LUOGO COMUNE
UN LIBRO POSTUMO
La filologia ermeneutica
di Dante Isella


      
Il volume “Le carte mescolate vecchie e nuove”, pubblicato da Einaudi e curato da Silvia Isella Brusamolino, consente di riapprezzare il finissimo metodo di indagine testuale del grande studioso scomparso nel dicembre del 2007. Particolarmente preziose sono le sue puntualizzazioni sulle ‘esperienze di filologia d’autore’, così come impressiona lo straordinario acume analitico e interpretativo applicato alle opere di Dante, Bramante, Michelangelo, Parini, Foscolo, Manzoni, Tommaseo, Rovani, Carducci, Tarchetti, Dossi e Tessa.
      



      

di Gualberto Alvino

 

 

«I quattro studi raccolti in questo libretto (cui se ne aggiunge un quinto, in appendice, di natura stravagante) ‒ scriveva Dante Isella nell’Avvertenza a Le carte mescolate. Esperienze di filologia d’autore, edite nel 1987 dalla Liviana nella leggendaria collana «Scartabelli» diretta da Pier Vincenzo Mengaldo e Sergio Romagnoli ‒ sono tutti dedicati a problemi e casi della così detta (secondo la definizione di Avalle) “filologia dell’originale”: ambito assai poco frequentato, anzi appena lambito nella prima metà del Novecento». Il «libretto», ormai irreperibile per la cessazione dell’Editrice padovana, divenne immediatamente un testo fondamentale tanto per gli apprendisti filologi che per i critici delle varianti e i manualisti, cui toccò sottoporre a massiccia revisione, o quantomeno inquadrare in una nuova luce, più d’un cardine della disciplina, fondata com’è noto da Gianfranco Contini sul modello della stilistica spitzeriana (ma già in un’ottica squisitamente strutturalistica, spostando l’indagine dall’etimo spirituale dell’artefice al funzionamento dell’opera in sé, senza rimandi all’esterno) nel breve spazio d’una recensione ai Frammenti autografi dell’«Orlando Furioso» a cura di Santorre Debenedetti eloquentemente intitolata Come lavorava l’Ariosto (1937), e dal filologo varesino rinnovata nel metodo, oltreché perfezionata nella pratica e nei criterî di formalizzazione, lungo mezzo secolo di studî e ricerche su testi in fieri o in redazioni plurime d’autori prevalentemente lombardi quali Giovan Paolo Lomazzo, Carlo Maria Maggi, Francesco de Lemene, Giuseppe Parini, Carlo Porta, Alessandro Manzoni, Carlo Dossi, Delio Tessa, Carlo Emilio Gadda, Vittorio Sereni. Edizioni esemplari, in ogni senso critiche, non consistenti cioè nel puro ordinamento delle carte mescolate degli scrittori e nella documentazione delle successive fasi dello sviluppo compositivo tramite scrutinî notarili dei fatti variantistici considerati atomisticamente, ma tese al riconoscimento d’un sistema correttorio e delle sue costanti per definirne le leggi d’assestamento («Presa a sé sola, ogni variante è come una banderuola impazzita che gira nella direzione di tutti i venti», p. 117), nonché a costruire giudizî di valore ed esegesi globali in una prospettiva non già di convergenza o congiunzione ‒ come pare si continui a credere ‒ di filologia ed ermeneutica, bensì di totale, compiuta identificazione («le edizioni del puro testo critico, quali si pubblicavano in passato, hanno fatto ormai il loro tempo; alle tre componenti canoniche, introduzione filologica, testo e apparato, si sente sempre più necessario oggi il complemento di un’introduzione che, riassumendo l’esperienza compiuta, offra una chiave di lettura critica dell’opera, e se possibile anche di un commento: nessuno meglio di chi ha perlustrato il testo passandolo più volte al rallentatore sotto la sua lente sarebbe in grado di mettere a disposizione un’enorme somma di osservazioni minutissime, calzanti. Spesso, però, una messe così preziosa rimane inutilizzata, sepolta nelle schede di lavoro», p. 240).

Isella attese alacremente fin quasi al giorno della morte (3 dicembre 2007) al progetto d’una riedizione accresciuta della fortunata raccolta, apparsa postuma poco più d’un anno dopo per la curatela di Silvia Isella Brusamolino (Le carte mescolate vecchie e nuove, pp. 460, ill. f.t., Torino, Einaudi, 2009, € 28,00), condotta non solo col massimo rigore, ma soprattutto nel pieno rispetto delle ultime volontà paterne.





