INTERVISTE
A VENT’ANNI DALLA SCOMPARSA
Luciano Salce, un umorista poliedrico e anarchico


  
Per ricordare l’attore e regista romano, abbiamo interpellato il figlio Emanuele e il critico Andrea Pergolari che hanno curato su di lui una monografia di prossima uscita. Vale la pena ripensare i parecchi film che ha diretto in una lunga e altalenante carriera iniziata in Brasile e poi proseguita in patria con titoli variamente apprezzati come “Il federale”, “La voglia matta”, “Le ore dell’amore” negli anni ’60 e, più tardi, i primi due “Fantozzi” della celebre serie con Paolo Villaggio. A far inabissare la sua attività di autore fu “Colpo di Stato”, una pellicola fantapolitica, osteggiata sia a destra che a sinistra, ritirata subito dagli schermi nel cruciale ’68 ed assurta poi al rango di cult-movie ‘maledetto’.
  


  

               

di Alessandro Ticozzi




Luciano Salce

 

Nel mio precedente articolo, sulla retrospettiva L’uomo di Rio: Adolfo Celi e i ragazzi tornati dal Brasile organizzata lo scorso ottobre dalla Fondazione Ente dello Spettacolo nell’ambito della Festa del Cinema di Roma, avevo scritto anche dei due film diretti da Luciano Salce in Brasile, che rappresentano il suo esordio dietro la macchina da presa, e di come essi contenevano già in nuce le caratteristiche del suo cinema: più che al convenzionale melodramma Floradas na Serra (1954), costruito su misura per l’indubbio talento espressivo della grande attrice teatrale Cacilda Becker – alla sua unica prova sul grande schermo assieme a Luz dos Meus Olhos di José Carlos Burle, girato sette anni prima – mi riferivo in particolare a Uma Pulga na Balança (1953), satira della burocrazia e della borghesia carioca animata da quello spirito sardonico e beffardo che sarà proprio il tratto maggiormente caratterizzante della poliedrica attività di Salce.

Una carriera artistica iniziata a teatro e alla radio e proseguita successivamente anche in televisione e soprattutto al cinema, per il quale ha interpretato una sessantina di pellicole e dirette una quarantina, una decina delle quali da lui anche recitate in ruoli di fianco. Titoli non certo tutti memorabili come Il federale (1961), La voglia matta (1962) e Le ore dell’amore (1963), ideale trilogia di costume che impose un attore fino ad allora considerato puramente farsesco come Ugo Tognazzi tra i “mattatori” della commedia all’italiana al fianco di Sordi, Gassman e Manfredi; o come Fantozzi (1975) e Il secondo tragico Fantozzi (1976), primi due capitoli della fortunata serie con cui Paolo Villaggio portò il suo personaggio più celebre sullo schermo e che molto devono anche all’umorismo corrosivo di Salce, scivolato nello slapstick farsesco con i film successivi firmati da Neri Parenti. Eppure, anche nei casi più dichiaratamente “alimentari” (penso in particolare – nomen omen – a L’anatra all’arancia, trasposizione cinematografica dell’omonima commedia teatrale che si regge sul mestiere suo e della brillante coppia Vitti-Tognazzi, che nello stesso 1975 sbancò i botteghini natalizi), sempre contraddistinti dall’onestà di voler intrattenere il pubblico mettendo al suo servizio la propria indiscutibile professionalità, tanto che si potrebbe condensare il senso della sua attività artistica immaginando diretta allo spettatore la battuta “la sua soddisfazione è il nostro miglior premio” rivolta a Lino Banfi nel film Vieni avanti cretino! (1982), omaggio al cinema di derivazione rivistaiola che in questo senso può essere anche inteso come il canto del cigno del regista.

E pur tuttavia non si può dimenticare che nella sua filmografia sono presenti anche pellicole di diverso spessore – o per lo meno nell’itinerario di Salce curiose per gli spunti che le permeano – inspiegabilmente ignorate dai critici alla sua uscita e solo in questi ultimi anni in parte riscoperte, pur continuando a rimanere di difficile reperibilità: penso a El Greco (1964), biografia romanzata del celebre pittore interpretata da Mel Ferrer e non indegna di kolossal come Il tormento e l’estasi di Carol Reed; alla satira fantapolitica di chiara influenza sessantottina de La pecora nera con l’istrionico Vittorio Gassman e soprattutto di Colpo di Stato, il film “maledetto” di Salce per la scomodità politica della vicenda narrata (la vittoria del PCI sulla DC in Parlamento attribuita da un calcolatore elettronico, alla quale però i comunisti rinunciano dopo un colloquio con le autorità di Mosca), tanto da esser stato subito ritirato dalla circolazione e conseguentemente considerato per decenni al pari di una leggenda metropolitana; alle ossessioni erotiche di matrice moraviana di Io e lui (1973) – con Lando Buzzanca in uno dei suoi ruoli alla “merlo maschio” che in quegli anni era costretto a replicare all’infinito – e intrise di un feroce humour negro, tra Ferreri e Bunuel, del grottesco sul mammismo Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno (1974), con Villaggio in un inedito ruolo alla Pozzetto prima maniera.




