LUOGO COMUNE
DIARIO SIMIL-DANTESCO
Tutti i fuochi
delle controversie


      
Una extra-ordinaria, debordante partitura verbale-visiva che si snoda quasi come un film di immagini e parole, scandito in XXXIII tappe come una cantica dell’Alighieri. Nel flusso di scrittura baroccheggiante e del tutto sapiente c’è spazio per il teatrino degli orrori politici italioti; per le digressioni su Verdi (nel bicentenario della nascita) e sul “Trovatore” e sui Do di petto intonati o rimossi; per i ricordi sui ‘tre tenori’ letterari Mario Luzi, Piero Bigongiari e Alessandro Parronchi; per la segnalazioni dei libri di dilette allieve e per il magnifico “Les impostures du réel” di Frédérick Tristan; e per l’evocazione del lungo, fulgido rapporto epistolare e non con Luisito Bianchi, prete-operaio, teologo della gratuità.
      



      

di Marzio Pieri

 

 

LA POESIA NON È PENSIERO

CANTO XXXIII

 

I

POESIA

 

 

Frame, la mediateca francescana

 

 

i

Né si vede perché dovrebbe esserlo. Invidio quegli scribi molto antichi, a cui disposizione era il grafema perche. Che vale per che e perché. Noi, su queste quisquilie, ci si passa col tritatutto, con le ruote da macadam. Un insetto si posa sullo schermo del televisore, unica dubbia luce nella stanza. Parrà gigante.

 

 

II

 Mi arriva, sconosciuto da sconosciuti, un invito di quelli a raffica o copri tutto a un seminario sulle prospettive dell’Arcadia. Rispondo, sapendo che a questi messaggi risposte non ne arriva, quasi mai essi stessi arrivassero, per un ghigno o per un sorriso: Pro-spettive? Retro-spettive, retro, retro.

 

iii

 C’è poco da ridere. Bianco rosso & Verdone, scena del cimitero con la nonna.

 

Sbaglio io, come sempre. Ci siamo dentro (all’Arcadia ma anche al Cimitero). Oggi non puoi più scrivere un libro Da Marinetti A Marino, editrice “Die Schoene Muellerin”, per eventuale adozione. Ah.

 

Quale il nome della sua disciplina?

Quanti allievi conta di avere?

Frequentanti/ non frequentanti. (barrare la casella relativa)

Conta di replicare il corso il prossimo anno?

Le tesi che Lei dà sono di ricerca o di proficiency?

Che numero di calzini porta?

Ha rapporti sessuali con allievi/e? con moglie/i? compagni/e?

Si tocca?

Se ritiene di avere diritto di esaminare per eventuale adozione il libro Da Marinetti a Marino, può utilizzare l’allegato modulo o scrivere all’ufficio stampa

www.clocloclo.setsetset.

Distinti saluti.

 

 

Frame, la mediateca francescana

iv

 Il libro che ci vorrebbe, Da Enricoletta A Piersoderini, nessuno lo capirebbe. Gli allòr ne sfronda ed alle lenti svela. “La notte che morì enricoletta / lo aspettava giorgionapolitano / alla bocca d’inferno (lo sciacquone?) / Capì allor d’aver fatto confusione / fra il bene del paese e il crimenlese / e che il rinvio non può portar lontano / questo è un morbo davvero all’italiana / incollarsi alla sedia mentre impazza / fra chi rimane in piedi… la furlana”.***

 

*** D’ora in avanti è sottinteso che Ogni riferimento a Persone viventi ò scadute Non può essere che meramente casuale. Come quando Giordano Bruno, ignaro dell’invenzione degli zolfanelli, spacciava le sue Bestie Trionfanti. Graffiti di un fumetto su pannelli di polistirolo.

 

 

 

 

 

v

 

        “morto un enrico ne fai sùbito un altro / Morto un napoletano? ÷ un calabrese, un aquilano e uno di val susa”. Non c’è scusa.

         

 

VI

 graziaddio, silvio ce n’è uno solo e non ne puoi rifare. appresa la lezione, self-made man, come diceva mia zia (‘a me le mie cose mi tocca di farle da sola’). honny soit colmal depanza.

VII

  un sogno… quando esce fra un mese il nuovo dedalo, nessuno sia più in grado decrittare codesti nomi qui: silvio enrico sangiorgio l’agnolotto in una fossa di tempo. come in quel romanzo, quel film s-f dove partono gli astronauti per astri assai lontani, stanno via un mese e al ritorno è invece passato un millennio. / come nell’histoire du soldat.

 

viii

            E le Pimplee fan lieti

           

 

 

 

prima era stata la democraXia.

 

 

IX

 

 

 

 

BRLS=CRX2

 

 

 

 

X

    un millennio… riesco a intuirlo come una spianata di lastroni di pietra interminabili. cielo vòlta di neon: giallastro sul grigiastro. l’orizzonte una ciambella di zafferano. muzak nell’atmosfera. nonostante il grigiastro (argento) il giallastro (pirite) la scodella là in fondo di risotto alla Mediolanum (nonostante) è l’idea del colore che è svanita, perfino il sospetto, la pieta, l’assenza dalla mente (e dalle cose) di quelli che chiamavano i colori.

 

XI

 

                                               E le Pimplee fan lieti

 

 

 

Il nuovo Saffo (lirici greci del III millennio): - ‘passami la salvietta…’ ‘l’ho visto far la doccia…’ ‘il mio compagno aveva uno slippino nuovo di fiamma…’ ‘se precipita lekta cade il mondo…’

 

XII

     No lekta! lèpta… guarda gli orecchi da topo… un nome dolce da blandir con la lingua…. leptospirosi… non è la peste, è solo febbre gialla, una cartella intera wikipedia per dirne i nomi… da farne invidia a l’uch(r)ezzio porphyroghenito me’ dico chir’urgo, & poeta del sax di torrenocelle… ‘onomaturgo che non ha mai sonno...’

 

 

(se lo dicono loro...)

febbre autunnale o febbre dei porcai

rattospirosi mud-

fever swamp fever sugar cane fever

bushy creek fever, cane-cutter febbre

itteroemorragica pea-picker's

disease, Weil's disease, Weil's syn/drome

 

XIII

         Così la terra muore non con un bòtto basta appena un etcì (“not with a fart but a sneeze”) senti a dirlo in inglese come suona definitivo e anestetico:


This is the way the world ends / Not with a Fart but a Sneeze

 

 

II

BIO-ETHICA

 

La legge è disuguale per tutti; ma tu gioca

 

 

xiv

I SEPOLTI

I

 

A Eugenio Lucrezi

Senator magna magna unto e bisunto

XIII Tab.

I film più paurosi di sempre

 

 

M

a senza enricoletta e senza giorgio

napolitano è forse il vuoto delle

casse men duro? ove la borsa segni

uno spread che non troppo sfavorisca

le nate a specular menti mortali,

e quando vaghe di rimborsi innanzi

a noi pur danzeranno le future

ritasse o controtasse, o dolce amico,

né più nel cuore avrò, per giorni e notti,

il volo degli sghèi racimolati,

unico spirto a me che düra minga;

qual ristoro daranno a quei perduti

pochi bajocchi le infinite frasche

e i sempre desti vostri neo-arzigogoli

che da sempre inventate a darci morte?

Vero è ben, ci fu Monti! anche la Speme

solo a sentirne il nome rià i bordoni;

ma fu sempre mal cambio al maldidenti

l’insorgere d’un cancro al quagliarello.

 

 

 

I

o era certo, Silvio mio, che le mie censure ti sarebbero riescite più grate delle altrui lodi:

solo mi rincresce d’averle scritte sì in fretta e d’avere più ciarlato che detto sopra un argomento

che tanto importa a noi due; ed ora m’importa assai più: poiché dal tuo ingegno e dalla tua

fama dipende in gran parte quel po’ di contentezza ch’io spero nella mia vita. Non mi venne fatto,

o mio Silvio, d’indurre Travaglio a leggere la tua tragedia, per sapere da lui s’egli l’avrebbe

ricitata e a che patti: qui faceva da comico e da impresario – ed anche un po’ da intrigante

e la S.a *** dava qua e là molte lezioni d’arte teatrale a certe nobili sguaiate che non impareranno

mai a ricitare perché oltre la pronunzia bisogna mente, cuore ed educazione: e tu sai cosa sono le nostre

patrizie … a te ad ogni modo vorrei persuadere di rifarla (sic) e di correggere i caratteri, e sopra tutto di trovare più schietta, più evidente, e più credibile catastrofe. Ciò che mi dici della tua povertà, è indegno della tua nobile mente: la povertà va riparata col sudore, e tollerata con la costanza … Tu non devi dar una tragedia che sia or lodata ed or compatita, bensì scrivere in modo da forzare i giusti a stimarti, e gl’ingiusti a biasimarti

con quel vil livore che onora più degli applausi: credi a me, Silvio mio, e ritocca la tua tragedia che n’è degna.

