PRIMO PIANO
ESTROSE NOTE D’AUTORE
Firenze,
per due terzi,
è un cimitero


      
Rigoglioso flusso di pensieri e memorie per link successivi tra letteratura e vita partendo da Carlo Porta e proseguendo con la traduzione di Alessandro Fo dell’“Eneide”. Deviando, poi, su Rutilio Namaziano e Attilio Bertolucci e, poi, soprattutto concentrandosi sul concittadino Franco Fortini, poeta e intellettuale scomodo e polemico, con cui avere affinità e varie divergenze, anche ricordando la sua ingenerosa stroncatura nel 1979 del “Doppio diario” di Giaime Pintor. Schegge di vita culturale fiorentina, una città amata ma poi abbandonata a trent’anni senza rimpianti.
      



      


di Marzio Pieri

 

 

SEMIPLUVIALE ESTATE, SEMIAUTUNNO...

 

 

E il fine omai di quella estate semi-

calda, semipluvial, lungi non era...

 

No, non mi sento il Tasso. Nessuno può sentirsi il Tasso, dacché i Romantici di Milano lo assunsero come la loro testa di turco. Lo difese il più Milanese di tutti, Carlo Porta; non so come diavolo sia ritenuto un poeta dialettale. Vi ricordate quel film dove il maresciallo dei carabinieri mette il palmo della mano, sopra la carta geografica appesa al muro, per veder come sarebbe Italia, senza Sicilia? Si potesse appendere al muro la storia delle lettere, io metterei la mano sulla proposta manzoniana. Penso a un’Italia che avesse tenuto a modello la Ninetta del Verzee invece che ‘quel romanzetto dove si parla di promessi sposi’. E si fosse imbevuto il lenzuolo di una lingua nazionale nelle acque sempre sudice del Naviglio. Mi vien a mente la risposta di Cisti fornaio all’indiscreto Messer Geri, che gli chiede bigonce del suo vinello: va’ a prendertelo nell’Arno. O al re che lascia fredda nel suo letto (a baldacchino) la bionda regina e (incognitò) va a cercarsi sifilidi fra le coscie di qualche mignotta da osteria, magari anche da salotto buono.

 

Honny soit qui mal y pense.

 

Foeura de porta Ludoviga on mia,
Su la sinistra, in tra duu fontanin,
E in tra dò fil de piant che ghe fa ombria,
El gh'è on sentirolin
Solitari, patetegh, deliziôs
Che’l se perd a zicch zacch dent per i praa,
E ch’el par giusta faa
Per i malinconij d’on penserôs.

 

........................................................................

 

Nè s’ha nanch faa duu pass
Tra quij acqu, tra quij piant, tra quell’ombria,
Che se sent a quattass d’on cert magon,
Se sent a trasportass
D’ona certa èstes de malinconia,
Che sgonfia i oeucc, senza savè el perchè,
E sforza a piang, d’on piang che fa piasè.

 

 

Io, da tre anni, piglio e ripiglio in mano l’Africa del Petrarca (lo sapete, è in latino – “Latinum est, non legitur...”, se non da pochi preti residuati, da qualche professore ancora illuso, ancora deluso) e un amico che molto poteva su me mi aveva sfidato a tradurlo nell’italiano letterario d’oggi. “De mortuis in lingua mortua...”; in linguam mortuam.

 

Ma è così bello, nella sua idealità, l’Originale. E poi è tardi, sempre più tardi.

 

Un miglio fuori porta Ludovica

giri a sinistra trovi due fontane

e un sentieruolo all’ombra di due fila

di piante, solitario, delizioso,

sentimentale

che si perde a zig zag di mezzo ai prati

e pare fatto apposta

per le malinconie d’un pensieroso.

 

..............................................................

 

Bastano pochi passi

fra quell’ombre e quelle acque quelle piante

uno si sente preso da uno strano magone

come un’estasi di malinconia

che gli occhi gli si gonfiano

non sai perché ma deve

piangere, ora, e gli è piacere il pianto...

