LUOGO COMUNE
DIARIO D’AUTORE (31)
Se il manager accademico resta un maneggione


      
Zibaldonesche note che divagano dalle esecuzioni di Wagner e Verdi alla deplorevole deriva delle librerie di Reggio Emilia. Distillando poi ricordi sui felici romanzi di Mario Tobino e sulle, invece, infelici trame universitarie tra corsi e concorsi più o meno manipolati da presidi prepotenti e faccendieri. Meglio occuparsi delle opere di Odilon Redon o del saggio di Guido Mattia Gallerani su Roland Barthes, laddove nel solco di Giacomo Debenedetti viene da riflettere su Mario Lavagetto e Gabriele Frasca, perfette teste di critici. Con il secondo studioso fresco autore di un monumentale “Joycity. Joyce con McLuhan e Lacan”.
      



      

di Marzio Pieri

 

 

 

Atanasia della critica

 

 

Mi alzo tardi (è domenica) e mentre butto giù un caffè mogino mogino (lui, non io, che ancora nel sonno non ho ancora deciso se tirar sù la carta del mogino o quella del farnetico savio) scopro che dànno in tv la Walchiria della Scala. V’è la coppia mirabile femminile della Waltraud Meier e della bellissima Stemme,

 

 

 

La Stemme, la Meier: Wagner di oggi e di ieri

 

 

come a dire una Birgit Nilsson, e. g., in gara con una Netrebko, bellissima anche di più ma che a Wagner non si potrà mai accostare. Siegmund, Hunding sono due inglesi, o meglio anglofoni (il tenore è neozelandese), mai approvati dagli esperti belcantisti della felice Penisola. Aspetterei da loro l’indicazione del nome di due cantanti italiani, un tenore lirico-eroico ed un basso vilain, capaci di andare al Covent Garden a sostenere le identiche parti nell’originale tedesco o, come in Albione volentieri fanno, in una traduzione inglese. L’ultima Walchiria scaligera l’aveva diretta un italiano, Riccardo Muti, con ottimi risultati (la ‘giornata’ riuscì con tutti gli onori seppure con riserve dei ‘bidelli del Walhalla’) ma senza séguito nemmeno per Muti. Mistero di un interprete iperdotato e culturalmente ingenuo, operoso in una terra di nessuno. Barenboim, questo musicista universale, fino a un grintoso o conciliatorio cinismo, ‘mai sorga un dì in cui battere la fiacca’, a me piace (anche come modello da seguire) più d’ogni vecchio gringo direttoriale di oggi. Nato pianista, fattosi direttore (e ormai, fra i grandi, unico tranne l’indiano-fiorentino Zubin Mehta, a dirigere anche l’opera, più faticosa e meno lusinghevole) ma senza smetter d’essere pianista, divide con Mehta una forza serena, rischiando anche di più. Barenboim suona il suo concerto anche se la tastiera non gli arride, per una sera,  e non mi viene in mente abbia disdetto mai una andata in scena per dissidî col regista o con un cantante. Il suo Wagner, dice, risente della antica lezione furtwaengleriana (e questo è anche un bel segno, l’incontro fra un maestro nazionalsocialista – Furtwaengler, per antica cultura e nobiltà di famiglia, era convinto di poter digerire ben altri massi che non il baffobuco austriaco – e un musicista ebreo che da venti anni si sforza con atti concreti, ben più concreti delle nobili chiacchiere dell’ONU, di conciliare ebrei e palestinesi, nell’insanguinata Terra da troppi eoni Promessa) ma la cosa che a me pare più bella di Barenboim è lo scarto da un asserito ‘centro’ dell’opera da eseguire. Sembra sempre un ragazzo che suona allo stato vergine, lasciando che la musica respiri o si addormenti, torni a soffiare e volontieri si distragga.

 

***

 

“Sono un bambino che vede la prima volta il colore celeste,

un demonio che bistra gli occhi col nero

e indugia davanti allo specchio.

Ho immaginato troppe cose

e il sasso che le lavandaie urtarono

per anni con acqua e sapone

e lindo brilla è il mio animo

 

...................................................................................................

