LETTURE
JOHN DENSMORE
      

Riders on the storm - la mia vita con i Doors e Jim Morrison

 

Arcana Edizioni, Roma, 2011 pp. 380, € 19,50

Trad. di S. Pezzani

    

      


di Cosimo Ruggieri

 

 

The killer awoke before dawn

He put his boots on

He took a face from the ancient gallery

And he walked on down the hall ...

 

The end, 1967

 

 

Lester Bangs disse dei Doors: “The Doors? Jim Morrison? È un buffone ubriaco che  posa come un poeta… datemi i The Guess Who, loro almeno hanno avuto il coraggio di essere dei  buffoni ubriachi, il che li rende poetici” e  ancora “Gli Stones erano ‘sporchi’, ma i Doors erano veramente spaventosi.”

 

Ovviamente sono opinioni. Io pur non essendo mai stato un vero fan dei Doors, ho sempre apprezzato in parte la loro musica, e comunque sono tra quelli che sono in un certo senso affascinati dal mito dei Doors e di Jim Morrison. Un mito resistente nonostante siano “durati” dal 1965 al 1971. Per la bellezza di solo sei dischi essi sono entrati nell’olimpo della musica grazie anche alla figura di Jim Morrison che i giornalisti celebrarono come “un Edgar Allan Poe tornato dall’aldilà per reincarnarsi in un hippie” o anche come il più grande sex symbol maschile dalla morte di James Dean e “da quando Marlon Brando ha messo su la pancia”.

 

La loro musica ha qualcosa di ipnotico e caldo al tempo stesso, ti pervade, ti attraversa.

“Ti sono sopravissuto di quattro anni figlio di Troia. Ora capisco che al tempo non ero molto consapevole della mia strada nel mondo. Per lo meno, tu hai realizzato la tua profezia,anche se sei dovuto morire per diffondere il prezioso mito dei Doors. Il nostro patto segreto di morte. Un patto non verbale, ovviamente… vorrei aver avuto le palle per dirti certe cose negli anni sessanta, ma tu eri così forte e mi intimidivi.

 

Questi sono i pensieri di John Densmore, batterista del gruppo dei Doors, contenuti nell’interessantissimo libro che si intitola Riders on the storm - la mia vita con i Doors e Jim Morrison, un libro che esplora il mito dei Doors dal didentro e ne rende una visione intima e interessante, fa luce sugli angoli nascosti della band, aldilà dei falsi miti e delle leggende, ne svela le forze all’interno del gruppo. Sposta il punto di vista da Jim Morrison e lo fa slittare verso John Densmore e i restanti membri, ci racconta la loro crescita umana e musicale.

Ad esempio, quando i Doors stavano per essere scaricati dalla Columbia Records,  John Desnmore aveva una interessante teoria sulle case discografiche – valida tuttora, a pensarci bene: 

La Columbia è proprio come  la General Motors. È probabile che la Capitol Records sia come la Chrysler. Sono aziende gigantesche che non hanno idea di cosa gli piaccia, a parte il profitto.

 

I Doors non hanno mai smesso di essere un gruppo, tanto che continuarono a suonare anche dopo la partenza di Jim Morrison per Parigi, e anche dopo la sua  morte; continuarono  senza di lui perché a detta di Ray ManzarekNoi siamo i Doors, con o senza Jim”. Questo libro è insieme un dialogo interiore di John Densmore, uno spaccato della società e un dialogo con Jim Morrison. Un libro appassionante, ben scritto e ricco di aneddoti che piacerà anche a chi non ha  mai amato i Doors e Jim Morrison.

E citando Jerry Lee Lewis , al concerto tenuto insieme ai Doors al Forum di Los Angeles, vi auguro buona lettura “PER CHI DI VOI HA APPREZZATO IL MIO SHOW, CHE DIO VI BENEDICA. PER TUTTI GLI ALTRI, SPERO CHE VI VENGA UN ATTACCO DI CUORE!”

 

 

Colonna Sonora

 

The Doors - The Doors

The Doors - Waiting For The Sun

The Doors - The Soft Parade

The Doors - An American Prayer

The Doors - L. A. Woman

The Doors - Morrison Hotel

The Doors - Strange Days

Simon & Garfunkel - The Definitive Simon & Garfunkel

Buddy Holly - The Definitive Collection

Joan Baez - Rare, Live & Classic

The Beatles - Rubber Soul




Scarica in formato pdf  


      

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006