 

 

Non ditelo; questa traduzione è come il governo Letta rispetto alla Repubblica di Platone. è come – rispetto a un Thomas Jefferson, ma anche perfino a un Roosevelt Teodoro, giusto perfino al mimo Ronald Reagan – Obama detto il Viso pallido, non per sfregio razzista, ma a memoria di come s’era fatto bianco in faccia mentre i dati della rielezione galleggiavano, senza favorirlo di molto e anzi piuttosto sfavorendolo. Noi ci puntammo indarno. La parola speranza non ci sarà sul prossimo vocabolario. Il premio Nobel per la pace (eterna) non sta più nelle scarpe (da ginnastica) finché non dona al mondo una ennesima guerra dei mondi. Ah! se il Piccolo Padre fosse stato all’altezza di se stesso e quando gli USA ebbero buttato ‘the Bomb’ su Hiroshima e Nagasaki avesse detto: avete fatto uso di armi proibite e adesso vi puniamo. Solo tre giorni e 50 obiettivi. Non c’era straccio d’ONU per fermarlo.

 

“Stanotte ho fatto un sogno...” (Montale cita il ‘sogno’ di Des Grieux, cavallo di battaglia solo di quelli che sanno cantare davvero)

 

Alessandro Fo ha concluso una impresa che, per più d’un aspetto, somiglia al tradurre il Tasso. (A proposito, tanto poi mi rimane nella penna, il Porta dice d’averlo imboccato, quel sentiero magonico e di lagrime intriso soavissime, e v’incontra il fantasma del Tasso... che si produce in una apologia di se stesso...)

 

Fo ha tradotto Virgilio. Il Caro trema? quando, nel primo canto, Enea in cerca di cibo pei suoi uomini, s’imbatte in qualche damma e in qualche camozza, in quarta ginnasio Franco Cardini, richiesto sul brutto di qual mai diancine si trattasse, rispose franco (eh, eh...): hmmm... trabiccoli. Seguì minaccia d’una sospensione.

 

A me, quando penso a un traduttore ideale di Virgilio, vien di pensare a Passaggio a Nord-Ovest (Kenneth Roberts, giornalista e scrittore del Maine) o anche al suo traduttore in italiano, niente meno che Elio Vittorini. Virgilio nella lingua delle Donne di Messina... Perfino quando, in esordio, intenda chi volesse intendere, rifà Manzoni:

 

Io so come può immaginarsi questo nostro paese chi non l’abbia mai percorso e non ne abbia veduto che la lunga figura su una pagina d’atlante; un altipiano di asciutte terre rosse tra i due mari che sono occidente e oriente, arido, senza un albero, bruciato dai venti e dall’alito del sole, dall’alito del sale; e così è davvero per grandi estensioni, appena si vada più su dei trecento metri in viaggio tra l’una e l’altra delle sue città con torri e cupole, arido per grandi estensioni,  nudo per grandi estensioni, alto di terre rosse tra l’Emilia e la Toscana o tra Siena e Roma, come il deserto è il deserto tra l’una e l’altra delle sue oasi. / Attraverso il deserto gli uomini sono viaggiatori...





L’occhio del cacciatore di scrittura coglie al balzo gli inserti (morto Contini, nessuno ha osato mai scrivere più ‘lacerti’) che il Condor d’Arrigo ne piluccò con voluttà‌‌‌‌; tanta, che non si stancava più di farne scendere a nembo i pinnocchi. E infatti non ha nulla a spartir con Virgilio, è pari-pari Lucano. Horcynus Orca vale la Pharsalia. Non butterei troppo via.

 

La lingua di Fo è altamente manieristica; lo era dapprincipio, anche se in modi strazianti piangeva la morte di un cagnolino amato. V’era un freno di sentimenti, di cose. Sentimenti e cose che ritrovi nel Rutilio Namaziano, un ricco Tolosano col quale si chiude la secolare parabola della Latinità. Al dilagare dei Barbari, già prefetto di Roma, tenta raggiungere la sua terra nativa; e ne scrive un diario, del tentato, difficile ritorno, in distici elegiaci. Fo lo tradusse stupendamente venti anni fa. Ci scrivevamo tutti i giorni, allora. Con lui e con Pane, il grande Pizzutista. Anche con Claudio Vela, non ricordo se anche con Vecce (in tre produssero quel libretto Coblas che resta fra le cose originali, intelligenti e belle dei nostri ultimi decennî, quando l’oggi di oggi pareva incredibile perinsino ai profeti di sventura). Si scriveva per allegria. Fu per aver letto quella rivelatrice traduzione che, dieci anni dopo, fu anche sperimentato un film, sull’Iter Rutilianum? Chissà se mai lo proietteranno, nel colmo delle notti, sul più sfigato canale televisivo. L’autore (Claudio Bondì, raccomando l’accento sull’I, romano, classe 1944), regista e sceneggiatore raro e biograficamente sfuggente (suoi film: Il Richiamo, L’educazione di Giulio, Il Ritorno), so che ha guardato a Rossellini, a Roberto Faenza; ma anche a Pietro Germi. Nel bene e nel male.

