INTERVISTE
ALESSANDRO BENVENUTI
“Zio B.”:
i soprannomi diventano col tempo una cosa meravigliosa


  
A colloquio con l’attore e regista toscano che ha ora pubblicato un album di quattordici canzoni che come in un ‘Diario di bordo’ rivanno alle radici della sua storia musicale. E insieme aprono il cammino ad una nuova avventura artistica dove sperare che ‘I mostri non tornino’. Nei testi del cd si snocciola un punto di vista più personale ed intimo ed uno legato alla visione di un individuo italiano di oggi. Intanto su Youtube si possono vedere i video di due brani: ‘Zio Birillo’ e ‘La Domenica dei Gelsomini’.
  



  

di Iolanda La Carrubba





Zio B. un album di 14 canzoni, di 14 racconti attraverso l’Italia che inizia con “21-08-09 (diario di bordo)”. Cosa contiene il diario di bordo, quali ricordi, quale futuro?

 

Il primo pezzo: ‘21-08-09 diario di bordo’, è un omaggio alla mia vecchia band musicale con la quale ho portato in giro per anni il concerto ‘Capodiavolo 01. Racconta un viaggio verso la Versilia dove la sera avremmo tenuto un concerto. L’ho scritto mentre si viaggiava. Ci ho messo dentro quello che vedevo e tutto quello che ci dicevamo durante il viaggio dal Valdarno a Serravezza.  Mi rammenta un periodo molto bello, pionieristico, passato con gente che credeva in ciò che faceva. Ho voluto che ad aprire questa nuova avventura musicale, fosse un pezzo che cuciva il passato con il presente di Zio B. Del futuro, nel pezzo, non si parla. Finisce ad un certo punto… come tutte le cose, del resto.

 

“Perché i mostri non tornino”, dunque in questo album si cela il metodo per far sparire mostri nostrani o per addomesticarli?

                                

No, non credo. La mia è solo una speranza. Ma per non far tornare i mostri dovremmo estirpare dalla testa della gente la mostritudine che ha dentro. Mi pare un’impresa francamente ardua, impossibile. La gente gode nell’esser mostro, ignorante, pressappochista, furbega (furba una sega), carogna, egoista, disonesta, etc etc… è troppo complicato passare dall’altra parte, troppo faticoso. Lasciarsi andare alle peggio cose è molto più facile che controllarsi o pretendere il meglio da se stessi. Il mostro è la normalità ormai. L’essere umano l’eccezione. Al momento non ci sono speranze, temo, che possano vincere i buoni.

 

Questi brani dal carattere unico ed ironico, robusti ma riflessivi  sono stati scritti e composti in momenti particolari del trascorso italiano, oppure sono più legati ad una storia personale che si rifletteva nell’oggi?

 

L’una e l’altra cosa. C’è una storia generale, ovviamente vista dall’ottica di uno Zio B (di un singolo italiano), e quella più personale di uno Zio B. che vive il suo tempo raccontandolo nelle pieghe più intime.

 

I brani sono legati anche a dei video che si possono trovare su youtube, quale dei video-clip fin’ora realizzati è stato non solo costruito seguendo criteri e logiche di quei stilemi registici che contraddistinguono il cinema di Alessandro Benvenuti, ma è stato un divenire di legami affettivi, lavorativi fino a farsi veicolo della segreta formula della felicità?

 

I brani ufficiali pubblicati su youtube per ora sono solo due: ‘Zio Birillo’ e ‘La Domenica dei Gelsomini’. Entrambi sono stati realizzati da Giacomo De Bastiani del Centro di documentazione audiovisiva del Comune di Pontassieve. È stato un lavoro discusso con me, ma affrontato da Giacomo in piena e totale autonomia creativa. Lui ha avuto la mia fiducia. Io mi sono messo a servizio del suo tempo e del suo ingegno. Lui mi ha chiesto consiglio più volte, io ho cercato di affiancarlo nella sua fatica, ma sempre con l’idea che il responsabile ultimo dovesse poi esere lui. Per fortuna accade, quando le persone si incontrano nei modi giusti e con le intenzioni in comune, che non ci fossero decisioni che non fossero condivise da entrambi. Un’intesa perfetta, ma il merito maggiore, mi piace dirlo, spetta a lui. Diciamo che ho avuto la fortuna di trovare una persona che ha sposato il progetto. Questo fatto ha dato gioia e soddisfazioni a tutti.





Alessandro Benvenuti in concerto


Come si è formato il gruppo di lavoro sul progetto musicale Zio B. di cui: arrangiamenti – Franco Fabbrini; suonato da Matteo Addabbo, Leandro Bartorelli, Franco Fabbrini, Riccardo Pardini, Luca Ravagni, registrato al SAM recording studio di Lari (Pi) da Mirco Mencacci e Andrea Ciacchini ad eccezione dei sassofoni registrati da Sandro Ferrini, voci registrate da Francesco Leporatti al Civico Studio (Roma), assistente di studio Marco Gorini?

 

Con Franco ci siamo incontrati per primi e dall’ascolto dei provini è nata la nostra collaborazione. Luca Ravagni e Matteo Addabbo sono stati proposti da lui e da me accettati per la simpatia e il rispetto professionale che subito è nato fra di noi. Leandro Bartorelli e Riccardo Pardini sono stati proposti da Mirco Mencacci, produttore, e da Andrea Ciacchini, il suo compare in affari musicali e oltre dopo che ne avevano provinati diversi. Loro sono stati scelti perché erano i più bravi in assoluto fra tutti quelli ascoltati. In più, anche loro, sono due persone adorabili. Meglio no?

 

Come nasce il titolo Zio B.?

 

Era il soprannome che mi avevano appioppato da piccolo: Zio Birillo. Una cosa infamante, allora. Una cosa meravigliosa oggi. Il tempo si sa, muta le cose cambiandone i valori.

 

Sulla pubblicazione cartacea del libretto dei testi, in ultimo vediamo una foto racchiusa in un rombo, sullo sfondo giostre ed in primissimo piano leggiamo “Sempre si vince”, è un’esortazione al fare?

 

Sì, ma non intesa come la intendevano quelli della protezione civile quando a capo c’era il Bertolaso del C….o!

 

Prossimi progetti?

 

Spero di non avere più bambini.

 

 




Scarica in formato pdf  


  
Sommario Interviste

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006