LETTERATURE MONDO
CARTOLINE
DA BRUXELLES (7)
“Dio ti guarda, Stalin no”.
Politica e religione al tempo
delle miniere

      
“La recette du pigeon à l’italienne” è il terzo romanzo-inchiesta di Alain Berenboom, ambientato nel dopoguerra belga. Oggetto dell’indagine letteraria la comunità degli immigrati italiani, in una storia complessa che finirà dalle parti di Marcinelle dove, nel 1956, sarebbe avvenuta la nota, tragica strage di minatori. A quel disastro fa riferimento un graphic novel dell’italo-belga Sergio Salma, mentre nella mostra “Manifesta 9”, quest’anno organizzata a Genk, i materiali esposti hanno posto il problema dell’uso pubblico della memoria in relazione alle vecchie e nuove migrazioni.
      




   

di Daniele Comberiati

 

 

Michel Van Loo vive nel quartiere popolare di Schaerbeek, a Bruxelles, per la precisione in Place des Bienfaiteurs, dove al centro della piazza è stata costruita una fontana in onore della “benefattrice”, una donna agiata che dava da mangiare ai poveri e si occupava di loro. Per rilassarsi ama fare lunghe passeggiate al parco Josaphat, un parco pieno di statue liberty, stagni, animali vari e una piccionaia di legno; di mestiere fa l’investigatore privato e il suo vicino, nonché suo amico, è un emigrante italiano di origine pugliese che ha aperto un parrucchiere, giunto in Belgio in seguito a problemi avuti durante il fascismo. La fidanzata di Van Loo lavora come aiutante nello stesso negozio, mentre un altro suo grande amico, ebreo polacco fuggito dalla Germania nazista, farmacista della zona, lo accompagna talvolta nei bar dove  è solito bere le sue gueuze, ovvero birre chiare allungate con sciroppo di ciliegia.

Michel Van Loo è il protagonista delle inchieste dello scrittore Alain Berenboom, la cui terza fatica (dopo Périls en ce Royaume, 2008, e Le roi du Congo, 2010, sempre per le edizioni Genèse), La recette du pigeon à l’italienne, ambientata nel dopoguerra belga (1949), mette in scena la comunità degli immigrati italiani, in una storia complessa che lo porterà, dall’amata Bruxelles descritta in un’insolita e calda primavera, verso Liegi e le miniere di Charleroi e del Borinage, lì dove pochi anni dopo, nel 1956, sarebbe avvenuto il disastro di Marcinelle.

È una storia particolare, quella descritta da Berenboom, perché cerca di fare luce anche su uno dei fattori più squallidi dell’emigrazione italiana in Belgio: all’indomani dell’accordo fra i due stati (1948), secondo il quale per un certo numero di lavoratori inviati all’anno l’Italia avrebbe avuto una forte riduzione sul prezzo del carbone, alcuni “paesani” si erano organizzati per scegliere gli emigranti da inviare, facendo attenzione a non mandare all’estero quelli con la tessera del Partito Comunista o chi durante la Resistenza aveva avuto un ruolo attivo fra i gruppi partigiani. Ci si trova di fronte a veri e propri “scafisti” ante-litteram, che dapprincipio sembrano moralmente abietti e censurabili, ma che nel prosieguo della narrazione appaiono semplicemente come pedine (e non sempre delle peggiori) all’interno di uno scacchiere in cui nessuno sembra essere innocente, a parte i minatori che, con l’inganno, sono ridotti al rango di nuovi schiavi. Fra l’ipocrisia del Partito Socialista belga, l’inettitudine del sindacato e soprattutto gli interessi della chiesa (che voleva a tutti costi una sorta di “diritto di prelazione” sui minatori italiani), Van Loo si muove in un universo dagli interessi politici complessi e delicati, che sembra ricordare da vicino, e non per caso, alcuni aspetti della società attuale. Treni carichi di immigrati che giungono per lavorare in condizioni allucinanti; governi e partiti che solo formalmente ne vorrebbero impedire l’arrivo, mentre in realtà hanno assoluto bisogno di lavoratori stranieri sottopagati pronti a riprendere mestieri che gli autoctoni non vogliono più fare o per i quali pretendono ben altri salari; un multiculturalismo di facciata che nasconde una società razzista e classista. Il Belgio del 1949 – con gli emigranti italiani schierati a metà fra Coppi e Bartali che si contendono il giro, con il primo ad attirare le simpatie di socialisti e comunisti – assomiglia fortemente all’Italia (ma forse in generale ad un paese occidentale) di oggi.





Una tavola del graphic novel Marcinelle 1956 (2012) di Sergio Salma


Nella cifra ironica di Berenboom, fra la schiuma delle birre e i cieli grigi di polvere di carbone del Borinage, vi è qualcosa di più serio: la volontà di instaurare una riflessione sull’identità nazionale che prenda atto anche di un passato che non sarebbe eccessivo chiamare “coloniale”. Certo, diverse furono le politiche attuate nelle colonie africane, eppure la portata politica (perché di accordi fra i due paesi e di emigrazione “indotta” si tratta, in questo caso) dell’emigrazione italiana in Belgio assomiglia in tutto e per tutto ad una dinamica coloniale di cui ancora oggi sono visibili gli effetti.

Lodevole, si diceva, il tentativo di riflettere sulla questione in chiave attuale, che non si ferma al solo Berenboom. La mostra “Manifesta 9”, quest’anno organizzata a Genk (altro luogo di miniere ed emigrazione) in una vecchia miniera, ripercorre con installazioni e documentari d’epoca la vita del sottosuolo e soprattutto la conformazione della società belga attuale. Sugli schermi passano i vecchi documentari statali, in cui si invitavano i giovani ad intraprendere la “carriera” del minatore, grazie alla quale avrebbero goduto di enormi vantaggi e pensioni anticipate. Sembra quasi un richiamo a quel “posto al sole”, con cui il fascismo cercava di indurre l’uomo italiano ad andare ad abitare nel deserto libico, per poi ritrovare, come avrebbe scritto Flaiano in Tempo di uccidere, «una terra uguale alla sua, più ingrata della sua, priva d’interesse. L’hanno preso in giro». Vale la pena anche rimanere qualche minuto ad ascoltare la voce narrante del documentario sui minatori turchi (degli anni Sessanta!) che prima spiega quanto costi un turco allo stato belga, e come il turco sia, per “indole”, meno lavoratore dell’italiano e del greco, e dunque meno conveniente per l’industria statale.

Sergio Salma, di origine italiana, è nato in Belgio nel 1960, non lontano da Charleroi. Disegnatore di fumetti, è suo Marcinelle 1956 (Casterman 2012), la storia per immagini del giovane Pietro Bellofiore, minatore appena arrivato dall’Italia, nei sette mesi che precedono la tragedia di Marcinelle. Attraverso un tratto semplice e un’accurata ricostruzione storica e degli ambienti dei minatori, l’autore si sofferma sugli episodi apparentemente minimi del quotidiano degli emigranti (l’acquisto della prima vespa, il ritorno a casa dal figlio, la sveglia presto al mattino), fino a quando qualche elemento “perturbante” (come una tosse che sembra un malanno da nulla e invece potrebbe nascondere la silicosi) entra nella memoria e nell’immaginazione del lettore. E tutto sembra portare al disastro del 1956.

La “battaglia del carbone” il Belgio apparentemente la vinse. Ma queste opere ricordano che, proprio come la “battaglia del caucciù” in Congo, tali “vittorie” nascondono un sottobosco di sfruttamento che a lungo andare le trasforma in sconfitte.

 

 




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006