(Ultime lettere di Jacopo Mortis, 1813? )

 

 

 

 

 

xv

intermedio

L’ATTANZIO

ME COGLIONIBUS

La Caduta Dell’Impero Napoletano

 


Santanchè rinviata a giudizioMaija Kovalevska in Carmen in 3D.

http://ecx.images-amazon.com/images/I/51te8ciTUzL._BO2,204,203,200_PIsitb-sticker-arrow-click,TopRight,35,-76_AA300_SH20_OU01_.jpgIl fascismo di Grillo sulla Liberazione

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/3/36/Al_di_l%C3%A0_delle_nuvole_%28film_1995%29.JPG

 

S

upplico quanti un domani dovessero trovarsi a compulsare queste figure di carta (mi è conforto la certezza che non v’è una possibilità su un milione che ve ne potranno essere) di tener conto che questa prima parte del Canto XXXIII si chiude alla mezzanotte del 1° ottobre 2013, giorno del santo Beregiso abate e di santa Teresa di Lisieux. Per domani è atteso il diluvio. Cada o non cada il giorgionapoletta. Oggi intanto, dopo uno dei soliti ventennii all’italiana, è caduto Berlusconi. Lo hanno lasciato i suoi, si dice da venti a quaranta. La notte ci riporta il Gran Consiglio.

La guerra continua.

 


xvi

I SEPOLTI

II

Gianni Schicchi (Firenze, Teatro Puccini)

 

C

hi lascia solo eredità d’affetti

Poca gioia ha dell’urna; dico l’urna

elettorale; e se pur mira a dopo

la chiusura dei seggi, o si rassegna

al compianto dei falsi amici, pronti

a venderne la pelle ora che conta

meno di quella di un somaro stitico,

O si rallegra di poter mandarli

a quel paese: e intanto la sua polve

lascia alle ortiche, il carcere lo attende,

tutti gabbati e gli verrà da ridere,

chissà che non ritrovi finalmente

il sonno, la sua parte (non partito!)

di libertà. Domani è un altro giorno.

Senza una lira e un ruolo; si rinasce !

 

"Sogno di prigioniero"

 

Q

ui non s’intenda che l’Autore identifichi l’infinita bellezza di gary cooper o l’offesa estraneità di un buster keaton perfino più bello con la goffa aria di arricchito Lombardo Sardanapalo del cavalier Berlusconi. E che resti senza una lira è una licenza poetica. Dalla sponda sinistra arriva il grido: pregiudicato; ma tutta Italia è pregiudicata. Dal Giudizio di Dio. La legge è sacra: non chi l’amministra. Li abbiamo visti in faccia, i condannatori. Non sanno nemmeno farsi la barba. Poco è dire che non ce ne fidiamo. Ormai non esco più la notte. Ma già venti anni fa, quando avevo i garretti buoni ancora per darmela a gambe, se incrociavo due, tre figuri degni del Candelaio, il poema vestito da teatro del Bruno Giordano, detto anche La Notte Napolitana, ci si passava accanto guardando ostentatamente da un’altra parte. Ma se fra il brusco e il lusco li riconoscevo vigili, poliziotti, carabinieri, vigilanti o caporali, mi si piegavano le ginocchia e balbettava il labbro. Ora che in età grave, e prossima a sciogliere il volo, unica damigella a corteggiarmi è una prostata sì prostata no, càpita come ai giovani non càpita, ch’io debba in fretta ricercare un bagno. Sabato scorso, to’, in un supermercato, ove vado da anni e vi lascio una fetta non trascurabile della mia pensione. Vedo una uscita fra una cassa e l’altra e cerco traversarla perché il bagno, la mèta, l’agognata tinozza è dilà. Si mette a sonicchiare una campanella, da trenta casse trenta cassiere mi gridano: non di lì non di lì. Accorre il Gigante Golia: porta a spasso i coglioni e le pistole. Mi minaccia. Gli spiego. Fa il terribile. Alzo le mani e mi arendo. Avrei voluto spiegargli: ci educarono uomini. Siamo gli ultimi e non ci invidierete. Solo i bambini di Montale se scoprono la finocchiona rifiutano le pappe e le emulsioni.

 

 

 

 

 

xvii

I SEPOLTI

III

le Pimplee fan lieti ... i deserti

 

http://4.bp.blogspot.com/-lcO_nLDyKm8/UWBMGlTPd4I/AAAAAAAADrk/iQaxSXPHi7U/s1600/spiaggia.jpg

 

M

a, se lo dice lui; queste Pimplèe

 

 

 

erato calliope tersicore talia

mi sa che sieno cosa poco onesta.

 

 

 

Dice ch’è un altro modo per dir le Muse;

sarà a quel mò che dicono ‘il Paese’

per intendere il loro conto in banca.

 

 

Il Buffone d’Europa tutti sbanca

dichiarando un boccino e poi lo manca

ma solo in apparenza; dietro arranca

la turba di onorevoli ed astrologi

rossi in volto per scorno e per fatica.

 

 

“Essendo questo Circo d’Oklahoma

sfondato e inetto a richiamar la gente

lo proclamo insolvente e certum censeo

ch’è da mandare fuori della contea

ma perché son magnanimo ho un’idea

migliore: ma teniamocelo! io lo voto

tanto lo so che finirà da sé”.

 

 

(Oh qual colpo, qual colpo inaspettato.

Vedi che musi han fatto. Chi va a dirglielo,

ora, ai loro elettori, che la palla,

batti e ribatti, è ritornata a me?)

 

 

Ora tirano a sorte il delegato

e quello rischia esser defenestrato.

E chi doveva andare in gattabuja

spedisce il-lepta nella fossa fuja.

(Col fischio o senza? Oibò; col tamburello!**)

**Vedi Montale, La Bufera (“ed altro...”)

i tamburelli nella fossa fuia

 

 

xviii

 

M

a dunque ci ha fregati un’altra volta.

No, che stà a dì; ha fatto solo tàttega.

Tattica, sì, ma ci ha rimessi al palo.

No, par che salga: ma nemmen’io calo.

Sarà. Che dici? volea far frittata

ma intanto Italia è di nuovo allettata.

Più che Tattica valse l’Influenza.

Spero che sia benigna. Ho consultato

il parere del Guru di Piacenza.

“Nulla di nuovo sotto il sole. Uh!

Al Piccolo Gran Corno

Con la manovra a U

Pavallo Katzo al generale Khiù

 

 

 

 

Riuscì a metterlo in Q.”

Ora mi dài sul pecoreccio. Adiù.

No, aspetta. Cavalchiamo ancora insieme.

 

 

 

 

Già mi par travedere laggiù in fondo

la mole del sepolcro (o giorni belli)

che Italia eresse a Indro Montanelli.

 


xix

da zapata a segrate

 

 

 

N

o, ti inganna la rima; eresse al grande

Signore di Gargnano, nato fra feltro e feltro,

che a temprare l’angoscia d’esser nato

privilegiato troppo immensamente,

e la noia delle ore di Milano,

si sognò guerrigliero, cacciatora

tuttatasche e mustacchi alla zapata,

e scalando a Segrate un traliccio

d’alta tensione, dicono a far pratica

d’elettricista con le proprie mani,

ch’era la grande sfida maoista,

incauto o assassinato, lasciò in terra

le proprie sparse membra nella pozza

del suo sangue. Vuoi dire feltrinelli?

Ma quello si era preso per hemingway,

un piccolo dannunzio ritardato,

nella prassi un compagno deviato.

Non ci curiam di loro; guarda e passa.

Comunque tu la metta, ci vide bene;

dicerto meglio d’altri, buoni quadri

ma cresciuti con la coscienza in secco.

Così si arriva, per li rami, a questa

di mangiapane a tradimento eletta*.

 

* Vale élite nei buoni oratori: Croce, Carducci, Dionisotti, ecc.

 

Zitto, zitto; ascolta il canto delle Pimplee.

Ascolto e non intendo; il punto è sempre

quello: CHE FARE? e invece siamo ad altro

inconcludente bivio: Essere uomini

od Onorevoli. Tira via; ti sentono.

 

 

?

 

xx

è in questo momento che il primo quello a mezz’aria

sul traliccio sente uno scoppio fortissimo uno scoppio

secco viene investito dall’esplosione ma si aggrappa

fortemente con il braccio al pilastro il braccio destro

sente un forte dolore nell’orecchio sinistro cade per

terra guarda verso l’alto ma non vede nulla guarda verso

il basso e vede lui a terra rantolante la sua impressione

immediata è che abbia perso entrambe le gambe... l’altro

va da lui immediatamente gli dice che lui non c’è è

scoppiato l’altro guarda in alto e non vede nulla guarda

verso la posizione dove c’era lui e non lo vede allora

guarda per terra e vede lui *

* Nanni Balestrini, L’editore, 1989

 

 

 

Q

ui non si dà grammatica. Neanche estetica. Fallaci dati, vani ragionari. Sono le cose che scrivono se stesse: il loro pianto di pietre. Ed è anche una contro-ascensione laica: i discepoli guardarono in alto e non lo videro. Era in terra: ci vuole tanto ad ammetterlo?