 

e un’avida attenzione mi sorveglia

uguale alla miriade d’insetti

che tra le radici della campagna

si accoppiano, bevono, guardano,

respirano, si uccidono”

 

(Mario Tobino, L’asso di picche, Vallecchi editore, 1962, in copertina un guazzo a colori, ballerina con le sue calze a rete, di Mino Maccari)

 

è una poesia dell’ultima sezione (1947-’54) del libro. Me lo indicò mia figlia su certe bancarelle bisestili, qui a Reggio Emilia. In questa Reggio io ci sono venuto per morirci e non c’è amico che mi dica addio. Lascio ai miei figli gli occhi, pronti nel cogliere su un panchettino il libro scaramazzo, su un catalogo il disco che cercavo da anni. Mio figlio ha trovato per me, negli anni, il Concerto dell’estate di un Ildebrando Pizzetti mascagnano (!), diretto per la Decca da un direttore quasi solo d’opera, Lamberto Gardelli (nato a Venezia, aveva assunto cittadinanza svedese, lavorava bene in Ungheria, non piacque a Parma con un suo Falstaff, mi dicevano che perfino chi scaldava i caffè sù in loggione sarebbe stato in grado di insegnargli il mestiere, ma il mestiere di Parma era averci i quattrini e ora che quelli se li sono bevuti fino alla feccia, e hanno smarrito il credito, il fauno è ignudo e sozzo nei boschi di Carrega, fra bande di talponi, funghi merdosi e qualche rara vipera). Mi ha scovato la Quinta di Beethoven diretta da un Pierre Boulez dei favolosi inizî (usciva dalla Sinfonia Fantastica di Berlioz senza imbratto di tavolozza e ubriacatura di letture cattive, lo sono quasi tutte quelle dell’Ottocento, ma nelle matematiche avendo riscoperto quello che resta vero, quod superest in veritate rei, da buon lettore di Valéry). L’altro giorno è venuto con un disco ove il tenore Cècchele (‘conosce, professore, il tenore Cecchèle?’, così a Parma) eseguiva in anni non sospetti le più scordate (nel doppio senso) arie del Verdi giovane e semigiovane, cavatina e cabaletta, cavatina e cabaletta. L’ho confrontato con una iniziativa analoga (nel centenario bussetano del 2001) del Grande Domingo (‘The Great Caruso’, baritenore anche lui e, anche lui, sempre col cuore in mano e una lacrima sul viso; intendetemi sanamente) e perché in Domingo, giustamente più illustre e più musicista, con voce più dotata (ma bloccata al passaggio di registro) e mezzi tanto più doviziosi (il ‘suono’ di Cècchele in teatro tendeva a retrocedere, il disco lo avvantaggia) la ‘forma’ verdiana appare intollerabilmente ripetitoria, tutta uguale, tutta commossa e tutta grandiloquente, e in quel tenore minore mai divenuto davvero un indiscusso, le emozioni si ascoltano più vere, scoperte anche nella loro verace banalità, e lo scatto delle cabalette, ettoree, epicheggianti, furibonde, è così scatenante? Sembrano tante ‘pire’. Certo, in questo, aiutato da un direttore, mancato davvero giovanissimo, Maurizio Rinaldi, che fu compagno di Franca Valeri. Dopo una Battaglia di Legnano data in Mantova, con tre cantanti mai assurti alla gloria ma prestantissimi, almeno in quel contesto (lei, al sommo delle sue venture, fu l’ancella di Leonora di Vargas in una mirabile Forza del destino scaligera), ricordo una dolcissima vecchietta che spazzolava i capelli unti di sudore del suo uomo. Non sto ad aggiungere che nessuno di questi tre dischi ritrovati è mai stato ritenuto degno di un prolungamento di vita in CD. Meno che mai il Beethoven di Boulez e qui subodoro un divieto d’interprete.

 

***

 

Gardelli avrà diretto un Falstaff poco sinfonico, così lo ascoltai un mezzo secolo fa da Bruno Bartoletti, uno che dirigeva bene l’Attila del Bussetano (allora inascoltata o molto male ascoltata) e il Naso di Shostakovich, novità per l’Europa. Falstaff, semplicemente, va diretto tenendo l’orchestra in fossa (quelle da noi universalmente sperimentate non sono che delle sottofosse, ingombranti alla vista e nell’eccesso di suono) e lasciando ai cantanti lo spazio recitativo per che si colga ogni loro battuta, riflessione amara, improntitudine e, sovrana, la beatitudine.

 

 

***

 

Non osavo più entrare in libreria, benché quella di Reggio sia folta di commessi simpatici, che mi festeggiano. Ma è ormai una succursale degli Adelphi e dei Meridiani. Ed è un palazzo di due piani, con televisioni, un pianoforte (a volte vi si addestrano dei diplomati giovani ed ex-giovani, se il giorno è nato fausto diteggiano del giàzz), poltrone e tavolini, solo che se cerchi un poco di filosofia, è relegata su un banchetto come quello al quale ora siedo computerizzando, e, non tutte le stagioni, dalla parte davanti e da quella di dietro del mobile. Quella talora invasa da libri di psicologia e perfino di puericultura. Filosofia, poi, sono i soliti Zecchi da salotto, Agamben (il vasetto da notte e la morte, la morte e la marmellata, yogurt & thanatos, pare che vadano molto anche se gli italiani poi si segnano a veder due forchette che fanno croce fra loro), Reale (Platone a fumetti; Gorgia e McLuhan; le Stanze del Vaticano; opera omnia con testo a fronte di San Terebaldo de Castro Preputio protettore del Caciopecorino), e, più inviso di tutti, l’Emanuele, questa sorta di spaghetti-Heidegger o Schopenhauer alla matriciana.

