LETTURE
ALDO BUSI
      

El especialista de Barcelona

 

Dalai editore, Milano, 2012, pp. 373, € 19,00

    

      


di Domenico Donatone

 

 

«L’unica maniera per essere felice è essere infelice

a modo tuo, non come lo ha deciso qualcun altro per te

o almeno non solo, e evitare le corsie preferenziali,

 il cordone sanitario degli eletti, e, se ti tocca e per quella volta

che ti tocca, bere tutto, anche la feccia, che non ha

un valore nutritivo inferiore al mosto appena spremuto.»

(A. Busi, El especialista de Barcelona, p. 21)

 

 

Potrei dire che il limite di Aldo Busi (ma sarebbe una scorciatoia moralistica) è il suo eccesso. Un eccesso più del video che della pagina. Della pagina starei tranquillo perché uno scrittore è tale se non si risparmia, e Busi lo fa. Che non ci sia scandalo anche in ciò che egli scrive lo dimostra il processo per oscenità subito per Sodomia in corpo 11 (Mondadori, 1988) risoltosi in un nulla di fatto per lo scrittore: assolto. Busi non è Oscar Wilde, Busi non è Charles Baudelaire. Non lo è perché la nostra società, il cui ordine “fascista” si specchia anche nell’azione della Magistratura, non condanna nessuno scrittore perché non prova piacere sadico nel farlo. Meglio se è l’extracomunitario o l’analfabeta. Si torna ad un istinto di origine che è la sopraffazione. La condanna di uno scrittore in questa società venale risulta un equivoco. C’è tempo per scusarsi da entrambe le parti: d’altronde chi è quella persona che accetta la prigione se non sa di farla franca? Busi è eccessivo in video perché come tutti anche lui utilizza la carta dello scandalo: in tv vince sempre chi la dice più grossa! Anche questa però sarebbe un’altra scorciatoia, perché la televisione, se fatta bene, restituisce l’attenzione che da sola la scrittura non dà. Uno scrittore si fa e si disfa anche in televisione. Bontà sua se accetta il gioco, Belzebù lui se gli sopravvive. L’esperienza busiana del video è per fortuna limitata, perché Busi non è una velina della letteratura: per lui comparire significa più spesso scomparire, dire qualcosa lo costringe a limitare la sua pur spontanea presenza in televisione. Il limite di Busi allora qual è? È essere Aldo Busi. Un limite che si perfeziona perché lui stesso sa fare di sé un personaggio, capace di stare senza lamentarsi dietro le quinte della scena plateale. Vorrei dire che il merito di Aldo Busi in tv è di essere riuscito a far passare oltre il suo pensiero anche la sua persona. È Busi stesso che comunica qualcosa. Di eccessi, dunque, non ne ha, nel senso che Busi difetterebbe solo se si scoprisse prigioniero di se stesso. Io che faccio il critico e che lo sono ancora meglio se tanto più è di livello ciò che leggo e studio, mi spingo a dire che il “limite” di Busi non ha senso se non nella naturale coscienza di conoscitore, mia e sua, come di chiunque altro, che ha fame di sapere ancora più cose. Il punto di partenza è dunque un limite scampato. Con Busi si va sul sicuro.

