PRIMO PIANO
CONTROCANTO
PER ANDREA ZANZOTTO
L’AntiArcadia,
il labirinto fonetico
e gli avvistamenti
del Minotauro


      
Un’approfondita, analitica lettura critica intorno all’opera in versi del poeta di Pieve di Soligo. La cui scrittura frantumata, carsica, multiforme, rizomatica, sotto il segno di Lacan e Heidegger, si pone all’altezza di un tempo che segna l’eclissi del poeta-vate, dell’umanesimo tradizionale e cerca di navigare controcorrente nell’era della comunicazione di massa. Quest’opera può suddividersi in una tetralogia ‘maior’ (“Dietro il paesaggio”, 1951; “IX Ecloghe”, 1962; “La Beltà”, 1968; “Pasque”, 1973) e in una tetralogia ‘minor’ (“Il galateo in bosco”, 1978; “Fosfeni”, 1983; “Idioma”, 1986; “Meteo”, 1996).
      



      

 

di Donato di Stasi

                                                                                                                                                                      

 

1.    L’AntiArcadia e l’ingresso del labirinto. Tra le cerniere dei palazzi s’infila un’aria decembrina alquanto gelida: è notte, il motore delle cose si è fermato.

Passo le mie ore di libido legendi auscultando i testi di Andrea Zanzotto (1921-2011) allo scopo di aprirvi una breccia, donde restituire il diluvio di ombre e il sole artificiale che vi imperversano: in queste pagine telluriche, inchiostrate strato dopo strato con sedimenti archetipici, storici, sociologici, il Nostro si rimette a una scrittura interrogante, costantemente in eruzione, lucreziana quel tanto per  avvicinare l’invenzione poetica alla dimensione più profonda del reale e del suo divenire.

Per impulsi sotterranei cortocircuitanti, per faticosi attriti e sforzi resistenziali, Zanzotto addensa testi oscuri, al limite dell’incomprensibile; sa che nei tempi convulsi toccatigli in sorte deve fronteggiare una messe strabordante di informazioni battenti,  di motivi insulsi e idee psicotiche, che si ingorgano e premono, a un passo dall’esplodere, a un passo dall’inabissarsi e scomparire. Da una simile premessa discende una poiesis caotica e balbettante, espressione malgré soi di uno zeitgeist che non vuole dire nulla di sé, che non intende prestare la sua voce  a nessuno.  

Custode non autorizzato del tempietto heideggeriano-lacaniano (Lichtung  e lalangue, intesi quali ritorno del rimosso), il maestro di Pieve di Soligo arresta con decisione il montare nostalgico di una nuova Arcadia, popolata di innocue e struggenti Filli e Amarilli, di zufolatori da riporto e satiri mascherati; all’uopo asserisce che non  vi è origine, perduta armonia, o stato primigenio di grazia, piuttosto è da ravvisare nella Natura un motore ontologico perpetuamente avveniente, che zampilla, intreccia, interrompe, sospende, ripristina, svuota e riempie la biosfera, palesandosi al contempo quale  motore gnoseologico che svela l’incontrollabile distruttività delle divinità del paesaggio, a petto del torpore anestetizzante indotto dagli dèi della Tecnica, normatori e stabilizzatori dell’élan vital (l’essere nel suo farsi e nel suo dirsi alimenta la fucina del mutamento, non raggela il proprio esistere in retroutopie di rimpiante felicità, che si rivelano scolo entropico di epoche offuscate e decadenti).

L’Arcadia felix raspa sulle paure della folla solitaria, prigioniera di un’umbratile mediocrità, così al monologo del muro occludente (compresi i montaliani cocci aguzzi di bottiglia) succede la dialettica del bosco, della lingua-bosco, smagata e aperta a ogni alterità, a qualsivoglia attraversamento, a quel salutare esilio che impedisce di accasare la coscienza nell’idiozia xenofoba, mentre  sollecita ad accogliere tutti  i futuri possibili, le dissolvenze attive di una ritrovata umanità, le redenzioni cercate pazientemente nei luoghi in apparenza più insignificanti dell’organizzazione sociale.

L’anarchico Zanzotto, il cosmopolita solighese preleva campioni di realtà con cui legittimare la sua rigorosa poetica: quanto più l’esterno si mostra invivibile, tanto più l’interno, per il mezzo di una studiata e riuscita sintassi sonora, si ostina a ricomporre il proprio sublime desublimizzato.

