INTERVISTE
MBACKE GADJI
Storie migranti: praticare l’interazione,
non l’integrazione


  
Lo scrittore senegalese ha lasciato da quasi trent’anni l’Africa, giungendo prima in Francia e poi stabilendosi in Italia. Il viaggio della migrazione è per lui un’occasione di crescita e di contronto tra culture diverse. Sentirsi cittadini del mondo attraverso un meticciato letterario che significa elaborare testi di matrice africana, ossia di memoria e struttura orale, epperò scritti in una lingua di adozione, ovvero l’italiano.
  



  

di Sarah Panatta

 

 

Orizzonte del represso ritorno. La matassa respingente-stregata delle seconde possibili patrie. Eterna metà, storicamente impastata da convulsa moina. Tramandata meta di opportunismi progressivi. Mostro madre. Che occhieggia. Urlante scalpita ed espelle. Caritatevole inciampa e sogghigna.

Misura sillabe asciutte mai scabre. Medita accurato e affabile, sinceramente assorto sintetizza. L’illuminante sofferta ricerca. Il passaggio tra mondi ex vassalli e feudi in (neo) cancrena. Sino all’allunaggio tra le sabbie mobili (perché) doppie dell’italico camaleontico tradizionalismo. Mbacke Gadji[1], intellettuale vorace e narratore generoso, la cui domestica fiabesca poesia incide amara e intenerita, rallegrata e terrena, inequivocabile trasversale e densa il presente che arde e cade, ha nell’alfabeto dello sguardo il Senegal e negli occhi del racconto le frontiere sperimentate e assorbite del mondo attraversato. In ventisei anni di riconquista caparbia e curiosa, di creazione e di memoria, di commiati e di resistenze. Mbacke non aff(r)etta consenso, non lesina schematiche certezze. La saggezza migrante, dimora aperta spigolosa e necessaria, permeabile e complementare, non sembra in lui posticcia sentenziosa gentilezza. Con ironia sottesa, morbidamente palpabile mostra la propria serietà acuminata e distesa. Il senso dell’identità multipla in un pugno di parole, nettate da una consapevolezza radicale. Il vento del passato post coloniale, i tumulti dell’indignazione retrograda coeva, i volti della comunità d’origine, l’ammasso ondivago, volubile, trasformato, ripetibile, circospetto, meticcio, contraddittorio delle civiltà tutte. Mbacke e la sua scrittura-scontro-evoluzione, in cui la contaminazione-unica-difesa-progetto si esplicita senza peli, estraendo tanti aculei quanti sorrisi. Le dimensioni non ipocrite, non strumentali(zzabili) di un’“interazione” futuribile.

 

***





Mbacke Gadji


Hai lasciato il tuo paese natale, il Senegal, circa 26 anni fa. In quale fase della tua vita hai preso questa decisione? Una necessità contingente, una prova di autocoscienza, un esperimento di crescita/cambiamento, un passaggio interiore per inseguire completamento identitario…?

 

Lasciando il Senegal, la mia speranza era esclusivamente per crescere. Volevo confrontarmi con il sapere, la cultura e il modo di vivere di quella nazione francese che avevo incontrato nei libri di storia e nei romanzi di ogni epoca. La Francia che attraverso la colonizzazione del  mio paese ha cambiato nel bene e nel male tante cose della mia vita e della mia comunità. All’arrivo il mio espatrio è sembrato o ha assunto un significato molto più complesso pari ad un passaggio obbligato un completamento identitario. Due citazioni basteranno spero per illustrare il pensiero: Ousmane Sembene nel suo romanzo Sarzan e Cheikh Amidou Kane con L’aventure ambigüe, due noti scrittori senegalesi. Il sergente Keita dopo aver passato tanti anni nell’esercito francese a combattere il nazifascismo (seconda guerra mondiale) fu rimandato a casa dai suoi superiori francesi con queste parole: “vai a civilizzare i tuoi concittadini”. Samba Diallo, uno studente senegalese in Francia disse nella sua requisitoria riflessione sulla sua nuova identità: “Non sono più un figlio dei Diallobé distinto di fronte ad una civiltà occidentale distinta; sono entrambi.”  Capire dove inizia la cultura senegalese e dove finisce quella occidentale era diventata una necessità contingente per la mia generazione.

 

Hai conosciuto ripetutamente il viaggio come attraversamento di paesi (occidentali) disparati, come superamento-intrusione in “altri” confini. Quali forme ha assunto per te, di volta in volta, la migrazione? Un “dispatrio” in perenne fermentazione, una ricerca ripagata, un adattamento problematico, disilluso, resistenziale?

 

“Il viaggio è una metafora di crescita” diceva il saggio. Nel mio immaginario non esiste una frontiera fisica, se mai, possiamo percepirla linguistica o culturale! L’attraversamento di spazi culturali diversi genera inevitabilmente adattamento se lo scopo è l’integrazione o meglio l’interazione. Può essere problematico se il rapporto con i diversi è di tipo egemonico e di assimilazione per l’individuo o per la cultura “dominante” ossia maggioritaria di un paese. Con le premesse contenute negli intenti della tratta degli schiavi, della colonizzazione e di recente negli scambi economici e militari questo modello non tende a scomparire ma semplicemente ad essere mistificato e banalizzato; il soggetto che sono ha incontrato disillusione e tanta resistenza per il suo inserimento nella terra di accoglienza.