 

 

 

 

O il salotto tv, per farla breve, o l’anticamera della Morgue, sospetto poi che siano soltanto una cosa identica divisa in due locali. I buoni commessi lo sanno e pare che si scusino con me.

 

***

 

Fra le leggende poco metropolitane (Reggio comunistissima aveva mantenuto una certa aria di cultura ‘del libro’, v’era una storica libreria del Teatro, oggi salvaguardata da una legge contro l’esproprio, ma in vetrina espongono soltanto robe locali, qualche chicca miliardaria dell’antico Maria Ricci, e sull’uscio, a lenzuolo, il Vernacoliere!) v’è quella d’una Libreria Rinascita che la proprietaria volle trasformare nell’attuale magazone a festa e d’un direttore di libreria che, oppostosi invano e nel silenzio universale, fece come quel disgraziato del Monte dei Paschi di Siena. Si lasciò andare a volo dimenticandosi intenzionalmente le due ali sulla scrivania. Pronto Agamben? ‘I pascoli e la morte’.

 

 

***

 

Ma Berlusconi paga esageratamente un pompino. Tornate alle pippe, tanto non è mica vero che piange san Luigi o si doventa cèchi. TEOREMA: San Luigino Piange Per Non Poterci Aver Secosé Ruby? (E seco-seco oggi, e seco-seco domani, sarà che non Gli bastano le mani?)

 

 

***

 

Non osavo più entrare in libreria. Ora non oso nemmeno soffermarmi alle vetrine, sbirciarvi passando. Guardo da un’altra parte. Sembro un ladro che scappa sotto le telecamere.

 

 

***

 

Vidi una volta Tobino; era stato lanciato dal suo splendido libro resistenziale nel breve cielo dei noti. Era seduto in platea della Amicizia, un circolo privato (per poterci giocare impunemente a poker) che aveva un teatrino di cose per lo più fiorentine. Per qualche anno se ne occupò, da lanciatore libero, mio padre, sempre pieno di iniziative; e lo affittava una teatrante, Dory Cei, che si vantava di avere appreso il metodo Stanislavskij alla scuola di Eduardo. Mio fratello fu per quegli anni l’attor giovine della compagnia; si azzardavano a qualche Pirandello in similsceneggiata, erano rinomati per le ‘piccole opere’ (il Gatto in cantina, l’Acqua cheta, il Giocondo zappaterra) e qualche vaudeville (memorabile una Presidentessa che non lesinava in scena grazie straordinarie, gambe lunghe e guepière, una vera iniziazione al più gaudioso voyeurisme) ma qualche volta allungavan la mira (gli fu negato in extremis di metter sù un’Anima buona di Sechuan, cui forse avrebbero tolto tutte le ambiguità che Bertoldo sapeva ammanicare). Tobino venne per una Mandragola del Machiavelli. I Sessanta erano bene avviati ma la Curia non mancò di insorgere; si ricordò che Machiavelli era all’Indice, che comprare il biglietto per quella commedia comportava scomunica automatica. Tobino era uno splendido uomo, una sorta di George Sanders, e si accompagnava ad una signora che poche volte ne vidi poi di più belle. Traversai di corsa il Ponte alla Vittoria (quello sulle Cascine, di fronte alle quali ero nato) e tornai galoppando al teatro, durando l’intervallo fra un atto e l’altro (il teatrino sorgeva a Porta a Prato, pochi passi dal Comunale) per fargli firmare la mia copia del Clandestino. Oggi me ne vergogno e torno a dire che mi aveva sospinto mio padre; ai padri tutte le colpe. Ma quando nel disordine dei volumi che mi franano intorno ritrovo quella copia autografata, me la rigiro fra le dita con qualche vanto. Raro frequentatore di romanzi, avevo saputo immediatamente identificare l’incompatibilità fra quella nobile cronaca e i romanzetti cassolbassaniani. Fui tobiniano anche nella sua battaglia perduta contro la legge Basaglia. Avevo letto le Libere donne di Magliano, che è capolavoro anche di stile, ma questo, lo dovremmo sapere, è sempre una restrizione, vuol dire ch’è un libro per scrittori. Trovo che il suo ultimo libro, Il manicomio di Pekino, dovrebbe essere fra i libri che non si lascian morire.

