LETTERATURE MONDO
POLA OLOIXARAC
Personaggi e animali in una metropoli-Guernica

      
“Le teorie selvagge” è il destabilizzante esordio narrativo della 35enne scrittrice argentina. Un libro ricco di fibrillazioni filosofico-antropologiche, dove l’accumulo storico, il pensiero-spazio di memorie reincarnate e riflesse, le strategie dell’uomo-preda contro la paura del vuoto disorganico della contemporaneità, vengono ‘mappate’ con ironia ‘cannibale’. E trattate secondo le cyber-procedure ‘di rete’ mediante l’espansione incontenibile delle comunicazioni ego-centrate.
      




   

di Sarah Panatta

 

 

Yorik volteggia notturno. Assente a sé stesso, nello specchio curvato di una gabbia invisibile, riassume la tragedia esilarante dell’individuo condannato a metabolizzare la perdita dell’innocenza animale. Fuori, sulla sponda domestica dell’ignoto, X sfoglia traiettorie percettive. Mentre K. e Pabst, suoi ingenui topi da laboratorio, si alleano nella crociata per l’affermazione non conformata dell’Io, rispondendo ai canoni (im)prevedibili di un’attitudine connaturata.

Ipotesi/applicazioni di auto-impressione sulla pellicola sfocata della società. Promiscui porosi calcificati rituali di allerta/transizione/emancipazione/obliterazione sessuale. Violazioni e rivalutazioni collettive. Di cavità e cattività corporali destinate alla digestione orgiastica di web tv amatoriali. Dei luoghi di identitarie neo-apocalissi, aggrediti e re-insediati/clonati/assorbiti da isteriche inconciliabili creature 2.0. Di retaggi storici di recente flagranza, coscritti in un citazionismo mnemonico critico-difensivo. Di “mappe” digitali trasformate con piratesco spirito anarco-conservativo in anatomie geo-politiche di paesi in storica demolizione. Generazioni confuse dalle persecuzioni di ieri e dalle tirannie mercificanti dell’oggi, ammansite ed eterodirette dalla propria immobilità immanente, stigmatizzata da cicliche ribellioni-esorcismo. Generazioni ossessionate/assuefatte da/ad un (crescente) egocentrico possibilismo espositivo. Illusoriamente sostanziate da prassi di indocilità ostentata. Impegnate in uno svisceramento spersonalizzante  della civiltà coeva e braccate da un’impotenza ansiosa, sovente anestetizzata in visionarie peripezie prive di scopo e meta.

Disegnando metropoli-guernica, fotografando la catastrofe del progresso con destrutturante violenza pixel. Drogando fluorescenti party anemici in cui incanalare e rappresentare, in performance codificate da ampollosi ermetismi, pulsioni genitali e (intentate) sovversioni sociali. Inseguendo l’esegesi perfettibile di una dottrina omnia e propulsiva che possa finalmente conciliare/sanare/arginare le interpretazioni del senso della vita. E delle relazioni interpersonali. Aizzate ostruite dal mucchio de Le teorie selvagge[1] fibrillanti nell’esordio narrativo dell’argentina Pola Oloixarac[2]. Rastrellata con ordine da una risacca filosofico-antropologica vivacemente culta e mimeticamente addestrata che meta-te(rr)orizza il racconto, l’opera si finge diario-provetta di un esperimento. L’autrice pedina una scarna guarnigione di protagonisti, nipoti delle leggende (post) peroniste e di una sovraccarica cultura libertaria amaramente sfumata, negli anni Duemila, in un’intellighenzia-moquette sterile anche se fantasiosamente capace di affaticata perpetuazione. Sopravvivendo all’impasse cosmico ed ineludibile di un’essenza predata, mascherata nell’eterna mutevole riproduzione dei propri cerimoniali di “caccia”, gli uomini si muovono interfacciando le fluttuanti monadi di desideri/esperienze fossilizzati nelle “celle” dell’esistere secolare. Abilitati alla ripetizione e alla guerra come e(ste)tica del mondo.





