LUOGO COMUNE
SEBASTIANO VASSALLI
Una favola dove regna il dio
dei Soldi e dei Saldi


      
“Comprare il sole” è l’ultimo romanzo dello scrittore genovese che si ambienta in un presente fiabesco, ma triste e alla deriva, dove gli unici sogni sono quelli all’inseguimento dei quattrini e dove non c’è più neppure una critica al sistema capitalistico, perché la società è già crollata, è già la quotidiana reiterazione del proprio fallimento. La protagonista del libro, Nadia, è una ventiquattrenne precaria col mito infantile di Paperon de’ Paperoni e che realizza una insperata, grossa vincita al lotto, ma questo non produrrà nessun cambiamento positivo, né preluderà ad un futuro migliore.
      



      

di Ilenia Appicciafuoco

 

 

Comprare il sole, l’ultimo libro di Sebastiano Vassalli (Einaudi, Supercoralli, Torino, 2012, pp. 192, € 18,00) è un angosciante ritratto della storia italiana degli ultimi decenni. Le tappe del percorso che ci ha condotti nel caos in cui ora navighiamo è tutto in questo libro di meno di 200 pagine, completo perfino dei classici incipit e chiusa: C’era una volta ed E vissero felici e contenti. La penosa deriva della protagonista femminile del racconto è riportata con un linguaggio di una semplicità ed un’immediatezza disarmanti. La tristezza, le tinte grigie, primarie nel testo montano dalla prima all’ultima pagina e a lettura terminata sono così invasive da instillare in noi il rifiuto di andare oltre le parole, di analizzare tutto quello che c’è al di là del plot narrativo. È l’autore stesso, onnisciente e didascalico, a definire il suo romanzo una favola. Sa bene che ogni favola che si rispetti ha una morale e che quando quest’ultima non è esplicita, cede il passo all’allegoria. Da brava, pur colonizzando ogni aspetto della storia l’allegoria non svela dall’inizio la sua vera identità. Ma prima della fine anche il lettore più ingenuo l’avrà smascherata.





La protagonista della favola grigia si chiama Nadia Motta e ha ventiquattro anni. È una ragazza senza sogni, senza personalità, senza connotati fisici. Sappiamo solo che potrebbe essere bella, ma il suo temperamento la rende carina, una come tante. Perfino il nome non sa di niente, passa inosservato. Starebbe a pennello sulla concorrente di un quiz televisivo. Non ha ambizioni; è una giovane neet ma non è disillusa né sfiduciata. Si crogiola di fronte al pc, in una camera da letto, nella speranza che il suo destino possa pioverle dal cielo con il suono di un frusciare di euro. Unico obiettivo della ragazza sono i soldi. Tanti, e facili ovviamente, perché Nadia è una lavoratrice saltuaria e non studia, ma finge soltanto di frequentare la facoltà di psicologia in un’università lontana dalla sua città, che ha scelto per incontrare qualche volta il suo amante un giovane professore che altro non è che il miserabile ritratto del radical chic contemporaneo. Anche lui è senza dubbio innamorato del denaro perché, come narra Vassalli,  

 

«Essere ricchi, all’epoca della nostra favola, era il sogno di tutti gli esseri umani che vivevano su questo pianeta, e naturalmente era anche il sogno della nostra protagonista. Fino dall’infanzia: tra gli eroi di Nadia c’era stato Paperon de’ Paperoni, il personaggio di Walt Disney con la piscina piena di soldi».

 

L’insegnante è solo un amanteNadia un ragazzo ufficiale ce l’ha: si chiama Eros e per lei non è niente, solo un intralcio che mantiene in vita perché in qualche modo lui la mantiene. Lavora in un supermercato e a fatica riesce a mettere da parte i soldi sufficienti a estinguere il mutuo sulla casa. Se l’unico sogno di Nadia è essere ricca, quello di Eros è avere meno responsabilità e preoccupazioni possibili. Pur essendo un lavoratore, il suo ruolo in questa favola grigia non è quello del cattivo ma dell’indolente e del semplicione. Il tran tran straordinariamente inutile della protagonista viene messo in discussione quando un bel giorno il suo sogno si materializza in una cifra enorme vinta al Super Lotto. La fortunata non avverte né il fidanzato né sua madre, un’ex femminista che l’ha cresciuta da sola a pane e slogan, e fugge. Iniziano così le peregrinazioni per cercare qualcuno a cui affidare i suoi soldi per reinvestirli e farli fruttare, perché 21 milioni di euro nel paese della favola di Vassalli possono essere sperperati in pochissimo tempo.