 

 

2.    Piccola cronistoria per adepti distratti.  Cantore di campagna, traduttore a 17 anni di Rimbaud e delle sue cercatrici di pidocchi (Ah… Le chercheuses de poux), condividendo con il ragazzo di Charleville il medesimo programma di radicale revisione del  discours poétique; ricognitore a Milano nell’aprile del 1945 su un camion di partigiani, occasione d’oro per finire a casa di Alfonso Gatto, conosciuto in quella circostanza e reso oggetto immediato di viscerale innamoramento; sguattero e cantiniere in Svizzera a 150 franchi ( il quadruplo di uno stipendio medio ausonico), in quanto bisognoso di rimpinguare il modesto papetto monetario per tornare d’attorno al Soligo a esercitare il duplice mestiere di insegnante e di flâneur agreste, onde lasciarsi abbagliare dall’unico ente indiscutibilmente degno di venerazione, la Natura appunto; autore nel 1952 di un’inusitata interpretazione geologica della poesia montaliana (cfr. La fiera letteraria), riguardo alle inquietudini del paesaggio, in apparenza fermo (almeno questo registra il limitatissimo occhio umano), in realtà perpetuamente minacciato dal mutamento e dalla trasformazione, id est tempo dilatato geologico versus tempo ristretto storico; taumaturgo psicanalista in proprio e per conto terzi  (ad usum  lectoris), Andrea Zanzotto (alfa e omega di se stesso) trasla nel mainstream  novecentesco una precisa finalità terapeutica: ridefinire il rapporto tra corpo e coscienza e tra coscienza e mondo, attraverso la sanguigna intrusione della lingua poetica (esse sequitur poetari, maccheronico ma rispondente alla bisogna).

Il werk zanzottiano si compone di una tetralogia maior (Dietro il paesaggio, 1951; IX Ecloghe, 1962; La Beltà, 1968; Pasque, 1973), di una tetralogia minor  (Il galateo in bosco, 1978; Fosfeni, 1983; Idioma, 1986; Meteo, 1996) e di una serie di opere che segnano il passo della presenza, ma non della creatività ormai estinta, come può dedursi dall’ultima raccolta del 2009 Conglomerati.

(Postilla autoassolutoria. Escludo dalla tetralogia maior Vocativo (1957) non per la resa stilistica, quanto per la scarsa autonomia rispetto a Dietro il paesaggio, di cui costituisce un’appendice flaubertianamente semplice, con l’aggravante di una disposizione santamente goffa nei riguardi del postermetismo).

 

 

3.    Il Minotauro osservato di sottecchi. En observant  i lati maggiormente indagati  del suo percorso poetologico, Andrea Zanzotto mostra la doppia natura minotauresca di indubbio manierista (scuce e ricuce il linguaggio da petrarchista sui generis)  e di sagace innovatore contro gli spettri tisici di un lirismo adespoto. Se poi da questa duplice escatologia si risale alla superficie della scrittura, svetta in positivo il rifiuto di azzerare l’espressione letteraria (la marcia funebre intonata da Sanguineti & Co.), come pure la rinuncia alla dispepsia  minimalistica per sfruttare, al contrario, ogni potenzialità del verso, slargato fino all’Ipersonetto del 1978 (Il galateo in bosco cit.), con il quale le forme chiuse vengono scosse e dilatate ad libitum.

Zanzotto colloca le sue strofe rosse (passionali, elegiache) sullo smalto nero dell’afasia imperante: rimette l’io sotto i riflettori, ne illumina le diramazioni più recondite, lavorando a una sua possibilità di riscatto; questo gli consente di risucchiare l’interiorità e di sputarla nell’esteriorità, in tal modo il paesaggio viene svestito e rovesciato su se stesso, diventando zona franca fra il soggetto-poetante e l’oggetto-mondo, attraverso il ricorso a una fenomenologia linguistica di tipo atonale e pantarmonica con tutto il carico di locuzioni mobili e semimobili, acconce a una nuova forma di rappresentazione epifanica.

Pur imbrattato delle fuliggini tardoermetiche, il Nostro costruisce dispositivi estetici eccentrici, nel senso etimologico di impareggiabile distanza dalla convenzionalità fine a se stessa («Il paesaggio ha tutto confessato, essudato, / il paesaggio è in confessione, in sudore. / Il crimine. Il crimine. / Là mi ero liberato da ogni sogno            è un sogno, / Là facevo marcire l’attenzione: attenti. / Sottolineato col rosso encausto imperiale: ammissioni sogni segni. / Oh. O» da La beltà 1968).

Quando il canto esterno (la cantilena della quotidianità) non si accorda più al canto interno (la pronuncia nuda degli psicologemi), allora au pair dell’hegeliana/chagalliana nottola di Minerva il poeta si leva in volo per ricomporre tutte le fratture fra cultura popolare e classica, fra i lacerti fonici e le xenoglossie, fra l’aura e la sua desublimizzazione in atto, compreso il doppio corollario della morte dell’io e della poesia.





Andrea Zanzotto (1921-2011)


Sui frantumi antropologici e letterari  ancora ricomponibili Zanzotto stende il continuum della sua coltrice verbale, insegue stati di febbrile stupore verso il naturale (paesaggi & passaggi di viventi), (ri)prova l’ebbrezza della contemplazione, si lascia sedurre dalle asprezze della luce e dalle molteplici rivelazioni che generano e autogenerano la verità.