"I Gobbi": Luciano Salce, Franca Valeri e Vittorio Caprioli


Negli anni Ottanta del secolo scorso la malattia da cui era stato colpito lo ha progressivamente costretto a ritirarsi, e forse anche per questo non ci dobbiamo stupire che, a vent’anni dalla scomparsa, Luciano Salce sia stato ingiustamente rimosso dalla memoria collettiva (è in buona compagnia, purtroppo…): lo vogliamo per questo ricordare parlando di lui col figlio Emanuele e Andrea Pergolari, autori di una monografia a lui dedicata di prossima uscita, e partendo proprio dall’iniziale attività all’estero che in qualche modo lo accomuna ad Adolfo Celi.

“Salce s’è diplomato in regia all’Accademia d’arte drammatica di Roma nel 1946”, ci racconta Pergolari “e, dopo aver fatto praticantato recitando in spettacoli di Visconti, Strehler, Costa e Fersen, durante una tournée a Parigi con Alberto Bonucci e Vittorio Caprioli si ritrovò in un locale di Parigi gestito addirittura da Paul Claudel, La Rose Rouge, a fare una specie di spettacolino improvvisato di tipo cabarettistico: esso in realtà era la ripresa di un usanza che si aveva a Roma al Teatro dell’Arlecchino ed era quella di recitare delle scenette rapide, brevissime, quasi degli sketch di tipo futurista, cui lo stesso Luciano Salce aveva partecipato ancora in giovane età (lo facevano per esempio degli intellettuali come Pannunzio e Flaiano). Caprioli, Bonucci e Salce rifecero appunto questo tipo di scenetta lì a Parigi ed ebbero un successo strepitoso: loro poi tornarono a Parigi nella stagione successiva presentandosi come il Complesso dei Tre Gobbi ed ottennero lo stesso successo. Erano delle scenette brevissime che duravano praticamente sotto il minuto, quasi delle freddure sceneggiate, satiriche ma di tipo surreale: non riprendevano un racconto realistico della realtà, ma facevano in modo che la satira sociale fosse affidata a una battuta che risultasse quasi un nonsense. Poi Salce se ne andò in Brasile alla fine del 1949 perché venne chiamato da Adolfo Celi, che era stato suo compagno di Accademia e che in Brasile aveva già iniziato un attività teatrale: così Salce fu sostituito nel complesso di Caprioli e Bonucci da Franca Valeri. Salce in Brasile fu una personalità molto importante, perché con Celi a Rio de Janeiro praticamente fece ripartire da zero il teatro, che non esisteva in Brasile, perciò per loro fu un divertimento ed insieme anche una cosa di grande prestigio perché, avendo campo libero, si potevano permettere di mettere in scena di tutto, anche quello che qua in Italia non era possibile perché era uno spazio occupato da personalità importanti che in Italia c’erano e in Brasile no. Perciò potevano fare esperimenti, potevano mettere in scena tutto quello che più piaceva loro, e Salce ebbe anche un paio di riconoscimenti, per gli spettacoli Convito aõ Baile da Anouilh e O Anjo de Pedra da Tennessee Williams, che fu nominata appunto la migliore messinscena del 1950. Ciò gli permise di lavorare anche al cinema e in televisione, perché nessuno lo sa ma lui fu anche uno dei pionieri della televisione in Brasile in quegli anni, mentre i due film che diresse furono scritti da Fabio Carpi, poi diventato uno dei più importanti sceneggiatori e registi italiani, ed allora ebbero lì grande successo. Sia Salce sia Celi lavoravano per una società che si chiamava Vera Cruz e che era tenuta da un finanziatore italiano, e quando questo è fallito loro sono rimasti senza più fondi: Celi ha resistito ancora qualche anno, mentre Salce è tornato subito in Italia, anche perché nello stesso momento Caprioli e Franca Valeri lo richiamarono per tornare insieme e lui fece con loro alla radio La zuccheriera e in teatro scrisse, diresse e interpretò un'altra commedia, L’arcisopolo, a metà fra la prosa vera e propria e il cabaret”.




