PRIMO PIANO
ASOR ROSA
VERSUS SERGIO LUZZATTO
E GABRIELE PEDULLÀ
Né storia
né geografia, così
la letteratura è solo
un caos


      
Al di là dei riflessi giornalistico-mediatici, degli attacchi personali e degli eventuali calcoli pubblicitari, lo scontro tra il 78enne, autorevole studioso romano e i giovani curatori del nuovo “Atlante” letterario italiano della Einaudi pone la questione rilevante e di sostanza di come raccontare o configurare otto secoli di patrie lettere. Per i due critici ‘TQ’ si tratta di affermare una visione ‘multipiano’ radicalmente anti-storicista e ispirata alla teoria scientifica degli ‘equilibri punteggiati’. Per l’accademico di radice marxista questa prospettiva fondata su un neo-metodo senza metodo, va risolutamente combattuta.
      



      

 

 

di Alberto Scarponi

 

 

La pubblicazione nell’ottobre 2010 presso Einaudi del primo volume dell’Atlante della letteratura italiana a cura di Sergio Luzzatto e Gabriele Pedullà ha dato luogo sul finire dell’estate 2011, in settembre (magari anche per promuovere le vendite all’uscita del secondo volume), a un grande scontro giornalistico, sebbene breve.

«Clangore di sciabole» (come è stato scritto nell’occasione) o solo di parole, alla stessa stregua che nella sfera Politica? In quest’ultima sfera però gli improperi, le parolacce che si sostituiscono alle parole, hanno la funzione di far perdere il senso intrinseco delle cose. A noi rimane, unico fatto, la novità linguistica in sé (novità ancora non ben dilucidata ermeneuticamente). Ora anche qui, nella sfera Cultura, è cominciato tale uso. Alberto Asor Rosa in una intervista ha criticato la tesi metodologica di Luzzatto-Pedullà, base di tutto il progetto, e fuori dai denti l’ha definita, senza ritegno, «una balla», «una panzana», «una bufala» e, quando il registro gli è salito di qualità, ha lanciato: «turlupinatura», non si sa se parlava della tesi o dell’opera atlantica qua talis.

La tesi di cui trattasi era ed è che la storia della letteratura italiana – soprattutto nella vulgata ma anche in molta della percezione culturale, pur non accademica rigorosa, – è risultata a lungo una filosofia della storia (puah! Hegel!): tutto un rotolare di superamenti, nel triplice senso di soppressioni-conservazioni-sopravanzamenti, ovverosia tutto un «tic-tac-toc» (come nella recensione di cominciamento Asor Rosa ha, ironicamente bignamesco, corretto la narrazione della Dialettica Hegeliana, in scrittura easy, da parte di Luzzatto-Pedullà, dove invece faceva soltanto «tic-tac»). La storia della letteratura italiana risultava cioè una dinamica finalistica, in parole povere una faccenda finalizzata alle (beh diciamola così, lasciando tutto nel vago di un leopardiano ‘forse’) «magnifiche sorti e progressive» dell’Italia bella e tradita. La versione di tale storicismo teleologico, – continua la tesi, – crollato de facto insieme al muro del 1989, in letteratura ha prodotto qui da noi la linea De Sanctis-Croce-Gramsci, contro cui opera ora l’impostazione metodica dell’Atlante medesimo.

