AUDIO POETRY
CLAUDIO LUGO
 


"Sandro Penna: Letture al saxofono " (1993)
Recitar-suonando da liriche di Sandro Penna

Il saxofono è strumento endoscopico.

Unico ad essere così decisamente invasivo del cavo orale dello strumentista (meno il clarinetto, marginalmente le ance doppie, del tutto esteriori gli ottoni), esplora le risonanze di tutte le cavità interne, amplificandole in virtù delle sue forme megafoniche.
Il tubo di ottone è in realtà solo la parte visibile dello strumento completo, che si realizza pienamente nell'innesto fusionale tra organico e inorganico.
Per questo è così mutevole nel timbro (pur essendo perentoriamente riconoscibile), per ciò cambia sensibilmente carattere da saxofonista a saxofonista, ed è frequentemente paragonato alla voce umana.

Da anni vado esplorando questa relazione fonica esterno/interno, aiutato dalla microfonia/microscopia che consente di amplificare e rendere udibili tutti i più minuscoli eventi sonori che si producono sul limite che separa/unisce il corpo dallo strumento, il suono organico da quello inorganico, l'umidità acquea dall'aria del fiato vitale. ( www.claudiolugo.it )

Nota sugli mp3:

01 Se dietro la finestra illuminata (2:34 – ascolta file)
voce in apertura di Sylvano Bussotti

02 Lumi del cimitero (6:11 – ascolta file)
voce in apertura di Liliana Poli

03 Da una sala da ballo (1:23 – ascolta file)
voce in apertura di Franco Di Francescantonio

04 Non ami le pareti della tua stanza (4:19 – ascolta file)
voce in apertura di Gabriella Bartolomei

05 Io vivere vorrei addormentato (8:57 – ascolta file)
montaggio di voci note e voci anonime,
con sax acquatico in vasca da bagno




 
Sommario
Audio Poetry

Il sito dal 01/04/2006 al 30/11/2006 ha raggiunto n° 5200 visite