 

 

De finibus, 1 ottobre 2013

 

 

xxi

Quinci non sian le nostre viste sazie.

 

  

 

 

“l’orrore... l’orrore...”

 

 

 

III

al fuoco delle fonti

 

 

scrivere nel fuoco...

 

xxii

S

ono un lettore omerico: leggo, veggo le istorie; come i magi guardano le costellazioni. Immutabili, immodificabili. Però bruciano; tanto che a volte i magi si mettono in cammino. ‘Anchora inparano’.

Mi hanno detto che Céline odiava gli ebrei. Ma davvero? ho risposto, come quel granmaestro illuminista quando gli spiegarono che Phèdre era la storia di un incesto. Ach so?

Io so che amava i gatti e perfino i cani. “Può bastare, disse il prete”.

 

 

 

Scrittori maledetti, benedetti scrittori

 

 

Scrittore maledetto? Ognuno porta la sua croce. Non riesco a immaginarmi Luzi, poète benoît, et pour excellence! (incomprensibile il Nobel negato, ma è come con una donna, deve sapere che la desideri, ma non farla sentire né obbligata né minacciata) in compagnia di un animale. A Mendrisio, Switwerland, hanno invitato l’insigne Giovanni Reale, a una Associazione Mendrisio Luzi Poesia nel Mondo l’ultimo chiuda la portaaaaa, a presentare un libro sulla condizione umana. Scritti di Sant’Agostino e Pascal. Chissà se Giovanni Reale, che ha reso quasi popolare in Italia la filosofia degli antichi, con opera indefessa, potrebbe darmi qualche illuminazione. Magari ‘al fuoco della controversia’.

Non riesco a escludere del tutto che nel premio non concesso siano intervenute pulsioni archetipe d’ordine religioso: in fondo sono ormai 500 anni che il monaco Lutero, forte lettore di libri e buon amico delle Muse, mise a fuoco la bolla del papa romano. Ciarla ciarla, ne sono usciti due generi d’uomo. Parlino, come ormai in questa mia ultima modalità dell’esprimersi, meglio le immagini che le parole.

 

 

 

A volte, nei capricci della ‘storia’, il trenino esce dalle rotaie; ci si dà pena per tornare all’ordine delle cose.

 

 

 

Non senza qualche rimbalzo in altri ripiani del magazeno:

 

 

 

lascia...                   raddoppia !!!

 

Ancora Luzi. A 90 anni gli diedero un contentino: senatore a vita della repubblica italiana. Non è mai stato un bel segno. Il computer beffardo aveva scritto ‘stata’ e poteva andar bene ugualmente. A Luzi portò male: tre mesi dopo era morto.

 

 

 

xxiii

Les dieux s’en vont

 

 

Q

ui Luzi è a Pienza; in un suo studiolo che dicono leggendario. Noto la parete nuda, rosselliniana. Il tavolo non troppo ingombro di carte. Niente dovrebbe turbare l’idea.

Nacque a Castello (Sesto Fiorentino) il 20 ottobre del 1914; mio padre aveva due anni. Mezzo secolo dopo (1965), alla medesima data mi sarei sposato con Stefania; c’era la crisi e potemmo concederci tre giorni lontani da casa, ne approfittammo per ritrovare l’amata Ferrara (e meno male, ché pochi anni più tardi quella Ferrara avrebbe smesso di esistere, se non nei poeti d’antan) e visitare il Giotto degli Scrovegni, temo anch’esso (poco dipoi) restaurato. Si sa il restauro che cosa comporta; equalizzare tutto, lasciare i segni del comune e raschiar via le ditate d’artista. Faceva già freddo.

Nella stessa frazione di Firenze, una dozzina d’anni dopo la nascita del sommo poeta, sarebbe nato Bruno Bartoletti, un direttore d’orchestra che solo quando tornava a Firenze ritrovava il suo suono originario. Gli debbo la rivelazione dell’opera (il mio primo Rigoletto), dell’Attila e del Wozzeck. Il culmine di quella esperienza a suo modo unica fu la rivelazione del Naso di Shostakovich. Alla Pergola, regia di Eduardo e scene e costumi di Mino Maccari. Un Naso all’italiana e per grazia d’iddio cantato in italiano. L’opera era stata imposta ai recalcitranti vertici del teatro dal grande intellettuale della musica Roman Vlad. Scopro con dispiacere che da qualche mese ci è venuto a mancare anche lui.

 

 

A me son sempre accadute cose straordinarie; emeriti scalzacani della musicologia, ad esempio, si facevano un punto d’onore di punire col più evidente disdegno il mio versante musicale. Nei corridoî della Cini Vlad diede festa, per me, a tutte le fontane del suo ingegno, della sua strepitosa memoria, della sua passione conoscitiva inesauribile. Un busoniano, ma vero.

 

Boccioni: Ritratto di Ferruccio Busoni

 

Uomini di molte terre, di molte lingue, perfino fisicamente un poco si rassomigliavano. Né, stando sempre a Luzi, egli era poi una specie di eremita. Mi è cara una foto che li ritrae tutti e tre, i Trioscuri, Luzi Parronchi & Piero Bigongiari, il Triangolo di Hermete, sullo sfondo di una Firenze già ridotta cartolina.

 

 

Ah! quel canto degli alpini che mi persegue:

Il general cadorna ha scritto alla regina

se vuoi veder trieste te la mando in cartolina...

 

 

N’è morta una miriade; poi la Regina poté veder Trieste e giunse anche a considerare le conseguenze di quella disastrosa vittoria (il sangue versato non si rimedia mai) e le premesse della riperdita della Sacra città adriatica. Poi ‘territorio libero’ (lucus a non lucendo), indi restituitaci... per lasciarla morire. Inutile riscrivere la Storia. Indago le possibilità che non Roma, non Firenze, non Torino, ma Venezia potesse esser riuscita a diventare la capitale della nuova Italia. Che nazione sarebbe stata? Ma non riesco a rintracciarle. Il destino di Trieste avrebbe potuto essere allora diverso, forse lo dico perché metà del mio sangue è veneto. Simpatia, cultura, religio, indifferenza agli sghèi, mi hanno sempre distratto dalla famiglia di mia madre. Ma, pronto a far la mia ultima reverenza, so che sono non solo fiorentino.

Del resto, sono ormai, Venezia o Firenze, altre due città morte. Roma è la piaga purulenta che sappiamo, su di essa, non sulla Sicilia (che dovrebbe tornare levantina o affricana) dovrebbe posare a coprirla, a sognarla sparita, la mano, sulla carta geografica appesa al muro, il carabiniere del celebre film di Damiani (eccellente regista mediano) da Sciascia (feriale scrittore quatriduano). Trenta giorni fa esatti, tornai a Torino, per l’incontro con un editore. Ci sbrigammo sotto una tenda di caffè, il sole batteva ancora come in estate. Mi rimaneva un pomeriggio e sentii il desiderio di ritrovare la città che conoscevo. Mi sentii quasi male. Corsi alla stazione e, rimettendoci, mi feci cambiare il biglietto per scappare, scappare.

Scrissi di preferire Bigongiari, come poeta, a Luzi; Luzi non me la perdonò, Bigongiari (detto Pierone) fu nobilissimo nel contestarmi: no, Pieri, si sbaglia, Luzi abita poeticamente in un cielo più alto del mio. Certo, un tipo di poesia ama la fragilità, il candore verbale, le limpide metafore di Mario. Lui non seppe che lo avevo sempre letto, a partire da Onore del vero, che trovai su un bancone della indimenticata Seeber, nella elegantissima edizione di Neri Pozza, e che lessi e rilessi, appuntai e vocalizzai, perché a parte Ungaretti e Montale era il primo poeta italiano che, sui vent’anni, mi sarei letto. Va da sé che scansavo i poeti di moda fra quelli appena usciti, allora, d’adolescenza, Lorca o Neruda, per dire dei non italiani, e, dei nostri, il metallico Cardarelli o il volonteroso Pavese. Mi è sempre piaciuto Saba, che oggi non capisce più quasi nessuno: poeta est, non legitur. Ed Ezra e Saint-John Perse, anche nella magnifica traduzione di Ungà.