 

I vecchi dormono poco (mamma ce n’è una sola e a credito si fa domani), ma come faccio a stare sveglio una notte dietro l’altra, per seguire la televisione che si vorrebbe avere di giorno? La Berlusconeide è ormai stracotta (mi viene in mente il linciaggio del geniale pirata d’editoria che fu il Sommaruga bizantino, nella Roma di fresco capitale, o il grande industriale Gualino, nell’Italia di Mussolini...), aspetto solo che Letta getti la larva e si riveli Dumbo, l’elefantino con gli orecchioni.

 

Un Virgilio tutto diverso da quello di Fo stava nella mente di Attilio Bertolucci (e, in Francia, ce l’ha dato, meravigliosamente, Klossowsky). Oggi nessuno quasi ne parla più, dico del grande e classico poeta de La camera da letto parte prima e seconda. Scambiarlo per un poeta provinciale (“Con pasta Sirio è sempre domenica...”, Sirio fu il libro in versi che rivelò Bertolucci) poteva giustificarsi, non dico anche supportare questo giudizio sommario, finché Attilio non ebbe scritto uno dei libri-faro dell’ultima poesia italiana, il Viaggio d’inverno. Era (incantevole) uomo di trepidazioni, di dubbî (in realtà una quercia, la poesia si nutre del saper leggere); Sereni, amico e corrispondente suo di una vita (aveva sposato una dolce e ferma Parmigiana), morì di crepacuore a sentirsi scaricato dai ‘compagni’, ai quali troppo credeva, dopo Stella variabile. Chi potrà mai ridarci questi libri d’antan?

 

Il Virgilio di Attilio passava da Longhi, da Corot, da Fontanesi (congenialmente studiato dal suo amico ed allievo Roberto Tassi), da John Ford. Mai la mia temperatura fordiana fu così alta come negli anni brevi e decisivi in cui fui accolto alla corte bertolucciana. Un bel fuoco dura poco. Lui aveva i suoi obblighi, io i miei doveri.

 

L’hanno, così, sepolto in una cassa di poeta provinciale e chissà se la cassa, o quando mai sarà riaperta. In quale mondo, per quali lettori.

 

Penso a Rutilio: vive nel V secolo. Il De Reditu viene riscoperto solo nel XV secolo. Virgilio era vissuto a cavallo fra l’èra precristiana (ma guarda a quali catarifrangenti tocca ancora appigliarsi, in un mondo che va decristianizzandosi così rapido da incacarne ogni ‘freccia rossa’) e quella post Christum natum. Dunque, sono passati quattro secoli, quando tocca a Rutilio romanizzarsi e poi tornare a casa. Quattro secoli fa, da noi c’era ancora il Barocco. O, magari, vigeva l’ultima età del Tasso, premortuo. Dieci secoli? Ma vuol dire nell’èra gibboniana; 350 anni, teniamo il metro mencio, prima di Carlo Magno. Attilio mi diceva: “il tempo non esiste”.

 

Il Virgilio di Fo (apro a caso, lo giuro, come spergiurava Contini):

 

E come – sorti, secondo il suo auspicio, i venti in estate –

un pastore dissemina incendi sparsi in un bosco:

presi gli spazi frapposti, d’un tratto si estende compatta

l’orrida linea vulcania per vaste distese di campi...

 

è a pagina 451 della edizione Einaudi, corrisponde ai vv. 405-08 del libro decimo del poema.

