LUOGO COMUNE
GIULIA PERRONI
Sicilia, sicilianità
e ‘sicilitudine’ tutto in un poema


      
In “Tre vulcani e la neve”, la più recente pubblicazione dell’autrice di Milazzo, si svolge un periplo in versi, immaginifico e rapinoso, della Trinacria lirica e ancestrale. C’è un sentimento di ‘barocco del profondo’ che raccoglie e centrifuga visioni e memorie, figure, miti e archetipi che emergono da quell’ideale anello geografico che circoscrive l’Etna e poi Strómboli e Vulcano (eruttanti perle delle isole Eolie). Nel fluente viaggio testuale si riconoscono tracce dei riti di iniziazione alchemica – tra albedo, rubedo e nigredo – come delle potenti descrizioni di Goethe dei suoi percorsi siciliani tra meraviglie e rovine.
      



      

di Plinio Perilli

 

 

Non salparono mai, forse il viaggio fu un grecale di pianto

Ma il tramonto è come una mattina

E la barchetta si muove con ardore

Nell’acqua sbalordita

In fondo ai raggi dai colori più accesi

 

 “Senza veder la Sicilia,” – giurava Goethe nel suo Viaggio in Italia – “non ci si può fare un’idea dell’Italia. È in Sicilia che si trova la chiave di tutto.” A questa idea, anzi premonizione dell’autore del Faust e delle Affinità elettive, penso e quasi mi consacro quando mi accosto, anzi mi immergo – come in una marina fatata, in una plaga di aspra e immemore delizia, fra storia e natura – addentro l’ultimo, voluminoso libro di Giulia Perroni, Tre vulcani e la neve (Manni Editore, San Cesario di Lecce, 2012, pp. 198, Euro 18,00) poema totale e rapinoso, febbrilmente ispirato, capace di farsi un po’ anch’esso chiave di tutto, e di condensare per abbacinante virtù d’illuminazione e lunga ombra d’arcano, forse la Storia intera della sua isola, il suo destino provvido e invaso, libero e perennemente conquistato: perché la sua Bellezza resta, restò e sempre resterà come dannata, prigioniera di paradiso…

 

   Io mi avvolgo nel canto perché l’anima sopravviva: il barocco delle chiese di Sicilia

   ha un tremito di bosco intatto, giura per l’evidenza – i casti occhi seminano discordie

   quando la goccia turba il ludibrio delle fanfare – agita il posto delle fragole

   quando la vita bussa in quel colore di vergine ascolto, bacia i capelli addormentati

   nel solco giusto delle promesse quando all’alba la luce candida all’olfatto

   i semi trascurati della nebbia.

 

Sintesi e destino in vortice – qui c’è tutto, forse mezza storia d’Europa, e soprattutto la nostra Storia (mettiamoci la maiuscola), ogni rito profuso tra arte e natura, ogni altro cantore, scrittore e poeta, nuovo o annoso, ma rigemmato in canto.

 

   Sia lodata la vita

   In alto mare

   Nel rococò dei letti

   O le lampare

   Da suburre e da lembi

   Alle tastiere

   Da quattro carte porte a chi delira

   Nel tutto mare in cui risposta è breve di tempeste inflessibili.

 

Messinese da molti anni trapiantata a Roma (nativa per la precisione di Milazzo), Giulia Perroni ha avuto il coraggio raro di chiudere con un grande libro tutta la sua produzione dal 1986 fino al 2009 (La scommessa dell’infinito, Passigli, Firenze, 2012, pp. 350, Euro 28,50), e contemporaneamente di affidare a questo poema rapinoso e affabulato (un po’ il suo Kubla Khan scritto quasi in trance, diciamo pure in estasi… tanto per citare il Coleridge più radiosamente iper-romantico, col suo sogno poetato immediatamente ancora in stato di veglia, nel trasparente ponte o vestibolo onirico tra il buio e la luce), come una sperticata confessione lirica, professione (profusione!) stilistica, confessione tanto estetica che memoriale… 

 

   Era la neve stessa che veniva dai vulcani di uno stemma che il mare aveva in fronte

   come un grembo di luci

   Un paterno del vento del giardino rimisurato al canto della lode o all’evento

   di nubi alessandrine di un inverno dolcissimo

   Anello che rimane foglia a foglia nell’oro prestigioso di una resa: neve su neve e fuoco 

                                                                                           

I tre vulcani sono ovviamente l’Etna (altissimo, con i suoi 3323 metri circa, e la cima abitualmente innevata), ma anche Strómboli e Vulcano, incandescenti perle delle isole Eolie: un triangolo a suo modo magico e archetipico, dentro il triangolo ancestrale della sua adorata Trinacria… Precisa Giulia stessa, in una breve nota finale che conta però come un giuramento familiare, una volitiva mappa del tesoro genealogico, una promessa solenne e finalmente adempiuta:

 

