SPAZIO LIBERO
MUTAMENTI TECNOLOGICI
Dalla fotografia
ai computer quantici


      
Il progresso tecnico-scientifico ha sempre prodotto delle ricadute che hanno segnato la storia dell’evoluzione sociale. Questi avanzamenti riplasmano anche la cultura e il nostro modello di vita. Oggi il cambiamento passa anche attraverso una quantità massiccia di informazioni che invade mass media e new media e reclama network di sistemi operativi sempre più veloci e avveniristici. Intanto nei musei finiscono i primi videogame, trattati alla stregua di ‘tecnosauri’.
      



      

di Iolanda La Carrubba

 

 

Ogni forma di cambiamento tecnico/scientifico ha fatto scaturire nella storia dell’evoluzione sociale non solo curiosità nei confronti di un dato sviluppo o di una tale scoperta, ma ha anche portato uno slittamento, un mutamento radicale nelle abitudini dell’adesso e del conosciuto, scatenando tra le generazioni imprevedibili divergenze.

 

I punti di distacco paradossalmente collimano con quelli di unione, ovvero tentare di scoprire come apportare un miglioramento nella vita di tutti i giorni, stimola e coincide con lo sviluppo di approfonditi studi in campo psico-teorico; ad esempio l’inventore  della lavatrice, il teologo tedesco Jacob Christian Schäffern (1718-1790), non avrebbe mai potuto immaginare che la sua invenzione sarebbe stata anch’essa parte dei simboli embrionali del venturo movimento femminista che rappresenta una donna libera ed in grado di gestire il suo tempo non più in base alle “faccende domestiche”,  ecco quindi che una rivoluzione tecnologica permette di modificare e migliorare il rapporto tra tempo e qualità del tempo.

 

Designer come Philippe Starck posseggono specifiche qualità come la capacità di modellare la materia, sia essa per uso quotidiano sia essa a fine espressivo, fondendo le necessità in base al luogo, allo spazio e allo scopo (alla fine degli anni ’60 ideò una casa gonfiabile come dimora per idee innovative ed in grado di sovvertire costumi e dettami tecnici ormai superati). Antropizzare dunque in modo colto, in grado di riutilizzare quelle conoscenze e quelle sperimentazioni, anche in base al riadattamento del luogo, del fabbisogno umano e della costante crescita della provocatoria presenza delle avanguardie (penso ad esempio a “l’orinatoio” di Duchamp).

Così ad oggi in questo complotto consumistico dallo scarso contenuto civico-morale, l’umanità è travolta e coinvolta da nuove e strabilianti scoperte, le stesse che decontestualizzate vengono esposte in qualche museo d’arte moderna.





Felix Nadar, Autoritratto in mongolfiera (1858)


Numerose furono le controversie nel periodo di passaggio tra la pittura e la fotografia durante il quale si formarono diverse scuole di pensiero. Nadar, giornalista francese (1820-1910), fu il primo a realizzare una fotografia aerea, temerario, abbracciò favorevolmente il metodo di riuscire a catturare, grazie alla tecnologia fotografica, quei brevi ed irripetibili attimi poetici per farne arte, esempio meraviglioso fu il suo “autoritratto”. Altri invece vedevano questa nascente espressione come un caso, un placebo per definire arte qualcosa nata come svago; tra questi anche il poeta Lamartine che nel 1858 definiva la fotografia – un’invenzione del caso che non sarà mai un’arte ma un plagio della natura da parte dell’ottica –, per ricredersi anni dopo.

 

Durante la scoperta della fotografia molti erano gli eventi ed accadimenti che risuonavano grazie agli allora “metodi di divulgazione”, penso al libro pubblicato col titolo L’ultimo dei moicani.  Misurando questa coincidenza di fatti con quello che ad oggi con altri mezzi e con altre frequenze avviene, potrebbe sembrare poca cosa, ma calandosi negli usi e nei costumi di quei tempi, si potrebbe acquisire una vaga consapevolezza di quanto potesse “fare notizia” questo strabiliante doppio avvenimento. Da un lato quello culturale all’epoca più clamoroso e ben accolto, la pubblicazione di un romanzo dal quale ancora oggi vengono tratte opere cinematografiche e pièces, dall’altro quello per così dire sperimentale, la tecnologia visiva.

Ecco, dunque, l’avanzamento delle tecniche fondersi nell’arte, fino a rieducare concetti radicali conducendoli verso lidi inesplorati; dalla fotografia alla cinematografia approdando infine a quelli che oggi vengono denominati mass media.

 

Pertanto, con l’avanzamento di massicce quantità di informazioni nasce nuova necessità di comunicazione e di riadattamento mediatico in base appunto alla mole di informazione e al tempo di espansione di una certa news.

Tutto è divenuto più veloce e conforme, dunque, ad una evoluzione del sistema operativo basico di smaltimento dati, ma così come da un lato esiste e vive  la velocità  che prende il sopravvento sull’ordine, dall’altro lato troviamo un mondo affamato di network di sistemi operativi sempre più avveniristici. Questo dualismo parrebbe essere stillato dalla teoria dei multiversi quantici (MWI)  argomentata dal fisico David Deutsch, uno tra i principali teorizzatori dei computer quantici con realizzazione dei quali sarebbe possibile dimostrare l’iper-struttura cosmologica del MWI.  

Dunque vite parallele e pluristruttura di una società complessa che vivrebbe e si rigenererebbe on-line in questo altro  mondo di tempi venturi e passati dove con un clic si potrebbe arrivare addirittura a decidere le sorti di un intero stato.

 

Sorge ad oggi una complicazione, ovvero come gestire e smaltire l’accumulo di rifiuti high-tech (RAEE), che soprattutto in paesi tecnologicamente sviluppati si accumulano nelle discariche: computer, stampanti, telefonini e video-game. Tuttavia alcuni dei “rifiutati” sono stati fortunati, trovando accoglienza nel favoloso mondo dell’arte, riscattandosi così in un prestigioso luogo espositivo come il Moma di New York. I criteri di selezione si sono soprattutto concentrati sul design e sull’eleganza del codice, tra i prescelti: Pac-man, Tetris, SimCity ed altri 11.

Curioso ed interessante è attendere, senza preconcetti, cos’altro il futuro ci riservi anche se come sosteneva Albert Eistein: “è più facile spezzare un atomo che un pregiudizio”.





Il videogame Pac-man nato nel 1980



Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006