PRIMO PIANO
ZANZOTTO E FEDERICO FELLINI
La ‘rigenerazione sonora’
nel “Casanova”
del regista riminese


      
È uscita da Einaudi la riedizione di “Filò” che contiene i versi elaborati dal poeta pievigino appositamente per la pellicola felliniana. La quale è, in qualche modo, una duplice opera: laddove propone un testo ‘auditivamente’ sperimentale in cui le rime zanzottiane, evocando la visionarietà delle immagini filmiche, sono a loro volta arricchite da queste in una lussureggiante sinfonia di reciproche filiazioni acustiche e visive. Determinando una sinergia tra letteratura e cinema tanto rara quanto innovativa.
      



      

 

 

di Desirée Massaroni

 

 

Il numero 333 di “Magazine Littéraire”1 contiene due ampie pagine che Michel Delon dedica alla  proficua collaborazione fra Andrea Zanzotto e Federico Fellini per il film Casanova: una di quelle, ormai,  estinte e rigogliose ri-generazioni fra le audio-immagini e la parola.

Così il cineasta scrive a  Zanzotto pensando alla scena iniziale della sua opera.

 

“C’est la nuit qu’on accomplit ce rite, sur le Gran Canal, sur le fond duquel doit émerger une gigantesque tête de femme noire. Une sorte de divinité lagunaire, la grande mère mediterranéenne, la femme mystérieuse qui loge en chacun de nous (…) L’obscur et grandiose fétiche émerge lentement pour retomber soudain et disparaître dans la lagune ».2

 

Nella trasmutazione del verso-parola-sillaba-arcaico balbettìo zanzottiano nel film, avviene quella rigenerazione agognata dall’esigenza felliniana di riattingere a un dialetto veneto che fosse scongelato dalla disemozione e ricondotto alla sua originaria e feconda freschezza.

 

(… ) riscoprendo forme arcaiche o addirittura inventando combinazioni fonetiche e linguistiche in modo che anche l’assunto verbale rifletta il riverbero della visionarietà stralunata che mi sembra di aver dato al film.3

 

Il trasferimento del Recitativo veneziano, contenuto nel Filò4, nelle immagini acquose, visionarie, disciolte del film, conduce tuttavia ad ulteriori esiti in cui, i versi zanzottiani, si ri-generano, nella polifonica enfasi orgamisca, dell’attesa spasmodica, in una sincronica compenetrazione  tra la voce declamante-galvanizzante, il suono delle campane e l’invasato eco della folla gremitante sul Canal Grande.

 

Vera figura, vera natura,

slansada in ragi come’n’aurora

che tuti quanti te ne inamora:

aàh Venessia aàh Regina aàh Venusia





La solennità sonora del primo verso5, scivolando nella liquida reiterazione di erre che (s)corrono, rincorrendosi nei versi successivi, si liquefa, ri-echeggiando, nel suono delle campane che, scandendoli, espandono i fonemi nella foschia notturna che avvolge la laguna. La ripetizione dell’ultimo verso da parte del coro di uditori e attua un risuono rallentato che, dunque, dilata il tempo prima dell’ascensione climatica narrativa ed uditivo-evocativa. La “a” di Venusia è infinitamente espansa, estesa, tesa come corpo elastico, s(definendosi). Il significato e il significante originari vengono smaterializzati, dissolti, evaporando per ri-materializzarsi in un fonema che, svincolato dall’originaria Venusia, assume, nella sua estrema estensione, ulteriori significati e significanti creanti un enjambement sonoro il quale sfuma in un esultante vocativo coagulante nel rombo di tamburi che, aggiuntosi, allo squillare delle campane e al fragore delle voci, scandisce i versi successivi.

Gli asindeti incalzanti dividono, a ritmo di tamburo, ogni verso; squilli di trombe, si alternano, sfumando nel frastuono e nel rimbombo dei fuochi d’artificio che, con le loro faville e scintille, si specchiano nella cangiante e partoriente acqua placentare.

 

 Testa santissima, piera e diamante,

boca che parla, rece che sente,

mente che pensa divinamente, (…)

 

Le assonanze, i ritmi cadenzati e pulsanti dei versi seguenti, nella loro aggressiva ritmicità apotropaica assurgono, nella struttura chiasmica, al nonsense, all’invenzione, a quei balbettii primordiali, rituali formule infernali, di junghiana matrice inconscia, configuranti nell’immagine visiva della magna mater.

