TRADUCENDO MONDI
MARZENA SOWA
Le trappole linguistiche di un’autobiografia
a fumetti


      
La traduttrice di “Marzi 1984-1987” – il volume illustrato in cui l’autrice francese racconta della sua infanzia in Polonia, col soccorso dei disegni di Sylvain Savoia – esamina alcuni dei principali ostacoli incontrati nel volgere in italiano espressioni idiomatiche francesi, peraltro strettamente intrecciate con i fili di senso della narrazione. Nell’impossibilità di trovare delle equivalenze ai giochi di parole del testo originale, il tradurre-tradire qui si è incentrato nello sforzo di trovare corrispondenze semanticamente appropriate e grammaticalmente adeguate da consegnare al ‘testo di arrivo’.
      



      

di Francesca Scala

 

Tradurre significa cercare di rendere il testo di arrivo equivalente a quello di partenza anzitutto dal punto di vista delle potenzialità espressive, lasciando così a chi legge in traduzione le stesse possibilità di conferimento di senso che ha chi legge l’originale.

Particolarmente ostico può essere raggiungere questo obiettivo se ci si imbatte in un gioco di parole. In Marzi 1984-1987, primo volume dell’autobiografia a fumetti di Marzena Sowa (suoi sono i testi e i ricordi d’infanzia nella Polonia degli anni ’80; del compagno Sylvain Savoia sono i disegni che li illustrano), molti dei titoli degli episodi che compongono il libro si strutturano in un jeu de mots.

A volte l’arguzia è riproducibile senza problemi nella lingua d’arrivo, poiché presuppone un patrimonio culturale comune. È il caso di Un tapis est pour la vie, reso col corrispettivo italiano “Un tappeto è per sempre”, in quanto l’allusione al romantico diamante che impegna a vita è chiara in entrambe le lingue, complici pubblicità e globalizzazione; in modo analogo “Respirare può nuocere gravemente alla salute” quasi traslittera l’originale francese (Réspirer peut gravement nuire à la santé) e traduce l’amara ironia con la quale ci si riferisce al disastro di Černobyl’.

Ugualmente agevole il caso di un altro titolo, che allude al comune patrimonio religioso polacco, francese e italiano (Marzena Sowa è polacca e scrive in francese). Poiché il Papa ci accomuna tutti, Polacchi, Italiani e Francesi (anche se in misura diversa e, più precisamente, decrescente), Le fruit de nos entrailles di p. 195 non solo permette all’autrice di fare in lingua francese dell’umorismo quasi blasfemo, ma non pone problema al traduttore italiano: “Il frutto del nostro ventre” è infatti un’espressione il cui doppio senso religioso e scatologico è chiaro a chiunque.






Allo stesso modo l’esistenza di una Previdenza Sociale sia in Italia sia in Francia (Sécurité Sociale) rende traducibile con poco sforzo il titolo di p. 175, Insécurité Sociale, nell’omologo “Imprevidenza Sociale”. Se però la fatica richiesta al traduttore è minima, si ha d’altro canto che l’effetto comico ottenuto è minore rispetto all’originale: l’immediatezza espressiva del francese insécurité (“insicurezza”), a suggello di un episodio di mala sanità, è senza dubbio maggiore di quella dell’italiano “imprevidenza”. Il padre di Marzi si ammala di itterizia a causa di un prelievo sanguigno fatto con una siringa infetta e, così, quello che doveva essere un semplice controllo medico a scopo preventivo diventa la causa del contagio. Efficaci traducenti di insécurité sarebbero stati, in questo contesto, “imprudenza” o “insicurezza”, focalizzandosi l’uno sulla causa della malattia e l’altro sui rischi cui espone un esercizio della medicina di dubbia qualità. Nessuno dei due, però, era utilizzabile, pena la perdita del gioco di parole che in italiano vincolava a negare in modo esplicito il termine “previdenza” e imponeva l’uso del suo corradicale negativo.

Meno banale la resa del titolo di uno degli ultimi episodi, Entrechats et petites souris, in cui Marzi e un’amica sono ammesse a frequentare l’esclusivo corso di ballo tenuto, alla Casa della Cultura, dall’inflessibile Madame Bożena. Poiché il termine entrechat denota un passo di danza e souris, oltre a voler dire “topo”, ha il significato colloquiale di “ragazza”, potremmo tradurre in prima battuta con “Entrechat e ragazzine”, sicuri di rispettare l’originale sul piano dei contenuti. Così facendo, però, non terremmo conto del doppio senso attivato dall’omofonia che c’è tra entrechats e entre chat. Se la lettura rispettosa della grafia riassume il contenuto dell’episodio, quella esclusivamente fonetica, rendendo possibile una diversa suddivisione delle parole, dà luogo a un jeu de mots e aggiunge un valore connotativo: l’allusione ai rapporti tesi tra la severa insegnante (lo chat in questione) e le corsiste (petites souris).

Avendo considerato impraticabile in italiano la strada dell’omofonia e volendo d’altra parte conservare, se non il gioco di parole, almeno i tratti stilistici e il tono ironico che percorre l’intero volume, si è scelto l’adattamento “Balzi felini e topoline” (“salto” è uno dei significati di entrechat). Questa soluzione rinuncia sì al tecnicismo di danza (funzionale al francese ma di intralcio in italiano); si mantiene però fedele al testo originario sia sul piano formale (all’opposizione dei sostantivi chat/souris fa da pendant l’opposizione tra aggettivo e sostantivo “felini”/“topoline”; quest’ultimo termine rende, inoltre, l’affettività del francese petites souris), sia almeno in parte su quello del significato (l’idea del balzo può richiamare in qualche modo quella del ballo).