Asor Rosa in verità aveva già da tempo, da qualche mese, aperto il fuoco contro l’Atlante, con una recensione, come accennato, pubblicata sotto il titolo di «Storia, geografia e... letteratura» (Bollettino di italianistica, Carocci, 2011, n. 1, , pp. 5-21). E all’inizio l’aveva presa alla larga. Certo con un allusivo tono un po’ professorale, oggi diremmo castale, ma alla larga. Aveva spiegato che quando si parla di storia bisogna distinguere fra teleologia e senso, che insomma una cosa è credere al finalismo di ciò che accade e un’altra è riscontrare interpretativamente un senso in quei fatti. Non era chiarissimo se in tale spiegazione i fatti il senso ce l’avessero da sé, nel loro accadere, o lo desse loro la rispettiva «branca del sapere» nel farne la storia, come sembrava voler dire Asor Rosa quando specificava che «la letteratura italiana» è «un continente epistemologico-formale». E tuttavia, poi, nel seguito del discorso non avevamo solo interpretazione, seppure collettiva e storicamente articolata, come sarebbe sembrato a prima vista, viceversa tale continente epistemologico risultava «dotato di una sua esistenza autonoma fatta di autori, testi, circostanze storiche, trasmissioni di modelli, fattualità stilistico-metriche, ecc., che spetta a noi tentare di conoscere e sistemare, ma che c’è, – e continua ad esserci, – anche se noi in qualche modo abbiamo tentato di conoscerlo e sistemarlo secondo i nostri princìpi. La “letteratura italiana” – appunto, non a caso destituita di ulteriori specificazioni – c’è stata, c’è, anche se noi non ci siamo stati e magari neanche oggi ci siamo». Per essere più chiari: «“Storia” e “geografia” non sono realtà in sé costitutive dell’oggetto da conoscere, e poi conosciuto, ma solo protesi interpretative, nate da leggi caratterizzanti i processi della conoscenza umana: non sono la “letteratura italiana”, e soprattutto non possono essere gabellati per la “letteratura italiana”».

Quel «gabellati» era una veemenza conclusiva del recensore che non si tratteneva del tutto. In ogni caso, come si vede dalla citazione, l’aveva presa non solo alla larga, ma anche da grande altezza. In qualche punto comunque era parso proprio sdegnato. In effetti – come verrà poi riportato sui giornali – fioccavano sopra i due autori dell’Atlante note di «impudenza», di «superficialità», di «disinvoltura citazionistica», di bizzarria, di arbitrio nelle scelte, e poi sarcasmi davanti al loro «titanismo intellettuale» e «novismo inconcludente», infine voti negativi qui per «incapacità teoretica», là per «scarsa conoscenza dei fenomeni reali». Il tutto culminando ovviamente in una bocciatura, magari recuperabile in esami di riparazione, al secondo e al terzo volume. Per ora però niente ammissione nella oligarchia o nomenclatura o casta che dir si voglia.





Prima motivazione della bocciatura. I due autori dell’Atlante arrivavano tardi. La battaglia antistoricista e antihegelista era cominciata in Italia «circa cinquant’anni fa» con la «rivoluzione epistemologica» prodottasi per l’«impetuosa diffusione delle cosiddette “scienze umane” – psicologia, sociologia, semiologia, nuova storiografia – » e anche per l’«affermazione, impensabile in precedenza, del fattore linguistico come componente ineliminabile, anzi, primaria, del processo storico-letterario». (Nella foga di voler stare al quia, Asor Rosa deve aver voluto trascurare, nel contesto, il possibile argomento principe a favore di tale «impensabilità», cioè che Dante, Bembo e Manzoni ebbero bensì presente la ‘questione della lingua’ e la pensarono, ma purtroppo senza poter leggere il postumo seppur saussuriano Cours de linguistique générale tradotto da Tullio De Mauro. Anche lì una questione generazionale, certo.) E qui aveva citato a scroscio il catalogo accademico tendenzialmente completo degli autori novecenteschi entrati in battaglia per l’antistoricismo fino a oggi (senza precisare se i due autori, volenterosamente antistoricisti ma bocciati, rientrassero tuttavia, almeno per il rotto della cuffia delle buone intenzioni, nel novero venturo).  

