SPAZIO LIBERO
KEITH RICHARDS
La mia vita con
i Rolling Stones


      
In “Life” scritto con il giornalista James Fox, il chitarrista della più famosa rock band del pianeta racconta mezzo secolo di ‘vita spericolata’ ormai definitivamente entrata nel mito. Dall’incontro nell’aprile del 1962 con Mick Jagger, l’altro co-fondatore del gruppo, ai loro innumeri conflitti. Dagli incroci bizzarri e magici con gente come Muddy Waters alla notturna invenzione di “Satisfaction” col suo celebre riff distorto, all’inferno della tossicodipendenza dall’eroina, che per vie parallele condusse alla perdizione, all’esclusione e poi alla morte il terzo grande Stone ovvero Brian Jones. Ma la storia non è finita, i Rolling stanno preparando un nuovo tour mondiale per celebrare il loro cinquantenario.
      



      

di Cosimo Ruggieri

 

 

 

 

“He’s gonna be, he’s gonna be a rollin stone,
Sure ’nough, he’s a rollin stone
Sure ’nough, he’s a rollin stone
Oh well he’s a, oh well he’s a, oh well he’s a”

 

Catfish Blues - Muddy Waters

 

 

 

I Rolling Stones sono la band  ancora in vita dagli anni sessanta,  sopravvissuta a morti misteriose  come quella di  Brian Jones (28 febbraio 1942 - 3 luglio 1969, nei Rolling Stones dall’aprile 1962 al  giugno 1969), alle  defezioni  (Mick Taylor, dal giugno 1969 al  dicembre 1974), Bill Wyman (dal  dicembre 1962 al 1992), ai litigi furiosi, al fisco, all’esilio, alla droga e a molto, molto altro. I Rolling Stones sono la band su cui è stato veramente scritto tutto, e tuttavia nessuno lo ha fatto meglio di  Keith Richards, perfetto “insider” che ci racconta la sua vita all’interno di uno dei più grandi gruppi musicali del Novecento. Si può essere anche dei beatlesiani sfegatati, ma bisogna comunque riconoscere che Keith e i Rolling  hanno scritto delle pagine musicali indelebili. Keith Richards attraversa parte del Novecento raccontandosi come in una sorta di diario nel libro Life (tradotto da Martino Gozzi,  Andrea Marti, Marina Petrillo, edito da Feltrinelli, 2010, pp. 505, € 24,00), scritto in modo scorrevole e ricco di aneddoti da James Fox, giornalista del “Sunday Times” che conosce Keith dai primi anni sessanta.

Tutto ha inizio nell’aprile del 1962, alla stazione dei treni di Dartford, comune inglese della contea  del Kent, famoso per aver dato i natali a Keith Richards  e a Mick Jagger, nonché collegio elettorale di Margaret Thatcher. Keith scrive alla zia Patti del suo primo incontro con Mick: “Se ci intendevamo al volo? Quando sali in carrozza con un tale che tiene sottobraccio Rockin’ at the Hops di Chuck Berry per la Chess Records e The best of Muddy Waters ti intendi con lui per forza”. Mick Jagger richiedeva già i suoi dischi preferiti per posta, a Chicago, e il suo contatto, strano a dirsi, era Marshall Chess (figlio dell’inventore della Chess Records ) che, tramite il padre, aveva ottenuto un lavoro estivo nel reparto spedizioni e che in futuro sarebbe diventato il presidente della Rolling Stones Records. Questo libro riesce anche a sfatare leggende dure a morire, come, ad esempio, quella che riguarda la “storica” inimicizia tra i Beatles e gli Stones. E, a questo proposito, porta a testimonianza un fatto forse poco noto: nel settembre del 1963, Andrew Loog Oldham, uscito per fare una pausa durante le prove allo studio 51, vicino a Soho, si imbatte in John e Paul e, tra una chiacchiera e l’altra, gli confida di essere “a secco”, di non avere nuove canzoni. Ma dopo un paio di drink, tutti e tre tornano negli studi di registrazione e John e Paul sottopongono a Oldham un loro brano, I wanna be your man, che doveva essere sul loro album successivo, ma comunque non sarebbe uscito come singolo. Secondo Keith, John e Paul, scrivendo quel brano, avevano pensato espressamente a loro, ed erano convinti che quella canzone facesse al caso degli Stones. Ciò dimostra come i rapporti tra i due gruppi fossero del tutto amichevoli. Addirittura cercavano di concertare le uscite le uscite dei dischi per non sovrapporsi.