   «… I tre vulcani sono quelli delle Eolie e l’Etna, spesso innevato, e sembrano sulle carte chiudersi ad anello, delineando un cerchio nella cui area, per me come magica, via via ho incontrato luoghi mitici o familiari, figure reali o riviste in sogno, gli uni e le altre appartenenti alla grande e alla piccola storia che ogni giorno scriviamo vivendo. È possibile riconoscere, tra i tanti, l’ammiraglio Caracciolo e Sofia di Borbone, le ville di antichi casati e, più distanti, le “taverne” che il mare non ha – come recita il proverbio – o riserva allo sbarco, precarie ed ostili, per i deportati di Lampedusa; hanno pure una loro parte in copione, per rammentarne soltanto alcuni, i cantastorie, Ippolito Nievo, i garibaldini liberatori e quelli sopraffattori e un baule strapieno di cose.  …»

 

******

 

Un libro, un’opera dunque totale, costruita per continue inesauste aggregazioni – frammenti di tempo e scorci di vestigia – vento d’idee e umori, languori filosofici, intenso profumo mistico ma anche incenso o l’arcano dei sensi e cibo gustoso, goloso di realtà… Sì perché qui alligna la Sicilia e tutta la sua sorte d’arte e nazione, piccola regione immensa che ha unito, mischiato, duellato e fecondato popoli e popoli…

Anche la Sicilia dei poeti, dal settecentesco immarcescibile Giovanni Meli, sensuale e giocoso, a Quasimodo col suo ermetico Oboe sommerso e il suo indimenticabile Odore d’eucalyptus, da Lucio Piccolo coi suoi aristocratici, baluginanti Canti barocchi, ad Angelo Maria Ripellino, che oltreché slavista principe è anche lo stupendo lirico di Sinfonietta e de Lo splendido violino verde… Mentre Ignazio Buttitta, da Bagheria, teneva accesa la vena forte, lo stridore nervoso e beffardo che già temprava l’anima popolare dei cantastorie: Lu pani si chiama pani, Lamentu di una matri, La morti di Turiddu Carnivali, Lu trenu di lu suli, La peddi nova, Vasa li dinari e sputaci

Senza dimenticare la Sicilia dei romanzieri, dei narratori per tutti noi decisivi: Verga e Pirandello, De Roberto e Capuana, Giuseppe Antonio Borgese e la misconosciuta, cechoviana e dimessa Maria Messina… Più tardi, a cavallo tra il fascismo e per fortuna la sua caduta, l’impegno di Elio Vittorini, salvato proprio dai suoi “astratti furori”; l’elegantissimo “novecentismo” di Antonio Aniante, presto impariginato; l’effusa, sensuale pigrizia di Ercole Patti; il piglio licenzioso, la moralità di costume di Brancati; finalmente, la struggente sorpresa di Tomasi di Lampedusa e del suo Gattopardo… E poi ancora il secondo ’900 di Sciascia e Bufalino, Bonaviri e Pizzuto, D’Arrigo e Angelo Fiore, Addamo e Consolo… Per tornare all’etica laicità di Sciascia, La Sicilia come metafora: “Da scrittore problematico, che desidera certezze da fatti controversi,” – annotò Giacinto Spagnoletti nel suo storico disegno critico – “Sciascia si impegna a ricostruire figure esprimenti la ‘sicilianità’, che assume carattere talvolta di ‘sicilitudine’, come sinonimo di solitudine. Il gioco è davvero vertiginoso in certi personaggi evocati.”…

Sicilianità e sicilitudine





E questa Sicilia “come metafora” rifulge e insieme s’adombra a perfezione nel gran poema di Giulia Perroni, sussultorio e insieme ondulatorio come un bizzarro o effuso terremoto emotivo, sterminato cratere lunare (epocale?) o Eden primitivo sorvolato in destrezza con le ali della lirica: ma anche paziente pellegrinaggio di viandanza spirituale, ripercorsa passo per passo a piedi scalzi (goffo albatro baudelairiano, sirena a disagio quanto più si allontana dal maleficio venusto, dalla sua già omerica, irrefrenabile onda/alcova) dove la lava è ormai freddata dal mare, e la roccia, salata e sedotta d’incantesimi… Porosa o levigata, scivolosa e turbata d’amore, la pietra pomice dei ricordi, delle speranze d’infanzia; fino alla pietra tombale dei lutti, degli altarini familiari, dei tabernacoli non meno sacri alle passioni che al Dio il quale in fondo ce le ispira, ce le assegna a destino…

 

   La scultura fedifraga dei nembi

   Il lusso delle notti in un barcone quando l’aria si piega

   Sprofonda gongolando la strega i suoi clamori di verde solitudine,

                                                                    l’incanto la benedice in estasi e

   il linguaggio con l’aiuto dei brevii e le sue mani vanno in vaso di terra e

                                                                               asperge il greve paradiso

   dei lembi e ignora il lusso delle forche e dei fuochi in un cantare come

                                                                                              un pio profumo

   quell’esigenza d’essere nel cuore il vento che la stupra, la frenesia degli occhi                                                                                                              

   e della luce: bambina e vento, bambola e destino d’essere rango e pioggia

                                                                                                            