Così i personaggi di Oloixarac. Attori del conflitto/connubio con l’umana intimità bestiale. Componenti colloidali, non sodali, di una Buenos Aires, contesto-zoo sedato, impastata nel suo “laissez faire, lassez passer” sprizzante avanguardie alcolizzate annoiate e icone masterizzate. Sono meteore-“involucri”[3] di domande che pretendono e temono un diverso razionalismo. Untori bislacchi e mostruosi di una nuova velleitaria (co)scienza i soggetti dell’opera prima di Oloixarac (compendio umano parodico-ermeneutico in forma tripartita, dotto pseudo-romanzo che scava tra falangi macedoni, spedizioni terzomondiste, Rousseau, Leibniz, Hobbes e Freud, mandando a monte derive evoluzionistiche, rielaborando la sintassi divinatoria ma chiusa, ardita e menzognera del blog). Una fauna in sorvegliata coltura. Yorik, cinefilo pesce da combattimento siamese che ispira tattiche di subdola attesa e clandestini concetti resistenziali. Montaigne, gatta silente, cavia/compagna/avatar, esplicativo testimone del socratismo tenace della padrona ventenne, che si inarca con indifferenza ferina tra i meandri dell’appartamento come la donna – l’universitario fascinoso io narrante – si sposta e ritira, sinuosa felina, nei centri nervosi di un professore incompreso per rintracciare lumi tra le ombre di un’esoterica saggezza salvifica. Pablo-Pabst, foruncoloso masochistico dio della masturbazione voyeuristica e prometeo incatenato della provocazione cinica ordita quale  “contorto” richiamo affettivo, appello all’elite espulsiva, invito al disprezzo-devozione altrui e all’inclusione nel gruppo (aborrito ma necessario) tramite il controllo dei “protocolli” di approccio inter-net[4].

L’anima gemella Kamtchowsky, prole tarchiata di borghesi ex rivoluzionari, sottomento nascosto e collant ricamati a microchip, fante temerario della piatta schiera post puberale, fine analista dei “modelli di successo” della propria categoria, concimati su un terreno di demoralizzante e volgare battaglia di “vettori di personalità” animati/attratti da studiati recettori/conduttori di empatia. Lo statuario sniffomane Andy e l’artista trendy-chic Mara, allenati al ridicolo ma dal suo tormento intellettualmente avulsi. Logical e Q, nerd guest star magnifiche e risolutive, hacker avvelenatori di monopoli. Oltre la recinzione del macchiettistico edonismo ventenne, le confessioni amorose su carta della scomparsa zia Vivi e l’ottusità abnorme del viscido Collazo, assistente a sua volta dell’evanescente Augusto, esule accademico, nucleo dell’intreccio primigenio in quanto bersaglio dello stalking “teoretico” dalla protagonista senza nome. Alter ego impudico della scrittrice, che partorisce, Minerva furiosamente allegra, un libro groviglio. Che ricalca nelle falde della sua stratificazione (ideale e formale) sovrabbondante e inclusiva sino al parossismo, l’irrefrenabile eiaculazione degli Ego ramificati in dimensioni di cyber tolleranza. Le norme di uniformazione istintuale. Il pasticcio degli approdi ontologici e le trappole della comunicazione moderna. Il panico dell’Io “estinto” nei “sistemi operativi” sociali.

Dentro l’acquario, selvaggio.

 

 

 



[1] T.O. Las teorías salvajes, Baldini Castoldi Dalai Editore, Milano 2012, traduzione di Anita Taroni, pp. 201, € 16,50

[2]  Buenos Aires 1977.

[3] Cfr il collage generazionale di J. Egan ne Il tempo è un bastardo (T.O. A visit from the Goon Squad, Minimum Fax, Roma 2011, traduzione di Matteo Colombo, pp. 391, € 18,00). Egan scrive il futuro di un esercito di uomini-ragazzi annichiliti da un passato inintelligibile. Oloixarac recupera la convessità molesta della gioventù che rifiuta e insieme bramosa ricerca inattuabili transizioni, facendone tuttavia culla creativa, gomitolo di errori/orrori conoscitivi divertenti e mai passivi, seppur fugaci, quasi sempre fallimentari. Egan ed Oloixarac si preparano forse a rappresentare una comune o almeno consimile forma di romanzo ibrido e speculativo, fortemente contestualizzato e innervato delle attuali direttrici dell’info-comunicazione, di cui è assemblaggio, nemesi e controcanto.

[4] Nella grottesca puerile perversione di Pabst, alieno geniale e represso, l’autrice inietta la sindrome anti-sociale contemporanea, dimostrando l’esacerbazione, paventata in primis da Rousseau, dei comportamenti socio-regressivi innescati dal progresso classista e dalle tecnologie di connessione immateriale. Giocare una partita nella psicologia del wireless significa spogliarsi di identità fisse, stemperando la spontaneità cruda del faccia a faccia reale e rintracciando nella solitudine una risorsa insostituibile “nell’Amministrazione nutrizionale dell’Ego” (p. 38 in Le teorie selvagge, v. nota 1) narciso e disciolto.




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006