LETTURE
DANIELE DEL GIUDICE
      

In questa luce

 

Einaudi, Torino 2013, pp. 189, € 18,50

    

      


di Rossella Grasso

 

 

Eccomi qui, davanti al foglio bianco. Quante volte, dalla prima? Quante volte ancora, fino all’ultima? Non son balle, scrivere è difficile. Per tutti. Si è soli, dopo le chiacchiere, le discussioni, gli incontri, le letture. Si è soli e fa fatica”. Inizia così In questa luce di Daniele Del Giudice. L’autore occupa completamente la pagina mentre apre al lettore le porte della sua scrittura. Già dalle prime battute il lettore lo immagina nella penombra accogliente del suo studiolo, immerso tra libri e pensieri, intento a scrivere chino sulla scrivania illuminata da un raggio di luce calda. Con quest’ultima pubblicazione Del Giudice accoglie il lettore in quello studiolo e con il cadenzante ritmo della sua voce racconta il suo essere scrittore e le sue manie. È mania la mezzanotte, il proprio lavoro, scrivere e narrare, la luce, le macchine, le città, lo spazio, le fortezze reali e immaginarie, le carte geografiche, il cinema e la fotografia. Ma sono mania soprattutto il tempo e il volo. Le manie che include nel libro, raccolta ibrida di saggi, racconti e libere riflessioni, sono tutti i suoi protagonisti di libri passati e probabilmente futuri.  Sono l’anima e il pensiero dello scrittore, che, con In questa luce decide di svelare al lettore, per accompagnarlo in un viaggio lento e profondo, quasi come un dolce naufragio.

 

Si legge nella nota dell’editore all’inizio del libro: “si tratta di scritti editi e inediti, selezionati non tanto con intenzioni di archivio, quanto con l’idea di ripercorrere il vivo cammino di uno scrittore che nei modi del saggismo e della scrittura narrativa sempre intrecciati ha saputo ascoltare come pochi i libri degli altri, l’arte, il cinema e il linguaggio di alcuni saperi tecniciquello del volo su tutti – come fonti per immaginare le forme del mondo e le pieghe dell’esperienza”. In questo senso Del Giudice cita nei suoi scritti la sua geneaologia letteraria. Cita come suoi massimi ispiratori Robert Louis Stevenson, Italo Calvino, ma soprattutto Joseph Conrad, forse quello che più di tutti lo ha ispirato per le sue osservazioni sulla scrittura dei bollettini per i naviganti: una scrittura che salva la vita, responsabile, perché una parola sbagliata significa morte. Ecco, per Del Giudice la scrittura è un’azione importante, fondamentale, e proprio per questo carica di sacralità. Ogni parola di Del Giudice è ben ponderata e concretizzata: vuole unire indissolubilmente la realtà alla scrittura, senza togliere all’una all’altra le sue peculiarità. Come ha osservato Cacciari, Del Giudice da un lato cerca con la scrittura di conoscere le cose e dirle come ci appaiono “in questa luce”, appunto; dall’altro a ogni frase “viene tolta la terra sotto i piedi”, come si legge nel libro, e la descrizione più precisa diviene esercizio di fantasia.

 

Forse proprio per questo motivo Daniele Del Giudice ama il volo: ti permette di vedere le cose da un altro punto di vista, complessivo e sommario insieme, da cui non è possibile dare per certo nulla. Lo scrittore è appassionato di volo, pilota aerei e questo gli permette di fare una serie di riflessioni che affianca alla scrittura. Scrive: “Io credo veramente che con due sole cose il volo abbia a che fare, oltre che con la tecnica: con il mito e con l’infanzia”. Spiega che il volo insegna ai piloti a non tener conto di ciò che credono di vedere, e che mentre per i piloti ci sono gli angeli custodi che li aiutano comunque a seguire la rotta, per gli scrittori non c’è nessun angelo. Lo scrittore è solo con il suo foglio bianco.

