LETTURE
DOMENICO VUOTO
      

Variazioni sul noto sentimento

 

Palomar di Alternative, Bari 2010,  pp. 116, € 13,00

    

      


di Marco Caporali

 

Nel romanzo di formazione Il libro dei turbamenti (Manni 2005) Domenico Vuoto esplorava, con rara capacità di aderire alla psicologia infantile, i soprassalti emotivi e le fantasie erotiche di un bambino segretamente innamorato di una donna matura. In Variazioni sul noto sentimento, raccolta di nove racconti (Palomar 2010, euro 13, pp. 116), Vuoto abbandona il taglio autobiografico e l’indulgente umorismo di quel suo primo romanzo, nitido ritratto di famiglia nel tempo sospeso di una vacanza, per scandagliare con pari capacità analitica, di osservazione e scavo interiore, le poco rassicuranti ragioni della solitudine, del proprio e dell’altrui malessere. E lo fa intersecando vari piani narrativi, sprigionando inquietanti analogie tra situazioni remote, passando con disinvoltura dalla prima alla terza persona, dal dialogo al racconto, nel sapiente snodarsi del discorso indiretto libero. Preme a Vuoto la prossimità all’esperienza sensibile, alle modalità del pensiero, al tempo mentale, esente da illusorie scansioni temporali.

 

Affiorano nei racconti, d’amore e disamore (il noto sentimento), le discrepanze tra gli esseri, il divario che li accomuna. Sentimenti contrari convivono, come convivono e si compenetrano presente e passato, accadimenti esterni e insorgenze memoriali. Senza distinguere sulla pagina percezioni altrimenti indistinguibili, l’accento è posto su quel che allontana, sulla lacerazione, sull’abbandono che segue il contatto, sulla fugacità del rapporto e sulla desolazione che ne consegue. Sono spesso stranieri i protagonisti dei racconti, clandestini ai margini del vivere sociale, prossimi ed estranei ai “legittimi” abitanti di una Roma cupa, inospitale, dove in luogo della solidarietà c’è l’amaro compiacimento delle altrui umiliazioni, intollerabilmente simili alle proprie. E nella volontà, talvolta palese, di denudare, di fare emergere spiacevoli verità, col loro carico di violenza e minaccia, anziché respingerle nell’inammissibile, Vuoto non si esime dall’identificarsi con l’orrore, mostrandone la normalità. Ad affiorare sono gli istinti, le pulsioni, la bestiale assuefazione alla prigionia, fino al tragico epilogo in cui la distanza tra sé e gli altri improvvisamente si colma. In primo piano è l’inconsapevolezza dei propri sentimenti. Il mondo animale è lì a rispecchiarci, spietato e fedele, salvifico anche, per amorevole dedizione e feroce senso di giustizia. Come nel racconto, tra i più riusciti, L’amore a lei dovuto, in cui la metamorfosi, il graduale mutarsi della donna in fiera, è così nitida da risultare allucinatoria.

 

La prosa di Vuoto è asciutta, concisa, di naturale eleganza. Oltre al racconto, le è congeniale l’aforisma, come accade in un libretto, Pensieri di passo, pubblicato nelle romane edizioni de Il Labirinto (€ 3,50, pp. 37). Aforismi tesi a sviscerare “brucianti verità”, con uno sguardo acuto e penetrante sulle nostre insopprimibili finzioni: “Per sentirmi meno estraneo all’indistinta folla di volti che mi passa accanto in una strada, devo poter immaginare che tra di loro ci sia un mio ipotetico carnefice”.   

 




Scarica in formato pdf  


      

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006