 

Decisamente più complessa la resa di p. 63, Certaines fêtes tombent à l’eau. Nell’originale c’è un gioco di parole fra tomber à l’eau, che alla lettera significa “cadere in acqua” ma che in senso traslato equivale ad “andare in fumo”, e la vicenda narrata: al termine dell’episodio Marzi cade effettivamente in acqua, si ammala ed è costretta a porre fine alle vacanze pasquali. Se fossimo liberi di tradurre tenendo conto solo della trama, potremmo cavarcela con “certe feste vanno a monte”. Verremmo però così a perdere la rivitalizzazione di un’espressione ormai grammaticalizzata della lingua francese. Perché anche in italiano significato proprio e traslato coincidessero e il senso proprio rivivesse nella frase fatta, si è usato “A volte capita di fare un buco nell’acqua”. In tal modo svanisce sì il riferimento alle festività, ma si conservano sia l’espressione figurata che trasmette il significato del fallimento (il “buco nell’acqua” in senso traslato), sia il nesso con la disavventura descritta (il tragico tuffo non voluto: il buco nell’acqua “effettivo”).




Una tavola in lingua originale del graphic novel Marzi 1984-1987


Un altro caso di rivitalizzazione è quello di p. 121, Le naturel revient au galop.

Sul Robert, alla voce chasser, si legge la seguente espressione proverbiale di Destouches: Chassez le naturel, il revient au galop, che significa all’incirca “Scacciate pure la vostra indole, tanto lei torna al galoppo”, a voler dire che le cattive abitudini non si perdono mai. La massima sembrerebbe equivalere, dunque, al nostro “il lupo perde il pelo ma non il vizio”.

Anche stavolta, però, il titolo francese ha senso su un duplice piano: da un lato si riferisce all’immagine mentale che la madre di Marzi ha della propria figlia (quella bambina non cambierà mai, finirà sempre per combinarne una delle sue: è il piano metaforico); dall’altro rimanda molto concretamente al cavallo presente nell’episodio e che ne costituisce anzi il fulcro (con una sola zoccolata, l’animale renderà inservibile il candido completino domenicale di Marzi, impedendole così di andare alla santa messa e spingendola inesorabilmente tra le grinfie di Satana). In altri termini, la parola galop oltre a intendersi in senso traslato riacquista qui il suo valore proprio, e trascurare questo dato di fatto traducendo la frase che la contiene con la corrispondente espressione italiana codificata (quella del lupo che perde il pelo ma non il vizio), sarebbe una scelta fortemente iposemantica.

Dovendo scartare il cavallo francese, in quanto manca un proverbio italiano che lo contenga e sia pertinente, e dovendo scartare il lupo italiano, di fatto non raffigurato nei disegni dell’episodio, si è scelto l’incipit del vecchio adagio “tanto va la gatta al lardo...”. L’espressione trasmette l’idea di un vizio (il ripetersi di un’azione è elemento costitutivo di ogni vizio) e rispetto al proverbio del lupo offre il vantaggio di una maggiore prossimità icastica alla vicenda: Marzi si avvicina effettivamente al cavallo e per questo verrà imbrattata dagli escrementi dell’animale scalpitante. Il riferimento al galoppo di un cavallo concretamente raffigurato è perso (come pure si perde la nozione del naturalissimo sterco, lenaturel”), ma è bilanciato dall’allusione all’effettivo avvicinarsi di Marzi a un luogo di potenziale, e concreto, pericolo. I puntini di sospensione sono infine il corrispettivo della modificazione subita dal proverbio in originale: anche in italiano, come in francese, una parte dell’aforisma è soppressa.

A parziale compensazione delle fatiche traduttive e di perdite espressive inevitabili, vi è infine il fortuito esempio di p. 191, Au top de la mode, tradotto con “All’ultimo grido”. Folgorata da Mireille Mathieu, Marzi decide di farsi un taglio di capelli come lei. Con sua grande soddisfazione non passa inosservata: a nessuno dei parenti infatti sfugge la sua somiglianza con “quella cantante che strilla come un’aquila in TV”. La resa italiana aderisce semanticamente all’originale, aggiungendo una nota “acustica” per nulla estranea all’aneddoto narrato, in perfetta consonanza con la passione dell’autrice per i giochi di parole.

 

 

*  Francesca Scala ha tradotto per Einaudi il noir di Jean-Claude Derey Toubab or not Toubab. Dopo un breve intermezzo saggistico (case editrici Mesogea e Atlante) e parallelamente ad attività redazionali, traduce dal 2002 per Coconino Press romanzi e racconti a fumetti di autori francesi e francofoni, tra i quali Jacques Tardi, Loustal, Baru, David B. (Il Grande male), Sfar e Manu Larcenet. Tra gli ultimi lavori Marzi, l’autobiografia a fumetti di Marzena Sowa (disegni di Sylvain Savoia), il cui primo volume inaugura la collaborazione tra Fandango libri e Coconino Press.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Traducendo Mondi

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006