 

par sposa e mare, mora e comare,

sorela e nora, fiola e madona,

ónzete, smólete, sbrindola in su

nu par ti, ti par nu

 

Ecco dunque che si giunge all’indistinzione dei suoni in cui, la voce, le voci umane, si liquefanno in quelle inumane mutandosi in voci viscerali, quasi ultraterrene, nel clamore di fronte alla visione dell’emersione della gigantesca e fregiata testa nera. I versi seguenti esprimono, nella concitazione ritmica, nell’acme dell’eccitazione tensiva, la trasmutazione arcaica, sanguigna, drammaticamente carnevalesca delle parole. Il recupero della corporeità della parola avviene quindi doppiamente nella restituzione della sua fertilità originaria e della sua vocazione-evocazione di suoni sconosciuti eppur noti.

 

Mona ciavona, cula cagona,

baba catàba, vecia spussona,

Toco de banda, toco de gnoca

Squinsia e barona, niora e comare,

sorela e nona, fiola e madona,

nu te ordinemo, in sùor e in laòr,

che su ti sboci a chi te sa tòr.





Un'immagine del Casanova (1976) diretto da Federico Fellini


Le rime eco, le rime ripresa, fuoriescono ora dalla folla gorgante, dalla quale sgorga, quasi per geminazione vocalica, in una mistica ed ininterrotta coazione a ripetere, Aàh Venessia, aàh Venosa, aàh Venessia, sovrapponendosi alla voce pronunciante i versi successivi.

E gli epiteti, Venusta, Venissa, Venaga, Venùlula, inventati dal poeta e che riconfigurano icasticamente l’invenzione della mitica creatura felliniana, trasfigurano, infine, nell’esulcerante constatazione della fallita emersione, nella declamazione diafasica.

L’iniziale distinzione fra i suoni  sfocia in vocativo unanime, in un clamore di mescolanze ignote, ataviche, di immillanti suoni, rumori, che paiono auto-generarsi in modo magmatico. I versi di Zanzotto, risuonando nell’etere nero screziato dal bagliore dei fuochi, fremono, come fremono gli astanti, ri-generati, nella polifonia di suoni umani e inumani, di parole, di grida, di rombi, dell’identico e reiterato motivetto delle trombe, del rullo di tamburi, che, dapprima in successione fra loro, si sovrappongono, si mescolano, si sciolgono nell’accorato grido di roboanti vibrazioni indistinte culminanti, infine, nel rigurgito profondo, nel borbottìo-gorgoglìo acquoso, acquitrinoso, nel silenzio abissale dove si inabissa il muto volto della divinità ancestrale.

 

 

__________________________________________

 

1 Magazine Littéraire, n.333, Juin 1995, 30 F, pp. 81-82.

2 è la notte in cui si compie questo rito, sul Canal Grande, sul fondo dal quale deve emergere la  gigantesca testa di una donna nera. Una sorta di divinità lagunare, la grande madre mediterranea, la femmina misteriosa che loggia in ciascuno di noi (…). L’oscuro e grandioso feticcio emerge lentamente per ricadere improvvisamente e sparire nella laguna”. La Veillé. Pour le Casanova de Fellini, Andrea Zanzotto. Traduit par Philippe Di Meo, Ed. Comp’Act, 130 F.

3 Filò. Per il Casanova di Fellini, con una lettera e cinque disegni di Federico Fellini, trascrizione in italiano di Tiziano Rizzo, Edizioni del Ruzante, Venezia, 1976, p. 7.

4  Filò. Per il Casanova di Fellini, con una lettera e cinque disegni di Federico Fellini, trascrizione in italiano di Tiziano Rizzo, Edizioni del Ruzante, Venezia, 1976. Alla prima edizione fanno seguito, rispettivamente, Filò e altre poesie (Roma, Lato Side, con l’aggiunta del poemetto dialettale Mistieròi) 1981 e Filò. Per il Casanova di Fellini, Milano, Mondatori, 1988.  L’edizione più recente è uscita da Einaudi, Torino, 2012, con una prefazione di Giuliano Scabia.

5 La “e” di vera e la “u” di figura e natura sembrano produrre un altalenante contrappunto sonoro volto all’ascesa (véra) e alla discesa (figura e natura) contribuendo a generare un andamento cantilenante e dunque rallentato dell’invocazione.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006