Tra le carte che avevo da leggere, l’ultimo romanzo di Aldo Busi è giunto a scombinare i miei piani favorendo ritardi di consegna. Avendo letto già altri romanzi dello scrittore, senza aver potuto scrivere mai nulla in proposito (forse questa può essere l’occasione per una iniziazione critica al romanzo, visto che leggo poesia sin da ragazzo), ho deciso di gettarmi nella lettura del libro El especialista de Barcelona. Ultima fatica letteraria di Aldo Busi. Un libro che riconferma lo spessore intellettivo dello scrittore di Montichiari-Monticiàr. Busi è, forse, l’unico scrittore in Italia di cui non conta l’assenza per determinate censure o altro, conta il suo non appartenere a nessuna lobby. Perché Busi è soprattutto “AB”, come egli scrive di sé, «l’inizio stesso di ogni alfabeto, di ogni lingua morta e di ogni lingua che nasce, e tutto moriva e nasceva con me e attraverso di me, io universale collettore di ogni singolo io passato e presente, autobiografo dell’umanità[1]». Una bella definizione che ci offre lui stesso, perché Busi, sia chiaro, non si fa mancare nulla, nemmeno la critica e, forse, non a torto, perché guardandosi intorno dopo aver visto assai scarsa attenzione verso il suo lavoro, nel 1997, per Bompiani, decide di pubblicare Nudo di madre (Manuale del perfetto Scrittore) facendo da sé quello che la critica avrebbe dovuto fare per lui sin dai tempi di Seminario sulla gioventù (Adelphi, 1984). Quest’ultimo romanzo diventa un libro di successo e viene assunto a mito da una generazione, tranne che in Italia. A questo punto è chiaro che Aldo Busi quando scrive grida vendetta, ma una vendetta civile. Questo, infatti, è l’unico interrogativo che mi pongo e che ci si può porre sia da lettore che da critico: è possibile considerare Aldo Busi uno scrittore civile? Un interrogativo la cui forza si esplica non nella definizione di cortesia, per cui tutti sono civili, bensì nell’assoluta distanza che ormai c’è tra cittadino e Stato, tra politica e popolo, così come tra pubblico e letteratura. Niente più rassomiglia in democrazia al bene pubblico, al punto che nascono mostri, nuovi mostri, che è auspicabile conoscere al più presto. Mostri che sono presenti sin dalla copertina del libro. Che il Nostro scrittore si sia sempre battuto per rendere chiaro il suo pensiero è noto a chiunque lo abbia letto, apprezzandolo oppure detestandolo, ed è fuor di dubbio che la stessa materia narrativa di Busi, così densa e ricca di particolari, (di “cazzi” di “filetti” di “praline” di “sudore” di “cerchietti” di “piaghette” di “ulcere” di “sfintere” e quant’altro respira nel circuito del sesso), mette in evidenza che per Busi il sesso e, soprattutto, il sesso fatto più che pensato, è una questione pubblica, quindi civile. Un legame fondativo con la società e la scrittura, perché anche il sesso è politico. Sul sesso non solo cade l’occhio, ma soprattutto cade il dibattito migliore a liberare le coscienze da un’atavica repressione cattolica. Busi è, a mio giudizio, uno scrittore civile e questo suo ultimo libro lo conferma. Lo conferma perché non ci sono mai stati come in questo caso, e mi riferisco alla nostra contemporaneità, romanzi in cui, pur narrando vicende di intreccio e di storie amorose quanto puramente sessuali, si sia data importanza alla tematica del sesso in senso civile, di rapporto problematico tra persone, come in quelli di Aldo Busi. L’unico scrittore che gli fa compagnia, sia pur inviso a Busi, è Pier Vittorio Tondelli con il suo Altri libertini (Feltrinelli, 1980). Anch’egli processato, anch’egli assolto con formula piena. Busi è uno scrittore civile perché crede fermamente nell’azione della parola, nella scrittura che può ciò che non può la politica. El especialista de Barcelona è un romanzo importante innanzitutto perché comunica quello che la società non dice o fa finta di non sapere e di ascoltare: «Perché fare sesso che altro è se non servirsi di un partner quale esorcista liberatorio dell’oscura, atrabiliare acredine accumulata contro te stesso?». Bella domanda a cui Busi dà pure la risposta. La questione è tutt’altro che banalmente romanzesca, di storia del c…, è il sunto dentro cui è contenuto il rapporto interrogativo tra individui, tra persone che fanno sottobanco quello che lo Stato, proibendo loro, fa alla luce del sole. Allora non mi interessa la trama, non dirò la storia del romanzo El especialista de Barcelona, perché sarebbe del tutto inopportuno. Il romanzo va sempre scoperto dal lettore, è lui che deve sul serio criticare. Il ruolo dato al critico militante consiste nel valutare la forma, il contenuto, il linguaggio e soprattutto un aspetto in particolare. Un aspetto che renda credibile l’opera. Al di là del dialogo con la foglia di platano che è il filo conduttore di tutto il romanzo, ciò che interessa è l’uso dell’italiano da parte di Busi. Finalmente qualcuno che scrive bene, e ci mancherebbe che sia il primo critico a riconoscerlo, ma che scrive, a differenza di Umberto Eco, facendoti sentire orgoglioso di essere italiano. Per una volta, nonostante lo sfasciume politico e sociale, si può trovare il punto di contatto con la parte più vitale del popolo italiano: la sua lingua. Sarei tentato di citare fino all’eccesso i periodi grammaticali della narrazione che straboccano dalle pagine del libro e di metterle a conoscenza diretta del lettore, ma non credo sia il solo modo per dire che questo romanzo va letto. Va letto perché El especialista de Barcelona è un romanzo “a scacchi”, in cui sia lo scrittore che i personaggi fanno la loro mossa. I bianchi e i neri nella narrazione si muovono creando una spirale semantica retta dal tema del ricordo autorale intessuto nel dialogo tra lo scrittore e la foglia di platano. Soggetto inanimato della natura con cui Busi è costretto a ragionare perché gli uomini non ascoltano più. La forza di questo romanzo civile sta nella capacità di far ribollire il reale, la politica, la morale, la geografia delle città, i sentimenti e la vita. La vita! Quella che Busi ha sempre affrontato di petto e senza riserve, dando colori specifici ai suoi ricordi. I ricordi “neri” si legano alla figura dell’especialista, professore di Letteratura, un cinquantottenne che vive una vita non sua, mentre l’io narrante si apre al “bianco”, cioè alle riflessioni sull’esistenza, sull’economia, sui gusti, sui leader politici europei, sulla fortuna o meno di essere scrittore e soprattutto persona che al di là del suo lavoro deve riflettere perché è un dovere civile. Bianco è il colore della luce penetrante come le frasi del romanzo. La mia è golosità che desidero in parte condividere. La scrittura di Aldo Busi è non solo discorsiva, corrente, capace di passare dal discorso diretto all’indiretto libero, qualcosa che egli cementifica nella sintassi facendo fuoriuscire dal periodo quel tratto aforistico così impagabile per cui il lettore comprende che la scrittura non è se non possiede la facoltà di concepire per prima il vissuto e mai in senso astratto:

 

«Gli esseri umani sono meravigliosi non perché sono, come si suol dire, dotati di intelligenza… come se fossero gli unici animali a avere qualcosa di equivalente almeno secondo le parole inventate per attribuirglielo… ma perché non la usano, è l’irreversibile meschinità dell’umanottero millennio dopo millennio e minuto dopo minuto che lo rende meraviglioso ai suoi stessi occhi, mica il coraggio saltuario di un umano-umano ogni dieci milioni! Pensa quanto sono prodigiosi costoro: dotarsi di un’intelligenza sempre più sofisticata di era in era per non usarla se non per lavorare sempre meno per sopravvivere! Per darla poi in pasto ad un uomo travestito da un qualche tipo di prete o di scienziato o di software che gliela conta su! Non è da tutti, si potrebbe dire, se non fosse da parte di tutti. Poi arriva un coglione come te e… Devi cambiare registro al vento di scoregge che a mulinelli sempre più concentrici ti gonfia dentro, anche tu continui a credere di essere qualcosa che non c’è più. Non c’è più una sola tua cellula che sia rimasta quella di quando avevi vent’anni, dalle ossa ai neuroni sei una somma di corpi che vanno sottraendosi l’un l’altro verso quello finale e che non hanno niente a che vedere l’uno con l’altro, ti rievochi idealmente ma non sei più reale dei discorsi che ti fai a mente, sei lì avvitato a una nostalgica e utopistica identità di comodo come tutti gli altri e soffri di un dolore ormai di routine come tutti, dello stesso dolore per niente perché non sai più procurarti una gioia vera e nemmeno ne accetti, come tutti, una artificiale, da import-export della carne un tanto a illusione, cioè vera nell’unico modo in cui può esserlo una gioia umana alla tua età e anche a meno: il modo economico». (El especialista de Barcelona, p. 225)

 