Dante Isella


Il volume è opportunamente diviso in due sezioni: la prima, intestata Esperienze di filologia d’autore come il sottotitolo dell’edizione Liviana, oltre al «nucleo fondante invariato» (due studî storico-teorici sulle correzioni d’autore e sulle testimonianze autografe plurime, seguìti da saggi applicativi sulle officine del Tasso e del Parini), comprende sei capitoli di taglio metodologico, i più ‒ com’è nello stile iselliano ‒ a partire da casi concreti (Gadda, Sereni, Manzoni); la seconda, intitolata Problemi testuali e interpretativi (in origine, dossianamente, Fricassea) raccoglie ‒ oltre a due inediti su Giuseppe Bossi («El pittor Boss», un amico del Porta e del Manzoni) e su alcuni versi latini del Manzoni (Volucres) ‒ diciotto contributi (su Dante, Bramante, Michelangelo, Parini, Foscolo, Manzoni, Tommaseo, Rovani, Carducci, Tarchetti, Dossi, Tessa) in gran parte dispersi in quotidiani, riviste e miscellanee, nei quali ricorrono, come avverte la curatrice, «temi già affrontati nella prima sezione ma sotto una luce che sembra investire maggiormente l’interpretazione puntuale, o comunque circoscritta a territori limitati, lasciando sullo sfondo i problemi teorici».

Colpisce, nella prima parte, la capacità d’aggredire questioni metodologiche di capitale importanza con un linguaggio scabro concreto essenziale, non di rado affabile (ancorché, beninteso, terminologicamente esattissimo e sintatticamente articolato, a specchio del mobile e complesso ritmo ragionativo tipico di Isella), sia che si tratti di tracciare un quadro storico della filologia d’autore o della critica stilistica in Italia e in Europa, sia che s’indaghi la struttura degli esercizî variantistici continiani al fine di cogliervi specificità e costanti, sia — e sono i momenti più intensi e avvincenti del volume ‒ che si chiariscano i capisaldi della materia sgombrando il campo da clamorosi errori e fraintendimenti:

 

persino uno dei migliori manuali universitari di avviamento alla filologia scrive che le varianti instaurative appartengono all’apparato genetico e le sostitutive all’apparato evolutivo; dovrebbe invece essere ormai chiaro a tutti che “genetico” è l’apparato che descrive le varie fasi attraverso cui si è costituita la lezione assunta a testo, “evolutivo” quello che registra i tentativi di correzioni ulteriori, più o meno consistenti, ma tuttavia incapaci di strutturarsi in un nuovo sistema: per esempio, le sporadiche correzioni introdotte dal Parini su due esemplari a stampa del Mattino del ’63

(pp. 237-38)

 

o polemizzando aspramente contro i pregiudizî dei critici e la negligenza di certi tecnici dell’ars edendi:

 

da cinquant’anni in qua si è fatta assai meno critica delle varianti che filologia d’autore, più edizioni ottime, buone, meno buone, che non proposte interpretative in qualsivoglia sede e forma […]. Le ragioni di una situazione così sperequata sono verisimilmente più d’una: quello che si vorrebbe respingere, senza però riuscirci del tutto, è il sospetto di dover constatare la tradizionale astinenza dei critici da qualsiasi contatto sconsacrante con la filologia. Il commercio con le edizioni critiche tradizionali è sempre stato, lo sappiamo, dei più cauti e timorosi, al punto da non ammettere, da chi pubblicasse un classico, niente più di una nota al testo di qualche paginetta: si pensi agli “Scrittori d’Italia” di Laterza. Il filologo dev’essere il manovale che appronta i testi su cui il critico costruisce i suoi purissimi teoremi. Come immaginare che costoro si impiccino di varianti, che leggano apparati genetici o evolutivi non mai facili neppure per fruitori meno impazienti? Ce ne fosse bisogno, non manca, del resto, e lo vediamo spesso, chi procura di dar loro piena soddisfazione con edizioni di filologia caricaturale. Una ragione più forte è però da ravvisare nell’impegno che perlopiù comporta l’esecuzione di simili lavori: tale molte volte da scoraggiare chi lo ha assolto dall’addossarsi anche il peso di un saggio introduttivo o di un commento»