 

 

 

 

***

 

Ero qui, al computer donde scrivo. Si affaccia su una vasta terrazza che da due anni è tenuta sporca e sotto minaccia da una prepotenza del condominio. Di queste sorbe non ne mangeranno. Ero qui (il mio primo o secondo anno di esule felice a Reggio Emilia) e ricevo una telefonata dal direttore amministrativo della università cui appartenevo. Non era accaduto nulla che ne giustificasse il tono dittatoriale e quasi minaccioso. Si deve sapere che io, dopo venti anni di tribolazioni a dovere dirigere un istituto (poi detto dipartimento, ora ormai non si sa come) nel quale non contavo né un amico né un collaboratore né un nemico sincero e diretto, avevo buttato la spugna e me ne ero lavato le mani; solo che, non riconoscendomi per nulla nella nuova rotta (che ha portato al disastro prima il dipartimento, poscia il corso di laurea, ultimo la facoltà, con le più peregrine giravolte e le più vergognose asticcerìe) avevo chiesto – da regolamento, da  normale regolamento – d’essere assegnato in via burocratica a un istituto diverso. Le alte sfere non volevano, solo se restavo nel settore da me rifiutato avevano la convinzione di potermi (more solito) controllare. Che pericolo rappresentavo? Presto detto: anche all’università, o corri per accrescere le tue entrate, o lo fai per scalare le posizioni di comando. C’è un buffo rito, chi, vinto un concorso in altra sede, si propone di farsi ‘chiamare’ nella sede in cui sia un posto libero (di solito perché il candidato, cosiddetto, ‘di facoltà’, il suo concorso l’ha perso e, a Parma, sia detto con sopportazione, ne perdevano otto su dieci), fa il giro delle sette chiese, si presenta ai cattedratici, li scappella, (ricordo uno storico che uscì dalla mia stanza procedendo all’indietro, come nei film sui tre moschettieri, con forte rischio di andare a gamberitte), lo si chiama un mercoledì alle dieci di mattina e a mezzogiorno già briga per fare il preside. Io no; non essendo stato sessantottino, e mai comunista, ero libero di dire: io son qui per onorare l’arte e aiutare gli studenti che me lo chiedono. Bastò alla destra cattolica che, per evitar pericoli maggiori, mi aveva a suo tempo aperto le dure illustri porte (cui peraltro, e valga il vero a sciogliere ogni equivoco, mai per me avevo bussato), per dichiararsi tradita; e alla sinistra del remoto pc (non vuol dire, purtroppo, personal computer!) per ritenermi affiliato, fiancheggiatore. Ma non lo ero e loro lo sapevano. Una volta mandarono una lettera che invitava ‘le forze intellettuali’ della città (come oggi dicono ‘la società civile’) a una riunione in sede del partito, per un dibbattico ec., e ‘dare una mano’ alle ‘forze sane’ di una città in disamore, e dopo due ore che alcuni importanti cittadini (professoroni di schiatta aristocratica, ex-assessori in cerca di protettorati, mariti di maestre ben piazzate in provincia...) leggevano con toni da prete dei tortiglioni di parole scritte (da loro) tutte rinvianti a codici, sigle e gerghi di stretta pertinenza intrapartitica, io chiesi la parola e con parole franche chiesi che cosa ci avessero invitati a fare. In ogni partito c’è una sinistra in attesa di un potere che forse non verrà, mi sollevarono dalla seggiola e portarono in trionfo per quella che i parmigiani chiamano via Macedonio. In realtà Macedonio Melloni, parmigiano, incisore, matematico e fisico insigne, profeta degli studii sugli infrarossi, creatore dell’Osservatorio Vesuviano dato che, col suo sincero patriottismo e liberalismo, era a tutti parso intellettuale non organico tranne che al re borbone. Poi, da imprudente che era, perdette anche quel posto ma non lasciò Napoli e vi morì di cholèra qualche anno passato il 48.

 

***

 

Anni belli, quelli, per un comunismo che dopo aver traccheggiato anche troppo, era riuscito a cogliere al balzello la palla del riflusso (e non ne siamo usciti più fuori, meno che meno lui, desso). I denari pubblici arrivavano come torrente in piena. Venne l’idea, in provincia, di istituire un grande liceo sperimentale, progettando chiamate di insegnanti per concorso organizzato dalla provincia stessa. Vegliava a fronte la grande Statua del Partigiano.

 

 

 

 

Piovvero intellettuali organici, soprattutto dalla università di Bologna, in funzione docente, e io (che ero allora ammalatissimo, come oggi mia moglie, di stremata nevrosi) fui supplicato all’ultimo momento di sostituire un professore resosi inopinato indisponibile. Non avevo una lira, accettai; decine e decine di partecipanti al concorso, tumultuanti, nell’atrio. Si dividono, si entra nelle classi, si chiudono le porte. Fra me e gli studenti si realizzava, di norma, un circuito di concretezza, si metteva alla porta solo la facile nobilitazione dei gerghi. E quanti ce ne erano, via via che nella Francia se ne disfacevano, qualche traduzione un tantino tardiva, solo quel poco che servisse a renderla inoperante, bastava a sovraccaricarcene. Fu così anche in quelle due, tre ore. Sembrava un poco a tutti di stare su una astronave. Si riapron le porte, il corridoio, l’atrio sembrano bolge d’inferno. Che è che non è, gli studenti (tutti, ripeto, laureati in cerca di un ruolo fisso e prestigioso, e quasi tutti forniti di appassionate se non doviziose letture extra-scolastiche) avevano contestato in toto i modi padronali e paternalisti della legione degli ‘organici’ incaricata di ammagistrarli.