Nella più deludente stagnazione di un’epoca bolsa mette in scena la lotta dell’essere e del nulla, non nascondendo le contraddizioni insolubili: la scrittura poetica scommette sulla realtà, la collauda, ne ricerca il valore unitario, così il soliloquio dell’individuo afasico si apre e si configura come un serrato colloquio, la cui caratteristica è di abbondare, di profondersi a dismisura nel disperato tentativo di perimetrare l’imperimetrabile logosfera (“Inchiostrati incastrati squartati dai quattro lati, // persi in collages e in agnizioni reciproche: mite / truce // proprio / esproprio fisima / cresima fuisse / in nuce // Questo volto rigato di (nafta? sanie?), volto affamato morso, // sigillo obliterato, conio che perde il corso, // questo nostro profilo, di corpo ligneo, che giù piomba // sulle erbette e sui vini scintillanti e li spegne e li intomba -:” da Pasque  cit.).

Impegnato a scovare il ramo d’oro del senso, costretto a soggiacere ai torpori del quantum (l’accumulo verbale risulta sempre indigesto al lector medius), Zanzotto versifica sotto l’angolo retto della sua stella imprevedibile, costruendo i propri libri migliori (la tetralogia maior di cui sopra) con stacchi violenti e dissimiglianze salutari, ricercando necessariamente, gratuitamente, liberamente la  bellezza dell’unità : sulla piattaforma rotante dei paesaggi elide e potenzia chirurgicamente l’inventio poetica, la congegna per ogni evenienza quale  infaticabile poussée vitale (“Oh aquiloni orientati / più su dell’infanzia, più del punto che brilla, mano da un fuoco a un altro, mano bisturi. / mano dove gli strati serpeggiano nel coma, / dove il ventre della terra accampa / profili irriferibili, / funzioni insospettate, osceni segni, / foglie e corpi di sofismi, il libro / che non scrisse, la penna, non illustrò, il colore. / Autopsie, autopsie. / Mano da un fuoco a un altro, mano bisturi” da IX Ecloghe  cit.).

 

 

4.    Ingorgo di miti: entra in scena il cavallo di Troia. Serrato il labbro all’astrazione, il bardo solighese se ne sta accorato a intrugliare una lingua concreta, dialettale e aulica, insaccata di paglione estivo e vino acido, di brigate impiegatizie e sciali consumistici. Senza  nessuna pena imprende a tagliare le budella  dei codici e dei sottocodici merceologici per poi infoscarne le anse dentro pagine eterotope, distopiche, antinarcisistiche: alla tempesta fonetica succede (quasi sempre) il calmo creato naturale, quando si riprende fiato sotto le querce e si palpita nelle apriche  radure trevigiane (“Mese di pochi giorni / o tu dalla docile polpa, chiaro collo curioso / seno caldo che nutre, / dolce uva nella gola, / teneri uccelli che si districano / dai vischi della lontananza / e che indugiano audacemente / tra gli equilibri delle dita / a illustrare le loro piume / e le loro gioie minute” da Dietro il paesaggio cit.).

Pur incentrata su una tensione interamente individuale la weltanschauung zanzottiana finisce per sciogliersi nella trama sociale della histoire italienne del vigesimo secolo, avendo egli   raggiunto  alcune inconsutili certezze, così esemplificabili:

per la prima volta dagli esordi neolatini l’italiano muta di segno, da lingua di cultura a lingua di comunicazione, ponendo la questione di un nuovo immaginario collettivo in ragione del potenziarsi vertiginoso dei nuovi strumenti mediatici (televisione first of all);

in secondo luogo un’incoercibile reificazione disarciona il soggetto sociale dalla groppa della Storia e lo confina in un onnipervasivo macchinismo all’origine dei processi compulsivi di alienazione e straniamento;

in terza battuta  i colpi assestati alla muraglia lirica e il fertile mescidarsi di prosa e prosodia spalancano al poetico le pianure venturose del parlato. Dislocazioni, scorciature ellittiche, tematizzazioni apparentemente impoetiche (eczemi, parestesie, paresi, tanto per citare a caso), oltre ai reiterati procedimenti deittici profilano la possibilità di un antidoto alla circolazione velenosa, urbi et orbi, della grande chiacchiera krausiana.

