LETTURE
EMANUELE TREVI
      

Qualcosa di scritto.

La storia quasi vera di un incontro impossibile con Pier Paolo Pasolini

 

Milano, Ponte alle Grazie, 2012, pp. 247, € 16,80

    

      


di Gualberto Alvino

 

 

Operina più che mediocre sotto ogni riguardo. A cominciare dal tono: quello di un decadente fuori stagione, d’un garbolino misto a un calassoide paradelfico insoffribilmente sostenuto e misticheggiante. E dalla lingua, farcita di metafore viete e similitudini così grasse e straripanti da umiliare un Marino: «gli aggettivi seguivano il sostantivo, come segugi sulle tracce di una volpe» 12 [addirittura? suvvia, si parla semplicemente di parti del discorso!]; «avevo già fatto a tentoni, come il prigioniero di Edgar Allan Poe, il periplo delle pareti, umide e buie come si addice a tutti i sottosuoli, del mio carattere» ivi [lasciamo stare il doppio «come», ma: il periplo delle pareti del mio carattere? è così che si scrive?]; «conficcare la vite nel cuore stesso della verità» 19 [quale potenza espressiva! e che sobrietà!]; «Dal cemento grigio crepato e scomposto fuoriuscivano i ferri dell’armatura, come l’ossame di una carcassa divorata da un branco di predatori» 37 [idem]; «Simili a un branco [ancora il branco] di grandi pesci, le nubi violacee procedevano veloci nel cielo» 41; «Una vita senza amore» è paragonabile a «una mutanda sporca» 71 [no comment]; «rileggevo alcune frasi dell’Appunto 65 di Petrolio, che l’inchiostro azzurro dell’evidenziatore di Maria faceva apparire come immerse in un’acqua gelida, da lago di montagna» 160 [da un evidenziatore a un lago di montagna? felicitazioni, un balzo non dappoco]. Nonché di luoghi comuni da «critico-narratore» davvero consumato: «sparsi nei quattro angoli del mondo» 20 [79.900 risultati solo su Google]; «Chi muore giace […] e chi vive si dà pace» 28 [15.000]; «la grande nuvola che ci sovrastava non prometteva nulla di buono» 42 [500.000 ca.], per giunta replicato a p. 138: «il più sgradevole degli angeli sterminatori era entrato dalla finestra e non prometteva niente di buono»; «dileguata come neve al sole» 66 [918.000]; «Prima o poi, lo presentivo [presentivo? non bastava sentivo?], la lingua sarebbe andata a battere sul dente che doleva» 69 [157.000]; «Il rospo […] alla fine era stato sputato» 70 [2 milioni ca.]; «In men che non si dica» 85 [1.310.000]; «ridendo fino alle lacrime» 140 [415.000]; «allo stremo delle forze» 167 [267.000]; «impressione profonda e duratura» 185 [309]. Ed è una vera fortuna che Trevi lavori «con accanimento, cercando la musica giusta, il ritmo di ogni singola frase» 49, altrimenti chissà quali altre preziosissime gemme ci sarebbero toccate in sorte.

E che dire delle improprietà e delle goffaggini espressive che stipano il volume dalla prima all’ultima pagina? Fin dall’incipit: «Tra le tante, troppe persone [perché troppe? Dunque Trevi avrebbe chiesto e ottenuto di lavorare in un ente inutile?] che hanno lavorato per Laura Betti al Fondo Pier Paolo Pasolini di Roma, tutte dotate di un loro pittoresco bagaglio di ricordi [quale legge obbliga tutti i collaboratori del Fondo ad averne ricordi pittoreschi?] più o meno spiacevoli, credo di poter vantare […]» 11. E poi: «Sembra non possedere un’età» 59 [da quando in qua non si ha un’età ma la si possiede?]; «cambiavo il lato della strada se la incontravo» 199 [non si dice più “cambiare strada”?]; «come se lì […] risiedesse il sugo del discorso» 12 [come come? un sugo risiede?].

Tacciasi della punteggiatura, che sarebbe un premio definire irrazionale: «Cos’era esattamente ‒ una punizione?» 13 [una virgola era troppo poco?]; «Dal momento in cui avevo incominciato a frequentare il Fondo, erano passati molti mesi» 15; «Già ai suoi tempi, Pasolini pensò […]», 21; «Se solo avesse voluto, sarebbe stata […]» 24; «il più delle volte, nemmeno se ne accorgono»; 28 [corsivo, incomprensibile, nel testo]; «In mezzo a tutto questo denso e inestricabile rigoglio, troneggiava la massa informe» 37; «Proprio in quei mesi, era uscito» 38; «E alla fine del corridoio, una grande sala» 43. Proprio, un, bel, modo, d’interpungere, non, c’è, che, dire.