 

Proprio per non perdere la retta via, Del Giudice suggerisce di porre sotto la luce la realtà, di illuminarla. In uno dei suoi saggi, In questa luce, da cui prende il nome l’intera raccolta, lo scrittore si interroga proprio sul ruolo della luce nella realtà. Si chiede: Si può conoscere la luce che è ciò che ci permette di conoscere? È certo che abbiamo un “rapporto d’amore che ci lega alla luce” perché è ciò che ci permette di vedere, grazie a cui la realtà si manifesta visibile al nostro sguardo, attraverso cui riconosciamo e chiamiamo gli oggetti protagonisti delle nostre scritture.

 

Oltre alla luce anche il tempo è fondamentale nella vita dell’uomo e altrettanto fugace. In Mercanti del tempo, il brano che si avvicina di più al racconto, Del Giudice insegue il sogno di poter comprare il tempo perduto. Un calzolaio marocchino a Rabat, un ingegnere in Veneto e una scienziata norvegese conducono l’autore alla scoperta del Tempo pensato come prodotto da vendere: in un piccolo negozio di calzolaio e altre cianfrusaglie, in una grande industria o in un supermercato, il tempo si vende in gocce, come un bene preziosissimo. 

 

Ci sono due aspetti molto curiosi delle trattazioni di Del Giudice. Il primo riguarda la traduzione. Nel saggio Sulla traduzione scrive le sue teorie su cos’è la traduzione e il lavoro che porta uno scrittore a cominciare il proprio lavoro non più da una pagina bianca ma da una nera. Racconta aneddoti di Gide traduttore, non sempre efficace e grande amico di Conrad, un sorprendente Artaud, che dal manicomio in cui è rinchiuso chiede parole da tradurre e zucchero e semolino per vivere meglio, diventando il traduttore di Carroll.

L’altro aspetto interessante riguarda il suo rapporto con il linguaggio. Scrive: “A me piacerebbe essere uno scrittore barocco, gaddiano, ma sento il lessico come una trappola, una gabbia dorata... preferisco investire di più sulla sintassi, la nostra sintassi italiana è unica per capacità di snodo e complessità, di accelerazione e di rallentamento, ha una sua modulabilità che nessun’altra sintassi europea possiede”. Del Giudice è un vero amante della lingua e sa gestire le parole con grande abilità, con uno stile limpidissimo che non appesantisce nemmeno una riga dei suoi scritti.

 

Oltre a narrazioni meditative e riflessioni filosofiche, Daniele Del Giudice si perde anche nei ricordi. Racconta dell’ingresso della televisione in casa e dell’approccio di lui bambino a quella strana scatola nera che solo in certi orari produceva immagini. Con tenerezza descrive lo stupore che destavano in lui tutti quei puntini luminosi che prima o poi, come per magia avrebbero prodotto immagini reali. Racconta la sua passione per il cinema attraverso le immagini stampate nella mente: “Cary Grant che piroettava in un salotto, James Dean, truccato da vecchio alla fine del Gigante, Totò sui tetti  che spiegava come si scassina una cassaforte”. Sono i ricordi teneri di una vita intera che hanno formato lo scrittore e che ancora lo inducono alle riflessioni contenute nei brani di In questa luce. Per l’autore sono state fondamentali anche quelle passeggiate, diurne o notturne nelle suecittà invisibili”: la più appassionata e sentita forse è quella notturna tra le piccole stradine piene di nebbia di Venezia, la sua città. Come un vero peripatetico Del Giudice riflette camminando e conosce gli aspetti più incredibili delle città.

 

Ogni pagina di In questa luce è un pezzo del cuore di Daniele Del Giudice che talvolta sembra quasi faticare nell’offrirlo al lettore che segue con affetto le sue riflessioni. Si affatica nell’esprimere i suoi pensieri più contorti e talvolta si impelaga in noiosi tecnicismi e sofismi difficili da seguire. Piccole cadute di stile che si perdonano a Daniele Del Giudice che con questa summa di pensieri si conferma essere un valido scrittore e custode della teoria del fuoco sacro della scrittura.




Scarica in formato pdf  


      

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006