Seconda motivazione. «La concezione provvidenzialistico-finalistica della storia» era «un fatto ermeneutico di lunghissima durata» e anzi costituiva «il cuore della nostra tradizione letteraria, come dimostra a sufficienza anche il solo esempio di Dante». Qui dunque Dante c’era entrato. La questione era stata però relegata in una nota marginale e lì abbandonata, squisito sentiero interrotto, con le parole: «Ma lasciamo stare questi sentieri di ricerca troppo accidentati e difficili, e teniamoci al quia». Che tale tradizione dovesse essere tenuta attiva? Sì? No? Al lettore l’oscura sentenza. Unica certezza deducibile: non si sa perché, ma comunque la cosa parlava male, molto male dei due autori sotto esame.

Terza motivazione. Il raffronto quasi sistematico che Asor Rosa aveva compiuto fra questo Atlante della letteratura italiana a cura di Sergio Luzzatto e Gabriele Pedullà e due imprese culturali precedenti veramente poderose, anch’esse uscite per i tipi della casa editrice Einaudi (raffronto più metodologico con la Storia d’Italia a cura di Ruggiero Romano e Corrado Vivanti, che nasceva nella temperie della rivoluzione epistemologica suddetta, e più analitico, su singoli temi, con i venti volumi della Letteratura italiana a cura di Alberto Asor Rosa stesso) aveva dimostrato due cose: che l’ultima impresa – ma ciò era prevedibile – non reggeva il confronto e che – altrettanto prevedibilmente – si dava un problema Einaudi.  

La tesi esplicita di Asor Rosa era infatti: «esser la “storia e geografia della letteratura italiana”, in un quadro indubbiamente molto più vasto, affare specifico e caratterizzante della casa editrice Einaudi (ci sono vocazioni intellettuali e di ricerca che nascono e crescono in determinati contesti culturali, fra i quali hanno svolto un ruolo non irrilevante in Italia le redazioni editoriali, là dove, come nel caso nostro, ce n’è stata una di grande prestigio e di lunga durata), sarebbe stato corretto (ma parlo di antichi valori, ormai decaduti)» – ecco il quia – citare le opere precedenti. E tenerle nel dovuto conto, giacché «ci vorrebbe oggi, secondo il modello gambiano», quello cioè esposto da «Lucio Gambi, uno dei padri fondatori della geografia italiana», nel primo volume della Storia d’Italia Einaudi, «anche una buona competenza di geografia culturale, o antropica che dir si voglia, scienza anch’essa sempre più diffusa anche in Italia (anche qui gli esempi specifici potrebbero esser molti, ma per ora basti l’accenno). Non è per niente chiaro se i nostri due curatori si siano posti il problema».

Non era chiaro, ma in sostanza a lui era parso che il problema non se lo fossero posto. E nemmeno gli sembrava che fosse stato riletto per l’occasione «il giustamente celeberrimo saggio Geografia e storia della letteratura italiana» di Carlo Dionisotti, edito in Gran Bretagna nella rivista Italian Studies, «addirittura nel 1951, e poi ripubblicato nel volume omonimo nel 1967 da Einaudi». Se l’avessero riletto, si sarebbero accorti che «la forma migliore d’impostare il problema non era quella di tentare di adattare puramente e semplicemente la “letteratura italiana” (nel senso precedentemente indicato) alle logiche strettamente disciplinari della “storia” e della “geografia”: ma quella di ragionare sulla e della prima in base alle categorie di “spazio” e di “tempo”, che sono categorie epistemologiche, non semplicemente “storiche” né semplicemente “geografiche”».

Invece i due (paria?), «presi da un raptus di titanismo intellettuale, proclamano apertis verbis: “Dateci un luogo e una data, e solleveremo la storia della letteratura”! (Introduzione, p. xx)». Non avevano quindi esibito nessun proposito di geografia policentrica in quel senso, tutt’altro, piuttosto erano andati spropositando appresso alla «teoria degli “equilibri punteggiati” di Niles Eldredge e Stephen Jay Gould, che», aveva scritto Asor Rosa sempre catafratto nel suo sarcasmo, «lo confesso, mi sfugge totalmente».