E sorvoliamo sulla competenza grammaticale, a dir poco dubbia. Congiuntivo in luogo dell’indicativo: «intendo affermare […] che Laura Betti sia stata […] la lettrice ideale» 23; incertezze nei tempi verbali: «Laura si infilò tra due assi del cancello […]. Risolto il piccolo dramma, ci siamo avviati» 41 [corsivi nostri, come nel seguente lacerto]; «È lì che una sera […] era arrivato anche Pasolini» 62. Ridondanze che suonerebbero aspre perfino nel più truce parlato: «Laura gli aveva parcheggiato la macchina davanti alla sua vetrina» 199.

Sul versante dei contenuti la musica non cambia.

Oltre a informarci che Walter Siti a partire dai cinquant’anni ha finalmente realizzato i suoi sogni erotici riuscendo a vivere «concretamente le fantasie della masturbazione» 109 (grande notizia, senza la quale avremmo dormito sonni orribili), che Massimo Fusillo è un patito delle sculacciate o spanking, 15 (c.s.), e che la vecchia Laura Betti, sofferente d’arteriosclerosi, teneva una condotta, vedicaso, arteriosclerotica (condotta sulla quale poggia ‒ con gravi conseguenze per la salute del lettore ‒ l’intera struttura narrativa dell’opera, se di struttura si può parlare), il nostro quasi-Strega commette gaffes e imprecisioni d’ogni sorta, più che lecite in un romanzo, ma assolutamente intollerabili in un saggio (ancorché maldestramente camuffato da narrazione): «Trent’anni esatti dopo la notte dell’Idroscalo […] Pino Pelosi ha dichiarato in tv che P.P.P. fu massacrato da due persone, dal marcato accento siciliano» 40: tre persone, non due, e dal marcato accento meridionale (calabrese o siciliano).

Filosofismi, sociologismi, psicologismi, massime da osteria fuori porta s’addensano ovunque quali nembi minacciosi, direbbe Trevi, patito di modismi come pochi: «La maggior parte delle persone che incontriamo, è triste dirlo, non determina in noi nessuna reazione profonda, meno che mai un cambiamento anche minimo» 27 [perché mai triste? è normalissimo che solo un’infima quota delle migliaia di persone che incontriamo determini in noi reazioni e cambiamenti radicali]; «Come tutti sanno a Roma, in qualsiasi zona e in qualsiasi ora del giorno o della notte, sono più le persone che vanno a zonzo senza uno scopo che quelle impegnate in qualcosa di concreto» 29 [come tutti sanno? a me, per esempio, suona del tutto nuovo che a Roma i perdigiorno siano la maggioranza]; «la critica su Pasolini è una delle creazioni più noiose dello spirito umano» 58 [accipicchia! anche gli scritti di Contini, Caproni, Montale, Fortini, Ferrata, Moravia, Baldacci, Zanzotto, Mengaldo, De Mauro, Raboni, Caretti, Segre, Avalle, Garroni, Pedullà…?]; «Tutti gli incontri umani, anche e soprattutto i più assurdi, hanno il potere di risvegliare il filosofo morale dilettante e lo psicologo da strapazzo che si annidano in noi» 61 [sì? e dove starebbe scritto?]; «Le persone che ci piacciono e che ammiriamo inducono in noi il desiderio, tipicamente infantile, di farci raccontare sempre le stesse storie» 105 [noi, al contrario, alle persone che ammiriamo chiediamo storie sempre nuove perché, si sa, le stesse storie a lungo andare vengono a noia]; «quell’infida, brumosa terra di nessuno che separa i quarant’anni dai cinquanta» 105 [inutile cercar di capirne il motivo]; «Il peggiore dei mali è tirare dritti per la propria strada di merda, pensando di fare il proprio dovere» 72 [strada di merda? il proprio dovere? che vorrà dire?]; «Morire non è forse questo: essere spostati da una cella all’altra, nel cuore di qualche notte oscura, non potendo portarsi nulla dietro?» 94 [senza dubbio, Trevi, se lo dice lei…]; «I vecchi palazzi di Roma» sono «delle sontuose botole degli Inferi» le cui cantine «non sono che il livello superiore di un mondo sotterraneo senza fine ‒ pozzo, imbuto, labirinto di tenebre eterne» 135-36 [per Giove, non ce n’eravamo accorti!]; «Quasi tutte le persone che vivono nel centro di Roma […] sono almeno lievemente disturbate, instabili d’umore, spesso trasognate» 136 [ohibò, quasi tutte?]; «che splendido titolo, La cazza, per un libro o un film» 229 nota 1 [già, davvero splendido!]; «Bisogna ammetterlo: quest’immagine di P.P.P. che ispeziona “da cima a fondo” la Nubia, alla ricerca di misure [pèniche] eccezionali, è davvero sublime » 232 nota 9 [eh già, bisogna proprio ammetterlo: assai più che sublime!].