Con tessiture nuove di zecca Zanzotto si mette di sguincio a contrastare lo scadimento del linguaggio, si incaparbisce a enucleare un senso che non sia solo melliflua consolazione per un passato morto e sepolto come capita alle anime falsamente sottili; ricorre a formule teatrali e a procedimenti figurali (tra i tanti il pleonasmo del clitico), culminanti in una strategia compositiva altamente drammatica (“E anche la tua mano, / brezza, latte, levamen, /anche la mano tua sento posarsi / dolce e tuttavia piena / sulla mia fronte, come / se destandomi, infante, ecco il vomito / mi lacerava, e un’altra mano / infinitamente digitata m’aiutava premendo sulla fronte. / Sento la mano tua e il mio morto / sudore, jazz antichi / frondeggiano, fa notte / su grammofoni antichi / metallici, / nulla mi giova, lo so, a nulla giovo, inficiarmi si tenta, trasgredirmi” da IX Ecloghe cit.).

Il Nostro convoca i realia sulla pagina con il loro ritmo accelerato, oscillando fra mimesi oralizzante e trattamento iperletterario, secondo un repertorio di plurime relazioni che divergono tanto dall’understatement lombardo (Vittorio Sereni surtout), quanto dall’entropica destrutturazione sessantatreesca, a cominciare dai  laborinti sanguinetiani, per seguitare con la teoria dei Giuliani, Porta, Balestrini, etc.

Zanzotto persegue da par suo con particolare prudenza una strutturazione mononucleare della sintassi poetica, resa eziandio opulenta da una lessicalità debordante e amplissima: nell’intérieur dell’io riaggallano frammenti e scaglie di un presente in travaglio nella forma di un pastiche instabile e cangiante, segno acuminato di un impianto poematico intensamente evocativo, fortemente esplicativo, come dire che il poeta si àncora alla propria coscienza, ma si sradica dal facile solipsismo, costringendosi pervicacemente a dialogare con l’Altro per via di inusitate intonazioni e di ritmi sincopati, al pari di una improvvisazione jazz (« Ma è vero? E che sarà di noi? / E tu perché, perché tu? / E perché e che fanno i grandi oggetti / e tutte le cose-cause / e il radiante e il radioso? / Il nucleo stellare / là in fondo alla curva di ghiaccio, / versi invettive calligrammi ricchezze, sì / ma che sarà della neve dei pini / di quello che non sta e sta là, in fondo? / Non c’è noi eppure si affisa  a noi / e quello che scotta / e l’immancabilmente evaso o morto / evasa o morta. / Buona neve, buone ombre, glissate glissate. / Ma c’è chi non si stanca di riavviticchiarsi / graffignare sgranocchiare solleticare, / di scoiattolizzare le scene che abbiamo pronte, / non si stanca di riassestarsi » da La Beltà cit.).

Il maestro di Pieve rafforza la disposizione enunciativa, costruendo camminamenti che scavalcano le dirute mura liriche e aprono impensati orizzonti, dove l’occhio spazia infinitamente, senza temere di ricominciare la metafisica, senza indietreggiare di un’unghia al cospetto dell’immedicabile complessità relazionale fra assoluto e hic et nunc:  di fronte al presunto dispotismo della spiritualità trascina e immilla la materialità puntiforme, la dynamis minacciosa e seducente del meccanicismo. Si può ancora heideggerianamente prendersi cura di sé e del  mondo, dovendo registrare la  straziante distonia fra canto interno e canto esterno? 

Stando ai testi, Zanzotto non riesce a dirimere evanescenza e concretezza, slittando in una zona di vocalità che straparla di assedio, di straniamento, di ulteriorità angosciante: il qui e là (indicazione di terrestrità e movimento liminare) illustra un conflitto senza posa, rifrange il divenire plumbeo e saettante dell’esperienza, che risulta alla lettera insalvabile e a mala pena  sopportabile con il ricorso antico, apotropaico,  all’invocazione e alla preghiera, esito di certo deludente per la fertile mente zanzottiana, ma in tempi di intelligenze letargiche bisogna contentarsi  (“Mondo, sii, e buono ; / esisti buonamente, / fa’ che, cerca di, tendi a, dimmi tutto, / ed ecco che io ribaltavo eludevo / e ogni inclusione era fattiva / non meno che ogni esclusione // … // Fa’ di (ex-ob-de etc.)-sistere / e oltre tutte le preposizioni note e ignote, abbi qualche chance, / fa’ buonamente un po’; / il congegno abbia gioco. / Su, bello su. / Su, münchausen” da La Beltà  cit.).

Di sicuro il poeta non è Von Clausewitz e non deve ordire strategie  soteriologiche, tuttavia non si può ignorare che Giorgio Caproni ingaggia ben altra lotta con la bestia divina, spedendo nell’Oltre il suo viaggiatore cerimonioso, cacciatore di vaglia, capace lui sì di affrontare il brulichio terrorizzante della sacertà.