Uma Pulga na Balança (1953), il primo dei due film diretti da Salce in Brasile


Com’è poi proseguita l’attività teatrale di Salce qui in Italia?

“Da allora fino al ’60 ha lavorato quasi esclusivamente per il teatro, quindi ha fatto tantissimo, soprattutto come regista: tanto per citarti qualche titolo, ha messo in scena La regina e gli insorti da Ugo Betti; Sexophone, l’unica rivista mai scritta da Curzio Malaparte; I tromboni di Federico Zardi, con il suo compagno d’Accademia Vittorio Gassman in un ruolo grottesco prima di essere proposto comico al cinema da Monicelli nei Soliti ignoti, e che ebbe un successo strepitoso; ancora una rivista, Uno scandalo per Lilì, con Ugo Tognazzi e Lauretta Masiero; L’uovo da Marceau, con Giorgio Albertazzi; persino un opera buffa di Cimarosa, Le trame deluse, che fu anch’essa accolta benissimo. Ha scritto anche due commedie, Don Jack ed Il lieto fine, quest’ultima a metà tra la rivista e la commedia vera e propria”.

Perché Salce ha interrotto quest’attività teatrale, favorendo invece quella cinematografica, televisiva e radiofonica?

“Quella cinematografica soprattutto, perché lui era stato sempre innamorato del cinema, ed infatti la prima cosa che ha fatto in assoluto è stata già nel ’45 partecipando come attore, insieme a Celi, a Un americano in vacanza di Zampa, quando ancora era dentro l’Accademia, e nella seconda metà degli anni Cinquanta, una volta tornato in Italia, già aveva ricominciato ad avere rapporti col cinema come attore, interpretando qualche particina in Piccola posta e Guardia, ladro e cameriera di Steno, che era un suo grande amico, e in Tipi da spiaggia di Mattoli, dove c’è una sequenza esilarante in cui lui suona la chitarra, che è un altro amore della sua vita. Perciò il cinema l’ha avuto sempre nel sangue e, quando ha avuto l’occasione di rientrare al cinema e di poterlo fare come regista, a quel punto s’è dato al cinema. La televisione invece l’ha fatta perché era amico di Antonello Falqui, che lo chiamò per lo spettacolo del sabato sera, Studio Uno, con Mina e Luttazzi, e lì s’è divertito a farlo per qualche anno per puro diletto, ma anche per cercare di guadagnare perché comunque aveva anche la naturale ambizione economica non soltanto artistica, e la televisione è stata una fonte di guadagno ottima – come lo è ancora oggi se è per questo, anche se allora il livello era certamente migliore”.






Il federale, La voglia matta e Le ore dell’amore sono stati forse i film più apprezzati di Luciano Salce, dopodiché egli non è più riuscito a trovare l’attenzione della critica tranne che con i primi due Fantozzi, e questo nonostante abbia continuato a dirigere anche qualche pellicola davvero interessante, spaziando comunque nei generi: come mai secondo te?

“Perché, subito dopo Le ore dell’amore, lui ha sbagliato un paio di film: ha fatto Le monachine e Slalom, che sono dei film carini ma minori, e poi ha cominciato a partecipare ad alcuni film a episodi, che erano visti come la peste dalla critica, era proprio considerata la svendita totale dell’arte. Pertanto lui dopo ha fatto fatica a recuperare la considerazione, perché poi ha diretto Ti ho sposato per allegria, che era vista ancora come una cosa teatrale, non era capita perché comunque era una commedia sofisticata, che da noi è un genere che non è mai stato né apprezzato né frequentato. Poi fece El Greco: peggio ancora, perché era un film che andava completamente al di fuori da ogni canone di Salce. Poi realizzò Colpo di Stato, e quella è stata la mazzata definitiva, perché era un film che dava fastidio a tutti, e questo è un altro motivo per cui Salce non ha avuto quello che meritava: era un personaggio scomodo, essendo lui non solamente satirico ma anche umorista anarchico, e perciò satireggiava tutti e dava fastidio un po’ a tutti”.

A fine anno cadrà il ventennale della scomparsa di Luciano, questo artista poliedrico invero così poco ricordato ai giorni nostri: cos’ha lasciato secondo te? Quale credi sia stata la sua lezione?