 

 

Del resto, il poeta Fo è anche il professor Fo. La sua vita universitaria è legata alla Siena che vorrei dire, ancora (almeno giusta gli insegnamenti di lettere), piuttosto quella di Fortini che del rettore e ministro Berlinguer (ma quanti sono i Berlinguer? Berlìnguere... Berlinguèrre...) e del Monte de’ Paschi. Immagino abbia avuto buoni rapporti con un poeta, come Fortini, al quale non somiglia, ma che la sua arte di poeta e traduttore ‘in fermezza di lingua’ non esclude, con un pensoso della politica di quelli, anche magari a dissentirne, che se ne vide in giro sempre pochi. Fra i poeti italiani di cui Fo si è occupato vedo dei nomi a me tutti cari (Sereni, in primis, Campana, Ripellino, Pizzuto), ma non manca un saggio, finora temo sfuggitomi, di Alessandro poeta e professore, (Variazioni Chopin), sull’Ospite ingrato, il libro di epigrammi di Fortini. In generale non condivisi con nessun fortiniano la mia amicizia; ma trovo, in un discorso del grande Michele Ranchetti, letto nella Napoli del 2008, un ritratto del grande, anch’egli, e scontroso (ed ossesso) intellettuale fiorentino (Il riserbo di Fortini), molte delle cose che su Fortini sarebbe piaciuto dire a me. La stessa comprensione di quell’affaire che fece tanto scandalo (‘in famiglia’) come la fremente, ingenerosa stroncatura di Giaime Pintor, occasionata dalla pubblicazione del suo Doppio diario (1979). Non frequentavo il “manifesto” dunque mi giunse prima solo l’eco di quella rottura di piatti. Vedevo Cary Grant, Doris Day... il nipote picchiatello... Ero (mea culpa) in tutt’altre faccende affaccendato, compresa quella di un concorso bandito per la cattedra su cui esercitavo un precario ‘incarico’ e che avrebbe dovuto, nelle intenzioni, liberar la pia Parma di me. Il diavolo fece i coperchi ma non le pentole e fu bene per i miei modestissimi bilanci familiari, ma del resto restai quello di prima. L’università, per me, era quella che, parlando appunto di Fortini, viene così descritta da Ranchetti (non vorrei si tacesse che quando l’ultimo dei Meridiani sarà stato mangiato dai topi della polvere, la Bibbia del Diodati voluta e curata esemplarissimamente da Ranchetti si salverà in poche copie, che saranno passate di mano in mano e lasciate per testamento ai nepoti):

 

[In Fortini] il discrimine fra due appartenenze: una pubblica, dei “competenti” a priori, che possono valersi di tutti i guizzi del potere e parallelamente delle ricorrenti fortune degli spiritualismi, e una privata, anche se condivisa da pochi amici, incapace, per natura, per vocazione e destino, di farsi adulta e riconosciuta.  E [come] abbia scelto la seconda. Il suo enorme lavoro, da allora, si sarebbe svolto in questo meridiano, avrebbe avuto questi e non altri referenti. Anche il Partito comunista, gli sarebbe parso, talvolta, come intellettuale collettivo, ben simile agli intellettuali della Normale di Pisa, allevati ad essere dirimenti nelle patrie lettere, destinati, appunto, a esercitare il potere nelle accademie, un potere di competenze ineccepibili e in apparenza neutrali, in realtà frutto di un’arroganza appresa e trasmessa da grandi maestri a grandi allievi in una successione ereditaria, persone che, incontrandosi, non si chiedono: come stai?, ma: di che cosa ti occupi?,  in una concezione della cultura come territorio distinto in feudi da assegnare.

 

Su questo piano (e scontata, sia detto con la massima evidenza, la mia obiettiva inadeguatezza a confrontarmi con una autorevolezza, una cultura di tanta vastità e varietà, e non solo di lettere, con una figura pubblica di tanta emergenza e coraggio cabalistico e intellettuale [figlio, per parte di madre, una ottima madre, di una donna venuta dalla Venezia Giulia, non presi mai troppo sul serio il coraggio di Pasolini, costante bersaglio polemico di Fortini, lo trovavo di acchito così catto-rurale, così fascista e controriformista, com’era il cattolicesimo recepito e sottilmente magico di mia madre]) su questo piano avremmo potuto, perfino, incontrarci, parlarci, se non a quella maniera con cui, attento e reverente, incontrai Bertolucci e ne scrutai ogni ruga. Ma certe linee minime di demarcazione riescon poi invalicabili: se (lo rimotiva Ranchetti) Fortini si rigirava, oscuramente, un suo dolore, rodìo, di essere uscito dalla piccola borghesia, io uscivo invece da una piccolissima, visibile forse solo per il suo confuso ed eroico darsi da fare; e non vedevo perché farmene un cruccio. Uomo tanto sacrale e sacerdotale, Fortini doveva sapere che dove uno spunta al di sotto della Luna, o cavolo o carcioffo o girasole che sia, di lì e solo di lì deve partire. Me ne stavo con Peckinpah, col suo Cable Hogue, che abbandonato a morire nel deserto, scopre alle soglie del miracolo una fontana d’acqua, e ne fa un luogo da cui tutti dovranno passare. Uomo di fede più di Fortini, sa che di lì passeranno, un giorno ma passeranno, quelli che lo tradirono. Realizza il suo desiderio, trova in sé forza di perdonare, e quasi sùbito dopo muore travolto da una delle prime automobili nel West.

