appassionata dei testi, che è energia politica militante, energia intellettuale, energia umana di presenza solidale.

Si sa in quanto grande misura Sanguineti fosse convinto che anche la poesia è lavoro: quindi consapevolezza del proprio sapere artigiano, non certo sacra folgorazione o mistero orfico. Il tema del lavoro è quindi per lui sempre connesso con la coscienza dell’uomo, nel fluire della storia e nell’istantaneità dell’oggi. È un diritto e un risultato, quando sia libero da coazioni e da sfruttamento, come ribadisce quel pamphlet spigoloso e invitante che è Come si diventa materialisti storici? (2006). Così, anche il poièin non è un evocare, ma un fare che comprende gioco, confronto col reale, tragedia, dentro una visione critica di ciò che è e di ciò che potrebbe essere, senza mai mettere fra parentesi la violenza della natura e le contraddizioni del vivere associato: leopardianamente, direi: sul filo di un Leopardi confrontato con la costellazione che ha al proprio centro Marx per diramarsi in Gramsci, Benjamin, Brecht. Si legge quindi sulla cadenza dell’endecasillabo variamente rimato in toni e sottotoni popolareschi, nella Ballata del lavoro (1982): “questa è una scala che sale a spirale, / e che qui ci significa la vita: / quando ci sali ti è già incominciata, / quando finisci non ti è mai finita: / e prima i padri, e poi salgono i figli, / che così vanno le generazioni: / questa scala significa la storia, / che chi è passato resta per memoria: // se te la guardi come fosse ruota, / vedi che gira come la fortuna, / che ti trascina come vecchia giostra, / e fa le fasi come fa la luna: / ma la luna sparisce e ti ritorna, / te, la tua giostra, ti fa un solo giro: / che se ti guardi la tua vita sola, / ci vedi il primo e l’ultimo respiro:”.





Edoardo Sanguineti (1930-2010)


È uno strazio detto, anzi mostrato con le parole e il passo di una cantafavola terribile, con implacabile semplicità, ma nel gorgo di una percezione lucidissima. Filosofia in pillole? Al contrario: pensiero adulto scarnificato e riproposto – come in un richiamo ineludibile – attraverso la musica della conoscenza, contro lo choc di quelle sottolingue dell’oscurità che sono gli slogan da comizio o le frasi fatte dell’industria dello spavento. Uno strazio che contiene in sé anche un bisogno profondo di affabilità e di tenerezza, se tre anni dopo il poeta appronta La ballata delle donne, che è uno degli esiti più alti di quella semplicità complessa di cui si nutre l’intero iter della ricerca sanguinetiana. Ecco perché pare inevitabile riproporla nella sua interezza, proprio in questi anni miserabili in cui la violenza contro le donne (emarginazione, asservimento, stupro, assassinio) ha assunto un’accelerazione globalizzata e interclassista:

 

                                         quando ci penso, che il tempo è passato,        

                                           le vecchie madri che ci hanno portato,

                                           poi le ragazze, che furono amore,

                                           e poi le mogli e le figlie e le nuore,

                                           femmina penso, se penso una gioia:

                                           pensarci il maschio, ci penso la noia:

 

                                           quando ci penso, che il tempo è venuto,

                                           la partigiana che qui ha combattuto,

                                           quella colpita, ferita una volta,

                                           e quella morta, che abbiamo sepolta,

                                           femmina penso, se penso la pace:

                                           pensarci il maschio, pensare non piace:

 

                                           quando ci penso, che il tempo ritorna,

                                           che arriva il giorno che il giorno raggiorna,

                                           penso che è culla una pancia di donna,

                                           e casa è pancia che tiene una gonna,

                                           e pancia è cassa, che viene al finire,

                                           che arriva il giorno che si va a dormire:

 

                                           perché la donna non è cielo, è terra,

                                           carne di terra che non vuole guerra:

                                           è questa terra, che io fui seminato,

                                           vita ho vissuto che dentro ho piantato,

                                           qui cerco il caldo che il cuore ci sente,

                                           la lunga notte che divento niente:

 

                                           femmina penso, se penso l’umano:

                                           la mia compagna, ti prendo per mano:  

 

    

Sottolineando l’assoluta maitrise di Sanguineti sui materiali linguistici eterocliti trattati in quello che si può chiamare il “terzo tempo” della sua poesia, Fausto Curi (La poesia italiana del Novecento, Laterza 1999) ne sottolinea la libertà malgrado il “piano di stabilità” che sembra non dover più promettere folgoranti sorprese. “Occorre d’altro canto segnalare”, aggiunge il critico, “una fittissima trama di quei metaplasmi che il Gruppo di Liegi dichiara fondati sull’aggiunzione ripetitiva: rime, assonanze, consonanze, allitterazioni, paronomasie, omoteleuti.      In secondo luogo, accanto al persistere della metrica libera, l’elezione frequente di versi ‘tradizionali’ come l’endecasillabo, di forme strofiche ‘classiche’ come il sonetto, l’ottava, la ballata, di componimenti acrostici, di rime baciate, di rime rare, di quartine monorime ecc. Non si tratta, si badi, di un recupero della ‘tradizione’, né di un semplice ri-uso dei modelli. Siamo sempre all’interno di un’esperienza di tipo anarchico. Solo che il disordine, ora, non è più perpetrato in assenza dei modelli da profanare, come accadeva in Laborintus, ma convocando tali modelli, esibendoli, praticandoli, così che, in un’incessante dialettica di ordine e disordine, la profanazione sia più  evidente e, per così dire, esemplare”. Appunto: l’atto di re-indossamento che Sanguineti compie con vecchi abiti è totalmente anti-archeologico, non ha nulla di nostalgico. Nel riuso, le forme arcaiche vengono svuotate di ruolo, ridotte a puri sarcofaghi che però contengono non cadaveri ma corpi vivi. È, insomma, un’operazione che ribadisce la teorizzazione del primo tempo del poeta, impegnato a “fare dell’avanguardia un’arte da museo”.

Ecco perché anche le Ballate vengono a risultare non una vacanza eccentrica, ma al contrario una serie di momenti innervati su un tipo di contaminazione altra rispetto alle fasi “epiche” (pur esse debitamente stravolte e straniate), in una continuità il cui nòcciolo – come ho già accennato – resta quello dell’identità ideologia e linguaggio. A provarlo, se ce ne fosse ancora bisogno, indicherei con convinzione la Ballata del vento (1989), in cui la potenza e il gioco, il lazzo e il giudizio, il desiderio e la memoria della vita bruciano al fuoco del capolavoro (“e tutti andate, con rabbia, danzando, / in nero buco a sparirci ululando: / tu che più lasci più angoscia prendendo, / più peggio cadi, più giù discendendo: / fatti di fiato, fatui fuochi veri, / noi si balla, leggieri, volentieri:”. Un capolavoro che non è noto come meriterebbe, e che andrebbe recitato e cantato nelle piazze e nelle scuole di questo nostro paese bastonato e senza cultura, quindi senza vita, soprattutto oggi: magari in sostituzione di quella marcetta alquanto obbrobriosa che è l’Inno di Mameli.       

                                                                                                                

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006