Il brano in questione indica come nello stile narrativo di Busi sintassi e lessico si sposino perfettamente creando un’armoniosità pungente. Nel romanzo ci sono esempi di periodi sintattici ben più lunghi di quelli sopra indicati, specie quando il flusso di coscienza che si sprigiona dalla ‘foglia’ divampa, porgendo al lettore un gioco semantico dentro cui le subordinate tengono in piedi un discorso che non spezza mai la tensione narrativa. In pochi casi ho letto periodi grammaticali così lunghi, senza perdere il fiato e avvertire che la lettura va come dentro l’acqua. La scrittura di Busi non soffoca il lettore, si apre sempre come un seme, sprigiona continui odori e profumi, alterna sostantivi puri a sostantivi sporchi (“coglione” e “mulinelli”) e mai che niente appaia sofisticato e freddo. La pagina di Busi è una pagina che respira subito dalle prime battute. La lingua italiana così a pieno studiata, cercata, voluta, benché in questo romanzo espressioni idiomatiche dello spagnolo e del castigliano tengano in continuo sussulto il lettore come chi attraversa un campo magnetico che si intreccia alla nostra lingua, determina un’affezione per l’italiano, così bistrattato a livello sia europeo che internazionale. È grazie a Busi che l’italiano sopravvive, grazie cioè a scrittori che credono fermamente che la loro lingua madre possa fecondare altre nazioni. Il sostantivo “umanottero” è un termine che torna più volte nel testo, insieme al monito di leggere un libro. Busi vuole portare l’attenzione in senso quasi definitivo sull’importanza di informarsi, di leggere, di studiare, perché mentre la trama si avvolge con ritmo calzante pari all’estensione dialettica dei ricordi, delle città e dei luoghi descritti nel romanzo, alla sostanza civile del racconto, ciò che non perde mai di spessore è l’io narrante che costantemente fa della scrittura l’atto con cui si compie il confronto più esteso con il lettore. Per concludere ma senza chiudere le porte in faccia ad una scrittura così viva, si porga giusta attenzione all’espressione sia iniziale che finale del romanzo: “Repulisti! Repulisti! Repulisti!”; un moto spontaneo dell’animo che è anche motto morale che Busi persegue. L’uomo deve tornare ad un nuovo umanesimo, capire che la solidarietà è l’unica arma da utilizzare per contrastare un crisi finanziaria di questa portata («Barcellona tutta è dell’umanità il precario presente, Plaza Tirso de Molina a Madrid lo stabile avvenire»). La scrittura di Busi è molto articolata, ricca di parole che mostrano il vocabolario dell’italiano fervente di dizione e di percussione fonetica ed è, in questo romanzo, particolarmente compatta, densa, segue il flusso diacronico della prosa. Il pentagramma narrativo sposta continuamente il lettore avanti e indietro nella storia, con la particolarità del canto del personaggio-scrittore che intona melodie spensierate che invocano la vita. Busi è combattivo, maturo, riesce, nonostante l’ambientazione, a stare molto anche in Italia e nella nuova logica furfantesca del mondo. Quanto all’Italia, Busi non ha dubbi: «Non è bello togliere al popolo bue l’altarino del vittimismo che innalza l’idolo da odiare e da temere per farne il capro espiatorio in prospettiva e intanto da adorare alla cieca sgravandosi di ogni responsabilità personale e individuale, eh. Mi spaventa quando si agita un solo cappio nella piazza. In Italia, por ejemplo, solo se gli appesi fossero una trentina di milioni su sessanta, a essere clementi, mi tranquillizzerei. Forse la politica elaborata dall’alto non può che essere la mascherina della sindrome della mafia che sale dal basso, della mafia di massa di una intera etnia disgraziata di natura e segnata per sempre e, visto che devono governare, i politici andrebbero assolti tutti e i loro elettori e sostenitori giustiziati all’istante». Non rimane che augurare una buona lettura e suggerire di armarsi di sana voracità.

 

 

 



[1] El especialista de Barcelona , di A. Busi, Dalai editore, p. 368, Milano, 2012.




Scarica in formato pdf  


      

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006