Rinculando nel sensibile esperienziale, Zanzotto sceglie come interlocutore un tu non divagante, concentrato su se stesso, in attesa che qualcuno venga a sciogliere quanto di aggrumato vi è nel suo cerebro. Nell’immediato sottopelle di questo tu  si imbozzolano figure, elementi geografici identificabili, brandelli di vita emotiva, translitterati poieticamente in specie di campi discorsivi misti, alterni e contrapposti, carta abrasiva del repertorio tradizionale: trattasi di torsioni antiliriche, aspirazione oggettiva alla violazione della norma epigonale per congegnare una diversa fabula mondana (« Mite bisbigliate un accorto / ostinato non utile dire / significati allungano le dita, / sillabe labbra clausole / unisono con l’ima terra. / perfettissimo pianto, perfettissimo » da IX Ecloghe  cit.).

L’assillo per i movimenti della verità esclude la semplificazione concettuale, come pure gli enunciati certi e assertori, così il periplo ermeneutico approda a una versificazione che si complica, si stratifica, compie deviazioni, aggiunge incisi, parentesi, ecolalie, senza tuttavia mai sospendere il giudizio, rimanendo anzi felicemente ingolfata nel magma degli eventi e delle strofe che li rievocano.

Carsica, multiforme, rizomatica, la scrittura di Zanzotto si trascina dietro un cavallo di legno di modeste dimensioni: nessuno crede che possa ingannare gli ilioti della cittadella fortificata (le teste di legno della mezza cultura), ma appare bastevole come mantice per alimentare sopite speranze di qualità letteraria, oltre a una ininterrotta e adamantina tensione etica.





Anna Boschi, dalla mostra "L'esterno e l'altro", 2012


5.    La bellezza salverà la poesia? Misto di genio analitico francese (Rimbaud, Valéry), di potenza immaginativa germanica (Hölderlin) e di erlebnis italiota (Petrarca, Parini, Gatto, Montale), Andrea Zanzotto annota fra gli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento il cadere di ogni velario sovrastrutturale,  il conseguente  sciogliersi dei vincoli sociali e il deteriorarsi progressivo del quadro culturale; osserva come la poesia smetta di essere poesia in sé, per entrare in un genere e devitalizzarsi fino alla mutazione genetica in prodotto di massa. Non stupisce perciò  che da unico soggetto adeguato della propria scrittura, il poeta imprenda narcisisticamente a considerarsi anche l’unico oggetto, declinando la natura privata degli interessi interiori e esteriori; ciò lo porta a  scorporarsi dall’esperienza, a inchiavardarsi a doppia mandata in un’asfittica turris eburnea. Che farsene dunque di un vate  privatizzato, isolato, atrofizzato nella scrittura, mentore di se stesso, plagiatore di formulari metrici, dimentico che le parole sono sorprese, grida di spavento lanciate prima di soccombere, ascrivibili solo all’insufficienza degli individui? Nello spazio debole, cannibale, dell’iperliberismo autodivoratore il Nostro rifiuta il ruolo di impubere paggio pour épater le bourgeois, si adopera invece per una poesia vigile, saggia, persino fragile purché non costituisca il termine statico di una facile opposizione, ma si palesi per  grumi espressivi in grado di farsi mondo, di preparare un diverso accadere storico, di ribadire che l’atto creativo collima ancora con la  conoscenza e la bellezza.

Zanzotto riesce a restituisce la cecità antica di Omero in un testo, in particolare, che non si può espungere da qualsivoglia teca novecentesca, La Beltà, edita in quel fatidico 1968, annus mirabilis quant’altri mai, fine di un’epoca e cominciamento di un’altra, i cui contorni non si distinguono chiaramente nemmeno adesso che queste glosse vengono aggiunte all’imponente esegesi  concernente il bardo veneto. 

Da evaso e da morto alla società, il poeta non glissa sul suo nucleo animale,  incespica,  irraggia lo stesso bagliore di una candela in una notte che rugge uragani. Eppure un bel modulo di luce, per quanto minimo, può riaccendere il vigore di ex-persone all’interno di un ex-mondo, purché una forza disottundente venga riservata al libero arbitrio come al libero cadere della neve sottofelce, epifenomeni entrambi di una liberatoria casualità.

Tra il fuimus dei trapassati e l’erimus dell’avvento si agglutina un  presente colloso, che Zanzotto cerca di dirimere con la sua agile prestidigitazione scrittoria, incrementando l’eterno, negando che si debba solo negare, spingendo più in là dalla pagina gli arredi del corpo e il tracimante pelago della psiche, la vera natura naturans et naturata (“Quante perfezioni, quante / quante totalità. Pungendo aggiunge. / E poi astrazioni astrificazioni formulazione d’astri / assideramento, attraverso sidera e coelos / assideramenti assimilazioni / nel perfezionato procederei / più in là del grande abbaglio, del pieno e del vuoto, ricercherei procedimenti / risaltando, evitando / dubbiose tenebrose; saprei direi. / ma come ci soffolce, quanta è l’ubertà nivale / come vale” da La Beltà  cit.).

