LUOGO COMUNE
ELOGIO DELLA MANUALITÀ
La penna, se è stilografica, ha
lo stilema in corpo


      
Prendendo spunto da un recente volumetto di Giuseppe Neri, si dipana qui un ragionamento, quasi un arabesco sull’origine della letteratura come arte amanuense che principia dallo stilo al calamo, alla penna d’oca fino alle più moderne stilografiche. Come una microstoria e una parabola della scrittura che vale, come pratica, anche oggi nel tempo della digitazione computeristica. Perché ciò che conta è che il ritmo del polso si mantenga come nel ritmo di prima: di quando ovvero arava il foglio bianco con il vomero-pennino.
      



      

di Cesare Milanese

 

 

Giuseppe Neri dice di quando il sangue dell’immaginario, che colava colava colava sulle bianche pagine mallarmeiane, era nero perché il nero è il colore dell’inchiostro che sgorga dall’interno dello strumento di cui, egli, Giuseppe Neri, scrive l’elogio: la penna stilografica. Quest’oggetto “bello”, la cui nominazione si compone di vocaboli “belli”: “penna” e “stilografia”.

Il vocabolo “penna” con le sue varianti nei suoi vari momenti-movimenti, cioè sia che “s’impenni” in arsi d’accensione entusiastica, sia che inclini, si “mortifichi” con la perdita della doppia emme dell’enfasi nel termine ristretto di una emme sola: pertanto come “pena”.

Termine quest’ultimo da cui è dato d’intravvedere la “pena” di vivere, direbbe Giuseppe Ungaretti, quindi la “pena” del trovarsi a essere scrivano, cioè scrittore, dell’umano. Ciò, insieme a ciò, di conseguenza fa venire in mente il quanto e il quale da Cognizione del dolore, che a tale “pena” si accompagna.

Anche se, tenendo ben d’occhio il poeta, uomo di “pena” come uomo di “penna”, per cui, all’inverso, se uomo di “penna”, necessariamente anche uomo di “pena”, si evince che alla fin fine da questo esercizio d’intreccio tra “penna” e “pena”, e tra “pena” e “penna”, nella stesura del testo che ne consegue, se ne ricava (lui, il poeta, per primo) un piacere compensativo specifico: il cosiddetto piacere del testo. È Roland Barthes, per esempio, che lo dice.

In virtù di tale piacere, si direbbe che l’euforia fiorisca particolarmente bene proprio nell’ambito dell’algopatia. È questo uno dei misteri della poesia, su cui non staremo proprio qui a disquisire, ora.

Torniamo, invece, a occuparci delle due parole di cui l’oggetto, oggetto dell’apologetica di Neri, si compone: “penna” e “stilografia”. Della prima, la “penna”, brevissimamente in parte si è già detto; della seconda, la “stilografia”, sempre brevissimamente, cerchiamo di dire quanto meno altrettanto.

 

E anche qui s’impone una scomposizione in due termini distinti: “stilo” e “grafia”. Comincerei da quest’ultimo: “grafia”. “Grafia” equivale a scrittura, ma scrittura equivale a letteratura, perciò “grafia” equivale a letteratura e letteratura equivale a “grafia”. Non sto qui a sottilizzare a quale tipo di entimema corrisponda questo ragionamento. Sta di fatto che lo dobbiamo prendere per buono, anche perché ci piace che sia così. Ed è una buona ragione anche questa.

Ma intanto, prima di procedere, si noti (e sia detto en passant) come questi due termini congiunti, “stilo” e “grafia”, abbiano entrambi, sia che siano uniti, sia che siano divisi, suoni e sensi significativamente aulici e significativamente araldici, oltre che densamente semantici ed etimologici. Questa loro caratteristica intrinseca ed estrinseca si spiega facilmente. Questi due termini sono quanto mai propri, preliminari e liminari, dell’operare specifico in letteratura; e si sa che in fatto di esuberanza di senso e di “splendidità” di risonanza, la letteratura ama trattarsi bene. Peraltro questa sua peculiarissima procedura fa parte del suo mestiere.

Detto questo en passant; e non volendo, come si è già detto, divagare più del necessario, torniamo al termine che abbiamo lasciato in sospeso, alla parola “stilo”: il primo lemma di cui si compone la locuzione composta e complessa di “stilografia”.





