LETTURE
LUIGI FONTANELLA
      

Bertgang, Fantasia onirica

pref. di G. Pontiggia, postf. di C. Stroppa

 

Moretti&Vitali, Bergamo 2012, pp. 96, € 11,00

    

      


di Sergio D’Amaro

 

 

Un delirio val bene la vita.

Sull’ultima opera di Fontanella

 

 

Il lungo percorso letterario di Luigi Fontanella è stato attraversato dalla passione per le esperienze al limite della coscienza. Un indimenticato saggio su Il surrealismo italiano aveva indicato negli anni ’80 la singolarità di eminenti scrittori (non molto frequentati dal grande pubblico) legati ad influenze e predisposizioni poco comuni nella nostra narrativa. Un saggio, quello di Fontanella, che rispondeva perfettamente a questa sua stessa necessità di valorizzare l’inconscio, di portare allo scoperto l’arcano, il misterioso, l’indicibile. Il tutto giocato sulla linea della convinzione che il fare artistico avesse una speciale primogenitura nel porre una realtà ‘altra’, nel certificare una più vera verità.

  

Fontanella, poi, e coerentemente, ha fondato e ancora dirige un’autorevole rivista a cavallo tra Italia e Stati Uniti (egli è docente di Letteratura italiana alla University of New York di Stony Brook) e cioè “Gradiva”, intitolata al romanzo di Wilhelm Jensen, che si meritò un’attenta analisi di Freud. Nel suo zodiaco corre elettricamente un fil rouge che collega il nostro autore a dimensioni chiaramente psicanalitiche, venate anche di un sottostante rigetto per tutto ciò che nel ’900 è stato oggetto, a torto o a ragione, di una lacerante battaglia ideologica: il logos, declinato appunto secondo un difficile rapporto dialettico col bios.

  

In questo sua ‘fantasia onirica’ Bertgang, Fontanella ritorna sul terreno del rimosso, sulla riammissione quasi terapeutica del sogno, sulla rêverie che diviene letificante e liberatoria. “Nella breve ora degli spiriti / una giovane ragazza uscì di casa / e si diresse con passo rapido e leggero / verso la dimora di Meleagro”. L’inizio del poemetto apre lo scenario inquadrandosi immediatamente in un’altra epoca e in un altro spazio. È straniante, come può essere il veloce passaggio ad una condizione diversa, in cui aboliamo le misure consuete e assumiamo un cervello intuitivo ed emotivo che ci gratifica di un mondo abbandonato o sempre desiderato. Il titolo ‘Bertgang’ significa ‘colei che risplende nel camminare’ e si riconnette alla Gradiva di Jensen che ripete lo stesso atto in versione latina (colei che cammina). È proprio così, in un passaggio, che Fontanella vede il suo amato fantasma femminile, cogliendolo nell’ora meridiana in una strada di Pompei, ovvero nel momento del giorno più disponibile al sommovimento psicologico, più aperto alle trasgressioni irrazionali. Dietro queste ombre che si agitano c’è la realtà di una donna vera, Irene, vista in una strada di Saint Louis (coincidenza anche col nome proprio Luigi?) a cui è dedicata l’opera.

  

Il sogno, qui, vince la realtà, s’innalza a metafore universali, trasmette una necessità cogente di riunirsi ad un eden lontanissimo, a quel flusso dionisiaco che era durato solo un’infanzia e poi si era rinserrato nelle strette carceri della razionalità vigile. Fontanella agisce come Ulisse o Orfeo a cui è stato concesso di visitare le ombre dell’Ade. La sua Euridice è Bertgang-Gradiva, capace però poi di diventare Zoe, cioè vita pulsante, principio psichico che viene estratto dalle macerie della ragione, dal suo immeritato oblìo, per manifestarsi ancora una volta nella sua bellezza e solarità. “Immagine rimossa… ma in / grado di ritornare per puro / amore di dottrina! Quella / che ci tiene lontani dalla vita… […] La natura cacciata con la forca / continua a ritornare”.

Per intrinseca sua forza, la vita ritorna prepotente a sgorgare per un cortocircuito, riattraversa secoli, copre la distanza tra Pompei e Long Island (dove l’autore vive una parte dell’anno), ritesse la tela delle immagini che illudono ed eternano l’uomo.

 




Scarica in formato pdf  


      

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006