La Beltà danza davanti agli occhi come un libro epuloso, una frontiera mobile con la sua aria di sottile persiflage che gli assegna un’incommensurabile leggerezza, non più toccata dal Nostro nelle opere susseguenti: nelle officine dell’io impacchetta le angosce e le euforie, gli incubi e i desideri indotti, assimilandoli ai miti remoti  di un  teatro estetico che si pretende nuovo, se non ultimo.

Il calco leopardiano (“Natura natura che non realizzi poi / Quel che prospetti allor”) profila da un lato il cursus honorum della tradizione, dall’altro stabilisce un punto di partenza per rompere il gheriglio del consueto, secondo un’imprevedibile mescidazione di aulico-aulico e di midcult, nozione già semioticamente circolante negli Apocalittici e integrati di Umberto Eco, datati 1964,  nei quali il supereroe della Marvel Superman sfreccia nei cieli leggendari che erano stati di Mercurio, di Apollo, di Sigfrido, di Pantagruel.  A  conferma si veda l’esergo della bambina zanzottiana che giustifica il suo piacere di essere al mondo con l’esistenza della Standa, meraviglioso e inquietante intreccio del bloom  joyciano e del boom  economico incipiente (il frigidaire, il televisore, anzi la televisione, l’idrolitina, la 600 con gli sportelli antivento, le prime gite al mare nelle alienanti e festose domeniche degli italiani).

 

 

6.    La disputa tra Moderno e Contemporaneo: la macellazione dei miti. Dagli anfratti neri della cellulosa continuano a sbucare ragni e millepiedi, scarafaggi e scorpioni, miniature di minotauri e rostri, nonché acidi mortali e materia fecale, tali da animare un altro testo capitale del werk  zanzottiano, Pasque, edito (come già indicato)  nell’anno di grazia 1973.

Fin dalla prima sezione del libro, Misteri della Pedagogia, Zanzotto inanella una serie di discorsi sulla transitorietà,  sul passaggio di consegne dall’arcaicità alle piacevolezze (si fa per dire) dell’artificialità tecnocratica. Il ductus poetico procede per accumuli e segmentazioni, alimenta una spiacevole sensazione di provvisorietà, in urto continuo con la finzione becera, massmediatica, e con la menzogna iperstrutturale  della macchina sociale.

Se nell’opera precedente, La Beltà, prevale il freddo nivale, l’analisi impietosa di un’epoca raggelata nelle sue poche certezze materiali, qui i rigori solstiziali vengono intiepiditi dai primi tepori equinoziali: torna a scorrere mobilissima la linfa naturale, libera e sfuggente, dentro organismi in fieri, gioiosamente metamorfosanti. A Pasqua, solo a Pasqua può sciogliersi il mistero pedagogico: l’uovo viene spezzato, il cerchio del nulla interrotto, esplode la vita come devianza in contrapposizione alla norma.

La novità dell’opera non va ascritta ai poli dialettici che permangono inalterati (mistificazione del progresso scorsoio e verità naturalis), muta il tono, l’oltraggio si fa catartico, scampanella per le vie: il crocifisso smette il suo pallore iconografico per ricomporsi in un purissimo pane poetico, una generosa offerta di possibile felicità, pur messa a confronto con  l’immedicabile problematizzazione dell’io e con la sua sopraggiunta intercambiabilità, inevitabile in un universo funzionalistico, concepito esclusivamente come luogo di produzione e consumo (un io senza orizzonti e senz’anima  vaga per  una chiassosa e tormentosa  atemporalità). Ça va sans dire che il poeta deve imporre a se stesso e ai suoi accoliti (il pubblico, i lettori) il compito di sfuggire alle trappole del presente, attraverso una precisa forma resistenziale: delirare con coraggio in una lingua madre intrapsichica, vale a dire l’italiano tecnologizzato, gravido di fonemi seriali, impiastricciati agli stilemi alti, petrarchesco-leopardiani (“Ma il reale e il fantasmatico, l’autre e l’ovvio impallidisce e vira, / di fosfeni brulica il quadro e il mio corporeo schema, / in fosfeni il perverso e la regola il sempre e il mai scema; / lo spazio, il rastremato e sconfinato spazio di un deficit crea / l’alibi in cui questa maramaglia e frattaglia di idee si bea: / oh recupero in suicidio, coagulamento nell’atto-uno, infine. / E invece rievocazione-doping per interposta persona, esalazione di cine. / Forse l’apparato è pronto, là sul colle famoso, la flebo / col trucco, goccia a goccia nel cotto del solfo, flebo di placebo, / e io dall’alto del come-suicidio sul colle famoso guardo in tondo / e mi istituisco goccia a goccia in leader feroce del (mio) mondo. / Per questo oggi, o maghi delle arti, dell’umana figura / nonostante i vostri editti ho tolto la censura” da La Pasqua a Pieve di Soligo in Pasque  cit.).