E quindi “stilo”. Da una parte da intendersi come “colonna”: dispositivo cilindrico di sostegno in funzione architettonica; e la penna stilografica, oltre ad averne la forma esterna omologa, ne ha anche la valenza simbolica analoga: regge potentemente i discorsi che redige. La penna stilografica ha dignitas, gravitas, elegantia, auctoritas e potestas, come la colonna.

Da un’altra parte “stilo” da intendersi, proprio come stilo, nel senso di pugnale: strumento penetrativo nei corpi da carne viva da cui far schizzare il sangue-inchiostro, questa volta rosso, che associato all’inchiostro nero della penna (da qui il famoso detto: “Ne uccide più la penna che la spada”), dà subito luogo all’assemblaggio di quel Rosso e nero, alla Stendhal, che fa immediatamente letteratura: ed è subito capolavoro.

E da un’altra parte ancora, “stilo” come lo strumento scrittorio per eccellenza degli antichi romani e di tutti i popoli incisori di scritture, che si è fatto sinonimo di “stile”: la peculiarità principale della “grafia”, quando la “grafia” si fa, per l’appunto, letteratura. Letteratura da “stilografia”: realtà che si ottiene principalmente attraverso la sua solennizzazione costituita dalla scrittura stilografica, quella, che secondo Giuseppe Neri, si ottiene come si deve ottenere, soprattutto attraverso la penna stilografica, che è il suo oggetto d’amore, d’onore e di dovere. E, inoltre, di piacere, come già si disse.

A dar retta a Neri, nel campo della letteratura, si dovrebbe ragionare così: “Lo scrittore, di suo, come sua esperienza di vita, per quanto riguarda i materiali di cui abbisogna, procuri, per conto proprio, di avere il diavolo in corpo. Raymond Radiguet ce lo insegna. Cosa abbastanza facile: il diavolo è sempre disponibile con chiunque e con gli scrittori anche di più che con altri.

A fare il resto, cioè a far sì che il testo riesca come testo da letteratura ci pensa la penna stilografica (per chi la adotta e la usa), giacché la penna stilografica ha di per sé lo stilema in corpo. Ma guarda questo Giuseppe Neri che cosa mai ci indica e c’insegna!

Si capisce perché se ne faccia l’apologeta. Com’è ricco, com’è complesso, com’è funzionale, com’è bello quest’oggetto: tale, pertanto, da meritare sotto ogni aspetto, il panegirico con cui il nostro autore lo considera.  E noi con lui, per contagio. Noi, da parte nostra, gliene siamo grati.

Tutto il resto è descrizione della funzione-funzionamento dell’oggetto-penna, strumento generativo di scrittura, ma al tempo stesso soggetto dello scrivere perché v’imprime, in virtù della sua specificità di strumento magico, il sigillo immateriale dello stile.

Tutto diventa allora descrizione di ciò, e al tempo stesso narrazione della sua genealogia: la storia dello strumento stesso, di penna come penna, risalendo, pertanto, in antico, allo stilo, al calamo, alla penna d’oca; e di conseguenza, in moderno, alla penna dal manico di legno con pennino fabbricato in fabbriche metallifere: quel pennino di ferro per registri contabili da scritturale impiegatizio e da quaderni di scolaro (come direbbe Paul Eluard) da intingere di volta in volta, se prosciugato, nel pozzo nero del calamaio, da cui ritrarlo grondante ad abundantiam.

Dopo di che, il suo puntare acuminato sulla superficie cartacea e il suo procedere su essa scorrevolmente, ora accelerando, ora rallentando, ora indugiando, slittando, volvendo, frusciando in quel campo aperto bianco della pagina che si va via via riempiendo di solchi ben allineati e ben arati. Chi scrive, prima di tutto, è un bravo contadino.

Certo, se la penna è di legno, il vomero-pennino non sempre scorre agevolmente, spesse volte s’incaglia e qualche volta si “schinca”, a parte quel movimento dell’andare e venire, nel dentro e nel fuori, giù e su dal calamaio e su e giù nella pagina, può interrompere il flusso ben modulato e ben temperato dall’estro continuativo della dettatura interiore.