Mille e mille le trivialità gratuite e di facile effetto che col tono misticoide di cui sopra han proprio molto a che fare: «Tutti questi morti […] svolgono fondamentalmente un’azione di rimprovero nei confronti dei vivi. […] Detta volgarmente: rompono i coglioni» 30; «Magro e muscoloso, col grande cazzo che gli pende fra le gambe, il poeta legge un libro» 59 [be’, certo, di solito i membri pendono fra le gambe; ma non bastava dire “nudo”?]; «Il suo movimento [di Petrolio] non è affatto lineare […]. Non sarà sconveniente pensare all’acqua del cesso, al momento di tirare la catena» 115 [no comment]; «le persone che non fanno un cazzo dalla mattina alla sera» 127 [dire “niente” sarebbe stato meno efficace?]; «Alla fine [Petrolio] dovrà essere come una macchia calda di sperma spruzzata sulla faccia del mondo» 193 [sic!].

Truismi senza confronti nella storia delle nostre lettere: «La piramide di Caio Cestio, con le sue superfici di candido marmo rivestite di una scura patina di depositi di gas inquinanti» 38 [i gas di scarico avrebbero dunque il potere di sporcare i monumenti?]; «Non sarà stato, P.P.P., attirato in una specie di trappola, ordita con pazienza già da qualche settimana» 39 [tesi vulgata]; «l’essere amato […] non sarà mai nostro. Ci può dare tutta intera l’anima, o se preferite il culo [sic!], ci può dare entrambi, ma in quest’essere […] ci sarà sempre una parte che ci sfugge» 71-72 [sul serio?]; «nel sadomaso, in un certo senso, il rituale è tutto» 126 [senti senti!].

Quanto al canone del nostro saggista-romanziere, eccolo asserire senza il minimo ritegno che Caro Diario di Nanni Moretti, trionfo del manierismo e della scipitezza, contiene pezzi di cinema «giustamente diventati celebri» 38; che una sbobba ultracommerciale quale L’esorcista di William Friedkin «è un capolavoro vero, una pietra miliare dell’arte del cinema, di quelle che si contano sulla punta delle dita» 202 [naturalmente non è dato appurarne il motivo]; che il secolo passato gli ha lasciato, poverino, un gran vuoto: «Ah, Novecento, quanto mi manchi!» 240 nota 24; che Petrolio, brogliaccio altrettanto ingenuo che illeggibile, cui può annettersi al più un valore strettamente documentario, non certo narrativo né lato sensu di pensiero (basti leggere l’atroce, involontariamente farsesco Consuntivo finale: «Carlo ebbe rapporti sessuali completi ‒ e per lo più ripetuti ‒ con sua madre, con le sue quattro sorelle, con sua nonna, con un’amica di quest’ultima, con la cameriera di famiglia, con la figlia quattordicenne di costei, con due dozzine di ragazze della stessa età e anche più giovani, con una dozzina di signore dell’‘entourage’ di sua madre») sarebbe «quel che resta di un’opera folle e visionaria, fuori dai codici, rivelatrice» 17, non un «ennesimo libro sulla morte, ma una morte in atto» 115 [corsivo irrazionale dell’A.], e che l’interminabile, stucchevole grande bouffe sessuale rozzamente descritta nell’Appunto 55, Il pratone della Casilina (venti atti pressoché identici resi con le medesime parole, virgole comprese) «è uno di quei risultati che raramente si raggiungono nella vita di uno scrittore. Come le guglie sulle chiese gotiche» 143.

Ma è il Trevi che veste i panni del filologo e del fine analista a toccare i vertici della più trascinante comicità:

 