(pp. 239-40)

 

Una prosa filologica sapida e personalissima, in grado d’assumere a tratti movenze francamente narrative:

 

Una sera che in casa di Arnoldo Mondadori si era festeggiato Montale, la mia bellissima Giulietta sprint color turchese non rimase ad attendermi in piazza Duse: involata con tutto quanto portava, nel suo grande baule, di vestiti, di schede, di appunti di lavoro dell’edizione del Giorno. Da andarne disperati (ero con Vittorio Sereni) a sporgerne sfiduciata denuncia in via Fatebenefratelli. A bordo, di libri ne avevo uno solo: un esemplare della Colonia Felice, trovato quella sera da un’antiquaria presso il Castello, pagato caro, benissimo incartato da sembrare una scatola di friandises. Era per di più, di un mese dell’inverno 1968-69, il giorno diciassette: numero ricorrente nella mia vita, legato a eventi più o meno gravi finiti poi bene, ma anche numero della cabala dossiana: come non sospettare che il regista di tutto il pasticcio fosse ancora una volta il mio grande, ispido amico? Chi sa, forse indispettito di quell’acquisto fortunato?

(p. 442)

 

e persino affabulatorie, con tanto d’abrupte agnizioni e colpi di scena:

 

I due quadretti [il ritratto di uno scrittore e quello di sua moglie col figlioletto], di una politezza miniaturistica, arieggianti la maniera di un Ingres, recavano per firma il nome di Fradelle. E il nome agì. Non era Fradelle il pittore nominato nella lettera del Foscolo ritrovata a Lodi, tanti anni dopo, tra i libri di Maria Cosway a cui era diretta?

(p. 376)





dalla mostra Elevazioni e Permutazioni, Mirano, 2010


Ma il punto di forza e il maggior pregio della silloge è lo straordinario acume analitico e interpretativo cui Isella sottopone i suoi referti filologici, dimostrando una profonda conoscenza del mondo dell’autore congiunta a una rara perizia dei meccanismi testuali e retorici che regolano l’opera letteraria. Si veda con quanta destrezza e persuasività il filologo commenti, ai versi 51-52 della Notte pariniana, la correzione di «Pareti adorne e vestimenti varj | E bianche braccia e pupillette mobili» in «Pareti adorne, e vesti varie, e bianchi | Omeri e braccia, e pupillette mobili»:

 

non è che […] si riscatti soltanto a un livello di più eletta nobiltà il tono da distinta doganale o da inventario frettoloso di quei vestimenti varj; si corregge anche la monotona partitura binaria di due endecasillabi fatti a perfetto ricalco l’uno sull’altro e il loro rigido giustapporsi, ciascuno chiuso in sé, che aumenta stanchezza a un periodo che già si trascina a fatica. E l’acquisto di quei bianchi Omeri (un particolare tra i più luminosi del levigato canone neoclassico, cui le braccia cedono il loro predicato di bellezza, ma solo grammaticalmente) serve ad arricchire il catalogo, senza dubbio; ma soprattutto induce in ogni verso un ritmo ternario più mobile, e nel periodo, mediante un terzo enjambement giusto a metà della sua durata, una continuità più fluente. E sarà da osservare che si tratta di un enjambement diverso dagli altri due, particolarissimo, come quello che a capo di verso colloca un trisillabo sdrucciolo iniziante per vocale: nell’unità del sirrema aggettivo-sostantivo, già ‘slogato’ dall’arcatura, lo strappo della dialefe [tra bianchi e Omeri], se si può dire, che rialza il volo del periodo. L’intervento si lascia inquadrare in un sistema, è un istituto ritmico-stilistico caratterizzante in ispecie l’ultimo Parini. […] In questo caso, dunque, la correzione non è partita […] da un movimento negativo (evitare la ripetizione ravvicinata nel contesto), ma dall’operatività, in presenza di una zona sorda del primo dettato, di una legge interna al sistema stilistico dell’autore, dallo scattare di un tic proprio della sua tarda poetica.

(pp. 159-60)

 

Un libro che sembra scritto per i critici letterarî d’oggidì, troppo spesso incapaci di trasformare l’atto esegetico da pura impressione a dimostrazione verificabile e concreta.

 

 

 

 

*  [pubblicato su «Italianistica», xxxix 2010, 3 pp. 195-98.]




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006