 

***

 

Sarebbe doloroso, ma nulla sorprendente, raccontarvi come quel corso andò poi a finire. Il risultato ‘in campo’ fu disatteso e i posti li ebbero in genere i figli ben piazzati di quella città manigolda. Anche lo sperimento ebbe, potrei sbagliare, non lunga vita. Un decennio? Non lo so; dieci anni per noi sono l’eterno.

 

 

Mi è rimasto a mezzo il discorso sulla telefonata del direttore amministrativo; anni prima il rettore mi aveva detto: pieri, ti cambio dipartimento, come vuoi, se altri non ti chiama. Ma chi volete mi chiamasse; il preside carismatico (la facoltà l’avevano messa sù per lui e qualche altro rampollo dorato, lui aveva fatto lo sgambetto a tutti o quasi tutti) con un giro di telefonate impose a ogni dipartimento della facoltà di non invitarmi né accogliermi. Ma il caso era di quelli contemplati dallo statuto che l’università si era appena dato. V’era da fare una attribuzione d’ufficio, a meri fini burocratici, e il caso si chiudeva in una settimana. Invece passarono anni. Poi il direttore (non vi sorprenda sapere che, qualche anno dopo, ha passato i suoi guai per scelte amministrative poco accorte o poco pulite) mi telefona minacciando: O io accetto d’essere trasferito a un istituendo dipartimento di pedagogia o ne dovrò pagare le conseguenze. ‘Loro’, avevano fatto anche troppo per me. Troppo? Era la prima proposta che mi si faceva, dalle SS. LL., e si poteva farla ad acque calme. Temevano che io mi rifiutassi? Non erano mancati scontri, all’epoca della mia ‘signoria’, fra me e il direttore del dipartimento pedagogico, solo che questa gente non riesce a concepire che una diversità di principii non debba comportare di necesse anche una personale ostilità. Anche lui aveva avuto le sue difficoltà, certo superiori alle mie (ma era andato a un passo da poter farsi rettore) e avevamo mantenuto fra noi un rapporto di amicizia sincera, anche di simpatia, e di scambio leale. Il telefono, nel peggiore dei casi, serve anche a questo e avevamo visto altri tempi e non si permettevano illusioni. Così dissi sùbito di sì. Ci rimasero male, chissà cosa speravano. Forse di rendere impossibile l’istituzione del nuovo dipartimento scaricandone la colpa sul mio preventivato rifiuto? Dissi di sì e per i miei ultimi dieci anni prima della mia messa in pensione ho goduto una cosa che mi era fino allora duramente mancata: un rapporto con altri vòlto a fabbricare qualcosa di non falso, di non arbitrario, a pubblico vantaggio, fra persone amiche. Fra qualche tempo anche l’amico (il pedagogista Enver Bardulla) andrà in pensione, lascia un dipartimento di giovani che abbiamo aiutato a crescere con noi. Non è Palazzo Vecchio, sarà una vecchia cascina; ma chi vuole studiare vi trova ospitalità, attenzione, dei linguaggi avvertiti ma non supponenti, e tanti libri. E la voglia di leggerli e farli leggere. Riconosco il mio antico patto, dai burocrati non sospettato, fra estetica e pedagogia, fra opere d’arte e modi per ascoltarle.

 

***

                   