Libro totale, poema onnisciente, non significa però che contenga tutto, alla rinfusa e all’ammasso – ma molto più che riesca, con talento e necessità d’ispirazione, ad utilizzare, a rifondere tutto… Tre vulcani e la neve risemina tutto perché ogni cosa ci rigemmi in poesia, torni a irradiarsi, o a sbocciare in luce d’esperienza, palpito e musica lirica. Il grido e il canto, aggiungerebbe Giulia Perroni, sciorinandoci un suo importante titolo del ’93… La sua poesia, infatti, grida o canta nello stesso modo, denuncia La libertà negata, ma ambisce alla Cognizione del sublime, s’incanta di Neve sui tetti e raccoglie, intreccia a monile d’anima tutte le Stelle in giardino, tutti i doni Dell’immobile tempo; sa che La musica e il nulla troppo spesso s’accordano, s’innamorano, si stringono in ballo, sa che l’araldica ci scende in cuore come un gioco d’infanzia, o uno scettro abbandonato da vera regina, Lo scoiattolo e l’ermellino  

 

   Questo è il grembo

   La parusìa dell’albero e del cielo

   La sua furia mimetica e struggente

   Che scommette l’eterno

   E soffia il fuoco in credibili vasche di mistero dove palme sorridono 

 

Questo è il grembo, ogni destino di donna che ci fa nascere e ci è sempre, insieme, madre sorella amica amante maestra d’esperienza, musa d’arte e natura, Giovanna d’Arco, eroina in armi, santa tra fede e storia, pulzella di fiordalisi e messaggeri:

 

   Il materno è la luce

   Il nostro orgoglio la presenza del vivere

   Nessuno potrà mai capire il vento

   La libertà dei forti

   La dignità dei fiorellini muti sulla spiaggia assolata 

 

   Anche qui, come sempre in Giulia, è la storia delle donne che urge e vince d’anelito – resiste alle ignominie degli uomini, alle subdole o feroci vessazioni di un potere maschilista che forgia da sempre il mondo a sua losca, asservita immagine e somiglianza:

 

   Ma rimanga la storia delle donne, gloria di fango nonostante il veto

   Non toglietele l’anima: ha detto forte la sua solitudine

   l’anima e il corpo della Grande Attesa, una vile rinascita confonde

   il marmo che ha schiacciato Nadia Anyuman:

   datele grande onore e sia il suo nome splendente tra la folla

 

“… Si è tentato spesso di rappresentare la mitologica Trinacria con una figura simbolica:” – scrive Dominique Fernandez, brillante italianista di Parigi invaghitosi della Sicilia come uno stendhaliano Viaggiatore amoroso senza tempo (l’opera uscì nel 1982) – “ora Cerere errante alla ricerca di Proserpina, ora Vulcano che attizza il fuoco delle sue fucine nelle profondità dell’Etna. Ma a me pare che si troverebbe un’immagine del destino dell’isola, molto più originale e specifica di questi stereotipi allogeni, nelle eroine di uno dei più grandi geni autoctoni: voglio dire, ancora una volta, Vincenzo Bellini. Che si chiami Norma, tradita e abbandonata nel modo più atroce, o Beatrice, che proclama invano la propria innocenza, o Amina, fantasma sonnambulo, o Elvira; o Imogene, cui soltanto la follia consente di sopportare una situazione esistenziale senza via d’uscita, è comunque sempre una figura di vittima, un’ombra tragica in preda ad una nera fatalità. Gli uomini abusano di lei, la sfruttano, la ingannano, l’abbandonano. E lei nasconde in sé il segreto della sua nobiltà, della sua purezza…”.

 

******

 

La grande e inesauribile Storia della cultura – delle idee, il fervore delle opere – affolla queste pagine, quest’unico canto strappato, lacerato e altissimo, questo grido/canto, grido d’incanto, redento e redentore come un mantra tibetano, tanti mantra intonati, estenuati o ariosi di un’unica preghiera o sequela gnostica che unisce Oriente e Occidente, Saladino e Federico, Eschilo e il Dalai Lama, un Bodisatva gentile e l’Hermes dei prati, briganti e sirene, “Argonauti splendenti”, “un Esiodo portato al limitare”, “da Diana ad Artemisia”, “Miserere” o “l’infinito arpeggio del nulla immisurabile”… “Oro zecchino a Tyndari”, “e le colonne d’Ercole in un fuoco”, Pasolini e Takano, Assunta Finiguerra e Giuliana di Norwick, Archimede e Rosvita, Nelson e Melusine, Giorgia Stecher (la poetessa ormai scomparsa che fu amica di Giulia) e Nadia Anyuman “troppo ragazza per restare nella storia”… invece ora ci resta… culto e ferita, pausa e approdo, “una mattina d’unicorni e carene o di fantasmi rotti”…

