CHECKPOINT POETRY
VINCENZO OSTUNI
 


> dal volume inedito  “Faldone O”

 

 

Oggetti bizzarri

 

1.

 

(«Se quando sarete tutti spellati non vi si vedrà che per quattro o per cinque, cinquanta volte nel

                                                                                                                               [corso di un’ora,

e la vostra complessione si ridurrà

a sbavature da carboncini frettolosi colorati –

 

                                                                         cantando cantando saprete di sforbiciare,

saltando tagliare coi piedi il contorno del giorno.

                                                È il fosbury che vi avrà fregato, non vedrete l’ostacolo superato

                                                                                          ma solo la cieca campitura del volo»).

 

2.

 

(«Altro mio me, doppio che te ne vai – ché ti ho intravisto, sai?, prenderti le mie cose in fretta

                                                                                                       [e furia, sgattaiolare da casa,

in sere anòdine, in notti senza indizi;

                           me che come fratello odi, come moglie ripudi, mio me che mi detesti, mi invidi;

me che mi guardi dritto ma io non posso,

quadratico me stesso, inconcepibile riflesso di riflesso;

                                                                                      me, altro me che sei della mia morte

– e che sei in tanto morte, a volte, in quanto sei bambino, e più di me dunque, più di chiunque

                                                                                                                    alla condizione originale,

cronologicamente vicino:

 

                                           che cosa credi abbiamo perso se diciamo che non siamo mai stati altro,

                                                                                                        [se non questa stessa credenza?»).

 

3.

 

(«Schiacciati come mosche sotto i passi dei nani, dall’alto vi guardiamo voi miseri

– voi che in sifoni o in budelli di terra potrete ancora spegnere

le luci. Voi che saprete stricto sensu il da farsi, voi che nessuna arsi, appunto, o tesi farà oppure

                                                                                                                   [fa calcare i piedi, vedi.

Voi che non vi muoverete neanche

mai, vedi: voi che dove vorrai andare ci vai, che saprete fare tutto insieme

                                                        quel che meno ci preme, più ci attiene. Voi che dietro un velo già

accamperete la panoplia dei tempi

                                                       e, tirato giù, i loro lenti lampi, i centrifughi sensi»).

 

4.

 

poi vide il posteriore di Dio

 

(«Con voi vicino che potrò mai fare, voi cari affetti dipendenti, pseudoinnocenti, voi figli-animali,

                                                                                                       [mai sazi respingenti-richiedenti,

                                   voi torme di fenicotteri carnivori, sottili come il futuro ma feroci

                                                                                                               come una storia al quadrato;

 

voi che venite dopo ma siete già a fianco,

            voi ovovivipari di voi, in retromarcia biologica o storica, voi che mangiate generazioni

                                                                                                                                      [indietro;

 

                                                                                            voi troppo dintorno, voi che pure da quest’

inscendibile altissimo

                                    prego:

                                               lasciatemi da solo, fatemi più aria sotto, allato»).

 

5.

 

(«Dire che Qualcosa da sempre ci manca, che siamo noi costitutiva incompiutezza, che non

                                                                                       [abbiamo mai in noi che ci risponde,

                                                  ci corrisponde, ci spetta; e dire poi

                                                                                                          che comunque, se risponde,

                                                                           [non è chi è, non dice quel che dice esattamente,

Esso,

          né vagamente; e che non seda niente:

                                                                     ansie epistemiche, dolori morali, tantomeno deficienze

                                                                                                                                          [essenziali;

 

è come dire, allora: ci manca quel che ci manca,

                                 non abbiamo né avremo quel che non avremo, non abbiamo: non siamo noi mai

                                                                                                                        [quello che non siamo.

Il Dio contemporaneo, il Dio che non è pieno, fa la grammatica della nostra mancanza:

                                                                                                                             ma è appunto solo

                                                                                                   [quello, temo: tautologia negativa –

o anzi: impietosa recidiva,

                                          coltello d’etere nella piaga-urgenza»).

 

6.

 

«Qualsiasi cosa [rifarei della mia vita], tranne la psicoanalisi. Tranne la psicoanalisi».

 

(«Angelo in antibiosi, che custodisci me fagicamente, che tiranneggi in osmosi monodirezionale;

                                                                                                                          [angelo che fra noi

non c’è lo spazio, ma saldatura ovale, a strettura di clessidra orizzontale;

                                                                                               angelo che pensi d’esser me a due

                                                                            [anni o a quattro – angelo matto, invece, torre,

ruota, bagatto;

                        angelo ortogonale, che varî il passo automaticamente a inceppo precisissimo del

                                                                        [mio; angelo di un dio infantile, precocesenescente,

che tieni vivo me che in te mi verso; angelo paradosso, che in tanto vali in quanto non sei niente;

                                                                            angelo ridente fino a sopra il cielo tremendo,

                                                                                                                       smisurato demente»).

 

 

 

 

 

*  Vincenzo Ostuni è nato nel 1970 a Roma dove vive e lavora. Redattore di minimum fax, poi editor di saggistica e in seguito direttore editoriale di Fazi, è oggi editor di saggistica e narrativa per Ponte alle Grazie.
Negli anni Novanta è stato animatore del gruppo Laboratorio Aperto di Ricerca Poetica e della rivista Dàrsena. Nel 2004 ha pubblicato
Faldone zero-otto (Oèdipus, nella cinquina del Premio Napoli per la poesia internazionale). Nel 2009 è stato fra i vincitori del Premio Delfini. Il suo secondo libro, Faldone 2 (zero-venti), uscirà per Ponte Sisto nell’autunno del 2011. Ha da poco terminato il suo terzo libro, Faldone 3 (zero-trentanove).
Ha curato Poeti degli anni Zero, numero monografico dell'Illuminista (il 30 del 2011) che antologizza tredici autori contemporanei. È redattore del Caffè illustrato e collaboratore di alfabeta2. È inoltre fra gli animatori del collettivo TQ e della rassegna ESCargot all’ESC di Roma.

 




Scarica in formato pdf  


 
Sommario
Checkpoint Poetry

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006