Fra questi insegnanti giovani è la mia allieva Luana Salvarani. Da quando collabora, gratis et amore dei, ch’io sappia, ma non si vive di soli sghèi (fu la convinzione che mi alienò la parte pordenonese, materna, della mia famiglia, oppressa dal pensiero dell’avere fino ad averne impoverita la vita), alla Medusa di Maurizio Cecchetti, sembra che le loro forze (e Cecchetti non è mai stato di quelli che lavorano col bilancino) si siano centuplicate. Nullus mensis sine libro novo? Eh. Questo mese, fresco d’uscita, comecché registrato 2012, un Redon scrittore. Il Fachiro e altri racconti fantastici. Di Odilon Redon (1840-1916) è facile pensare saper tutto; mallarméano (ne fu amico) e darwinista, successore di Gauguin alla guida del movimento simbolista, piacque ai surrealisti ed è sempre buon segno. Amò ardentemente una sposa creola che morì in un naufragio. Erano le Ustiche d’allora. Di Barilli (mi diceva Gianandrea Gavazzeni, il grande musicista e scrittore bergamasco) bisogna aver letto tutto; intendeva, cioè, che Il paese del melodramma non basta. Ma nemmeno l’Orfeo senza denti. Parafrasandolo, mi vien da dire lo stesso per Redon. Fatti con lui familiari, le sue fantasie sempre sull’orlo del morboso non appartengono più solo alla storia dell’arte o a quella della cultura estetico-letteraria. Sono strani pidocchi, entrano dai fori del naso mentre siam sprofondati nel sonno e circolano nel sangue come una droga, se sfiorano le meningi non uccidono ma fioriscono in una botanica squilibrante, più falsa del vero. Ovvio citare il Poe di Baudelaire e, in generale, la propensione lugubre dei simbolisti, anche italiani; ve n’è in Capuana, in Tarchetti, in Boito e, last but not least, in Gabriele d’Annunzio. Le belle signore in quel nano pelato cercavano ‘quella cosa lì’, non il Priàpo e non il Viaggiatore di Bordelli, da fare insieme (vi rimando a Savinio) il misterioso Rocchettone. Cercavano la Morte. Chi la morte invece la temeva (i combattenti delle trincee), se il Comandante andava a visitarli si toccavan le balle. La prima scelta di Redon fu rinunciare al colore, poi ci fu la Rivelazione: la morte è il reame dei colori disubbidienti.

 

 

 

A volte Cecchetti con me si confida: mala tempora currunt, ho una voragine di debiti, non ce la faccio più; sogna farsi editore di fioretti minuscoli, di libretti da stare nel cavo della mano. Ma è il primo lui stesso che poi non riesce a starci dentro. Per qualcuno l’editoria è un affare, se calano i profitti si tira giù il bandone e si va alle Maldive. Ma per lui l’invenzione di Medusa è il terzo o quarto degli elementi che lo costituiscono: se un giorno si deciderà a trarre una specie di antimeridiano (come i due tomi bellissimi di Bianciardi voluti dalla figlia) con tutte le traduzioni di libri francesi, dal Simbolismo a Noi, dalla Medusa prodotte per sua iniziativa, avremo mille pagine di sogni e di madonne, di scrittori medievali e di eretici moderni, di sedotti da Lourdes e di tentati dalla Apostasia. è il suo lato odiloniano, ci stupiamo non averlo intuìto da prima.

 

***

 

La collaborazione con la Salvarani merita due parole su come costei traduce. Non è una traduttrice d’arte (ne incontrai uno ieri, da un giovane libraio antiquario, e avendomi costui incautamente denunziato salutandomi ‘caro professore’, se ne andò dopo pochi minuti senza salutarmi, ostentatamente) e non è una scorridora delle acque di fogna (giusta la norma dei traduttori a cottimo). Ha una sua buona lingua ‘ricevente’, parla e legge correntemente tre o quattro principali lingue europee. Da me ha presa, m’illudo, l’avversione agli aggettivi, alle trine; prima del caos, la Sintassi. Quando cinesi od extraterrestri avrannno di nuovo allagata l’Europa in flegetonti d’oro, dovranno fare una legge: un libro tradotto deve sempre recare a fronte la sua stesura d’origine. Ma intanto si tratta di darne  una idea sostanziale senza buttare crema sul mascarpone, che ne ha troppa di suo.

 

 

***

 

Tempo addietro un bizzarro trascorso di lettura malignamente occorso in una versione a quattro mani (firmata Salvarani-Casalini) del processo 1964 a Brodskij fu mostrato in punta d’arpione da un brodskjano seccatissimo che da anni se la menava lo traduco o non lo traduco. Non si scusa l’errore. Ascoltai, in un loggione incollato nel quale la temperatura sfiorava i 45 gradi, il Requiem di Verdi diretto dal grande e cupo Sinopoli; una lettura quasi semiologica, un rito complesso di segnali e di patimenti. V’era, soprano, la grandissima Margaret Price, probabilmente, come pura vocalità, la massima cantante verdiana delle ultime generazioni (v’è un suo disco di arie minori, non operistiche, di Verdi, che di quaderni sgraziati e appena compatibili fa delle arie beethoveniane o schubertiane, in perfezione d’accenti). All’acuto d’addio, una vertigine!, steccò. Seguì una risacca, ma contenuta, di sbigottimento e dispiacere, da parte di un pubblico volentieri intemperante. Ci sono errori ed errori.

 

***

 

A buon intenditor.

                   

 

***

 

Molti, moltissimi anni fa, come in una vita diversa, mi trovai a frequentare poeti che amavo: Bertolucci, Sereni, Piero Bigongiari, ci si scriveva con Zanzotto. Conobbi e forse ne procurai la morte l’ossesso Pagnanelli, il divino Sandro Sinigaglia. Mi feci amico di Cagnone, di Mesa, di quell’Ermanno Olmi della poesia che è Giampiero Neri.