 

   C’era Eschilo è vero

   la tragedia

   ma qualcosa era fuori dal dolore

   si chiamava catarsi

   pupo estremo di interrato risolversi

 

   …………………………

 

   Briganti

   Dell’eccesso e del sogno

   Il mio antenato non fuma più i suoi sigari

   E il ritratto

   Forse conserva ancora

   In mare ai pesci

   Quando il mare in burletta

   Svelse il cuore

   Dei più gagliardi

   Nel sommosso grido

   Della terra umiliata

 

   …………………………

 

Quale nobile, risoluto sforzo dello stile e del lògos, domare in equilibrio espressivo tanto sommosso grido, l’interrato risolversi fra dolore e catarsi! –: dell’eccesso e del sogno… Solo la scrittura piena, coraggiosa e implosa, riesce a condensare in bilancio, suffragare in anelito, tanto peso terrigno e debito carnale, ferita gemmata d’esistenza; o guizzo e impulso aereo di sorvolo e di canto… Ci sovviene un brano, l’intensa cronaca diaristica d’una eroina della penna come Virginia Woolf, nume tutelare d’ogni femminile, elegiaca rivalsa tra narrativo flusso di coscienza ed eleganza epocale architettata, quando nel giugno 1935 andava componendo uno dei suoi più grandi romanzi, Gli anni, e faticava appunto a tenerci tutto dentro, e dargli norma d’equilibrio, aura di travagliata ispirazione:

 

«…  In un certo senso queste ultime scene mi ricordano un poco Le onde. Porto il cervello a uno stato di congestione; devo smettere, vado di sopra, mi imbatto nella signora Brewster discinta, torno; trovo un rivoletto di parole. È lo sforzo di condensare al massimo, di contrastare, di tener tutto legato. Vuol dire che il libro è buono? Mi pare di dover mettere in piedi un grosso tronco di colonna e non posso far altro che tirare e sudare. Qualcosa del genere. Sta diventando più scarno e più intenso. E poi, che sollievo quando arrivo alle scene di livello più elevato, come quella di Eleanor. Ma anche quelle vanno condensate. È trovare il tono giusto che affatica.  …»





Il vulcano Etna in piena azione eruttiva


Giulia s’affatica ma regge, condensa al massimo, contrasta o infiora ossimori, condensa ombre di luce, aneddoti superni, vestigia e spire, la lava e il miele magari di Zafferana Etnèa… Eppure, tiene tutto legato, e mette in piedi il tronco d’una colonna che già – all’incontrario d’ogni mito, contro ogni oltraggio! – si fa statua di marmo, e ancora, grande sagoma lignea: albero, sinuoso albero fiorente che già si muta in Dafne, bellezza della donna che è la vita, fuga sfiatata restituita al mondo contro il volere perfido, la licenziosa prepotenza di ogni Apollo possibile e accaduto…

 

   Chiedo perdono a tutti

   C’è silenzio tra le cantine e i monti

   La bellezza uno schianto nelle aperture intense dei mattini

   E i gioielli sul ventre

   Ordine e fuoco per le attese dei prati

 

   Quasi la nascita estrosa, inopinata ma millenaria, di una nuova Musa:      

 

   La Sicilia è la luce

   Incaprettata in cuscini di pioggia

   E da lontano piante prodigiose per Giovanna che sogna vengono a riva

   tra conchiglie d’oro in vascelli notturni, piante osannate e rare per chi

   emigra e rimane: un tutto pieno di fiondata caligine

   Tutto rimane e nasce

   L’anello di mio padre e nei vulcani si stringe il passo in un anello vero di ragioni impazzite

 

   …………………………

 

   La neve dei suoi vulcani ride nella lingua che le è ancora permessa

   E dai vulcani vomitante sequela il dono è il cuore di lapilli e di canti

   La storia è una delle sue follìe

   Libretto dell’infanzia mi condoni la frenesia dei numeri e l’assetto della sultana immersa nel

   prodigio del limite espugnante

   Il segnale di pioggia dai deserti

 

******

 

Lessico familiare incredibilmente ammaestrato, dunque, di ninnoli e ossimori, cassapanche e fatine, quadri o armadi, stucchi e arazzi, seriche tende e femminee crinoline, “coralli sfrangiati tra il mistero e la gola”, “ariette di tombole cucite intorno ai prati”, “la tragedia chiosata dai piccoli menestrelli dell’ombra”… Rappresentazione anch’essa polifonica, rifondante e moderna, come i capolavori della Woolf, in perfetto umbratile equilibrio tra illuminazione e dissidio, “momenti d’essere” e l’inesorabile, relativistico flusso del tempo:

 

   Profondamente

   Solo il vento mi ascolta

   Io Giulietta

   Una cantina di fogliole discusse

   In tanto freddo corteggiato da luce

   La luce che era il fuoco

   E la cantina rivestita di smalti

   Di bagliori

   Di fatine che ballano

   Sdrucite

   Piccole e smaglianti

   In questo sogno rifonderò la quiete

   Un mio antenato che era suo aiutante Garibaldi riprende per cocchiere

   lo fa di sego lo riduce a zero e con tristezza piange

 

   …………………………

 

   Gesù, apri le braccia!