Lo ripeto: queste pagine di Petrolio sono un capolavoro dell’arte della prosa italiana. Per capire il livello di raffinatezza dell’impresa, basterebbe solo occuparsi di un dettaglio, in una breve digressione che potremmo intitolare Avventure del glande. Se il cazzo è «la sola realtà», che dire della sua testa, della sua punta? Ma c’è una stranezza che può sembrare incomprensibile. Al momento di mandare in tipografia la prima edizione di Petrolio, nel 1992, Aurelio Roncaglia ne avvertiva i lettori con una breve nota intitolata Una curiosità. Il glande, cioè «la parte anteriore del membro virile», appare in Petrolio come se fosse un nome femminile. «La glande rosea, lucida e asciutta», per esempio. Secondo Roncaglia, Pasolini avrebbe recuperato, così facendo, quella «ghianda» che ha ispirato, per metafora, il termine anatomico. Va bene: ma perché l’ha fatto? La spiegazione filologica di Roncaglia non rivela nessun movente per un’infrazione così eclatante della norma. Bisogna anche considerare il fatto che, un paio di volte, Pasolini usa il termine normalmente, al maschile: il glande. Ma soprattutto, bisogna considerare che la stranezza linguistica affiora nel testo in prossimità del cambio di sesso e dell’iniziazione sessuale dei due Carli diventati femmine. Anche l’altro, l’ingegnere, si troverà due seni sul petto e una fessura tra le gambe [tanto basti, a chi avesse la sventura d’ignorarla, ad illustrare la trama dell’opera], e procederà rapidamente all’incontro con la «sola realtà». In questo nuovo episodio, lo vedremo, il cazzo è uno solo, ma è ancora più potente e numinoso, se è possibile, di quelli dei venti ragazzi. Ed è proprio qui che leggiamo una frase rivelatrice, all’interno della quale, e in modo del tutto intenzionale [corsivo irrazionale dell’A.], a mio modo di vedere, convivono pacificamente il glande e la glande. «Aprì la bocca e vi infilò l’enorme glande [e fin qui può essere sia maschile che femminile]: era profumato [maschile], di un sapore infantile, e non solo la glande [femminile!], ma anche la pelle sotto, lividamente bruna, pareva di seta». Insomma, non è che Pasolini sbagli il genere di una parola, o usi apposta quello sbagliato, ma inventa un’oscillazione che non esiste. Sta celebrando la mutazione sessuale e l’androginia come la chiave d’accesso a un livello ulteriore e definitivo della realtà, e proprio nel punto di massima energia irradiante, sulla punta del cazzo [corsivo irrazionale dell’A.], vuole che ci siano entrambi, il maschio e la femmina, il glande e la glande, con quella stessa confusione, come un tenue rossore della lingua, per cui in italiano si dice sia il clitoride che la clitoride. (146)

 

Esegesi sui generis, e si dica pure sgangherata se altre mai, cui non faremo che opporre qualche rapida contestazione.

     1) Chi abbia una pur vaga nozione della sua poetica sa bene che Pasolini detestava visceralmente ogni gioco d’ordine formale e non avrebbe perciò mai intenzionalmente albergato entro la stessa proposizione due varianti morfologiche del medesimo termine senza fornire al lettore un’adeguata spiegazione; se ciò è accaduto sarà da addebitare al detto carattere di brogliaccio dell’opera, non solo non sottoposta a revisione, ma neppure riletta dall’autore (lo prova, tra l’altro, quel «lividamente bruna», come dire candidamente bianca). Di ciò avverte lo stesso Trevi non solo nel brano citato («Bisogna anche considerare il fatto che, un paio di volte, Pasolini usa il termine normalmente, al maschile: il glande») ma, tra l’altro, alla nota 28 di p. 241: «Pasolini, introducendo il nostro eroe nei saloni del Quirinale, commette delle imprecisioni che sembrano tutt’altro che involontarie: come se desiderasse, con piccole modifiche della realtà, creare una specie di realtà parallela. Solo così mi spiego, a meno che non si tratti di una svista bella e buona, la data del 2 luglio, invece che il 2 giugno, per la Festa della Repubblica». Svista bell’e buona, lapsus, altro che volontarietà e «realtà parallela» (chi mai s’illuderebbe di poter creare nientemeno che una «realtà parallela» spostando una data di qualche giorno?). Si veda, infine, la nota 23 di p. 240: «Anche in Alì con gli occhi azzurri [recte: dagli occhi azzurri: almeno copiare i titoli come si deve!] P.P.P. usa “glande” come sostantivo femminile».

     2) Google restituisce non pochi risultati di glande femminile (infatti dal sost. f. lat. glans glandis ‘ghianda’), segno della diffusione e vivacità della variante; e non certo da ora, visto che essa appare in Cirugia universale e perfetta in VII libri del medico veneziano Giovanni Andrea Dalla Croce, Venezia 1583: «Devesi avertire che le ulcere de la glande, cioè capella […]» (cfr. il Grande Dizionario della Lingua Italiana fondato da Salvatore Battaglia, poi diretto da Giorgio Bàrberi Squarotti, Torino, Utet, 1961-2002, s.v.). Ergo, nessuna «infrazione eclatante della norma», nessunissima invenzione di «un’oscillazione che non esiste», per il semplice motivo che l’oscillazione esiste, eccome.




Scarica in formato pdf  


      

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006