 

 

 

Neri è amico, ora, di un mio allievo ben caro, Guido Mattia Gallerani, “the Man from Modena”, come Jimmy Stewart “from Laramie”. Gallerani da non molto ha pubblicato il suo primo libro ‘da dottore’, in una linda edizione del milanese Morellini: Roland Barthes e la tentazione del romanzo. Quello che una volta sarebbe stato, se non ovvio, dovuto, ora, trentatré anni dopo... trentatré, diomio... dalla scomparsa di quel mitico autore è un atto che ci prende di sorpresa. Ed è un libro davvero molto bello, per nulla accademico, del resto un chiaro ordine mentale fa parte della persona stessa di Gallerani, lettore di poeti e, credo, in certe ore subsicive, scrittore di versi egli stesso. Per chi fa un mestiere come il nostro, è una forma di autodisciplina. Peggio per chi ne scrive sognandosi ‘bigger than life’, càpita uno ogni cento mila che a scriver versi si diventi ‘uno importante’, basta non credersi grande e importante quatenus facitore di versi. Chi son? Sono un poeta. Che cosa faccio? Scrivo. E come vivo? Oh! scrivo. Grande merito è, del Gallerani, da perfetto descrittore di situazioni che montano, riscontrate su passi decisi, metterci al centro della barthesiana trascrizione dell’oceano e del bicchiere d’acqua. Si macchina un ordegno che nutre d’ironia, cioè di probabile autoinvalidazione, la crudeltà dell’occhio e il correre la ventura. La semiologia di Barthes riusciva esilarante, dove nei più dispone torrette e cavallidifrisia, mein Führer di qwi non esze neankhe ein Topor. Chi scrisse, una volta, che il mio esempio corrompeva i giovani, immettendoli in una notte barocca dove tutte le gatte sono grige (saranno lo stesso bellissime, che balzo, il mio cuore, se il senile bisogno di urinare tutte le notti a una data ora mi sveglia e nella casa tutta spenta intravedo la mia Schizzo dolcissima nel vano della finestra, vedetta che non si distrae e scrutta i possibili danni e le vere meraviglie del buio), dovrebbe correggere i suoi calcoli forse un po’ troppo teorematici (del resto, incontratici in val d’Aosta, per la seconda volta dopo 45 anni, ci volemmo sùbito bene come con Goffredo Fofi, presente, del quale avevo in casa tutti i libri, e che con me divide l’estasi dell’autodidatta). C’è un eroe shakespeariano che si finge pazzo per guadagnare il soglio sottrattogli. Io fui un poco questo ma non chiedevo il trono; l’ho anche detto di sopra. Il pazzo è quello che agisce come in un segmento del quale vuole ignorare l’origine e la mèta. Io sapevo da sùbito che cosa fare. All’avvento, venti anni fa, del berlusconismo, tutti si misero a passarsi parola: una parola magica, MANAGER. Ero (mi avevano fatto, sperando di controllarmi) presidente di un corso di laurea. Non mi ero candidato e fu per me una sorpresa; ringraziai e dissi che avrei tenuto un comportamento notarile. Alla prima seduta, dovevo semplicemente raccogliere le scelte liberamente fatte dai varii istituti in materia di cattedre di seconda fascia (mi pare) da chiedere al ministero. Operazione semplice, mera burocrazia (gli scontri semmai, e il difficile, erano accaduti all’interno degli istituti) e io incaricai il segretario (un altro professore) di scrivere sotto dettatura. La sera, furie telefoniche del preside: fra le scelte ce n’era una a lui, per motivi strettamente personali, notorii ma non confessabili, sgradita. Favoriva una sua ex-favorita. Tanto fece che costrinse l’istituto proponente a nuovamente raccogliersi e comunicare alla presidenza (pro tempore, pro  malo tempore, io-me) una scelta che invalidava e correggeva la prima. Dopo qualche tempo, prima di una seduta del ‘mio’ corso di laurea, il lupo si presenta in tonaca agnellina, chiede di fare in apertura di assemblea una ‘breve comunicazione’; nessuno fa una piega, tutti sappiamo che si tratta di una cosa piuttosto irrituale (parvi ch’io sappia?) ma scopriamo, almeno, le carte. Nel suo trencetto sporco, parla più di mezz’ora e ripete la parola-chiave, MANAGER, almeno 40 volte. Esce finalmente e io, senza emozione, invito l’assemblea a prendere atto delle mie dimissioni immediatissime. Mi sostituisse fino a fine seduta il segretario.