Mi arrivavano soffî dalla riva sinistra e dal centro: Pound è fascista. Perse un dannunziano. Mah. Se Uncle Ezra credette d’esser fascista (in rei veritate, ahimè, anche peggio; mussoliniano) non lo son certo i Cantos. Un critico oggi incautamente dimenticato, Cesare De Lollis, spiegò elegantemente la differenza fra Ovidio e Virgilio. Ovidio, come D’Annunzio, era in tutto e per tutto un provinciale. Tenuto fermo questo, il nastro si srotola tutto senza impigliarsi. Mi par difficile confinare in qualunque provincia il grande diplomatico Aléxis Saint-Léger Léger, che si era assunto quello pseudonimo a beffa di chi vorrebbe leggere poesia come fosse il Corriere della sera, o Le Monde. Certo, se guardo un ritratto del poeta della Guadalupa, figliolo d’un possidente francese e d’una nobile creola, posso anche trovarvi qualche imbarazzante deriva fisiognomica, sulla quale eviterò d’insistere. A chi mal pensa, faccio un nome: Heidegger.

 

 À la question toujours posée: 'Pourquoi écrivez-vous?' La réponse du poète sera toujours la plus brève:

'Pour mieux vivre.'”

 

Del resto, quella guerra per cui mi chiamo marzio, io non l’ho mai capita. Forse ci riesce meglio un lettore della bibbia o degli infiniti universi e mondi. Mondiale, con morti a milioni, quando la penso mi pare uno di quei faits divers che capitano sempre, nelle migliori famiglie, nei giorni delle feste. Parenti serpenti? Invece che fratelli, dovremmo dire cugini; o padrini o vicini o santoli. Serpenti-parenti. E l’istinto di morte, ch’è il più forte.


IV

LA LUNA

 

 

xxiv

“... l’orrendo fuoco...”

 

 

“madre infelice, corro a salvarti O teeeeeee.... co almeno / Corro a morir...”

 

 

E

cco: questo è Manrico, il Trovatore. E questo è il famigerato Otèco, l’acuto fuori ordinanza che già vivente e minacciante Verdi, i primi tenori avevano introdotto abusivamente (?) nell’opera del fuoco. Nissuno, nissuno intendi? (avrebbe certo scritto il Gattopardo di Sant’Agata al suo Ricordi, se lesivo intollerabile gli fosse apparso l’acuto, il Do di petto che Rossini, non Verdi, voleva che i supertenorissimi spuntati all’epoca lasciassero all’attaccapanni) dovrà mai osare un minimo ritocco a quello che l’Autore ha voluto. Il fatto è che quello che l’Autore Aveva Voluto significava musica che l’editore avrebbe venduto, appaltato, ristampato, e scudi del sole che si sarebbero riversati sulle pallide ombre della villa sperduta. E se una nota in più magnificava gl’incassi, i dividendi, il bottino della pregiata ditta Verdi-Ricordi, i tenori si aggiustassero; conveniva anche a loro. Il Do di petto segue la linea della storia della borghesia in progresso: è una nota fisicamente contronatura, o meglio sovrannatura, non si possiede per estensione naturale (ne esistono semmai i presupposti fisici da sviluppare) e va fabbricata, conquistata, sparata. È quello che un mio amico editore chiamava lanciare il cuore oltre l’ostacolo. Beniamino Gigli, per il quale l’opera verdiana costituì forse l’ultimo azzardo di repertorio (e spezzoni superstiti della serata romana, di poco pre-bellica, ancora documentano, precariamente ma inderogabilmente, che in quel lancio il di solito perfetto assetto vocale del grande tenore si sbaragliava non di poco, il corpo si ritrovava aldilà della barra ma, con un piede, se la tirava dietro; fuor di metafora, Gigli steccò l’Oteco), Gigli diceva appunto: è come un salto con l’asta e costa fatica alla stessa maniera. Caruso, tagliando netto alla plebea: il Do-di-petto si fa coi coglioni. (Il tenore Bonisolli, prima di abbordare la cabaletta, scaramanticamente se li toccava; o alle stelle o alle stalle). Andò dunque da Puccini, Caruso, alla vigilia di una Bohème, e gli chiese l’autorizzazione a cantare la ‘gelida manina’ un semitono di sotto. Puccini non ne fu punto contento. E si vendicò.

 

 

 

Quando ‘il grande Caruso’ si trovò ad essere il primo Ramerrez-Johnson della Fanciulla del West (New York 1910), si trovò a dover eseguire un Do acuto nel duetto tristaniano del secondo atto. Lo toccò? V’è un sindacato silenzioso dei tenori d’opera; quella difficile nota (tanto più che la tessitura del ruolo prevede un tenore baritonale, linea Caruso-Del Monaco-Domingo) fu silenziosamente amputata dalle esecuzioni di quel western di Lucchesia. L’operazione inversa all’Otèco, piazzato dai tenori per brillare. L’opera fu, del resto, fra le meno battute di Puccini. Quando, a Firenze, Maggio Musicale 1954, riuscirono a rimetterla in trono (e non n’è scesa più), il grande direttore Dimitri Mitropoulos impose a Del Monaco, caruseggiante, di riaprire quel taglio; e quel magnifico tenore che Del Monaco sapeva essere ubbidì validissimamente, in questo caso s’è serbata la registrazione della serata. Il Do è al suo posto, col suo peso simbolico: ‘sù... sù... sù... verso le steeeeellle...” (questa frase, che porta la voce a smacchiar’astronauti scomparsi, appartiene a Minnie). Ma nel disco ‘ufficiale’, e questo è davvero un paradosso, l’exploit è di nuovo evitato; la barra torna al centro.

 

 

  

 

(Caruso: “Impiccatemi... ma non chiedetemi il Do”)

 

 

 

“... verso le STEEEEEEEE.....LLLEEEEE....”

 

 

 

Caruso disegnatore: le prove della Fanciulla del West (e un bozzetto moderno dell’Osteria della Polka)

 

 

 

Le Minnie della Tebaldi, di Ljuba Welitsch e Birgit Nilsson

 

 

(e quella concorrente del musical...)

 

Nuovi Riti /Nuovi Miti

La Giarrettiera e la Colt

 

 

 

Minnie 2010 (<S>para-lulu) / Lulu 2008 (<S>para Minnie)

 

 

Lulu/Minnie

 

   

 

Minnie alla riscossa

 

E, per paura di quell’accidente di nota, Del Monaco deluse i suoi ammiratori (e quanti eravamo!) rinunciando in extremis ad eseguire l’atteso Trovatore alla Scala; così la Maria Callas dovette mettere in repertorio una parte che, probabilmente, da sé mai si sarebbe cercata (era uno dei ruoli della Tebaldi al massimo splendore), Maddalena di Coigny nell’Andrea Chénier. E in una avventurosa messa in scena televisiva (allora la RAI poteva e voleva), fu ancora più enigmatico: piazzò alla fine del terzetto atto primo (è quello che si vede nella Luna di Bernardo Bertolucci,

 

 

ma le voci son quelle della registrazione di Thomas Schippers, Corelli, Robert Merrill e Gabriella Tucci) un sovracuto non di prammatica... e abbassò d’un tono la pira. (Nel disco ‘ufficiale’ la esegue benissimo in tono, ma gli orchestrali del Comunale riportarono che aveva dovuto emetter la nota a parte, avvinghiato al leggìo nello sforzo – una incollatura inesperta rende ancora sensibile all’ascolto il ripiego). Anche Corelli, che in disco emette un magnifico DO, da parere una bomba, non ha cantato mai, in teatro, la parte in tono e mai, anche facilitata, senza patèmi e sudori, che facevano parte del ‘suo’ personaggio. Pavarotti, ai suoi giorni più belli, fu lanciato per ‘Re del Do di petto’; e ce l’aveva, dapprincipio. Ma il Do di petto, pe’l Trovatore, è condizione necessaria però non sufficiente. L’intuizione dei personaggi, da parte di Pavarotti, era sempre un poco blesa, finché non deviò nel nazional-popolare di Gigli, reso da lui internazional-popolare. Cantava magnificamente, l’alterigia di Verdi gli restava nativamente estranea.

 

 

Nella galleria dei trovatori illustri è da valutare l’opposizione Jussi Bjoerling/Richard Tucker; l’uno a volte citato come ‘il Caruso svedese’ e questo è davvero insensato, perché Bjoerling è quasi l’idea del tenore arcangelo, se gli arcangeli avessero mai avuto un timbro solare come quello di Jussi, e Caruso andava a razzolare nel supervirilismo meridionaleggiante. Tucker, semmai, potrebbe essere un Lauri-Volpi (il Manrico per eccellenza della tradizione italiana, il Manrico del Duce, con tutti i DO al loro posto) ma cresciuto in un ghetto nordamericano, educatosi ai canti della sinagoga, e superbo verdiano per pura intelligenza musicale. Le copertine dei loro Trovatori, pubblicati dalla RCA uno all’inizio l’altro alla fine degli anni cinquanta, sono eloquentissime: notturnale e romantico il primo (dedicato non alla pira ma alla grande scena del Miserere, che tanto piaceva a Saba), tutto spade e vampe il secondo.