“Intanto ha saputo ridere di tutto e di tutti, ed è una libertà che difficilmente si trova in giro, perché anche in televisione e alla radio aveva sempre lo stesso tipo d’umorismo che prendeva in giro non solo gli altri ma anche se stesso, cioè lui non s’è mai dato l’aria di essere un intellettuale, una personalità importante, mentre invece lo era. Anche questo ha pagato: il fatto di non sponsorizzarsi, di non farsi vedere importante, mentre invece era assolutamente uno degli artisti più colti e rappresentativi che abbiamo avuto nel Novecento, che ha saputo fare teatro, televisione, cinema, radio, narrativa e tutto ad altissimo livello. Per questo credo comunque che Salce sia, tra le personalità dimenticate, una di quelle che verrà recuperata, e sta avvenendo già adesso, perché il fatto che anche tu stai facendomi questo domande vuol dire che c’è su di lui una forte curiosità: è un regista che probabilmente, dopo il momento di oblio che ha avuto dopo la sua morte, adesso sta ritrovando la sua riconsiderazione critica e credo sia meritata”.






E a te invece, Emanuele, cosa piace ricordare di lui, del tuo rapporto da figlio con tuo padre?

“Beh, bisogna tenere presente che i miei genitori si sono separati praticamente alla mia nascita e da allora ho sempre vissuto con il marito di mia madre, che era quell’altro noto attore (Vittorio Gassman, ndr). Però mio padre l’ho sempre frequentato nei momenti deputati ai figli di coppie di genitori separati, quindi nei fine settimana, a Natale, d’estate...  Nei suoi confronti, o meglio nei confronti del nostro rapporto, ho tanti rimpianti, proprio perché essendo mancata una quotidianità, una presenza costante, ciò ha creato nel nostro rapporto una sorta di imbarazzo, di difficoltà di espressione, di confidenza, questo anche perché mio padre stesso ha avuto a sua volta una vita molto complicata: basti pensare che è rimasto orfano di madre alla nascita e che il padre se ne è liberato chiudendo in un collegio la “causa” della morte della donna amata. È stato insomma un uomo cresciuto con pochi sentimenti e calore intorno a se, quindi anche poco abituato ad esternarli, a manifestarli, a sapere anche come gestirli. Questo purtroppo l’ho capito tardi, quando mio padre era già scomparso ed ho cercato, dopo un intensa analisi, di trovare delle risposte. Non si può vivere solo di rancori o rimpianti, se si vuol vivere veramente. E devo dire che nella sua linea biografica tutte queste cose compaiono in maniera chiara ed evidente e sono assai più che una spiegazione. Nonostante ciò avvertivo l’amore, che ancorché taciuto o espresso in maniera imbarazzata, c’era. È mancata una dichiarazione, un’apertura, una verbalizzazione... amen! Credo che questo non sia necessario, che le cose in fondo vanno come devono andare, che la storia segua un suo corso,  e che più di tanto noi non si possa interferire con esso. Il nostro era un rapporto che è stato quello che è stato, fatto comunque di grande affetto e anche di momenti di grande leggerezza e piccola intimità. Il personaggio pubblico poi tutti lo conoscono, ed Andrea credo sia stato parecchio esaustivo in tal senso: è stata una persona di grandissima ironia, che ha fatto duemila cose ed anche per questo forse di difficile lettura, almeno per una certa critica che non riusciva a definirlo e lo accusava anche di disperdersi, oppure di fare troppe cose e nessuna in maniera particolare, perché qui in questo Paese se non fai solo una cosa, magari anche sempre più o meno nello stesso modo e con lo stesso pensiero, sei difficilmente catalogabile. Mio padre amava scrivere, recitare, fare televisione, radio, dirigere film e interpretarli: insomma, era poliedrico ed amava fare più o meno tutto quanto, amava la vita e l'arte era il suo mezzo per esternarlo, alcune cose erano migliori ed altre peggiori, come per tutti del resto, però faceva questo lavoro per divertire e divertirsi, e sempre comunque con grande impegno e professionalità”.

E Pergolari a tal proposito aggiunge: “Ha saputo prendere in giro il costume degli italiani e nello stesso tempo anche se stesso, con una leggerezza e un sarcasmo veramente meravigliosi perché non si sentiva l’alterigia, la boria dell’intellettuale o, peggio ancora, il moralismo di chi fa un certo tipo di satira, e per questo era veramente una personalità importante”.

Un merito che, alla luce di questi tempi che spesso ci appaiono così oscuri (mala tempora currunt), non andrebbe sottovalutato.






 

 




Scarica in formato pdf  


  
Sommario Interviste

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006