 

***

 

Quella sorrisa paroletta breve si tradisce da sé: traduci MANEGGIONE ed hai capito tutto. Con chi vi si riconosce non si dava, per me, partita, né quartiere. L’italiano è così: vuol fare il porco ma vuol esservi spinto, chi lo spinge potrà fare di lui quello che vuole. Gentlemen’s agreement|

 

 

***

 

La lingua batte dove duole il dente: una collega torinese si gonfiava dicendo PRESTIGIOSO. A quello aspirava per sé.

 

***

 

Amica (per ragioni di censo e di partito) del miglior critico che abbia mai avuto i natali in Parma. Lui scrisse, quasi volendo prender congedo (ma per fortuna non si è tenuto alla lettera della opzione) una lucida Eutanasia della critica. Allievo di Debenedetti, è fra i pochi letterati che non abbiano tratto dalla psicanalisi frutti solo ad orecchio. Del maestro ha edito con una superba prefazione il terzo volume, il meno sofistico e il più raffinato, dei Saggi critici. Va da sé che io cominciai ad amare, e a nutrirmene, il Debenedetti delle lezioni, non solo un nuovo Debenedetti, ma un Debenedetti opposto e non puoi neanche dire speculare. Di qua il tiralinee, il compasso; dilà gli scatoloni, i vasi di tintura, le grandi carte oleate. Il giovane Walter Pedullà, che le aveva ascoltate e ammirate – quelle lezioni tanto poco ex cathedra, discorsi infiniti tenuti insieme dalla volontà di dire un vero in solido e non in idea – diede finalmente la spinta a pubblicarle, postume. Il gioco fondamentale è qui: essere esoterico e saper farsi essoterico. Non la formula (spesso da giubilarne) ma la narrazione. Non seguirà la conclusione che, maligno, informato dei non buoni rapporti corsi empiricamente fra me e il Lavagetto, qualcuno si aspetterebbe: Lavagetto si è fermato aldiqua della narrazione. No; che grande scrittore di gialli è Lavagetto. Come il suo Freud, come il suo Proust.

 

 

***

 

Ora aspettiamoci un Proust televisivo, in 40 puntate, col calvo Zingaretti camuffato da Marcel. Associato a un concorso: segnalateci www. chi fa la meglio madeleine fra l’alpe e la sicilia. Fra chi partecipa sarà estratta a sorte una madeleine tutta di pandizucchero. Solo, però, chi sia in regola con l’abbonamento. RAI! di tutto un popò.

 

***

 

E Pedullà – l’Omero della letteratura italiana moderna, futuribile. è tutto vero e tutto gigantesco. Chi lo aspettava più, in questa società dei mezzi sorsi, delle prudenze e dei piccoli tradimenti. Un ritorno a De Sanctis, anche lui grande critico ‘di’ lezioni? Ma un De Sanctis più artista, più ricco d’umori, più decentrato, come avrebbe saputo essere, mettiamo, un Nievo, se non avesse fatta la fine di Borsellino. Per mare o per terra la sostanza non muta.

 

***

 

A quell’epoca mia dei poeti, coi quali vissi l’ultima mia estasi, quasi mi vergognavo di non aver saputo essere come loro. “Dalle maremme con cavalli...” Scrissi di me (prendendo le parole da Jago, nell’Otello di Boito): “Io non sono che un critico”. M’ingannai per eccesso, anche in quel caso. Io non sono nemmeno un critico.

 

 

 

 

***

 

Ricevo da Nietta Caridei un bel libro di Gabriele Frasca: Joyicity. Joyce con McLuhan e Lacan. Un ‘miosotis’, ma monumentale (oltre le 350 pagine) di lezioni, per le edizioni d’if, devote allo scrittore napoletano. Frasca, fra gli autori e lettori di libri, mi richiama, anche per la furia geniale di un lavoro ininterrotto, il Ghezzi cinematografico degli inizî. Le loro voci vengono dagli abissi, da macerie. La loro patria è altrove. Più che a John Cage, maestro del silenzio, fra i cultori di Joyce, Frasca mi ricorda lo straussiano (post-straussiano in quanto post-darmstadtiano) Rihm musicista, coetaneo di Ghezzi e più anziano di Frasca di un quinquennio. Non parlano avanguardia (‘che figura!’) ma variamente, impetuosamente la fanno. Ne sentono il dovere, la consegna. Frasca, come e dopo Lavagetto (ch’è coetaneo mio, mi stacca di pochi mesi), è la più perfetta testa di critico che si sia vista in Italia. Ma non gli piace il ‘giallo’, preferisce, pavento, Dario Argento, forse anche Leone o Tarantino. Non gioca a scacchi (magari sarà anche bravissimo, al tavoliere, ma come critico non lo lascia vedere). Come il Debenedetti di Pedullà, ci scaglia nel bel mezzo della centrifuga e – ora guardate! – ci dice. E ci fa suoi studenti.

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006