 

 

Ma anche Tucker poi abbassava il solito tono o semitono (non ho l’orecchio assoluto). Venne il direttore Muti e ammutì le note non scritte. Difese validamente la sua scelta e convinse o costrinse a condividerla i suoi tenori. Ma l’opera era ormai entrata nella sua fase non più di leggenda.

 

 

Fitzcarraldo ama l’Opera ma l’Opera riama Fitzcarraldo?

(sotto: Una scena dell’Attila con la regìa di Herzog)

 

 

 


xxv

La morte in Loggione

 

 

M

i perdoni il lettore probabilmente digiuno o intollerante delle storie del vecchio loggionismo. Mi era festa, nel loggione del Comunale, incontrare il caro Luigi Baldacci, che aveva una decina d’anni più di me e che io leggevo sui quotidiani fiorentini fin da rregazzino. Lui, Bigongiari, De Robertis il Vecchio, perfino Contini, abitavano con minore o maggiore frequenza la terza pagina di quei grandi fogli, che io divoravo come un affamato si nutre anche di talpicine o di grame locuste. Loro erano i nobili animali usciti dallo zoo, in visita vagamente pastorale in terre d’inchiostri davvero meno eletti. Io li stavo a contemplare stupito, incauto ne assunsi il veleno; ed eccomi qui, a ricordare quei morti – chissà che io non scriva ormai soltanto per questo –, con desiderio incredulo di poterli magari rivedere. (Del resto, questa gita in camporella fra dischi e tenori me l’hanno suggerita quella foto dei Tre Tenori dell’Ermetismo Fiorentino – Bigongiari, Luzi & Parronchi – e quella spaccata sull’istinto di morte. Difficile intendere Verdi se non si parte da qui. D’amore si muore, lo sa soprattutto colui che si sente sgradito all’amore. Quanta gente, in Verdi, muore sulla soglia delle nozze; o dopo averle, intendetemi sano, appena appena o pregustate o assaggiate; o represse).

 

 

Non dico Otello, chiamato a scontare col martirio di tre atti l’estasi della notte amorosa di una raggiunta Cipro; perfino il grasso e lieto Falstaff dovrà passare dal giogo del coitus interruptus o della felicità negata. Prima costretto a nascondersi nel baulone dei pannolini biechi (i panni sporchi, secundum Boito) e a subire l’onta (ed il rischio di morte) del volo dalla finestra nell’acqua della fonte sottostante. Poi agghiacciato dall’avvento, in fondo sottilmente temuto (se non desiderato) delle Fate; e ruzzolato come un otre nella notte del bosco stregato, sotto la Quercia di Herne. Tutto nel mondo è burla, sta bene. Non è detto che tutti, a cominciare da Falstaff, nella sua castigata (dal mondo) vitalità, se ne consolino come par che vorrebbero mostrare.

 


V

LE IMPOSTURE DEL REALE

xxvi

Le ocre di Pistoia

 

 

Dipinto di Stefano Bonfreschi ( www.losguardodellaltro.com )

 

B

igongiari lungo le mura di Pistoia (qualcuno ricorda che ad esse si intitolava uno dei suoi maggiori cicli poetici), Luzi nella sua cellula di Pienza, fuori del magma (furono sempre splendidi i titoli di quel poeta intelligentissimo, La Barca, Avvento notturno, Quaderno gotico, Onore del vero, Primizie del deserto, e altri, del tratto finale, eloquentissimi, Al fuoco della controversia, Per il battesimo dei nostri frammenti, Dottrina dell’estremo principiante – mi son tornati a mente nel ricevere Aldilà delle barricate del nostro Palladini, che non riesco ad allontanare dal mio tavolo di lettura, anche nell’illusione che prospettano di ridarci un ‘nostro’, molto più problematico, Berchet), Sandro Parronchi, coraggioso e mite. Tutti e tre furono, anche, insegnanti universitarii, e c’entra qualcosa, lo pensai fin d’allora, dico da quel 1960-61 in cui misi piede da scolaro nell’università, e mi accorsi che i buoni voti dell’esame di liceo non erano davvero sufficienti, che nessuno di loro, e nemmeno il loro compagno di via, l’entusiastico Oreste Macrì, e nemmeno il giovane, e certo non ermetico Baldacci, avevano trovato posto nella sede più prestigiosa della Facoltà di Lettere, confinati ciascuno di loro nella ruga medievalista di via del Parione, al Magistero. Mi veniva da pensare all’Aventino o alle Catacombe.

 

 

Ad essi, più che ad altri più ovviamente (non parevano rendersene conto) soltanto italianisti, apparteneva una ricerca che non avrebbero certo battezzato col nome bieco di interdisciplinare; li pervadeva l’integrità dello spirito. Parronchi, ad esempio, sembrava nel suo verso naturalmente sposare l’eredità di Raffaello e quella di Leopardi. La ‘scuola d’Atene’ pareva del tutto ovviamente non trasferita ma rinnovata in Urbino, dove il poeta (laureatosi in storia dell’arte e da sempre amico ed esegeta di pittori) fu professore in quella disciplina. La sua monumentale raccolta di saggi intitolata alla ‘dolce prospettiva’ è uno dei quattro o cinque libri italiani di riferimento per lo studio della storia dell’arte nel secondo Novecento. L’attenzione a Rosai lo portava a Pratolini, col quale negli anni eresse un vero monumento epistolare, (i due volumi di lettere di Sandro a Vasco, e di Vasco a Sandro, editi da Polistampa, dovrebbero esser fra i libri di chiunque ancora si occupi di letteratura italiana, magari per dimostrazione che non ogni utente delle vecchie pìstole era arido come l’epistolografo Calvino), anche e quando il romanziere era caduto in disgrazia per colpe vere o presunte del passato. Piangiamo, proprio mentre scrivo, la morte del magnifico Lizzani, precipitatosi dal balcone della sua casa nei Prati di Roma.

 

 

Ricordo (ero appena adolescente) quando girarono il film tratto dalle Cronache di poveri amanti, nel quartiere di Santa Croce così simile alla San Frediano a due passi donde ero nato e vivevo. Era allora davvero, ancora, Sanfriàno un quartiere selvaggio, in attesa di essere scoperto dagli snob ben forniti di dollari o marchi tedeschi. Ci si chiedeva: ma è Firenze o il suo risvolto popolano e anarcoide? Allora, fanciullo alla domenico savio, quasi me ne vergognavo; oggi è l’unica Firenze che rimpiango. Era il west della povera gente che non si piega.


 

xxvii

Frontiere selvagge

 

Ottone Rosai - Via Toscanella 1922

 

 

 

 

Non tutti hanno mostrato di essersi accorti che dal film di George Marshall (Texas, 1941) Lizzani trasse più che uno spunto per il primo dei suoi unici due western (inizialmente coperti da uno pseudonimo) Un fiume di dollari e Requiescant!, con Pasolini e Lou Castel. La storia è più o meno la stessa e, insieme, rasenta quella dell’unico western girato come regista da Marlon Brando (One-Eyed Jacks). Vicende cristalline, insieme ambigue, così l’ermetismo (estraneo naturaliter a Lizzani come poetica avvertibile quasi come un Aventino dei poeti, nell’aria mefitica del fascismo imperante) esce dalla porta ma occhieggia dalla finestra. Lizzani, regista di Achtung banditi!, è anche il regista dell’infernale (sebbene comicissimo) Carabiniere a cavallo, con Nino Manfredi, della Vita agra, da Bianciardi, con ugo Tognazzi, le Cronache di poveri amanti (con castità proletaria e comunista) non impediranno, a tempo giusto, l’ingresso in quel Kleinhoff Hotel che col suo allampanato erotismo tenta di spiegare il terrorismo tedesco nei suoi rapporti con la borghesia doviziosa, curiosa e irresponsabile. Ma i critici di sinistra, si sa, sono terribilmente sessuofobici, e quelli di destra snobbavano un film di Lizzani a bobine non svolte.

 

Film Still

 

Ancora: il versante francese di Luzi; quello ispanista di Macrì. Robbe-Grillet, Buñuel, Resnais. L’oscenità più limpida. La nebbia.

 

 

Hiroshima mon amour

 

 

Intanto, dilagano i nuovi cinémas d’essai. E a fronte: – la scoperta del Seicento fiorentino, fin allora più anche snobbato che declassato, appartiene a Bigongiari (e alla Mina Gregori, guardando al Seicento lombardo-ticinese testoriano); Bigongiari, diversamente da Parronchi, non veniva dalla storia dell’arte (si era laureato con Attilio Momigliano). Aveva occhio, gusto della vita, curiosità ben oltre che specialistica. E un orecchio alla storia, ne percepiva i flussi sotterranei, i più lontani smottamenti o riposi. Una sola parola di quei fenomenologi e le cose apparivano più rilevate e relate. Preziose e quasi oscene, come reliquie in chiesa. V’è nel bello una perversità.

 

Da Furini a Balthus

 

 

Beethoven restò sempre inconsolabile del fatto che Mozart avesse prodigato musica di Paradiso a una storia di mera Oscenità.