 

La piccola ma armata, a suo modo, borghesia fiorentina (avvocati, editori, antiquarî, professori di varia estrazione, gli abbonati del Maggio musicale, i formiconi del viessù, onorevoli, naturalmente, e tutta una loro scìa di madri nobili, di figli e nipoti famelici, di piccoli scrittori e giornalisti, insomma: ‘il generino’) l’avevo conosciuta al liceo, riconosciuta all’università; non andavano lì le mie ambizioni. Erano senza indipendenza d’idee e senza lotta alcuna, veri fascisti (tranne pochi, fra i quali il coraggioso padre di Lattes-Fortini), veri antifascisti dal 26 aprile 1945. Nulla di nuovo sotto il cielo. Non valeva la pena contrastarli; sarebbero inciampati nei loro mantelli troppo abbondanti per le loro gambocce. O Dio, uno ce n’era, lunghissimo, e dominava tutti dall’alto di un suo Gramsci in elaborazione, che non sopravvisse, se non di poco, alla tesi di laurea di tale promesso storico.





Franco Fortini


Aspiravo a un posto d’insegnante liceale (quanto riesco oscuro e impraticabile in queste mie scritture senza senso, avevo la fortuna di ‘arrivare’ agli studenti accogliendoli, idealmente, nel mio sgabuzzino cerebrale; né mai mi venne meno) e a fare lo studioso free lance, come un tempo si usava. Renato Serra, mi dicevo, non ebbe mica un ruolo universitario; ma a Fortini lui andava, per altre ragioni, anche meno a genio di Giaime, forte germoglio di razza veramente padrona. Io, su diverse basi, me l’ero anch’io domandato: se Giaime sopravviveva alla sua sfortunata impresa di collegamento partigiano, diventava poi uno dei troppi onorevoli ex-resistenti, omologati e rètori, che si vedevano nei cinegiornali e negli anniversarî celebrativi? Manca poco fanno di me un fascista.

 

Ho l’impressione che Fortini, leggendo il Diario, abbia visto con sgomento, come in un’allucinazione, quale sarebbe stata la sorte di Pintor se non fosse saltato per aria per lo scoppio di una mina e avesse dovuto rileggere la propria lettera, del resto mirabile, durante uno dei pomeriggi di siesta operosa fra gli inviti dei salotti romani. E abbia voluto lacerare quella lettera [di fatto un testamento premonitore] mirabile che iscrive giustamente Pintor fra gli eroi,  lacerarla per sé e per lui.

 

Ancora Ranchetti, coi suoi occhi di storico ‘musicale’ (La mente musicale è il suo bellissimo libro di poesie) e contestuale.

 

Non c’era un gran rapporto, se non per pochi privilegiati di fatto, fra professori e studenti, nella università che frequentai. I professori migliori erano poi anche quelli che si servivano magari dell’esame per prestarti attenzione e, senza farlo parere, incoraggiarti. Sestan Garin Cantimori Longhi Pugliese-Carratelli, anche Binni che poi mi ebbe come il fumo nel naso. Qualche giovane: Scrivano e Innamorati, la Mina Gregori. Eran le mezze seghe, invece, da temersi. E, coi colleghi di studio, di seminario, sempre le armi al piede. Magari ti sorridevano, ma sembrava il sorriso del Gattone di Alice; e perfino nel dirti ‘ciao, a domani’, pareva che invece esprimessero ‘chi fur gli maggior tui?’ Io lo sapevo e glielo dissi; dei miei e dei loro maggiori.

