LETTERATURE MONDO
POLEMICHE
Céline in Francia ancora interdetto

      
All’inizio di quest’anno il ministro della Cultura francese, dopo la denuncia di Serge Klarsfeld, rappresentante dell’associazione dei figli degli ebrei francesi deportati nei lager, ha deciso di mandare al macero un volume sulle personalità della nazione da celebrare, che conteneva anche il nome dell’autore del "Voyage au bout de la nuit". Una scelta che ha provocato vivaci scontri nella comunità intellettuale d’oltralpe. Per Philippe Sollers: “La letteratura non si censura: questo caso è assurdo”. A 50 anni dalla morte (luglio 1961) lo scrittore di Courbevoie, uno dei grandi innovatori del linguaggio letterario del Novecento, nonostante il suo anarchismo avverso tanto al comunismo quanto al nazismo, continua a pagare per i suoi pamphlets antisemiti. In coda un commento ‘no comment’ di Piero Sanavio.
      




   

di Stefano Lanuzza  

 

 

È del gennaio di quest’anno la decisione del Ministro della Cultura francese Frédréric Mitterrand, sollecitato dal cacciatore di criminali nazisti Serge Klarsfeld e dal sindaco di Parigi Bertrand Delanoë, di mandare al macero un volume che, tra altre celebrate personalità nazionali, includeva anche Louis-Ferdinand Céline… “Céline ha alimentato l’odio antiebraico” accusa Klarsfeld; “La letteratura non si censura: questo caso è assurdo” ribatte Philippe Sollers.

  

Distinguendo la letteratura da ogni ideologia, si può comunque contestualizzare lo scrittore in frangenti storici caratterizzati da un diffuso antisemitismo che affonda le proprie radici nelle tesi della sinistra ottocentesca anticapitalistica sostenute soprattutto dai Fourier, Proudhon o dall’ebreo Marx.

  

Alfine non si tratta di valutare il profilo etico di Céline, ma d’inquadrarlo nella sua epoca (seppure non debba sfuggire come nessun autore primonovecentesco risulti più di lui attuale o ‘profetico’ rispetto a questo nostro tempo attraversato da conflitti e venti di guerra).

  

A cinquanta anni dalla morte, lo scrittore, ritenuto collaborazionista soprattutto a causa del suo libello Bagattelle per un massacro (specie di prosastico metapoema contro un presunto, planetario complotto semita-capitalistico), condannato a un anno di carcere e poi amnistiato, continua a rimanere ostaggio di schieramenti contrapposti, tra convinti ‘estimatori di destra’ e problematici ‘sdoganatori di sinistra’.

  

C’è intanto Henri Godard, tra i più assidui studiosi dell’opera céliniana, a sostenere che l’autore non ha mai nemmeno pensato di potersi mettere al servizio dei nazisti.   

Né si dimentichi che le radici ideologiche di Céline, medico dei poveri e critico del colonialismo e di tutte le guerre, sono comuniste; e che è il viaggio nell’Unione Sovietica stalinista, ossia nel mondo del ‘comunismo reale’, che lo spinge a ricredersi scrivendo un libello, Mea culpa (1936), che appare anche un’occasione di autocritica.




Bagatelle per un massacro (1937), il primo dei tre libelli antisemiti pubblicati da Céline


Va peraltro chiarito che il “massacro” di cui tratta Bagattelle, scritto nel 1937, non allude all’inimmaginabile genocidio subito in date successive dagli ebrei; bensì al supposto massacro che, secondo l’autore, il cosiddetto complotto giudaico-massonico avrebbe potuto preparare contro gli “ariani”. 

 

Sarà antiebraico e anticapitalista Céline, questo dichiarato spregiatore del ‘fascismo rosso’ di Stalin come del necroforico demonismo di Hitler? Sarà comunista o nazifascista, guerrafondaio o antimilitarista-pacifista, patriota o anarchico?... Non senza tenere conto che Céline si è variamente dichiarato comunista e anarchico, ma giammai fascista e nazista, nessuna definitiva risposta è possibile da parte di chi non voglia prescindere dal porsi con la debita onestà intellettuale di fronte a uno scrittore che, coi suoi orientamenti libertari purtroppo inficiati dall’antisemitismo reazionario, ha fatto della contraddizione la propria stessa poetica.

  

Ci sono scrittori la cui opera, non riducibile a nessuna ideologia né incasellabile dentro norme costituite, è spesso fraintesa quando non strumentalizzata. Esemplare, allora, resta il caso di Céline, adottato a vario titolo sia da oltranzisti laudatores come dai denigratori e, tuttavia, alla fine, ben poco considerato per il suo specifico impegno letterario: espressione d’un francese sperimentale, supremamente innovativo, che nelle prime opere dell’autore (soprattutto il Voyage e Morte a credito) interagisce con le ‘sonorità’ dell’argot e poi – per esempio nella ‘Trilogia del Nord’ (Da un castello all’altro; Nord; Rigodon) – si destruttura e stravolge fino a trasformare l’esatta lingua di Cartesio, troppo formale o razionalizzata, in un barocco tripudio dei sensi il cui antefatto può ravvisarsi nell’umorismo orgiastico d’un Rabelais coniugato con l’humour tragico di Dostoevskij.       

                                                                               

 

* L’autore di quest’articolo ha pubblicato lo scorso anno il saggio-antologia Maledetto Céline – un manuale del caos (Stampa Alternativa, 2010)

 

 

 

 

**********

 

 

Nessun stupore, quindi nessun commento politico, all’esclusione di L- F. Céline dalla lista delle persone da commemorare nell’anno in corso, da parte del ministero della Cultura e del governo francesi. Nessun diktat burocratico può cancellare un’ opera d’arte, fosse anche quella di un nemico. Durante la Grande guerra,  a credere alla Recherche, ci si opponeva  a Parigi non soltanto alla rappresentazione, il che era comprensibile, ma persino all’apprezzamento delle opere di Wagner. Se ne scandalizzava il giovane Marcel che  parlava con ammirazione dell’atteggiamento del tutto opposto dell’amico Saint-Loup: che amava Wagner e si batteva contro i tedeschi al fronte.

È indubbio che al dottor Destouches avrebbe fatto molto piacere essere inserito tra le persone da commemorare, lo avrebbe compensato della mai digerita esclusione dal premio Goncourt. Era il risvolto piccolo borghese dell’autore di Mort à crédit che aveva scelto l’esclusione, il ruolo di autore maledetto, ma voleva il premio della Signora Maestra. Né è da escludere che, paradossalmente, questa  nuova esclusione gli avrebbe dato anche un perverso piacere, avrebbe alimentato il suo irriducibile masochismo.

 

 

                                                                                      Piero Sanavio

 

febbraio 2011

 

 

*  Lo scrittore Piero Sanavio ha pubblicato di recente, sull’opera di Céline, il saggio Virtù dell’odio (Raffaelli Editore, 2009)   

 

 




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006