 

 

V

TRISTAN

xxviii

Le imposture del reale

 

 

Balthus, Ragazza con gatto

 

O

ra temo anche di avere perduto il filo; non mi son mai deciso se fosse la vergogna o il pregio, il decollo di una scrittura. Che fa rima con mura. Mentre scrivo, ho una punta al cuore, insolita. Vagando in cerca di immagini delle mura di Pistoia, la metonimia ha imposto (su wikipedia) immagini delle mura di Firenze. A ritrovare la Porta San Frediano, il Torrino di Santa Rosa, la piazza Verzaia, quello che per convenzione chiamiamo il cuore mi si è come fuso. Dolorosissimamente. E poi, una immagine (quella di sopra, di un a me ignoto pittore Bonfreschi) mi induce a scorrere una piccola presentazione, Le ocre di Pistoia, finché non mi accorgo che l’avevo scritta io, non mi ricordo quando, non mi ricordo perché, probabilmente per una richiesta degli amici dell’associazione “Lo sguardo dell’altro”. Non fui mai tenace (come diceva il caro Franco Croce, il barocchista della parte avversa [lo storicismo secco ed opimo]) delle cose che uscissero dalla penna che solo per convenzione si potrebbe chiamare mia.

 

 

Trovo questa cartina, per mero caso: in alto a sinistra, incredulo osservo, c’è il campo Marzio. Con una diagonale verso destra, l’antica fortezza di Santa Barbara. Tornando verso sinistra, scendendo, una via Cavallotti. In una via dedicata a quello spadaccino chiacchierone morto di spada (una punta in bocca), aveva sede uno dei miei primi, soffertissimi carceri: la scuola elementare “Francesco Petrarca”. A fronte, la piazza della chiesa, col parroco a disperarsi dell’oltraggio inflittogli, che la chiesa dovesse affacciarsi sulla via intitolata a un mangiapreti, a un negatore di Dio. Ancora sotto, nella cartina, la via Piero Calamandrei. Con lui si era laureato mio suocero, uno dei pochi, pochissimi che mi vollero bene, indulgendo ai miei più appariscenti difetti di poco più che ragazzo.

 

 

C’è anche una Pistoia sotterranea (come le fogne di Parigi dei Miserabili, un libro che quasi divorai da bambino, c’era fra i pochi pochi libri di casa una edizione popolare Barion, in parecchi volumi rimasti in parte intonsi). Trovo che fra mura e castelli sparsi per la Toscana v’è una rete misteriosofica, da alcuni indagata. Toscana magica... Forse per questo, oggi, il cuore mi fa male, qui se non fuggo vado all’ospedale, qui se non fuggo abbraccio l’orinale, come suonava la mossa di Giuseppe Giusti da Monsummano? A Monsummano, per ordinazione, ho acquistato un elemento essenziale del mio apparecchio discografico. Lodatissimo in Francia, con me non ha serbato le promesse. Ma ora è tardi per cambiarlo con un altro.

 

 

 

Agriturismo a Monsummano Terme          Le Mura di Pistoia: Quello che resta    Firenze: Lungo le mura di Santa Rosa, da Porta San Frediano al Torrino sull’Arno

 

 

E questa che ci fa? La trovo nella sezione-google ‘le mura di Pistoia’ (le percorrevo svelto, sceso dal torpedone, per arrivare a tempo all’inizio delle lezioni, nella prima scuola dove insegnai). La mia casa d’oggi dà sull’ultimo dente delle mura di Reggio Emilia: dalle finestre posteriori del mio appartamento le veggo visitate dalle scolaresche, traversate da rapidi passanti, ridotte a pisciatoio per vesciche di vecchi o di senza casa. Una poltrona simile, non rossa ma kaki, è entrata in questa casa, dove sono venuto per morirci, pochi mesi fa, per sovvenire a un crollo che non ci si aspettava di mia moglie. Il cervello è una macchina, salvo che serba sorprese.

 

 

xxix

Dovuto a Tristan

 

 

 

O

 imposture? Les impostures du réel si intitola il nuovo libro di Frédérick Tristan. Tristan (il nome è un magnifico ma trasparente pseudonimo, come lo fu quello di Tristan Klingsor per uno nato Léon Leclère, musico, pittore, scrittore d’arte, poeta, partito simbolista, poi intimo di Ravel) è forse il più perfetto scrittore d’oggi nella lingua francese. La fascetta editoriale (Bernard Pivot, “Lire”) parla di una “potenza ineguagliata” e, in realtà, avrebbe tutte le ragioni alle quali appoggiare questo giudizio. La mano di Tristan, così leggera mai morbida, la mente di Tristan, perfettamente nutrita di interessi non solo letterarî (so di essere poco esatto, con questa espressione che mi scontenta, tanto io credo nella ‘scrittura’ in sé, ab origine, ‘sacra’ in tanto quale, odio per questo gli scribacchini e, in massa, i giornalisti), richiamo che lo scrittore francese è anche un grande iconologo medievista e studioso di ideogrammi e anagrammi, di ermetismi e massonici misteri, la mano, dicevo, di Tristan potrebbe indurre un lettore inesperto o frettoloso a puntare su una sorta di ‘camerismo’ mirabile, di ravelismo essenziale. Dirla potente corregge il tiro, come circondandola di un alone sonoro maestoso ed impressionante. Ma io, quando sento dire potente, penso a Carnera (compagno di esercizî muscolari col mio nonno materno) o a Duilio Loy, già pargoletto esplosi divertito in un ‘ma di chi parla?’ leggendo un solenne critico di parte fortiniana affermare che il poeta Loi (a nome, Franco) era ‘il poeta più potente di tutti’, dunque intendevasi franco o duilio? Il pur tenue legame di universitevole comunanza che mi stringeva a quel collega in excelsis si ruppe all’istante, o quasi.

Il prodigio, e questo sì, di Fréderick Tristan è il saper essere insieme lievissimamente favoloso e insieme denso come una torta nuziale di strati che affondano nei circoli più rimossi del cervello e della memoria. La favola è affidata a una scrittura così fluidamente musicale che a volte, leggendo, mi dico: ma sto leggendo od ascoltando un disco? La memoria non è una sorta di pésca delle meraviglie in un oceano universale. La mira, la scommessa è darci intera la Francia; Tristan conosce come nessuno l’arte di non sottolineare: naturalmente uno si accorge che dove evocava la voce, mettiamo, di Racine, si è poi spostato e fu sensibilmente (ma, insensibile, l’atto del trapasso) a Flaubert, a Proust, o magari anche a France o a Gide o a Sartre. Trasumanar significar per verba non si porìa. Tutto accade ‘nella’ letteratura ma nulla esiste ‘fuori’ della letteratura.

 

 

Jacques Resch, Tête morte

 

 

“La minuscola sala di campagna, dove il giovedì proiettavano film, il pomeriggio, a partir dalle quattro, luogo di polvere e meraviglie dove andavo ad accogliere il mistero, mi ricordo della sua cassa in forma di castelletto dove la marionetta incaricata della distribuzione dei biglietti, scritti a mano su carta a quadretti di scuola fieramente si ergeva, l’ingresso mascherato da una tenda che occorreva scostare per penetrare in quel luogo sacro, e i panchetti rivestiti di stracci il cui schienale s’abbassava con un romore di molla arrugginita, ma più di tutto del fascio di luce, carico delle volute di fumo delle sigarette che, non sapevo da quale scaturigine, traversava l’oscurità perché sbocciassero le immagini in bianco e nero di Charlot pompiere o non so più di che storia che un uomo vestito da donna si dannava l’anima a volersi arrampicare lungo un muro per arrivare a un balcone. [...] Non erano le storie ad attirarmi, del resto non le capivo che a frammenti, incapace di collegare le immagini l’una con l’altra, ignorando i processi di montaggio che, ai miei occhi, non erano che pezzi sparpagliati d’un puzzle di cui non arrivavo a congiungere i capi. Mi affascinava più di tutto la sfilata inesorabile del racconto, nel quale degli esseri umani si ritrovavano appiccicati come mosche sulla carta gialla e lucente, che si attaccava in cucina. Babbo Munot [il vecchietto gestore della sala] mi aveva spiegato coi suoi termini di paesano che ‘la foto animata è presa una volta per tutte come una volpe in trappola, e nemmen Dio potrebbe farci nulla’...”

(solo una traduzione di servizio...)

 

 

Nemmeno un dio.

Non ci vogliono secoli, né atlantidi sommerse, né guerre universali. Chi potrebbe ridare quel brivido d’esserci, nella nera conchiglia di un cinemino (ricordo una sala di piccola stazione di vacanze, sull’apennino di Pistoia, vi si entrava da una casa del popolo grave di fumi ed odori di bibita cattiva, vi vidi un randolph scott, un drammone francese che si chiamava le mura di Malapaga – vedi ora che le musiche eran di Roman Vlad ! , ricordo un buco parrocchiale, ci si andava a piedi in piena luna, da Prunetta, ove un gioco di vènti rende il cielo stellato fin oltre, proprio, l’ultimo orizzonte), ai ragazzi della domestica carcere televisiva? Les cinémas d’antan... ahhhhhhhhhh...