   I templi sono vuoti nella notte

   Anche le case hanno serrande chiuse

   Il freddo ha una sua lama di bicchiere nella fiaba dell’anima in rivolta

   venti nocchieri oscurano il sereno dagli arabeschi urlati

 

Dolce e supremo rito dell’inconscio, giostra o sequela, densa parabola e accesa litania d’“archetipi junghiani” – qui c’è fiaba e rivolta, urlo d’arabesco; feroci lame taglienti e marsalati bicchieri in brindisi; templi e case e chiese e Gesù che abbraccia ecumenico ogni altro dio pagano, precristiano o dissimile, e profeta e sciamano, per conciliarlo a una Buona Novella che della fede è fulcro, e libertà…

C’è un passo memorabile di un’intervista degli allievi del “C.G. Jung Institut” di Zurigo – nel maggio 1958 – con l’autore ormai anziano (ma lucidissimo, ammonitore e ironico, in perfetta forma) di Psicologia e religione, Simboli e trasformazioni, L’Io e l’inconscio…, dove Carl Gustav Jung (1875-1961) svela e anzi annulla meravigliosamente ogni distanza tra inconscio collettivo e inconscio individuale… (Gli appunti furono presi da una delle partecipanti, Marian Bayes):

 

«… Se non siete sinceri, per il vostro inconscio siete una nullità. Il Grande Uomo vi sputerà addosso e sarete lasciati indietro nella vostra melma: bloccati, ottusi, idioti.

Se seguiterete fedelmente l’inconscio, la vostra intelligenza non s’impantanerà, anzi si accrescerà. Ma se vi rapportate all’inconscio in modo intellettuale, siete perduti. L’inconscio non è un’opinione, non è un’ipotesi. È una Presenza. Un fatto. C’è. Succede.

Come lo sappiamo? Usando una certa dose di autocritica: avete un’idea, ma non siete stati voi a pensarla; vi è venuta in mente. Ecco, quando vi rendete conto di questo, allora siete sinceri con voi stessi. È indispensabile anche una certa dose di modestia. Dovete accettare ciò che l’inconscio produce e cercare di capire il suo linguaggio. L’inconscio è Natura e va tradotto in forma umana. È questo che dà dignità all’uomo: il fatto che abbia la capacità di compiere questa traduzione.  …»

 

Poi Jung affida proprio alla poesia, il compito di questa continua, struggente mediazione, immedesimazione, dedizione all’unìsono… Ce lo conferma a perfezione il brano di una densa, cruciale intervista con Miguel Serrano (a Locarno, il 28 febbraio 1959) – che riportiamo col suo medesimo, affascinante brio dialogico:

 

«…  (A questo punto Jung andò a prendere un volume dalla libreria. Era il suo Gli archetipi e l’inconscio collettivo; lo aperse a un saggio intitolato Empiria del processo di individuazione e mi mostrò le stupende tavole che vi sono riprodotte, alcune di tanka tibetani).

 

Questi li fece una donna che per quasi dieci anni lavorò con me al suo processo di individuazione. Era americana, ma di madre scandinava.

 

(Mi indicò una figura dipinta a colori vivaci. Al centro c’era un fiore, simile a un quadrifoglio, al di sopra del quale erano disegnati un re e una regina partecipanti alle nozze mistiche, con in mano del fuoco. Sullo sfondo si vedevano alcune torri).

 

Il processo delle nozze mistiche procede per varie fasi ed è aperto a innumerevoli rischi, come l’Opus Alquimiae. Perché questa unione è in realtà un processo di reciproca individuazione, che avviene, in casi come questo, contemporaneamente nel medico e nel paziente.

 

(Mentre parlava dell’amore magico e delle nozze alchemiche, mi vennero in mente Salomone e la regina di Saba, Cristo e la sua Chiesa e Śiva e Parvati sulla vetta del monte Kailas: tutti simboli dell’uomo e della sua anima e della creazione dell’Ermafrodito. Jung proseguì, come parlando tra sé):

 

C’era una volta un Fiore, una Pietra, un Cristallo, una Regina, un Re, un Palazzo, un Amante e la sua Amata, tanto tempo fa, in un’Isola in qualche punto dell’oceano, cinquemila anni fa… Tale è l’Amore, il Fiore Mistico dell’Anima. È questo il centro, il Sé…

 

(E poi, parlando come in trance):

 

Nessuno capisce che cosa intendo. Solo un poeta potrebbe vagamente capire…  …»

 

******

  