 

Venni via da Firenze a trent’anni, senza un rimpianto né un ripensamento.

 

A Firenze, fuori dei circoli chiusi che ho detto, di Fortini pochissimo si parlava. Si sapeva ch’era fratello della Wanda Lattes, una giornalista della “Nazione”, blandamente mondana.

 

Scopersi Fortini da me, come critico e letterato, prima ancora di saper bene del senso della sua esposizione politica. Mi innamorava la larghezza dei suoi interessi (quella che dicono la non-disciplinarità; perché non l’indisciplina?), la densità di un suo dettato critico esatto e senza incensi. Un giovane troppo in carriera che avevo incontrato al seminario di Caretti, di cui fui frequentatore autorizzato nei miei ultimi anni fiorentini, mi mandò in dono il libriccino aureo delle Ventiquattro voci per un dizionario di lettere (Il Saggiatore, 1968), del quale gli avevo parlato avendolo sbirciato sopra un banco di Remainder’s. Ero ora (la vita è fatta di sorprese) assistente di ruolo di estetica e, con due figli già a carico, non mi avanzavan mai, dentro il mese, che pochi spiccioli per un libro o due. Diretta da un professore e preside non specialista (poi la carica toccò di diritto al biblioteconomo ordinario della Facoltà e le cose andarono sùbito a catafascio) la biblioteca della Facoltà era piuttosto ricca, anche degli introvabili libri stranieri. Fu la mia salvezza.

 

Delle ‘voci’ fortiniane, solo due mi dispiacquero, la prima mi deluse (quella sul Tasso), l’altra (su Montale) mi contrariò. Se giudichi di due che giocano alle bocce, parteggiare per la maggiore bravura dell’uno o dell’altro è parte del gioco. Ma togliere di sotto ai piedi dei partitanti la pista sabbiosa dove mirano, bocciano, si avvicinano alle palle tenendosi in buffo equilibrio sulla punta dei piedi, si chinano sul mucchietto in posizione di fammilclistère, questo è soltanto stupido.

 

Con tutto ciò, e  credo di averlo già scritto più d’una volta, penso d’essere stato il primo, a Parma, ad acquistare (fattosi un po’ migliore lo stipendio) il ‘meridiano’ del Faust. Lessi e rilessi senza, per poco masticassi di tedesco, perdermi troppo del testo originario a fronte. V’era molto cervello e poca musica, nel traduttore agguerritissimo. Fortini aveva tutte le ragioni, per sottrarre il poema goethiano a ogni ombra mefistofelica (mi riferisco all’opera boitiana, catapulta della Scapigliatura) ma anch’io ne avevo qualcuna per vagheggiare una trasposizione meno in perdita. Adepto del Marino, come qualcuno sa, avevo in mente un giudizio di costui, davvero da Polichinello, sul poeta e teorico Malherbe. Era catarroso e scaracchiava di continuo nella pezzuola (lo faceva anche la mia maestra). “Mai visto un uomo tanto umido, (Marino commentò) e, tanto secco, poeta”.

 

Il mio discepolato presso il poeta Bertolucci suscitò nel Fortini gelosia e sospetto, così l’Ospite ingrato secondo mi appaiò, in un mottarello, [da motto], a Carlo Bo, sullo sfondo comune di Firenze. Non c’era da dolersene troppo. Fortini è Fortini, Bo fu Bo e io preferisco, da sempre, Bo. Debbo chiedere scusa a Lor Signori.

 