 

 

xxx

 

Lettore, io credo ormai soltanto nel montaggio...

 

inception miglior oscar 2011 effetti speciali

Inception, le immagini del backstage

 


 

VI

THREE WOMEN

 

 

 

Tre donne intorno al cor mi son venute...

 

 

 

 

xxxi

SUNDAY SCHOOL

 

 

S

i ‘montano’ anche esperienze, diramazioni. Cresciuta con me sulle frontiere del Barocco (la mia piccola ‘scuola’ sta ultimando la prima edizione completa delle opere del Cavalier Marino e questa mia antica allieva, e altri allievi miei pochi ma valorosi, mi dànno l’illusione di poter durare qualche mese, chissà, qualche anno, nella memoria terrena, aldilà della mia incinerazione), Luana Salvarani ha gettato un inimmaginabile ponte fra letteratura marinista, ratio studiorum dei gesuiti e, da ultimo, in un libro sorprendente, l’invenzione di un modo di scuola non coatto sulle vere frontiere del Far West. Sunday School Literature (questo il titolo del libro) esce in una collana universitaria (‘Teoria e storia dell’educazione’, del colto pedagogista Francesco Mattei) ma persegue gli obiettivi d’indagine dichiarati dal sottotitolo – Letture e formazione dei giovani americani ai tempi della Frontiera – con una apertura mentale insolita per chi esce da studî di base rigorosamente fedeli alle barriere di una singola disciplina. Che gusto, in questo mondo che declina, parlare di un mondo che sorge, che si inventa, inventandosi.

 

 

Quando, ancora con le piaghe del dopoguerra, sentimmo che nel nostro rione aprivano un nuovo cinema (e fu poi il favoloso e lercissimo ‘Universale’, per decennii la gloria del Pignone, poi declinante in brago col porno da pensionati) il primo film in programma fu proprio l’opus heroicum, l’epos di Frank Lloyd. E, quella sera, c’eravamo tutti.

 

 

How the West Was Won

 

Una città, ancora a lungo, si partiva in rioni o quartieri (regiones). In ognuno c’era almeno una scuola, una chiesa, una casa del popolo, un cinematografo e, a volte, un ambulatorio. Serviva più che altro alle periodiche vaccinazioni. Il nostro quartiere ne era sprovvisto e, in anni di Peppone e Don Camillo, mio padre, libero nei suoi movimenti in quanto commerciante, si prodigò per farne aprire uno, dentro la casa del popolo (ex-casa del fascio) e, per la prima volta dopo la caduta del regime, un prete si convinse a varcarne la soglia per benedirlo. Si era a Brescello o ad Abilene Town.

 

 

La domenica di ‘My darling Clementine’

 

Uscirne si sentiva come violare un tabù.

 

 

 

The Big Trail (John Wayne)

 

“Nell’ottobre di quell’anno [...] mi proposero di visitare Coyote Creek e vedere se riuscivo a organizzare una Sunday School. Dopo aver raccolto i nomi di un po’ di persone che abitavano lì, sono partito da Fayetteville, Arkansas, giovedì mattina presto, per arrivare a mezzogiorno di venerdì. Quando mi fermai per la notte mi resi conto che ero a quindici miglia dalla valle. La mattina dopo c’era nuvoloso, e dal nord soffiava un vento gelido; ma partii allo spuntare dell’alba, per fare le quindici miglia. La strada era pessima, e i miei cavalli erano costretti ad andare piano. Raggiunsi presto le profonde gole tra le montagne. Vedevo solo solitudine, ed è ciò che sentii quando il paesaggio si scoprì. Mi feci coraggio, tuttavia, pensando che sarei presto uscito da quei luoghi tetri nella valle di Coyote Creek. Le ore passavano e le colline, poi le montagne, diventavano sempre più alte, e il passaggio sempre più stretto. Il sentiero diventava sempre più aspro e cupo, e iniziavo a pensare di essermi perso, quando arrivai nel luogo più desolato di tutti. Tuttavia, poco dopo, scorsi più avanti una targa di legno legata a un albero. Ebbi la certezza che era l’amico segnale, e, incalzando i cavalli, mi avvicinai per leggerlo. Sul legno era scritto a grandi lettere nere: “Per l’Inferno, cinque miglia”...”

 

Dante riscritto (umanizzato) da Fucini o da Ippolito Nievo, tradotto (verificato) da Mark Twain o Bret Harte. Ma sentite come traduce questa nuova pedagogista.

 

 

“Nella valle c’è una piccola chiesa dipinta, sulle rive di quel bel ruscello, e la gente viene richiamata ogni domenica mattina dalla campana. I saloon clandestini e i contrabbandieri non fanno molti affari, là. La gente ha capito che una Sunday School e una chiesa sono molto meglio”.

 

Io non lo so, ma così, fra il tocco dell’umile vero e un riso sotto i baffi da osservatore disincantato, sembra vero davvero. Uno si dice: ci siamo.

 

 

The Sun Shines Bright (John Ford)


 

xxxii

Il filo di Arianna

 

lab

 

U

n’altra mia antica allieva, Alessandra Ruffino (collaborò con me, col suo braccio sinistro di storica dell’arte, oltre che di letteratura, alla edizione definitiva della Galeria del Marino, testo tanto citato quanto mai letto dagli storici dell’arte professionali, e scovò tutto quello che si poteva scovare sui pittori citati dal poeta – chi non ci crede, cerchi il libro e metta in opera il cd visuale allegato) ha appena pubblicato un testo ormai caduto dalla memoria del grande Enrico Thovez (Torino 1869-1925), Il filo d’Arianna (Studi di lettere ed arti, in appendice il frammento stupendo Augusta Taurinorum). Il libro esce nella nitida Biblioteca Aragno dell’editore piemontese. Thovez è soprattutto rammentato, ma normalmente in nota, per un suo libro stato dirompente, Il Pastore, il Gregge e la Zampogna, dove il ‘pastore’ è Giosue Carducci e bersaglio continuo (anche per i suoi plagi) Gabriele d’Annunzio. Averne, oggi, il libro così, di un artista e scrittore che non ha freddo ai piedi. Ma, legato intimamente anche alle provocazioni del quotidiano, alle leggi della polemica, potrebbe fatalmente trasformarsi in uno scrittore qui non legitur, in un inattuale (come, devoto a Nietzsche, non ebbe tema di mostrarsi ed essere, pagandone le conseguenze fino all’ultimo carlino) che sarà meglio evitare, come esotico frutto velenoso. La Ruffino sopperisce con una introduzione vasta e in perpetuo dialogo con l’autore, da lei evocato quasi a un incontro spiritico. Dice bene: avrebbe potuto essere un Praz, se. E quei se la studiosa analizza con forza d’uno ch’è nato alla critica. Pensare che si addottorò all’università di Torino e non uno mosse (tranne il rimpianto Marziano Guglielminetti) un mezzo dito per trattenervela. Peggio per loro, in una facoltà ridotta a un supermercato.

L’ultima occasione per rimettere in pista Thovez (in realtà Thovex, come Morgex, valdostano, da leggersi dunque alla francese) fu, saranno trentacinqu’anni, quando Einaudi ripubblicò Il poema dell’adolescenza, a cura di Stefano Jacomuzzi. Corse voce di una poesia cosale, materica, prepavesiana; e perché no. Non si poteva dire che anche Papini, ad esempio, nella sua esperienza minoritaria di pensatore in versi, aveva tentato qualcosa del genere. O perché non citare Michelstaedter, che l’adolescenza appena appena arrivò a sorpassare. E anche, più avanti, Borlenghi. Credo che, riletto oggi, il poema parrebbe meno estraneo. Ferrigno come un Sironi, come un Giacometti. Piacerebbe ad Adriano d’Ivrea.

 

 

 “Io so bene che alla sua austera nudità [di Torino] ed alla sua ingenua rozzezza debbo di aver potuto svolgere liberamente la mia anima e la mia mente, fuori di ogni lusinga di eleganza decorativa, d’ogni compressione di memorie storiche strapotenti, d’ogni insidioso fascino di grandezza passata; io so bene che nei boschi della sua collina non cimati ad arte dalle stridule cesoie dei giardinieri, ho respirato la verginità della natura intatta e la poesia sottile di parvenze che hanno già la serietà pensosa della natura settentrionale [...]. Sì, io le debbo di aver creduto che l’arte sia una cosa seria e non un gioco, e che anche in essa il carattere sia una cosa necessaria...”