Giulia Perroni capisce perché è poeta, e il “processo di individuazione” che è la sua poesia (ella con la sua poesia) diventa Fiore e Pietra, un Cristallo e una Regina, un Re, un Palazzo, un Amante e la sua Amata, tanto tempo fa, in un’Isola… Capisce perché incentra dentro l’intero mondo od orizzonte dell’immaginario, picco o pianura dell’Inconscio, cresta di roccia, spuma salata in mare tempestoso (Scilla e Cariddi?), l’Io, il Sé, l’Amore che ci appartiene – cui apparteniamo – l’eterno e mai obliato Fiore Mistico dell’Anima… Eccole, le sue nozze mistiche, la sua candida e inesorabile Opus Alquimiae

 

   Il rosa come se fosse veleno, eppure giarrettiera di pioppi

   di fate uscite all’alba sulla neve lieve

 

   Con gli scarpini infangati come se tutto fosse luce

   verso la confusione degli argini

 

   Solo il rosso rimane e il viola, il bianco e il nero traboccante

   il resto è ricordo appassionato, brillìo umorale della natura

 

   Recuperate sugli abiti i colori: il pastello è tutta la mia immagine

   con il verde signorile uscito dai gangheri quando la notte è di luna

   e l’alberello freme nella sua intramontabile essenza

 

 Ed in tema di iniziazione alchemica, è fin troppo chiara, seppur sottesa, probabilmente inconscia, la significazione dei colori, al solito e tanto più qui cruciali, per significazione misterica e progressive fasi di rito alchemico…

Dunque: Tre vulcani e la neve… Laddove la neve rivela e indirizza al bianco (albedo)… Bianco posto indifferentemente all’inizio o alla fine della scala cromatica – colore sacro per eccellenza indossato dai pontefici, dai druidi e dai re… “Si può intendere il bianco come ‘non-colore’ oppure come completa unificazione di tutti i colori dello spettro solare,” – rileva Hans Biedermann nella sua Enciclopedia dei Simboli – “come simbolo dell’innocenza priva di influssi e turbamenti propri del paradiso dell’età delle origini, o come meta ultima dell’uomo purificato, quando tale condizione verrà ripristinata.”

 

   In forma dunque di candida rosa

   mi si mostrava la milizia santa,

   che nel suo sangue Cristo fece sposa

                                                                 (Paradiso, XXXI)





Michele De Luca, Alba primordiale, 2008, acrilico su tela, cm 100x130


Il fuoco dei vulcani ricorda invece la fiamma, il suo rosso d’incandescenza (rubedo). Ma rubedo è anche il sangue, la famiglia e il destino incarnato a vivere… “Il fuoco” – annota Catherine Pont-Humbert, studiosa di rango – “è la migliore immagine di Dio, la meno imperfetta delle sue rappresentazioni, e frequentemente il fuoco incandescente rappresenta nella simbologia l’essenza divina.” Intona Kikuo Takano, il poeta giapponese che tanto caro fu anche a Giulia Perroni:

 

   La mia parola è

   la fiamma di candela

   che indicando il cielo si propaga

   verso il basso, pian piano,

   rendendomi al nulla, severa.

 

Il nero, la nigredo ulteriore, sono invece i buchi neri della Storia, i lutti sempre e tuttora aperti del ’900, spesi e dilaniati fra ideologie e politica, dittature e olocausti, lager e gulag… “Il nero del lutto e della penitenza” – scrive ancora Biedermann – “è contemporaneamente la promessa della futura resurrezione, nel corso della quale si trasforma prima in grigio e poi in bianco. Nell’alchimia nigredo è il nome della pietra filosofale in grado di trasformare la materia primordiale, il presupposto della futura ascesa spirituale.”…

 

   Con questo bianco tutto

   vengo al Tuo volto ardente

   nel passaggio dicevano parole che hanno disturbato

   quando sbatte le porte il vento e le sconquassa per mala grazia o peggio

   non tardare, tutto brucia di Te nell’intravisto, tra viole che gemono

   o nell’eros, giunchiglia dell’inverno, buio mare generoso di forme

   il tempo strilla la pace dell’ascolto come il vento quando attardato

   è il sogno delle siepi che tremano di pane

   

Ancora, e in pasionaria impennata di scala mistica, verticalità vorticosa: l’albedo del “bianco tutto”; il “volto ardente” in rubedo, “tutto brucia di Te”; poi il “buio mare generoso di forme”, l’ansia cioè fluttuante d’una cupa nigredo

È pronto infine l’approdo, il macerato, insinuante Regno della Trasparenza: il vento… il tempo… la pace dell’ascolto… il sogno delle siepi…

 

Ogni sua pagina, infatti, scatena una fervida fantasia visiva, libera insomma il cabalistico, composito visibìlio del Linguaggio come in una ininterrotta mostra o test visivo, confessando ed autoritraendosi l’anima sempre “dipinta a colori vivaci” – anche dentro e oltre l’infranta barriera della notte, il gioco ineffabile, un caravaggesco e febbrile luminismo dei neri…

