AUDIO POETRY
SERPENTE NERO
 


 

I tre brani sono estratti dal cd  intitolato Delirio + Snake shake allegato al volume Carusocanta:Lenonosong di Marzio Pieri ed Eugenio Lucrezi, di imminente pubblicazione per le edizioni La Finestra, Lavis (TN) di Marco Albertazzi, editore che è pure  coautore della parte audio, composta appunto da registrazioni ‘napoletane’ e ‘trentine’ giustapposte e intrecciate.

 

Si tratta, dunque, di una anticipazione dal libro + cd, e ringraziamo l’editore per il permesso di pubblicazione > La Finestra editrice (piazza Grazioli, 12, 38015 Lavis (TN), www.la-finestra.com, info@la-finestra.com).

 

Le esecuzioni sono del gruppo “Serpente nero”, costituito da Alfredo Vitelli, chitarra e voce; Geremia Tierno, batteria e percussioni, cori, samples; Eugenio Lucrezi, basso, voce.

Registrazioni e missaggio: Black Coffee Studios, Giugliano, (Na).

 

01.  Il cavaliere del secchio  (ascolta il file mp3) riprende, con altro titolo e modifiche, una poesia di Lucrezi ispirata all’omonimo racconto di Franz Kafka (Breve. Brevissimo. E galleggiante nell’aria fredda. Freddissima.), già pubblicata, la poesia, nel libro L’air, edito da Anterem nel 2001:

 

Stanotte ‘a veco e nn’ ‘a veco, / ‘mmiez’ a ‘sti lluce ‘mbrugliòse, ‘a faccia toia, / ccà ddint’ ‘a sento e nn’ ‘a sento, / ‘mmiez’ ‘a ‘ti suone ‘mpicciùse, ‘a vocia toja, / mò s’è appicciato e se sta già stutànno / ‘o ggenio ‘e sta’ cu’ tte, / me  vaco a fa’ ‘na passiàta ccà ffòre, / ‘o friddo fa pe’ mme. // Llà ‘ncoppa tremma e nun trema, / aret’ ‘o ‘mbruoglio d’ ‘e nnuvule, ‘a luna ‘ianca, / ccà ffore canta e nun canta, / ‘int’ a ‘sta neve scura, ‘na voce ‘e notte, / mò ‘cchiappo ‘o sicchio, ‘o zompo ‘ncuollo a ccavallo, / faccio ‘nu giro, / vaco a truvà chi me venne ‘o ccarbone / pe’ me scarfà. // Ccà ‘ncoppa ‘o friddo se sente, / nisciùno sente ‘e lamiente e ‘e ghiastemme [chorus: jingle bells, jingle bells, jingle all the time], / ‘a notte è grande e carogna, / e gira e riggira nun ci esce niente, / ‘a giacchetella è leggièra e nun me pare overo ‘e turnà, / ma chi c’ ‘o ddice a ‘stu sicchio  / ‘e avutà ‘a capa ‘o cavallo e atterrà?

 

Eugenio Lucrezi: voce, coro; Geremia Tierno: batteria, percussioni, coro, samples; Alfredo Vitelli: chitarra, coro.

 

 

02.  Motivo  (ascolta il file mp3) è tratto dalle Trentadue ante, un’opera composta da sedici disegni di Carla Viparelli e sedici poesie di Lucrezi che è anche una performance (l’opera, non Lucrezi) verbo-visual-musicale, eseguita per la prima volta nel dicembre 2005, in occasione della manifestazione Napoli studi aperti. Le ante saranno pubblicate integralmente dalla rivista Incroci nel giugno 2008:

 

Alfabeto / Se mi ripeto / Balena / Di rose piena / Castigo / Celibe intrigo / Diniego / Se non ti piego / Estivo / Serpente vivo / Futuro /Segreto puro / Giardino / Vocali e vino / Hermione / Bianca astensione / Inverno / Letargo alterno / Lucore / Lampo colore /  Motivo / Di suoni privo / Nessuno / Proprio nessuno / Origlia / Quando si sveglia / Quadrato / Di nessun lato / Riposo / Romito sposo / Sonoro / Sibilo d’oro / Tamburo / Tenero  e scuro / Uguale / Beneaugurale / Vertigo / Vellica il rigo / Zigote / Future gote / Alfabeto / Se mi ripeto.   

