SPAZIO LIBERO
ENRICO PULSONI
“Dagenerati”:
un ciclo di sculture recenti


      
Uno sguardo su una nuova serie di opere realizzate dal 56enne artista e scenografo abruzzese in cartapesta, sul tema della creazione. Lavori scultorici che richiamano l’idea di feticcio e che contengono rimandi sia alla statuaria tardo romana e paleocristiana, sia al barocco romano e salentino. Con richiami, inoltre, tanto alle forme della cultura extraeuropea quanto alla memoria delle maschere della commedia dell’arte e del teatro delle marionette.
      



      

di Gabriella De Marco





Enrico Pulsoni, Edizioni d'arte Cinquantunosettanta, 1991-2002


Insofferente verso una società imprigionata nei luoghi comuni e nell’ovvio Enrico Pulsoni conduce la sua personale battaglia contro lo schiocchezzaio attuale come una sorta di giustiziere culturale, al punto che, pensando al suo lavoro, mi tornano in mente le parole di Flaubert quando, in una lettera a Edmond de Goncourt esprimeva il suo timore di fronte al progredire della stupidità moderna. Stupidità che lo inquietava portandolo a chiedersi dove fuggire per trovare salvezza, conforto*.

Dove trovar sollievo, quindi, tornando ai nostri anni e alla ricerca d’artista di Pulsoni, se non in quell’ampia fucina rappresentata dall'invenzione creativa?

E in questa direzione – a mio avviso – anche esistenziale, vanno collocati i suoi progetti realizzati negli ultimi anni sia quando questi sono incentrati su un ragionamento condotto sui temi del sacro (Presepe fiore, Mortis humana via) sia quando si concentrano su quel capitolo, fondamentale tappa nella sua produzione, dei Voltitravolti, sorta di opera aperta, di crogiolo in costante ebollizione da cui affiorano la fisiognomica, la ripugnanza, il piacere del grottesco, la cattiveria del politicamente scorretto, unitamente alla compassione per un’umanità dolente.

Tutto ciò è reso, nelle sue opere, mediante un segno grafico graffiante dove la linea si sbriglia, come se fosse una lingua di fuoco, sorta di legno che arde assumendo sembianze diverse.

Enrico, inoltre, diversamente da una certa attitudine diffusa in molta arte contemporanea, non contesta il mondo ma lo svela.

Ciò significa che il suo ruolo consiste nell’evidenziarne i limiti, le contraddizioni, sottolineandone, appunto, la banalità. E in questo processo di messa a nudo l’artista prende posizione assumendosi sino in fondo le proprie responsabilità.





Enrico Pulsoni, Dagenerati - Creazione della foresta pietrificata, cartapesta, 2010


Un percorso di denudamento dove non c’è rassegnazione quanto, oltre a quella personale battaglia cui accennavo in queste righe, un invito ad aprire gli occhi sulla condizione umana come conferma Dagenerati, un ciclo di sculture recenti realizzate in cartapesta,  incentrate sul tema della creazione.

Opere, queste, dove si intrecciano, felicemente, una moltitudine di riferimenti: dalla statuaria tardo romana e paleocristiana, alla grande pagina del barocco romano e salentino sino alla lettura che del barocco diede, in anni a noi più vicini, Lucio Fontana mirabile interprete del segno, della luce, della linea che crea lo spazio e infaticabile sperimentatore, manipolatore di materiali.

Tuttavia, in Dagenerati c’è, inoltre, il ricordo, caro a tanta esperienza delle prime avanguardie storiche del Novecento, della scultura intesa come feticcio.

Un ricordo carico di rimandi alla cultura extraeuropea e che s’intreccia con la memoria delle maschere della commedia dell’arte e del teatro delle marionette in una ideale continuità, pur nella profonda diversità, con le fonti del cubismo e dell’espressionismo.

C’è, quindi, nel lavoro di Enrico un “ritorno” all’idea di scultura dove la forma plastica dialoga con la bidimensionalità del disegno ma, soprattutto, c’è un ipotesi di lavoro dove la scultura s’interroga, grazie anche alla coralità dell’impianto, sulla dimensione esistenziale dell’uomo.

 

 

 

*  La lettera scritta da Gustave Flaubert a Edmond de Goncourt cui accenno in questo scritto risale al settembre del 1874.





Enrico Pulsoni, Dagenerati - Creazione delle idee confuse, cartapesta, 2010





Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006