“L’umanità intera si nutre di alcuni autoincontri, ma chi incontra se stesso? Soltanto pochi, e sempre in solitudine.” – si chiedeva e insieme osava rispondersi Gottfried Benn, medico e poeta: uno dei lirici (e pensatori, indagatori della malattia chiamata uomo, per dirla con Nietzsche) più rilevanti del nostro ’900, lucido implacabile espressionista della concreta, maldestra chimica del nostro splendido binomio (anzi duale) Anima/corpo…

Giulia Perroni fa duale dell’anima in perfetta, ossimorica armonia col corpo che la ospita (o ne è ospitato). Giulia, molto di più, conduce, glorifica questo effuso e spesso romanzesco autoincontro fino ai regni dell’arte, alla cattedrale vitale e senziente del Poema. Tre vulcani e la neve è dunque uno splendido, coraggioso autoincontro, ma adempiuto e redatto in splendida, affollata solitudine – intima ed epocale, conscia, inconscia e collettiva: 

 

   Meraviglia

   Il tempo delle fiabe

   Ormai passato

   Scrissi così: le mie finestre chiuse, non sapevo che dopo cinquant’anni rimanessero chiuse

   eternamente.

   L’ultimo tocco aereo

   Scintille

   Una fiaba perduta

   Ma rimane forse così

   Per sempre

   Il cerchio si è mutato: quale cima potrà esserne il volto?

 

“Un mix muticulturale”, gioca e sentenzia un critico agile, eclettico come Marcello Carlino, classicamente versato all’avanguardia: gioca perché sembra uno smaccato refuso tipografico (muticulturale o multiculturale? – viene infatti da chiedersi leggendo a pag. 8), ma forse innesca invece un delizioso gioco prensile, la licenza doverosa di linguaggio che affida al muti il suffisso, il ganglo lessical-sperimentale, insomma lo strano neologismo in progress d’un mutamento?!… Cultura che cambia cultura, cambia viso, aspetto, maschera, anello, battute, pièce, secolo, dominio, popolo invasore e naturalmente, come Ulisse “dalla mente colorata”, sedotto seduttore, trattenuto per immemore amore nell’eterna Odissea della solitudine: mitica, forse ancestrale coazione a ripetere…

 

   Tutto viene cantando

   e tutto vola

   un’aquila stramazza fino a terra

   venerdì venne in tempo una mariuola

   per rubare tra i fuochi il senno e il tempo

 

Alla fin fine anche i suoi versi prima affastellati, vinti e convinti dal ritmo stesso della colata lavica, terribile e fatato, sempre più irradiano, s’irraggiano rarefatti, impennati e in palpito, come trono di sguardo, gesto pantòcrate, inchino forse al Cristo, alla gigantesca promessa incarnata e dorata come l’abside umanato del duomo di Monreale:

 

   La neve

   I vulcani

   Il silenzio

   Il mantello sguscia violento all’alba

   Ne trattiene la visione segreta

   Oltre il sorriso

   Di più attente caligini

   E il silenzio

 

Poema totale (perfetto mosaico di mille frammenti, tessere liriche nonché esistenziali): originalissimo, ripetiamo, perché oggi più non si ha né la gioia né il coraggio, il cuore e il fegato di farne, Tre vulcani e la neve transustanzia l’esperienza tutta in rito di poesia… Ed è in fondo anche un’apparizione, un incantamento – “lo sguardo della gnosi”; un miraggio sfumato e inesorabile:

 

   Fata Morgana sia l’acqua e le stelle che torcono il sorriso

   E la tristezza che armeggia sulla fronte

   Sei passata come il tempo e la luce

   Sei passata

   Come parola viva, mia parola dell’Inizio insondabile

   Paura del venerdì dei morti

   O frutto antico di inquietata caligine

   Mistero

   Acqua e destino di vascelli irritati

 

******





Goethe, ritratto da J. H. W. Tischbein nel suo "Viaggio in Italia"


Ma torniamo al mitico, inossidabile Viaggio in Italia di Goethe, da cui avevamo del resto preso le mosse, proprio per privilegiare, del suo Grand tour in Sicilia, lo sguardo “scientifico”, addirittura l’attenzione e la perizia stranamente mineralogica… Goethe era anche, eccome!, uno scienziato, un grande, avventuroso avventuriero d’ogni scoperta, e insomma della Natura vista e ripercorsa come un unico poema totale, alla ricerca – diceva lui stesso – della “Urpflanze, la pianta originaria”, in questo grande, immenso e fatato, fatale “giardino d’Alcinoo”... Un po’ come sente e fa Giulia… “Rivisitati gli alberi e le brume da un segreto vastissimo”…

Politori di pietra… Pietre tenere e pietre dure… Marmo, agata, calcare… Goethe se ne fa rapire e s’interessa. Ma anche ne trae immagini-sublimazioni vere, concrete, lisce o porose di poesia.