 

Ora quella Torino era scomparsa, si lamentava il poeta, in chiusura dell’Augusta Taurinorum: “è scomparsa, coi suoi difetti e con le sue virtù secolari, per lasciar il posto a un grosso borgo industriale, senza fierezza e senza eleganza, senza carattere e senza rilievo, popolato di gente nuova, piovuta a inurbarsi dalla provincia, non d’altro preoccupata che di sùbiti guadagni...”

E la Ruffino, al volo: “Se la datazione di Aug. Taur. ha per termine ultimo il 1909, a quell’altezza cronologica la Fabbrica Italiana Automobili Torino festeggiava appena il decennale della sua fondazione. Il peggio doveva ancora venire”.

Ed è l’ultima nota di un preziosissimo libro.

 


 

xxxiii

Vicus Boldonis

 

U

no dei primi film che vidi, bambino bambino, si chiamava, mi pare, Il sole di Montecassino e rievocava la storia di San Benedetto. Ne ho ritrovato or ora il poster d’epoca. Quanto mi entrò nelle carni l’immagine del santo che si avvolge nei rovi. Era il 1945, ero davvero un cinéphile mignon. Benedetto era Fosco Giachetti, icona cinematografica del fascismo cattolico o del cattolicismo fascista (Lo squadrone bianco e L’assedio dell’Alcazar e Bengasi di Genina, intellettuale organico se mai ce ne furono), stato anche Giuseppe Verdi in una biografia romanzata del nostro grande  Carmine Gallone (1938) reduce appena dall’impresa del mussolinissimo Scipione l’Africano, e il Verdi vinse a Venezia la coppa del PNF , soggetto e sceneggiatura del Montecassino mescolavano Diego Fabbri, il regista Giuseppe Maria Scotese, (sarebbe poi seguìto un Apocalisse, sulla morte in battaglia di Giuliano l’) e perfino Mario Monicelli, musiche sinfonico-corali impressionanti di Giovanni Fusco, pioniere delle musiche da film, destinato a diventare il Nino Rota di Michelangelo Antonioni fino al Deserto rosso.

Insomma, qui lo dico e qui lo nego, Benedetto da Norcia stava fra i miei eroi a pari merito con Sandokan e con Buffalo Bill. Non mi è andata giù, con buona pace delle televisioni di regime, la enigmatica sostituzione di un papa Benedetto con un papa Francesco. Ora et labora, debbo averlo già scritto, mi par meglio che andar in giro come zingari a chiedere limosina.

Quando il poeta Sandro Sinigaglia mi parlò delle poesie di un suo amico che stava al convento di Viboldone e non aveva avuto risposta, nonostante gli ingenui solleciti del poeta gurgandino, dall’inflessibile Contini, gli dissi digli che me le mandi. Le ricevetti e, nella mia ignoranza, ne credetti l’autore l’abate del convento benedettino. Si seppe poi che si trattava d’una abbazia di suore benedettine, Viboldone (Vicus Boldonis), alle porte di Milano, presso la quale l’irrequieto e geniale Luisito Bianchi, un prete, già prete-operaio, teologo della gratuità e, basterebbe già questo, uno che dava da pensare a tutte le curie, era stato comandato come organista e confessore. Inutile tornare su una amicizia di quasi vent’anni, che (oso sperarlo) diede un poco di luce a tutti e due. Un imponente epistolario potrebbe, a chi volesse, dimostrarlo. Vidi con occhio lieto l’ascesa a una sorta di viva gloria pubblica dell’autore di un libro alla cui nascita avevo presenziato, contento di vedere accettato il titolo che mi venni di escogitare per esso, La Messa dell’uomo disarmato. Vorrei fosse ben chiaro: il mio rapporto con Luisito non era del tipo ipocrita e dolciastro ‘ah se avessi avuto in sorte di avere la fede...’ o pinzillacchere simili. Non son cattolico, detesto e pavento ogni religione, credo quella italiana la fonte del male italiano, del cinismo e ateismo italiano, non sono ateo, credo che quello che chiamiamo dio sia una sorta di essere parallelo al nostro e incomunicante con noi. Nella pratica, avvenne a volte che io mi trovassi ad ascoltare le confessioni di Luisito.

 

 

Poi cominciarono le disgrazie – una serie inquietante, nefasta dell’amico: già sostenuto e corretto da replicati by-pass coronarici, entrò nella fase in cui di continuo cadeva. Bastava uno scalino, un tratto al buio. Passava da un ospedale all’altro. Sono i modi in cui uno punisce il successo ottenuto per essere riuscito, per avere aspirato a ottenerlo.

Gli stetti vicino, ma solo per lettera. Una corsa a un ospedale dove doveva essere ricoverato andò a vuoto, per un improvviso trasferimento dell’illustre, del caro degente a diverso ospedale di diversa città. Non ci saremmo più visti. Paradossalmente, l’ultimo piccolo dono (a lui devoto alla musica) che potei fargli, fu inviargli una scatolina di dischi di Poulenc. Volevo chiamarlo alla gioia.

Fra me e Luisito fu spesso mediatrice la Madre Ignazia Angelini, badessa del monastero di Viboldone. Donna degna, serena, attiva, autorevole, spiritualmente raffinata, coltissima; insegnò storia della spiritualità monastica in una facoltà di teologia. Ci siamo sempre sentiti al telefono, con lunghi intervalli di silenzio che non comportano lontananza ma rispetto profondo. Naturale mi viene di chiamarla Signora. Ora esce un suo libro, messo a punto da Pierfilippo Pozzi, un laureato alla Cattolica (<in logica> – o vale lo stesso: <in logica, alla Cattolica?>); probabilmente senza l’assistenza pratica del curatore la Madre Ignazia non si sarebbe decisa a pubblicare il libro (Mentre vi guardo, Einaudi, Stile Libero Extra). Io però avrei fatto un fioretto perché la Superiora lo avesse scritto tutto da sola, serbandoci nel modo più diretto e fedele la propria voce. Resta comunque un libro fuori dell’ordinario e se ne esce intellettualente arricchiti. Questo è esprimersi aldiqua dello stile, senza le preoccupazioni della scrittura, nella sua faccia debole che è la forma.

Qui riecheggia la voce (sempre più mossa e ferita) di Luisito, il grande amico nostro:

 

“La gratuità ha e sprigiona da sé una corrente di libertà. La si può gustare indipendentemente da Gesù: anche se la sua presenza [di Gesù] pervade l’universo, non è detto che venga riconosciuta e nominata. [...] Il tema del segreto messianico [...] penso si traduca anche in uno stile cristiano, questo stile di comunicazione che detesta l’ostentazione e ama una sorta di anonimato, l’umiltà e il timor di Dio che trattengono dal nominare invano il suo nome, soprattutto là dove è stato molto inflazionato il linguaggio religioso e bisogna quindi ritrovare la purezza del linguaggio della fede, capace di sfiorare il silenzio”.

 

Non cristiano, a me restava la parte del giullare da fiera; donde questo stile mio strepitoso, baccante, timidamente dionisiaco, che a tanti dispiace.

(mrz.pri/x.x.xiii)

 

der bajazzo

 

*** Ma oggi volevo proprio farmi del male, ho seguìto così (ma cenando) la trasmissione verdiana credo diretta da un pancifico opinionista corseraiuolo per RAI-3. Alla fine della seconda parte non ne ho potuto più. Sfilavano anche volti a me noti, dall’antipurgatorio di Parma; un granmaestro che assomiglia a Wagner e scambia Verdi con Zavattini o Guareschi (e vale, naturalmente, anche l’inverso), alcuni ex-studenti somari da me sciaguratamente graziati e che ora si fanno chiamare professori, e sempre sempre sempre le solite fregnacce sul padre del risorgimento, sul W VERDI, ‘pianse ed amò per tutti’, sulla straordinaria solidità che stringe insieme la cosiddetta Trilogia Popolare, e con l’entusiasmo asseverativo commosso di chi proclama verità inconcutibili. Purtroppo i bicentenarî passano e le beotitudini restano. Ma c’è chi si lamenta: i giovani (oggi vuol dire i bamboli, i pargoletti che i nonni ben foraggiano di denaro da spendere), i ragazzi di oggi non amano l’Opera. Come potremmo non ringraziarne Iddio? E poi i soliti soprano in ritiro dal secolo scorso, gli abbaiamenti di un baritono ‘nobile’ veneto, le stonature di un altro baritono (di Castiglion di Pepoli) ma che almeno potrebbe insegnare cos’è il fraseggio verdiano, scandito e mosso e non sonnolentemente ‘legato’, un caro tenore messicano inopinatamente pensionato dalla voce mancatagli che con fitta gesticolazione esalta (giustamente) il Don Carlos e puntualmente gli montano contro il beniamino dell’oggi, un baritenore che scambia la parte del figlio (il principe matto Don Carlos) con quella del padre (il crudele monarca Filippo II), ch’è un basso. Come diceva quello nell’Armata Brancaleone: ‘scapùma’.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006