E fu così che l’ingegno umano ricorse alla prodigiosa invenzione della penna stilografica, questo prodotto della modernità che mette in congiunzione industriosità da fabbrica e artigianalità da bottega insieme.





Perché fu da allora, con la penna stilografica in mano, che lo scrivente, lo scrivano, lo scritturale, lo scribacchino o lo scrittore, insomma l’operatore amanuense che si avvale di quest’alta e nuova strumentazione, procede senza inciampi, senza interruzioni, senza distrazioni, potendo dar libero corso al flusso continuo senza staccare mai la punta fosforescente del pennino sismografo dalla superficie del foglio, se non per quei distacchi da salti ritmici dovuti al cambio di parola: una questione di variazione del ritmo e della sua scansione, non una vera interruzione.

È a questo punto che s’inserisce l’acuta e puntuale osservazione di Giorgio Manganelli, sulla goduria dello scrivere, in pari con quello che si chiama il piacere del testo, nella modulazione del procedere della mano che guida e al tempo stesso insegue la penna con l’armoniosa “souplesse del polso”: parole sue.

Allora sì che lo scrivere diventa un vero scrivere: questione di coordinazione simpatetica della mente, della mano, dell’occhio e dell’orecchio. Sì, anche dell’orecchio: che cosa sarebbe, cioè non sarebbe, un paesaggio di natura senza il frusciare del vento tra le fronde? Che cosa sarebbe, cioè non sarebbe, lo scrivere senza il fruscio del pennino sulla pagina? Infatti, anche l’orecchio vuole la sua parte per un autentico rapporto, oltre che con la mano e con la mente, anche con l’animo e con l’anima.

Alla letteratura, peraltro, il suono è un dato indispensabile, dal momento che la letteratura è musica pensata: ebbene quel frusciare del pennino nella sua funzione di scrivere è la componente udita esteriorizzata di quella stessa musica che si esprime mentre viene erogata.

E qui siamo veramente al punto, al vertice, alla vetta, al sommo di ciò che si dovrebbe poter raggiungere e attingere: il ciò che l’uomo amanuense (una definizione possibile dello scrittore da letteratura) aspira a saper cogliere nel saper dire il meglio di tutto ciò di cui si può dire scrivendone. Il ciò da cui procede lo scrivere, lo scrivere, lo scrivere. Perché viene da ciò il reperimento e l’invenimento del meglio di ciò che c’è, sempre attraverso lo scrivere, lo scrivere, lo scrivere.

Oh quante cose dipendono da questo esercizio atletico della “souplesse del polso”, che tutto il braccio e tutto il corpo mettono in atto attraverso il movimento della mano che sta stringendo, fra le tre dita nobili, l’asta puntuta della penna (il cilindro caleidoscopico rutilante, se si tratta di penna stilografica).

Ebbene questo esercizio è tutto nella pratica e nell’arte dello scrivere e deve restare tale anche quando subentrerà la macchina per scrivere con i suoi testi a caratteri bodonici e anche quando lo scrivente-scrivano, soprattutto se intende operare da scrittore, dovrà adottare la tastiera da computer: quando allora le dita passeranno dalla stretta d’insieme alla libera danza.

Perché ciò che importa è che il ritmo del polso si mantenga come nel ritmo di prima: il prima di quando c’era ancora la penna. È il modo giusto, e obbligato, questo, per fortuna, di mantenere l’uso della penna in vita. Il medium comune tra le due modalità di generare testi resta quindi la mano: reggitrice un tempo di quella macchina da stile che era stata la penna, soprattutto se stilografica, decisionistica oggi nella digitazione computeristica.

Nella memoria della mano resta intatta, pertanto, la memoria della penna. Che è come dire che anche nell’era dell’informatica l’umanità è salva. Vogliamo dire che con ciò il futuro ha un cuore antico? Qualcuno l’ha detto: adesso nella fretta di concludere non ricordo chi, ma non importa. Importa sapere che si può concordare con una simile sentenza.

 

                                                                                              

 

Giuseppe Neri, Elogio della penna stilografica, Ghenomena, Formia 2012, pp. 74, € 12,00

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006