                                                           

Carla Viparelli: voce; Eugenio Lucrezi: voce, basso; Alfredo Vitelli: chitarra; Geremia Tierno: batteria, samples

 

 

03.  Buffalo Bill all’inferno (ascolta il file mp3) reca un racconto di Marzio Pieri strapazzato, senza alcuna autorizzazione, da Lucrezi (ma Pieri non protesta, anzi incoraggia):

 

Quando nel West Wild Show Buffalo Bill / Viaggiava in treno l’Italietta austera / Con i cavalli, i bisonti, i pellerossa / E vagonate di troie da balera, / E gli stendardi al vento: americano, / Teutonico, britanno e savoiardo, / La folla si accalcava alle stazioni / Plaudendo all’eroe del Nuovo Mondo / Che abbozzava un saluto e andava via .// Quando l’eroe fu morto e fu fasciato / Nella negra canoa pel grande fiume / Dal quale non si torna, dopo ch’ebbe / Lasciato il treno, i pellerossa e tutta / La vagonata di troie da balera, / Le colt, i gagliardetti e gli speroni, / La banda chiuse i corni nelle stuoie. / Dal capannello di ubriachi sulla riva, / Tra birra ruminata e pissi pissi, / Mentre scorreva il fiume Tuscalora, / Uno disse: acciderba, non ci non credo!  / Ma quello è proprio lui, Buffalo Bill! // Amico, quanto chiesi una sfrangiata / Casacca, un cappellaccio, delle uose, / non dico un cavallino, un carabino! / Chi aveva i piedi in terra anche per me / Questo e non altro mi permise: un pizzo / Di cotonella e un parruccone infame / Che perdeva una ciocca ad ogni balzo. / Amico, nessun treno ha mai saputo / Che sul vagone in coda c’ero anch’io.

 

Eugenio Lucrezi: voce; Geremia Tierno: batteria; Alfredo Vitelli: dobro.

 

******

 

Bonus track:

 

04.  Litanie (Cavallo, Lucrezi, Tierno, Vitelli) (ascolta il file mp3)  Nel sample che introduce il brano si sente Franco Cavallo che recita i suoi versi, registrato a casa sua, nel 1997, con un voice recorder, e accompagnato da Alfredo e da Eugenio:

 

Lo spazio non esiste - il tempo non vi vive / il castello non ospita – il vino non ubriaca /  l’armatura è leggera – il corpo senza veli / la prospettiva è nulla – il parapetto tace / il fuoco è solo un segno – il mare non dà pace / accendi la fiaccola – respira il licantropo / bosco con sette croci – autunno che rincasa / locanda non accoglie – malato non respira / amicizia non scalda – calcola come un nodo / finge nella struttura – basso di mangiatoia / guadagna con realismo – amministra il podismo / parla di Stefanino – elogia Balestrini / vive da ragioniere – nuotando nel potere / viandante senza pace – ha i segni sul torace / dà morsi nell’iprite – muore di polmonite // leggo in mezzo alle righe – non significo  nulla / abbatto sette torri – vivo come un sussurro / contemplo il blu signore – grande prestigiatore / gatto con gli stivali – sconvolgo un funerale / disancorato aspetto – la norma col precetto / uomo ultramoderno – agile come infermo / incendio il temporale – la coda del cinghiale / torta saint honoré – torno da santa fé / torturo la canzone – pura contemplazione / cerco l’impavesata – distruggo la navata / erede intellettuale – intossicato oggetto / affondo il grimaldello – faccio a pezzi il ruscello / un preteso formale – incendio l’arsenale / contemplo il blu signore – creatura di dolore / abbatto sette torri – vivo come un sussurro / alzo l’impavesata – puntello la navata / un pretesto formale – determino l’immortale / porto la scamiciata – biglietto sola andata  // vivo in un dormiveglia – come fluttua la sveglia / calato nel pigiama – smantello il panorama / grandezza di riflessi – odor di catalessi / vicino al generale – c’è un tizio col pugnale / idea di rivoluzione – andata in riparazione / bellezza di silvana – come fata morgana / il cielo è sempre brillo – adopero il sigillo / cadesse almeno il vino – facesse un bell’inchino / canzone popolare – venuta da oltremare / poesia visionaria – che bel reazionario /  odore di benzina – usa la nisidina / fuochi di san giovanni – il diavolo ti scanni / c’è una bella stazione – profuma di limone / ci sono molti tigli – con tanti tanti figli / egizio giuoca a palla – a bordo c’è una falla / la quercia dice addio – il formaggino è mio / il prete dice messa – la campanella è fessa / l’associazione muti – si beve con gl’imbuti / capelli corti e storti – il firmamento è rotto / cadessero i potenti – sarebbe un bell’evento / ma chi comanda taglia – le teste e anche le coglie.

 

Franco Cavallo, voce; Eugenio Lucrezi: voce, basso; Alfredo Vitelli: chitarre; Geremia Tierno: batteria.

 

 





 
Sommario

Il sito dal 01/04/2006 al 30/11/2006 ha raggiunto n° 5200 visite