Quella di Keith è una vita piena di sorprese. Nel primo tour della band negli Usa, durante una visita alla Chess Records  (che risiedeva a Chicago al 2120 di Michigan Avenue), Keith si trova davanti un tale in salopette nera che tinteggia il soffitto. È Muddy Waters in cima ad una scala a pioli con la faccia striata di vernice. Marshall Chess precisò di non avergli chiesto di imbiancare il soffitto. Ma a Muddy Waters piaceva dare una mano (vi consiglio di vedere il film Cadillac  Records per capire meglio il rapporto tra Leonard Chess e i suoi musicisti ) e anche  Bill Wyman  conferma questo lato del carattere di Muddy, ricordando come questi lo abbia aiutato più volte anche a scaricare gli amplificatori. Successivamente Keith conobbe meglio il suo idolo Muddy, che lo aiutò ed incoraggiò in molti modi, e fu anche ospite a casa sua. Ma tutta la vita di Keith è come ammantata da una sorta di magia. Anche la genesi della canzone Satisfaction è particolare. Keith racconta di averla scritta nel sonno. Aveva un piccolo registratore a cassette Philips dove nel dormiveglia poté incidere la struttura della canzone. Per fortuna sua e degli amanti della musica il mattino seguente, riavvolgendo il nastro, trovò ‒ miracolo! ‒ Satisfaction e… quaranta minuti del suo placido russare. Mick  Jagger aveva scritto  le parole della canzone sul bordo di una piscina, di solito Keith trovava lo spunto e poi Mick faceva il “lavoro sporco”, ampliando il concetto. Di questa canzone se ne registrò una versione acustica negli studi della Chess Records e poi una versione elettrica negli studi della Rca, con un distorsore fuzz. Secondo Keith, però, suonare Satisfaction dal vivo era un “casino infernale” perché non si  riusciva mai a ricrearne il sound perfetto. Ci volle la cover di Otis Redding, che per inciso a me piace più dell’originale. È stata una canzone della quale sono state fatte parecchie cover: tra le più famose ci sono quelle dei Devo, di Vanilla Ice, di Cat Power e Britney Spears.

I Rolling Stones furono, in un certo senso, insieme ai Beatles, i fautori del cambiamento della forma-album. Prima, un disco conteneva due o tre hit e le rispettive B-side, più dei riempitivi, mentre i singoli dovevano essere obbligatoriamente della durata di due o tre minuti, altrimenti le radio non li avrebbero mai trasmessi. Grazie alla loro musica, ma anche al continuo cambiamento delle concezioni musicali, questi due gruppi  di fatto crearono album con delle tracce che  erano dei potenziali singoli. Va ricordato che da lì a poco nasceranno anche i primi concept album. Anche il rapporto con le droghe, di Keith e degli altri Stones, è raccontato in modo parecchio particolareggiato: ad esempio a New York, Richards usava, come escamotage, un ago da siringa appuntato su un  capello  come una spilla per reggere una piuma. Quando arrivava in città e  il suo pusher di riferimento andava da lui per  rifornirlo di eroina e non aveva la siringa per iniettarsela, si recava alla Fao Schwarz (noto negozio di giocattoli, immortalato anche nei film Big del 1988 con Tom Hanks, ne La dea dell’amore di Woody Allen del 1995 e nel recente  I Puffi del 2011), saliva al terzo piano, comprava un kit per giocare a dottore e infermiera con dentro uno stantuffo e una siringa, imboniva la commessa con la scusa di prammatica: “Prendo tre orsacchiotti, quella macchina radiocomandata, e due kit dottore infermiera! A mia nipote piace tantissimo, sa,  bisogna incoraggiarla”. 





Mick Jagger e Keith Richards i 'dioscuri' musicali dei Rolling Stones


Affanni e fatica e dolore,  una vita persa  dietro la droga,  a causa della quale  Brian Jones fu cacciato dagli Stones. Per Brian, farsi era come far parte di un’elite, se ne vantava; se il resto degli Stones fumava erba e prendeva qualche pillola stimolante, Brian era più amante dell’acido e di altre sostanze. Nel 1966, ad esempio, durante l’ultimo periodo della sua permanenza negli Stones, Andrew Oldham lo ricorda collassato, a cavalcioni della chitarra, come un elemento di disturbo, incapace di concentrarsi sul lavoro con il gruppo. Ormai il suo apporto era diventato sporadico, il suo ultimo e sostanziale contributo è stata la composizione del singolo diventato poi un classico della band, Jumpin’ Jack Flash. Nonostante fosse un tossico dichiarato, Keith, nella sua autobiografia dice una cosa molto profonda sul mondo della droga e dei drogati: “ nel regno dei tossici  ci sono certe  pressioni per cui se qualcuno si disintossica e resta pulito, è come se avessero fallito. Fallito in cosa non lo so. Quante astinenze si possono sopportare? È una cosa ridicola ma quando sei fatto non te ne rendi conto. Diverse volte quando ero in astinenza sono stato convinto che dietro il muro ci fosse una cassaforte piena di roba, con dentro tutto quello che serviva, cucchiaino e tutto. E poi crollavo, e quando mi svegliavo vedevo dei graffi insanguinati sul muro dove avevo cercato di entrare. Ne valeva la pena?  Di fatto allora la mia decisione era sì”.

La vita negli Stones non era facile e i litigi tra Keith e Mick erano continui; quando Mick negli anni Ottanta decise di andare in tour da solo e, al posto dei suoi compagni, scelse una band con cui cantare le canzoni degli Stones, per gli altri membri fu come ricevere uno schiaffo. Ma la vita della band era sempre stata caratterizzata da forti litigi, sin da prima degli anni Ottanta. È stata perciò una grossa sorpresa, il 7 marzo del 2012, leggere sui giornali il trafiletto che, insieme alle scuse di Keith a Mick Jagger per tutte le cattiverie raccontate su di lui nella sua autobiografia, annunciava il tour che insieme stanno preparando per il cinquantesimo anniversario dei Rolling Stones. Ennesima sorpresa in una lunga vita di gloria, ambivalenze e di conflitti, di cui questo libro dà ampia testimonianza.

 

 

_________________________________

 

COLONNA SONORA

 

The Rolling Stones - The Rolling Stones

The Rolling Stones - Beggars Banquet

The Rolling Stones - Aftermath

The Rolling Stones - Let It Bleed

Muddy Waters - Chess Records

Muddy Waters - Folk Blues

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006