Come che sia, però, Luzzatto-Pedullà avevano prodotto qualcosa che assomiglia, appunto, non a un policentro, ma direi a un multipiano, giacché in quel tal Atlante le città-fulcro (che – nella lingua easy già dal loro censore biasimata e ironizzata – chiamano più propriamente hubs, ricavando il nuovo concetto-immagine dall’informatica e forse dall’aviazione), gli snodi sono, sit venia verbo, neodarwinisticamente selezionati dalla realtà stessa.

È la realtà stessa infatti che, secondo Luzzatto-Pedullà, ogni volta ha attribuito a questo o quel luogo «un autentico primato storico, per ragioni diverse e durate ineguali». Tale bizzarra varietà di ragioni faceva nondimeno solo sorridere Asor Rosa, il quale aveva trovato scritto nell’Atlante e citato letteralmente, a esibire quella stravaganza autodenunciantesi come tale: il primato «poté fondarsi su infrastrutture politico-economiche, come la capacità di attrazione di una corte, o su requisiti più propriamente culturali, come la particolare vitalità di una sede universitaria o la peculiare effervescenza di imprese editoriali, che poté riflettere una supremazia letteraria, scientifica, artistica degli italiani in Europa, come durante il Rinascimento, o una decadenza più o meno pronunciata, come a partire dalla metà del Seicento, quando la penisola prese a scivolare inarrestabilmen­te verso la periferia dell’Europa savante; che poté segnalare l’esistenza di un’Italia più cosmopolita che patriottica, come nell’età dei Lumi, o appoggiarsi sul mito di una gloriosa tradizione militare, come nel corso del Risorgimento (p. xvii.

Ne era venuto, da sé, un sospiro sconsolato, paziente, giacché si vedeva da sé che «tra i “valori” che caratterizza[va]no questi “hub (sic) della cultura italiana” (p. xx) non ce n’[era] neanche uno – se non una volta sola, ma quasi di sfuggita – che [facesse] riferimento ad un primato, piccolo o grande che [fosse], di natura squisitamente letteraria». Ma d’altronde Luzzatto-Pedullà, palesemente andando fuori tema, avevano già dichiarato «in esordio di voler rinunciare a sequenze ordinate secondo “medaglioni di uomini illustri”; o “movimenti culturali”; o “classico per classico”; o “per secoli”; o “per generi letterari”». E Asor Rosa ora chiosava: «I curatori, evidentemente, considerano tutto questo roba del passato; e perciò, ancora una volta coraggiosamente, dichiarano di voler fare a meno di “un’ordinata, troppo ordinata galleria di maestri e di capolavori” (Introduzione, pp. xvii-xviii)». Nessuna meraviglia dunque se i loro criteri di scelta risultavano aleatori.

Epperò – come si sa –  è dai criteri che «dipende il quia». Il punto di sostanza era, per Asor Rosa, che «il nuovo metodo consiste nel non averne alcuno». Di qui la catastrofe dell’impresa. I criteri assenti o sbagliati («dall’incapacità teoretica di distinguere fra “teleologismo” e “senso” della storia alla scarsa conoscenza dei fenomeni reali, dall’invenzione di hubs arbitrari e/o parziali all’individuazione dei discutibili “valori” selettivi e ordinativi ecc.») avevano prodotto «la disintegrazione di ogni disegno interpretativo e ricostruttivo e la scomparsa di quella mappa potenziale che, procedendo di decennio in decennio, dovrebbe rappresentare, di autore in autore, di opera in opera, di centro in centro, piccolo o grande che sia, lo svolgimento storico della letteratura italiana».