Preferisco la lingua, il pennello, il gran gesto, l’enigma di Bo. A Fortini mi univano altre cose, private e non solo private. C’è una sua splendida poesia su Piazza Tasso, a Firenze. Io, come la ricordo, una gran piazza ignuda e sassosa. Venendo dall’Arno e drizzando la barra (anche dei piedi) verso Porta Romana (e ci sarà un chilometro di viale, lungo le antiche mura di battaglia, all’ombra di piante annosissime e acquose, l’odore intorno è quello di un cimitero, come cimitero, per due terzi, è Firenze), prima incontri un torrino, sulla sinistra (e vi porsi le forbici per tagliare un nastro al celebre e discusso presidente sportivo Rodoni, bambino soffocato dall’onore concessogli), dilà dal viale v’era un bar dove assaggiai il mio primo [e, qui, da Motta] Mottarello (eran buoni clienti di mio padre e la moglie chiamava il marito Ameleto), andando dal torrino in parallelo alla piazza ci s’imbucava dentro San Frediano, puzzolente cunicolo dei diseredati (vi ebbi una bisnonna, un lontano parente che teneva bottega di falegname, e ruggiva per tenermi distante dalle seghe in movimento omicida, la vecchia, cieca e nonagenaria come l’Inquisitore del Don Carlos, viveva con lui, in un retrobottega, affacciato a due passi d’orto, dentro, una tartaruga catafratta, dicevano bicentenaria), dall’altra, opposta parte della piazza v’erano ancora mura della cinta guerriera, se non fosse il Giardino Torrigiani, da troppo ormai ne manco, vado a spanne, e si entrava in altri tortigli che avrebbero portato, fra rovinanti case di diseredatissimi, alle budella di Firenze, (verso via de’ Serragli, via Romana, con lieve scarto piazza Santo Spirito, col chiesone brunelleschiano, e lungo via Romana il teatrino degli Artigianelli, il teatro Goldoni, ultima gloria artistica dei Lorena, il gomito di Serumido, sormontato dal sepolcrale Giardino di Boboli...) e doveva essere lì che i fascisti  avevan fucilato una mano di disgraziati. Credo che, fra quell’ombre e quei pozzi di sfinite e pestilenziali calcine, si trovassero giovani (femmine) compiacenti. Ranchetti ammonisce: “Dei suoi affetti, [di Fortini], in generale, nel senso delle sue affezioni, degli affectus; che pure lo avranno colpito, come si percepisce da qualche ragazza di troppo nelle sue prose narrative della giovinezza: che appare, fra le righe della riflessione, quasi a distrarre chi scrive e chi legge con una apparizione non prevista di brevissima durata. Un riserbo, dunque, quasi assoluto, dovuto alle ragioni non estreme della sua vita e protetto da un atteggiamento oracolare”.

 

Io sono l’antioracolo e tanto basti. Una volta per sempre.





Camilla Migliori, Pollock, I love you, 2013


Ho letto, sul rovescio dell’estate, diversi libri che vorrei il lettore, fidandosi di me, si procurasse. L’ultimo ad arrivare (un po’ brevemente ne tocco) sono le nuove poesie del nostro Marco Palladini, Attraversando le barricate. Robin Edizioni, collana diretta da Mario Quattrucci. Marco mi chiese una prefazione, saranno ormai due anni, naturalmente non vi si riconobbe e son finito (meritamente, ammetto) in postfazione, prefatore Domenico Donatone, con piglio robusto e diretto: “... miti maniere e rivoluzioni, materialismo agonico e sarcasmosofia di un canto poematico che si fa storia”. Non ho nulla da obiettare, anzi ringrazio Donatone che mi fa un cenno di simpatia. Non sono nuovo a queste piccole cadute dal sellino (solo nell’infanzia fui intrepido cavalcatore di una biruote, poi persi l’abitudine nel caos cittadino), scontentai un poeta amico – come Palladini – che molto apprezzavo (ed apprezzo), Gian Ruggero Manzoni, che tenne anni sospesa la stampa del suo originalissimo poema L’impresa, ossia Le vicende del popolo dagli occhi come scale, poi uscito (nel 1992) in un libro sontuoso, da collezione, con opere di Enzo Cucchi, superbe agli occhi e alla mente, e io, nella funzione di prefatore (non segnalato a frontespizio) quando passati secoli dall’inverno 1988-89, non lo aspettavo più. Mi riaccadde con un pittore di mia predilezione, Enrico Lombardi, che proprio non ce la potette, e si rivolse altrove. Mi vuole ancora bene. E stava per capitarmi col mio Maurizio Cecchetti, l’editore della Medusa, che a imbilicare un libriccino mio di lettere burlesche secentiste, si è, lui, proposto per una post-fazione d’uso, la quale è diventata... prefazione? No, il libro stesso, nei primi due terzi, per una sua polemica testoriana (e molto romagnola) perturbante. Quelle povere letterine alla fine, con mutandine trasparenti su mele secche e coscie smuntarelle.