Nel tramestìo dei suoi accenti Pasque  conferma la dimensione sacrificale e radicale della pedagogia scrittoria: Pasqua poetica, laica, religiosissima, non ancora stagione compiuta,  piuttosto bava di tempo, spiraglio che non è nulla ed è tutto ciò che urta dietro e dentro il paesaggio della razionalità; e ancora, Pasqua acida, gonfia di dolore, fradicia di aneliti, pronta a transitare per atomi e inferni, ancor più pronta a togliersi dal torbido della verminazione e a stipulare un nuovo patto con la luminescente interiorità dell’individuo da risanare.

Zanzotto congegna il suo linguaggio esplosivo secondo un’affilata capacità di nominazione, equipara verbalità lineare e inconscio, strappa con intemerata violenza il significato dalla simbiosi saprofita con il significante, mettendosi a produrre  senso con il solo ricorso ai suoni senza l’ausilio della discorsività abusata  e consuetudinaria (“E comunque resta qua, giù, non lasciarti indossare quel nome che infetta, / asso-piglia-tutto, eminente-marxista, eminenza, vedetta, / e – concludendo – sfida in excelsis, più su di ogni voglia o ira…” da La pasqua etc. cit.).

Anomalo e scandaloso, Zanzotto si permette di innovare senza la medaglietta prosanguinetiana, chiamando a raccolta tutti i soggetti storici possibili in un récit volutamente sconclusionato, tenuto insieme da una verve classicheggiante, ma soprattutto dal rovesciamento fra norma e devianza: nella stanca crepuscolarità del Moderno la negatività, l’oltraggio, il disincanto assumono l’aspetto della salute, mentre le perenne aurora del Contemporaneo rigurgita di princìpi anestetizzanti e di feroce conformismo.

L’anticanone zanzottiano si completa con l’emblematica titolazione Pasqua di maggio, festeggiabile come le calende greche,   paradossale   anticipazione di una nuova stagione purchessia.





Agostino Tulumello, Senza titolo, 2012


7.    Il Diritto e il Rovescio. Se Zanzotto eccede in energia formale e trasforma la conoscenza del reale in esercizio di stile, non si è alla pedanteria erudita, al divertissement metrico-prosodico, si naviga dentro acque tempestose e brucianti con rapide immersioni nel ricco fondale marino, metafora ossigenante della dimensione inconscia, delle qualità innate e istintive, del suono della voce umana allo stato puro.

Traslando l’interiorità nella concatenazione degli eventi, in specie quelli letterari, Zanzotto sperimenta la loro limitazione, l’unilateralità, l’impoverimento delle forme e dei mezzi espressivi, resi volutamente sclerotici dai satrapi dell’Accademia e dai feudatari delle case editrici, massimamente aduggiati dalla minima variazione poetologica, da ascrivere immantinente al dominio sanguinolento delle rivoluzioni oscure e ricusabili.

Nel medesimo anno del Galateo in bosco (si era nel 1978) esce la famigerata antologia di Giancarlo Pontiggia e Enzo Di Mauro, La parola innamorata, monumento al désengagement, al riflusso/reflusso epigastrico: il titolo fronzuto preannuncia la fine della ricerca in poesia e il susseguente melassico dilagare di anime belle che si leccano l’ombelico e ne depositano négligemment l’afrore sulla pagina.

A petto della dittatura lirica, Zanzotto si segnala fra i pochi oppositori, inaugurando la sua seconda tetralogia (Il galateo in bosco, Fosfeni, Idioma, Meteo), inferiore per energia deflagratoria alla prima, pur sempre capace però di stimolare senza mediazioni le forze gnoseologiche della ratio, la comunicazione autentica, la demistificazione del sentimentalismo (“Quali torpori di radici porto, / pigre radici in urto, in moto sordo, / sforzo che non ha tregua e insegue ingordo / per stasi e stacchi il proprio senso morto” da Il galateo in bosco cit.).

Arrancando mezzo sommersi dalle foglie morte, trascinandoci randomicamente tra erbe folte e piccole zattere di muschio, si sbuca dentro radure che raccolgono echi di molti atlanti poetici. Sempre fuori tempo massimo eppure contubernale al totem della contemporaneità, Zanzotto offre molto di più della semplice ammirazione di quinte  e fondali selvosi, come pure di un mugolìo cantilenante in dialetto: rigenera le sue spore linguistiche latine, oranti, ispidamente letterarie; spezza il congegno linguistico, ossidato da secoli di addiaccio e canicole compositive, adoperandosi affinché saltino fuori le ossa consunte delle parole, non più scrivibili, se non in  forma dialettica, una addossata all’altra, una scaraventata sull’altra a originare un lavacro atteso di nomi, di tropi naturabili, di discorsi spolpati (la fulminante sequenza sostantivale della quartina sopra citata, porto-urto-sordo-ingordo-morto).