Avevano prodotto dunque esattamente quel che secondo Luzzatto e Pedullà il loro Atlante voleva essere. Ecco allora i rimproveri puntuali: «In un numero eccessivamente elevato di contributi, si affrontano e si svolgono temi di “contesto” (o, come i curatori dicono, forse meno correttamente, di “contorno”...): “Le condizioni di vita materiale dei testi”, “dalla circolazione dei manoscritti delle ‘tre corone’ […] alla disseminazione delle prime stamperie o alla nascita delle prime biblioteche pubbliche […]”; alle “condizioni di vita degli autori nel mercato delle lettere […]”, alle “alterne vicende dei generi letterari e delle istituzioni culturali […]” (p. xxii). Coerentemente con questa impostazione, le vicende letterarie, le storie degli autori, il destino delle opere, i flussi di trasmissione e contaminazione di natura ideologica e stilistica fra autore e autore, fra scuola e scuola, fra città e città, passano in secondo piano. Anzi, più esattamente, scompaiono alla vista dell’osservatore».





Carlo Bernardini, Orbita eclittica, neons - tesla coil, 2009


In verità Asor Rosa alla fine era sembrato tener conto del fatto che ogni libro è un cimento, una sfida, alla pari di qualsiasi altro, e dunque prendere atto di trovarsi di fronte a un gesto culturale significativo di due studiosi, gesto per lui inaccettabile ma proprio perché aveva quel senso inequivoco: «Non a caso, mi pare, la parola “tradizione” non è mai pronunciata: il grande binario su cui scorre, talvolta linearmente, talvolta tortuosamente e contraddittoriamente, la storia e geografia della nostra letteratura, in questa prospettiva non esiste». Ed ecco la sobria conseguenza:  «Lo dico senza ironia: il caos originario, di fronte al quale siamo stati messi» da Sergio Luzzatto e Gabriele Pedullà, «inteso come proposta metodica seria, merita una discussione altrettanto seria, proprio perché delinea una prospettiva – una prospettiva che, così com’è, va combattuta».

Di colpo l’accademico oligarca, davanti a una mossa teorica, davanti alla realtà affrontata sotto «la forma di caos», era ridiventato quello che anche è, un lucido intellettuale critico, e aveva dimenticato la faccenda di che cosa secondo la tradizione, bene innovata, un atlante storico-geografico insomma avrebbe dovuto essere.

Poi però, come lo scorpione della favola, era stato vinto dalla sua natura, la sua seconda natura, quella dell’accademico. Così, al termine della recensione, le ultime parole erano state le prescrizioni seguenti e definitive: «Un robusto dimagrimento, che consenta la riduzione della vasta e confusa miscellanea ad Atlante, un ripensamento radicale dei valori che stanno alla base del cosiddetto “criterio ordinatore”, il perfezionamento professionale dell’apparato cartografico e, soprattutto, un chiaro ripensamento delle strategie spazio-temporali da praticare». Queste gli risultavano «per ora le uniche considerazioni finali possibili». A metà del guado un secco colpo d’aculeo, destinato ad atrofizzare il corpo della rana traghettatrice, mirava ad affogarla, perdendo anche l’accademico-scorpione, oramai divenuto, lontanissimo dai suoi primordi, animale non acquatico. 

 

Naturalmente (in senso proprio), uguale e contraria è stata in settembre la reazione di Luzzatto-Pedullà, che sul Corriere della Sera – nelle parole dei commentatori – hanno rinunciato a discutere le idee per attaccare personalmente Asor Rosa, accusandolo di «livore», «risentimento», e di aver mostrato la «rabbia impotente dell’animale ferito». Il non detto magari era che sembrava simile alla rabbia di un indignado precario. (In fondo,  se la cultura letteraria italiana viene fatta incarnare da un’istituzione economica, da una casa editrice, il proprio lavoro somiglia tanto a un posto di lavoro.)