 

«…                                                             Sulla via di Messina   

 

A sinistra si costeggiano alte rocce calcaree, che si mostrano sempre più colorate e formano delle belle insenature; segue una specie di pietra che potrebbe essere schisto argilloso o quarzo micaceo. Nei torrenti si trovano già dei detriti di granito. I tuberi gialli del solano, i fiori rossi dell’oleandro allietano il paesaggio. Fiume di Nisi e gli altri torrenti che s’incontrano poi, portano dello schisto micaceo.

Tormentati dal vento di est, abbiam proseguito con le nostre cavalcature fra il mare in burrasca a destra e a sinistra le pareti delle rocce, che l’altro ieri avevamo visto dall’alto di Taormina: tutto il giorno in lotta con le onde.  …»

 

Per squisito, fulgido paradosso – mutatis mutandis –, anche quest’ultima, prodigiosa opera della Perroni, è una miniera di pietre rare, dure o friabili, miniera preziosa della terra, e cava erosa, sconquassata e scoscesa del nostro cuore:

 

   Io aspettavo la vita ed era vita l’essere avulsi e splendere

   Ogni cosa ha un legame sotterraneo col simbolo che posa le sue schiere

   tra il pensiero degli angeli e la neve dei basalti socchiusi

   I cristalli si effondono

   Silenzio

 

Per questo dedichiamo a Giulia una delle immagini più belle di quel lontano, tardo-settecentesco viaggio goethiano (ai tempi del Ditirammu di Meli, della sua Buccolica o delle Favule murali; e soprattutto, del famigerato Giuseppe Balsamo, alias Alessandro conte di Cagliostro, negromante, massone di rito egizio, avventuriero di grido europeo!)… Perché sono forse e sommamente le immagini interiori – chissà?, l’ennesimo, adempiuto e qui avverato rito dell’inconscio, o trasparente sommo archetipo junghiano – che ci lascia, ci incide in cuore anche il viaggio di Giulia: dentro se stessa e la sua nascita, le sue radici, i tre vulcani e la neve, pupi e pupari, sirene o fate morgane, Scilla e Cariddi, “Regina e strega inizia un camminare fertile d’acqua”…

 

   Da una preghiera d’oasi

   Anche stelle

   Le stelle coraggiose

   Il lucore preferisce la notte

   Il notevole flusso è tutto al cuore, vergine e astuto introiettato al canto

   generoso per regole e stupendo da manovelle d’anima

   Barocco del profondo

   Rami al mare

   Il destino e la fine

 

 Come in un sogno surreale trasfigurato e dipinto dal miglior Salvador Dalí, lo scenario di Messina appare, fin da allora, terremotato e misterico (terribili infatti – a parte il dramma biblico del 1908 – gli sventurati sismi incorsi già nel 1693, e ancor più quello del 1783) – ma in qualche modo anche redento, pericolante e immoto, salvato per arcano di Bellezza:

 

«…                                    Messina, domenica 13 maggio  [1787]

 

Ci siamo svegliati, è vero, con un sole splendido e in un albergo più simpatico, ma ci siam sempre ritrovati in questa sventurata Messina. Nulla di più tetro che lo spettacolo della cosiddetta “Palazzata”, una serie di grandi palazzi a falce di luna, che incorniciano la spiaggia per il tratto d’un quarto d’ora. Erano tutti edifici a quattro piani e costruiti in pietra; di questi, alcune facciate sono rimaste ancora in piedi fino al sommo della cornice, altre son crollate fino al terzo piano, al secondo, al primo; in modo che tutta questa schiera di palazzi, un tempo così superbi, adesso si presenta allo sguardo orribilmente frastagliata e bucherellata, poiché l’azzurro del cielo si vede attraverso quasi tutte le finestre. Nell’interno le abitazioni propriamente dette sono tutte sfasciate.  …»

 

Salvato e redento – il suo, ma forse anche ogni altro, perfino oggi il nostro cuore – da questo paesaggio metafisico sempre un gradino più in su, più in alto: un cielo oltre o un mare, uno scavo sotto, la mera e tetra Realtà… Mistero / Acqua e destino di vascelli irritati

Prosegue dunque Johann Wolfgang Goethe, romanzando come in un sogno l’inesauribile, fiorito incubo atrocemente vero:

 

«…  Fra i non pochi casi meravigliosi di salvataggio, in mezzo a tanta rovina, si racconta anche questo: un abitante d’una di queste case s’era rifugiato, nel momento del disastro, nella nicchia d’un balcone; la casa era crollata alle sue spalle ed egli, rimasto lassù sano e salvo, poté aspettare tranquillamente che lo liberassero da quella sua aerea prigione.  …»

 

Così intravediamo e anche noi salutiamo oggi la poesia di Giulia, le sue intessute, pericolanti macerie di ricordi e incanti, fiori e dolori, spine e broccati, roseti ardenti o crepe esistenziali: Giulietta sana e salva lassù, come una Madonnina benefica, benedicente; una strana, dolce statua rosata di se stessa, miracolata e strepitosa, impietrita di vento, assolata di fede e rigemmata d’ansia, nella sua aerea, azzurra prigione di poesia. 

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006