 

Proprio da questo punto della storia cominciano ad affiorare le intenzioni che frullano nella testa e nella penna di Vassalli, autore che fin dagli anni ’60 porta avanti un’indagine sulla natura delle evoluzioni e delle involuzioni della società. I personaggi ai quali Nadia Motta si affida sono un insieme di volti e anime stilizzati ma hanno poco in comune con i disegni dei bambini. Al contrario, sono speculari di determinate fasi storiche vissute e subìte dal nostro paese. Molto hanno a che spartire soprattutto con i processi della nostra parabola economica discendente. Le persone alle quali Nadia, allegoria dell’Italia si affida o dalle quali si affranca incarnano periodi precisi che dalle rivoluzioni del ’68 a oggi ci hanno trascinati a questo punto.

La giovane guarda con malcelata pietà e disincanto alle lotte portate avanti – seppur superficialmente e dando risalto al lato più pittoresco dello woman power – dalla madre; spera per pochi secondi di trovare una relativa e insopportabile tranquillità tra le braccia del ragazzone che lavora come un mulo a testa bassa e che si crogiola in una routine dove la curiosità per il resto del mondo è bandita; crede che troverà profondità di sentimenti e di intenti nel professore latin lover ed egoista, forse uno dei personaggi più in ombra del libro, portatore non sano di cultura universitaria condita di ideali socialisti e progressisti che usa per camuffare un egoismo e un narcisismo da intellettuale dell’ultima ora.





Andy Warhol, Dollar Sign, 1982


Poi arriviamo alla vincita, al desiderio che si avvera: il denaro appare a Nadia anche in sogno, nelle sembianze luminose e invisibili di un dio, il Signore dei Soldi e dei Saldi, che non può che vivere in un centro commerciale abitato da fantocci e che alla fine della storia svelerà il suo vero volto. Tuttavia qui non siamo in uno shopping mall simile a quello in cui agisce Rhoda, la tossicodipendente sfregiata del romanzo Il manichino di S. L. Grey[1], che si ritroverà immersa in un universo di freak, vampiri e omicidi, simboli della malattia e della degradazione dello stile di vita occidentale. Nel romanzo di Vassalli non c’è una critica diretta al sistema capitalistico semplicemente perché il castello è già crollato, si disfa ogni giorno, è il primo a dimostrare al mondo il suo fallimento.

Le peregrinazioni di Nadia per salvare il suo malloppo e un futuro agiato la porteranno a cadere fra le braccia di un rampante avvocato, simile in tutto e per tutto agli yuppie degli anni ’80, a un ambiguo straniero invischiato fino al collo nel mondo delle frodi finanziarie ed a sua volta collegato ai traffici di un fanatico cattolico. Ma nel romanzo di Vassalli c’è anche spazio per i sedicenti leader di centri sociali, per le patetiche rivalità e ambiguità erotico-sessuali, per il consumo di droghe e per le antiche e sempre attuali regole che governano le città di provincia. Su tutto una patina di grigiore, di abulica quotidianità e di noia che neanche il colore dorato del Signore dei Soldi e dei Saldi riuscirà a illuminare. 

          

«Davanti a lei, sospeso a una tela come su una croce, c’era un ragno enorme, delle dimensioni di un uomo. L’uomo-ragno aveva due teste, collocate alle due estremità del corpo come i personaggi delle carte da gioco, e la guardava dall’alto in basso e dal basso in alto con otto occhi perché in ognuna delle sue teste di occhi ce n’erano quattro (…) Quel mostro teneva gli occhi fissi su Nadia e si dondolava dandosi la spinta con le braccia, come un bambino sull’altalena. Ora, i ragni erano sempre stati una presenza ricorrente nei sogni della nostra protagonista, ma questo che le stava davanti era qualcosa che non si era mai visto, metà ragno e metà carta da gioco. Metà carta da gioco e metà uomo».[2]        

 

Il sogno di Nadia non finirà con il risveglio ma sarà solo una premonizione della tragica deriva della favola nera di Vassalli. Una deriva morale, fisica e antropologica che, anche nel libro, culminerà nel caos, nella rottura del sistema che però non prelude a nessun futuro diverso o migliore. 



[1] È uno pseudonimo dietro cui si nascondono i nomi di Sarah Lotz e Louis Greenberg.

[2] Sebastiano Vassalli Comprare il sole pagina 78.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006