Scaduto il contratto dei filodrammatici per partito preso, il Nostro svela la truffa e la viltà del lamento a gettone: ben altro occorre, caso mai un coup de dés,  per sconnettere l’io dalle sue ipocondrie e immaginarlo finalmente guarito in mezzo a tanta abiezione e deiezione (“e verso la fine / del banchetto scoordinato, solforico, frattaglie, / ci siamo accorti che non rimaneva – virtù dello scalco! – / se non un apparato malamente dissezionato / per dire addio alla nostrezza / nostra solo perché passata” da Fosfeni  cit.).

Zanzotto va fuori volume, partorisce furori prosodici su un tapis roulant di endecasillabi,  allinea per contrasto, inchiostra e squaderna significati, incolla collages  verbali, rinfocola il groviglio dei significanti per approdare a una definitiva agnizione ontologica. Le sue strofe imitano le spore che spampanano, omaggio sghembo alla fame atavica di libertà: psicanalisi, linguistica, antropologia, geologia, botanica, economia politica insufflano epistemologicamente la poesia, non civettano con  finte apocalissi,  disciplinano l’accumulo (la struttura compositiva a catalogo) nel senso di pareggiare dialetticamente il magazzino multiplanare delle  cose.

A una realtà-supermarket, inchiodata al trompe-l’oeil del benessere Zanzotto oppone l’incommestibile sottopelle dell’individuo,  compensando per un verso con un atteggiamento regressivo e infantile (i borborigmi del petèl), dall’altro con una moltiplicazione di stili e di gerghi al fine di accostare la realtà così com’è, senza infingimenti e fughe nell’irrazionale (“Già-mutismo, nomi dispersi attoniti, / a sciami là dove pare balugini / attirando il segnale di… / ma il torrente disseccato / e, chissà come, fin qui arrivato, / tra pochi sassi per voi lascia vivi / in pozza d’acqua lumi di motivi”, da Idioma  cit.).

Nella sua scrittura dodecametrica il maestro di Pieve di Soligo rinuncia a un centro tonale, enuclea una soverchiante moltitudine di dissonanze: la tonalità, intesa come tradizionale congiunzione di armonia  e melodia, risulta abolita; si succedono fonemi che saltano, macchie sonore, ciascuna con la propria autonomia, ciascuna apportatrice di valore all’interno di una violenta mescolanza strofica. Arde nei versi di Zanzotto una bella cromaticità, ancorché franta e dissolutrice del piccolo canone epigonale, capace di  indirizzarsi alla grande armonia della creazione, interrata negli strati più profondi dell’essere (segnalo all’attenzione del lettore non sprovveduto la consonanza con un altro intemerato scavatore nella torbiera dell’io, l’irlandese nobelificato Seamus Heaney).

L’atonalità zanzottiana, crescente di movimento in movimento, si rastrema nella pura espressione, nella gestualità dello scrivere, in un action writing di stralunata bellezza (“E ti protendi come silenzio / ti protendi al silenzio, / generi, sei silenzio, /SEI CASA / nell’idea stessa, nell’inane / in-sé dell’idea, /SEI CROLLO / e libertà di sprofondati tetti / e inviolato persistere a denti / che in te si intimizzarono / SEI SCHERZO / e nel verde verdissimo / degli alti noccioli crollanti pur essi, / se stessi aspergendo” da Meteo  cit.).

Detto in limine: Idioma e Meteo appaiono opere fosche come pece, sfilacciate lingue d’acciaio, che amplificano ogni attrito con la vita onirica, con la vita privata solitaria, con la vita pubblica osservata al lume di uno scettico risentimento. Allo spogliarsi lucido di eccessive meditazioni sulle tecniche compositive si accompagna la constatazione che il peggio esiste e si fa selva sempre più ingombra, sempre più alta e invalicabile.

 

 

8.    L’impossibile uscita dal labirinto. In passato i prìncipi scrivevano poesie, e così gli imperatori, i nobili, i vescovi, i sacerdoti di campagna e di città, oggi gli epuloni e i potentes stringono il nodo scorsoio di un progresso illetterato e antiumanistico: bruciata la poesia in nome della sua inutilità e incomprensibilità, essa risorge dalle sue stesse ceneri per imporre la propria necessità, la propria obbligatorietà a esperire altro dal vampirismo feticistico delle merci.

Andrea Zanzotto, uno dei motori primi del Novecento, testimonia questa  ingombrante ossessione lirica e antilirica dello scrivere, dunque non teme la perenne uccisione di Teseo, poiché conosce con altrettanta precisione la propria indefinita stregonesca resurrezione.

 

 

Nereidi, tardo dicembre/primi di gennaio 2013                                

 

 

* Con alcune varianti nella titolazione e nella struttura dei paragrafi il saggio è stato pubblicato nel n. 239/2013 della rivista Fermenti.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006