TEATRICA
IN SCENA

“Corpi-Prigioni”: abbiamo tutti diritto ad una seconda chance


      
Il testo di Stefania Porrino, allestito dalla regista Camilla Migliori nel particolare spazio neobarocco del Teatro di Documenti, incrocia le traiettorie esistenziali di una donna borghese in crisi di identità che finisce in coma, dopo un incidente stradale, e di un giovane terrorista che ha assassinato un innocente, condannato a vent’anni di galera. Il tema drammaturgico verte sulla speranza di rinascita anche dopo le più tragiche cadute, ma senza rimuovere il passato. Interpretano lo spettacolo Evelina Nazzari, Edoardo Persia e Giulio Farnese.
      



      

di Marco Palladini

 

 

Si torna sempre con piacere al Teatro di Documenti, questo affascinante spazio scenico neobarocco, tutto in legno color crème, creato a Roma negli anni ’80, nel cuore dello storico Monte dei Cocci, da Luciano Damiani, uno dei più importanti scenografi italiani del secondo Novecento. Un teatro che è, però, un monumento in sé (un po’ come è il Teatro Olimpico di Vicenza), e dunque un luogo ‘intangibile’, nient’affatto neutro, che si autorappresenta. Un luogo che un teatrante deve adattarsi ad ‘abitare’ con discrezione, scontando il fatto di essere soverchiato dal prepotente segno estetico dello spazio circostante.

 

È ciò che ha fatto con misura e intelligenza la regista Camilla Migliori allestendo l’atto unico di Stefania Porrino Corpi-prigioni, pubblicato nel 2008 da Bulzoni. I soli elementi scenici, ideati da Alessandro Ciccone e che sembrano prelevati tout-court da un quadro di Renato Mambor, sono delle sagome umane life-size, incellophanate e montate su dei piedistalli, quasi dei muti testimoni-fantasmi che popolano lo spazio e ascoltano le ‘confessioni’ dei protagonisti.

Il testo della Porrino si compone in sostanza di tre parti: due monologhi e un dialogo. Il primo blocco monologico appartiene a Viola (Evelina Nazzari), un’elegante donna matura, vestita sobriamente in grigio, che racconta la sua vita di figlia e di moglie sempre nevrotizzata, ansiogena, costantemente in corsa con gli appuntamenti e con gli impegni pratici da rispettare. Una borghese sull’orlo di una crisi d’angoscia e di identità, sottomessa nel rapporto con un padre e con un marito che non la capiscono e che, però, forse, neppure lei veramente comprende. La separazione dal coniuge (che si limita a replicarle semplicemente “grazie”) è, appena, l’anticipo del crash della sua esistenza: un incidente automobilistico e Viola finisce in coma, e in quello stato incomincia a rielaborare il senso o nonsenso del suo vivere.

    

Il secondo blocco riguarda Vasco (Edoardo Persia), un giovanotto di estrazione cattolica che, insoddisfatto dei comportamenti e della doppia morale della chiesa, decide di impegnarsi nell’azione politica e finisce per aderire ad un gruppo terroristico. La lotta armata come soluzione dell’impasse di un giovane che vuole vivere nella tensione di valori assoluti. Succede, tuttavia, che durante un attentato, Vasco è costretto ad eliminare un testimone scomodo, spara ad un ragazzo della sua età, un passante casuale, non un ‘bersaglio politico’. Arrestato e condannato a vent’anni di galera, Vasco in stato di effettuale morte civile, ripensa a tutto il suo percorso, all’insensatezza delle sue scelte e al senso di colpa che lo accompagnerà per il resto dei suoi giorni.




Evelina Nazzari e Giulio Farnese in Corpi-prigioni (2011), regia di Camilla Migliori


La terza parte è come una sintesi drammaturgica. Seduti su due panchetti, attorno a un basso tavolino, Viola e Vasco si incontrano ad un caffè ed imparano a conoscersi e a confrontarsi, partendo dalle rispettive posizioni. Lei, sopravvissuta all’incidente, si è rimessa insieme con il marito e nel cammino di ricostruzione esistenziale si è data al volontariato ed è lì in veste di accompagnatrice dei detenuti in libera uscita. Vasco dopo sette anni di detenzione usufruisce di brevi permessi e ricomincia a respirare l’odore di libertà.

Il tema, dialettizzato dalla Porrino, è in fondo quello, trattato da innumeri film hollywoodiani, della ‘seconda chance’. Tutti abbiamo diritto, secondo una certa visione etica o religiosa, ad una seconda possibilità, per quanto gravi siano stati i nostri errori o le nostre colpe.

 

La peculiarità del testo della Porrino sta che qui il confronto è tra chi si è sentita una ‘vittima’ (Viola) a tal punto da avere inconsciamente desiderato di morire (l’incidente stradale è, palesemente, un suicidio traslato), e chi invece (Vasco) è stato il ‘carnefice’ di un innocente, che ora gli torna davanti agli occhi come un spettro, ma non è lo spettro di Banquo che ossessiona e terrorizza Macbeth, è uno spettro dolente con cui provare a dialogare, con cui cercare di riconnettere i fili della propria storia, pur sapendo che c’è un prima e un dopo.

Ecco, mi sembra che la Porrino voglia dirci che c’è sempre una speranza di rinascita, c’è sempre la possibilità di rinascere anche dopo le più tragiche cadute, ma senza mai dimenticare il ‘prima’, senza rimuovere il passato.

 

Va detto che a legare le varie articolazioni del copione c’è la figura di un Narratore-Regista (Giulio Farnese) che si intromette e commenta e spiega un po’ petulante ed è, invero, la parte più debole e didascalica del testo, che la Migliori peraltro impagina con mano leggera e sicura, incastonando poeticamente la rappresentazione all’inizio e alla fine con due videoproiezioni e sfruttando visivamente il raddoppio della scena grazie alla parete-specchio del fondale d’ingresso del teatro. Altresì guida con destrezza gli attori evitando che pieghino le parole verso l’enfasi retorico-salvifica o, di contro, le accentuino verso abissi di disperazione.

 

Là dove la donna vive il proprio corpo come una ‘prigione mentale’ da cui finalmente fuoriuscire, si incrocia il giovane che vive la prigione concreta in cui è rinchiuso come il corpo sociale da cui riscattarsi. E scatta qui, da questa coppia di omologhe solitudini un pas de deux apprezzabile.









Scarica in formato pdf  


      
Sommario Teatrica

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006