Non è escluso tra l’altro che Paolo Di Stefano, rilanciando la «stroncatura sonora»  di quella «firma autorevole in sede autorevole», ritenesse semplicemente di entrare fra le mosse pubblicitarie del lancio del secondo volume, la cui uscita in effetti era «prevista per metà mese», come ricordava. Sono le relazioni spontanee tra poteri. Non per nulla, dopo due accese uscite simmetriche delle parti coinvolte e un paio d’interventi d’occasione, la cosa è finita lì con le parole del Direttore Generale Editoriale Ernesto Franco, riportate appunto in un secondo articolo di Paolo Di Stefano: «La casa editrice Einaudi è sempre stata, e per fortuna è ancora, un fucina di scontri intellettuali. Che non contemplano però insulti e botte. Questi teniamoli fuori. Il resto non può che far ardere il fuoco dello spirito critico. Sta agli autori e a noi alimentarlo». Amen. Insomma, chiudiamola qui. Era diventata una contropubblicità che nuoceva al lancio medesimo del titolo nella fattispecie e al fatturato in generale.

Sì, doveva essere stata una «lettura viziata dal risentimento», quella di Asor Rosa, sì era una questione «personale», comprende adesso il giornalista, e lo scrive. Tralascia di aver concluso l’articolo precedente virando in gaia malignità una domanda di Asor Rosa stesso: «Che si tratti di una questione di famiglia?» (in realtà Asor Rosa alludeva, come abbiamo visto, alla geografia letteraria come tematica tradizionale in casa Einaudi). Tale domanda era stata ingenuamente o maliziosamente interpretata così: «Luzzatto e Pedullà sono oggi giovani consulenti di via Biancamano, come un tempo lo fu Asor Rosa: non è escluso che il passaggio generazionale, in Casa Einaudi, abbia prodotto, come in tutte le buone “famiglie”, oltre che un cambio di prospettive mal sopportato dai padri e dai nonni, anche qualche risentimento per l’imprudenza sfrontata e l’ingratitudine dei figli».

 

Un fuoco di paglia, dunque, in finale una cavolata, direbbe qualcuno dei più giovani della generazione TQ.

Soltanto che, riducendo il tutto a gossip, a fatterelli e sorrisetti su un risentimento con annesso «brutto fallo di reazione», davanti a cui una scrollatina del capo basta e avanza, si lavora a far evaporare il valore di sintomo di ciò che va accadendo. E anche la semantica di quanto in ogni caso viene detto.

Perché una questione così fondamentale come la concezione odierna della storia (se si tratta di una cosa raccontabile come sviluppo omogeneo di fatti e valori preselezionati da un senso oppure solo vivibile come intrico o rete a più contenuti e dimensioni di fatti polivalenti, con conseguenze di grandissimo peso teorico e pratico), e quindi la questione della odierna concezione del mondo, può raggrinzirsi a faccenda personale, a bega d’azienda, a giornalistico battibecco fra membri di generazioni diverse? Come mai la vita culturale va annegando nelle paludi del breve interesse economico? e nemmeno più sotto i grandi marosi della politica?  

Ma continuando: l’autonomia della cultura cui mirava Vittorini all’inizio della nostra repubblica deve proprio barcamenarsi fra Scilla e Cariddi, fra economia e politica, e fatalmente affogare nello stretto? Basteranno ad affermarla, a imporla, tale autonomia, le mosse naturalistico-emotive, il modo di pensare ‘feticistico’ (avrebbe pensato Marx) dell’età post? Basterà intendere la politica, la grande politica, come rivendicazione sindacale di categoria (dunque «abbracciare, con l’analisi e la pratica, i temi vasti e intrecciati dell’istruzione, della ricerca, del welfare, del mercato, degli spazi pubblici, della produzione e della distribuzione di cultura», mentre d’altra parte in effetti una politica culturale pericolosamente, minacciosamente manca in Italia) e per dire questo riunirsi come TQ, come gruppo-feticcio appunto, come realtà antropologica, in una casa editrice, in un luogo dell’economia? Basterà per proporre finalmente la cultura come terza fra la politica e l’economia?

Forse è che bisogna distinguere fra grande politica e politica culturale (dell’autonomia culturale), sapendo che il loro rapporto è biunivoco, senza l’una nemmeno l’altra, senza grande politica nessuna autonomia della cultura e soprattutto viceversa.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006