 

Non fate pettegolezzi, ché non faccio recriminazioni ma rendo grazie. L’equivoco di partenza è colpa mia, perché avrei dovuto avvertire a tempo i committenti. Loro hanno un sodo diritto di aspettarsi un ritratto in posa che li sveli ai lettori e li esibisca ai loro sguardi ammirati. Non lo so fare. Sono, per me, un bel guazzetto di suo (di mio) e un libro non so leggerlo se non lo vo scoprendo, a notte alta, sur un mio macinino sonoro rugginoso e rauco, sferragliante. Così scrivo di me, anche di me, e allora mi dicono che riesco autoreferenziale. “Signori, non sono un Sapegno, Che si trovi già in tasca tutte le chiavi: Se un poeta sia facile ad aprirsi, Per me non è un poeta Perché la prima regola per essere un poeta È l’incertezza delle parole, La sempre rinnovata ambiguità. Vissi nell’incertezza, mia unica certezza Quel sonino di notte, su terre povere”.

 

Scrive (giusto) Donatone di Marco: “Palladini è un poeta che sa giocare, ma di fatto non scherza!”

Scrissi, io, di Manzoni, di famiglia non so se comitale o marchionale (di Lugo di Romagna): “Del resto, di questa gente si può dire di tutto, ma non barava mai”,

 

Palladini dev’essere più o meno coetaneo di Manzoni, tutti e due, dopo una esperienza politica (extrapartitica) giovanile, (Manzoni è anche uomo di battaglia, si vanta di discendere da sgherri, uomini di pugnale, e in Bosnia non mancò, andatoci in missione umanitaria, di respingere una imboscata armi alla mano, quinto membro dell’Oca selvaggia), di teatro e di microfono, attenti a quanto possa la nuova poesia materica e phonètica, non estranei ai movimenti d’arte, di propaganda, di spettacolo; mai estranea, poesia, alla comunicazione con un pubblico che va sottratto, e che chiede di essere sottratto, alle strategie di annebbiamento e di leccaculismo messe in atto dalle televisioni. Ho inventato e fatto brevettare un meccanismo, che, applicato al domestico compagno dei nostri salottini, se sente fare il nome di Berlusconi s’inceppa. Di Napolitano, si spenge. Di Letta, balbetta. Di Obama... esplode. Tac, tac, tòcchete, ti. Ohhhh... bzzzzzzz. Dadadadadadadadà. Come, a un convegno dannunziano infelicissimo, un critico balbo ebbe la mala pensata di esordire dicendo: “D’Annunzio....” Chissà che fine avrà fatto. L’avranno aggregato a un reparto di mitragliatrici scariche. E dopo,

 

BOOM!

 

Naturalmente, secondo una classificazione semplicistica, Palladini a sinistra, e Gian Ruggero a destra. Ma un poeta non è un mezzobusto televisivo. Basta che aprano bocca – i poeti – e sai che non riesci a imbragargli la lingua. Fanno, quel tanto che un individuo sostanzialmente isolato possa, la storia e non finiranno nei libri di storia. Marco, non si dimentichi, è un intelligente di Sade. Chiuso nella Bastiglia, si affacciò ad un oblò (non è leggenda?) e gridò: Qui ci ammazzano, ci ammazzano. Ne conseguette (dico brancaleonico) il Quattordici luglio. Ma se da San Vittore si affacciasse il Santo Silvio (con Sade, non ce la spunta gnànca in porcherie, due pompinate e rizzati!), chi corre a liberarlo? Si farà gente, sì, ma a guardare di sotto in sù le mutande della Carfagna.

 

 

                                   Lieto su i ponti del Naviglio splende

                                   e in val di Susa dell’Italia il Quore.

                                   Enrico il Bello dalla scala scende

                                   e cede una intervista a gran fervore.

           

Il cittadino intende e non intende,

                                   ma non sa se sentirsi più elettore.

                                   Ma si frega le mani il Presidende

                                   e dice: quanto è duro; ha il mio favore.

           

Ma Silviosade dice: venga avanti,

                                   signorina; si stenda pure in terra.

                                   Prima d’altro, proviamo coi purganti,

 

                                   e se non basta, fàmo a serraserra.

                                   ma cosa fa?... parbleu, non son croccanti.

                                   Gente aiuto! ché questa mi sotterra.

 

 

 

 

(Avevo qui un mucchietto di altri libri, dei quali mi sarebbe arriso parlare sùbito. Stretta è la foglia, larga è la via: per questa volta ho detto la mia).

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006