 

Spostarsi e insediarsi in differenti sistemi sociali e culturali comporta trasformazioni, l’uomo che trova per necessità e/o volontà la propria nicchia nella migranza, a che cosa rinuncia e che cosa può abbracciare esclusivamente rispetto agli altri?

 

Lo spostamento e l’insediamento in diverse realtà sociali e culturali non mi hanno costretto alla costruzione di una nicchia ma all’esatto contrario: sono convinto che l’interazione tra i diversi e l’interculturalità siano necessarie per la realizzazione di una società meticcia nel mondo.

 

L’Italia, che genere di patria e/o matrigna è stata e quale realtà rappresenta per te? Dal primo approdo fino alle battaglie dell’oggi.

 

L’Italia è per me una patria-matrigna molto distratta; una situazione ambigua come quella del poeta a cui la sua ben amata dice “je t’aime”, lui risponde “ moi non plus”.

 

Orgogli e pregiudizi. Quali stereotipi reciproci hai cementato o sfatato approcciandoti con l’umanità italiana?

 

Sono un cittadino del mondo e un fervente sostenitore di un uguaglianza nella diversità. Approcciandomi all’umanità italiana ho ritrovato e rinforzato questo binomio e, spero che mi provenga direttamente dall’insegnamento ricevuto dalla mia società di origine.





La tua è una scrittura di terra africana e di scontri/scambi di una cultura personale in meticcia evoluzione. Scrivere per trovarsi, per testimoniare, per denunciare, per?

 

La mia scrittura è di terra africana certo ma dal sapore occidentale, è quindi meticcia per natura. Lo scontro è nella sua forma: un testo di formazione e struttura orale scritto in una lingua di adozione. Lo scambio culturale è la sua ragione di essere. Posso aggiungere che scrivo anche per ribadire e/o raccontare tra le altre cose la mia doppia identità, per mediare tra le mie culture e per consegnare alla storia una testimonianza vissuta dell’evoluzione della mia generazione verso una cultura-società meticcia.

 

Esiste un intellettualità “migrante” in Italia? Ha un ruolo e un peso?

 

Credo che esista veramente una potenzialità “migrante” in Italia. Intellettuale e non solo che può incidere positivamente nella costruzione e ricostruzione della cittadinanza e della sua crescita economica, sociale e culturale.

 

Come giudichi il concetto di “integrazione”, in Italia ma anche nell’Europa da te esplorate e vissuta. Un travisamento, un grimaldello politico spuntato, un’idea difettosa, una beffa? C’è bisogno di integrare o semplicemente di convivere in una mondializzazione (prima) mentale, per dirla col Prof. Armando Gnisci?

 

Il concetto di integrazione è un processo a senso unico, è un idea che non ha ragione di essere per quanto riguarda l’inserimento degli stranieri nelle società di accoglienza. Non è migliore delle politiche di assimilazione imposte agli indigeni d’africa durante la colonizzazione. Non vale più nemmeno della politica della discriminazione positiva dei vari Thatcher e Blair degli anni ’90-2000 in Inghilterra. Penso che la parola o il concetto di Interazione sia più valido e ragionevole per questa nostra convivenza in quanto implica uno sforzo sia alla cultura maggioritaria sia a quella minoritaria.

 

Come stai “abitando” l’ossessione (italiana ed europea) “crisi”, la precarietà del presente e del futuro?

 

La crisi attuale è un pretesto per distruggere il tessuto sociale e rinforzare il potere del capitale. C’è crisi se possiamo esprimerci così per il riconoscimento dei diritti fondamentali dei cittadini (lavoro, casa, salute, istruzione ecc ...). Se il presente è un’ansiosa inerzia e qualche timida indignazione da parte delle popolazioni colpite, spero che ci sia una vigorosa resistenza-rivolta nel futuro prossimo.

 

Mbacke tra Italia e Africa, un pensiero sul Senegal che ti è vicino/lontano ed uno sull’Italia che vorresti.

 

Vorrei per entrambi i paesi (Senegal e Italia) più giustizia sociale e opportunità per tutti. 

     



[1] Nasce nello Nguith (presso il fiume Senegal) in una famiglia di medici e docenti. Nel 1986, a 22 anni, lascia l’Africa e approda in Francia. Tra alterne vicende personali e lavorative, si sposta nel bergamasco. Si trasferisce poi a Milano e spinto dal richiamo delle memorie familiari, comincia a mettere su carta l’immensa tradizione orale della sua gente. Dal ’96 pubblica una serie di racconti e opere per adulti e ragazzi, tra favola e realtà. Appassionato di musica e fine lettore, continua a migrare. Arriva infine a Bari, dove vive attualmente. I suoi lavori sono pubblicati dalle Edizioni dell’Arco.




Scarica in formato pdf  


  
Sommario Interviste

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006